A caccia di tesori in piazza Alberti a Mantova: ok del Comune ai carotaggi archeologici prima della riqualificazione. Ma intanto l’antico pozzo viene usato come cestino portarifiuti.

Sorprese dal sottosuolo?

Dovrebbero prendere il via nel corso delle prossime settimane alcuni carotaggi archeologici in piazza Alberti. La decisione è stata presa dal Comune, dal momento che prima dei lavori di riqualificazione è necessario verificare eventuali strutture o reperti nel sottosuolo. Piazza Alberti potrebbe quindi riservare sorprese e tesori? Chi lo sa. Proprio per questo motivo sarà necessario guardare a fondo (in tutti i sensi) ed esplorare il sottosuolo, almeno con alcuni carotaggi come primo intervento. Nel caso venissero effettivamente alla luce tesori e reperti, Soprintendenza e Comune decideranno il da farsi. Gli scavi sono stati affidati alla società archeologica Sap di Quingentole.

Gli incivili colpiscono ancora

Ma, mentre il Comune di Mantova progetta una riqualificazione dell’antica piazza dietro la basilica di Sant’Andrea, gli incivili dei rifiuti non risparmiano nulla. Nemmeno l’antico pozzo che si trova nella piazza: secoli di storia e di arte usati come cestino portarifiuti, nel quale vengono gettate lattine, cartacce, bottiglie in vetro e in plastica e altro materiale che potrebbe essere benissimo gettato nei cestini portarifiuti a pochi metri di distanza. Fortunatamente il pozzo è chiuso (la sporcizia quindi non finisce in fondo alla struttura), ma c’è da sperare che il Comune, nell’ambito dei lavori di riqualificazione in progetto, preveda anche un intervento proprio per tutelare l’antico pozzo.

Addio auto, alberi e lama d’acqua

I lavori previsti dal Comune hanno l’obiettivo di dare, per quanto possibile, un nuovo volto a piazza Alberti. Anzitutto non sarà più possibile parcheggiare le auto come oggi avviene. Inoltre parte della pavimentazione in acciottolato verrà sistemata e verrà realizzata quella che è stata definita “lama d’acqua“, ovvero un sottile velo di acqua in una apposita porzione della piazza, rasoterra, che potrà essere spenta in caso di necessità. Sono previste anche panche in marmo e alcune alberature. Il progetto di riqualificazione, in ogni caso, ha sollevato diverse polemicheda parte della minoranza, con il sindaco Mattia Palazzi che però si è detto deciso a tirare dritto.

Leggi anche:  Giulio Romano: le mostre di Mantova volano fino a New York

 

LEGGI ANCHE: Avis Mantova: incontro gratuito sul benessere della donna