Palazzo Ducale chiuso a Pasquetta: il sindaco Palazzi non ci sta.

Palazzo Ducale chiuso a Pasquetta

Ha fatto il giro anche di alcuni tg nazionali la “scelta” del Palazzo Ducale di rimanere chiuso nel giorno di Pasquetta. Proprio quando la splendida Mantova è stata presa d’assalto da tantissimi turisti che si sono goduti le bellezze urbane e artistiche.

La strigliata social del sindaco Palazzi

“Queste festività hanno portato a #Mantova migliaia di turisti, tantissimi stranieri. Non c’e angolo del centro o metro del lungolago e dei parchi che non sia pieno di giovani e famiglie. Il primo GRAZIE è per gli operatori di MantovaAmbiente-Tea. Se la città si è presentata in ordine e pulita è merito loro. Grazie agli autisti delle navette gratuite di Aster e Apam. I turisti ogni volta sono felicissimi di scoprire un servizio unico in Italia. Grazie al personale di #Verona83, avete lavorato sodo a #PalazzoTe Ringrazio i tanti pubblici esercizi e i negozi che hanno tenuto aperto. Credo possano testimoniare che la loro fatica è stata premiata. Purtroppo però non tutti hanno tenuto aperto e certamente non è stata positiva la chiusura di Palazzo Ducale a Pasquetta. Spesso esaltiamo le potenzialità turistiche della città, ma per diventare a pieno città turistica, bisogna volerlo davvero. Tutti ci devono mettere di più. Non deve più succedere che il più importante hub turistico del nostro patrimonio culturale resti chiuso un giorno come questo. Ne conosco i problemi di organico, così come mi rendo conto delle difficoltà e dei costi aggiuntivi per tenere aperte le attività, ma a tutti chiedo di fare di più, di fare squadra per #Mantova, perché i visitatori che non ci riterranno all’altezza, per un po’ di tempo, rischiamo di non rivederli più. E questo non deve succedere. Alle lamentele si sostituiscano le soluzioni e una maggior intraprendenza. Impegniamoci al massimo insieme, abbiamo un patrimonio unico, una città gioiello. Cerchiamo quindi di diventare ‘bravi gioiellieri’ dandole valore, per portare a casa tutti insieme i frutti che sono di immagine, di reputazione ed economici. Noi continueremo a fare la nostra parte.” 

Meno lamentele e più soluzioni

Palazzi non gira intorno alla questione, invitando a mettere al posto delle lamentele l’intraprendenza, al fine di essere all’altezza della reputazione di Mantova.