Alternanza scuola-lavoro: al via dal 13 febbraio 2019 il progetto del liceo scientifico Redentore e del Parco del Mincio con il contributo della Regione Lombardia.

Il tema dell’iniziativa

Scatta dal prossimo 13 febbraio 2019 il progetto di alternanza scuola-lavoro al Parco del Mincio. Verranno coinvolti 15 studenti e studentesse del liceo scientifico Redentore di Mantova, con il contributo di Regione Lombardia. Gli alunni saranno al lavoro in attività legate alla valorizzazione del Capitale Naturale e all’analisi dell’utilizzo delle risorse naturali da parte dell’uomo, per introdurre la conoscenza di principi essenziali quali i Servizi Ecosistemici intesi come benefici multipli forniti dagli ecosistemi al genere umano a partire dalla disponibilità di cibo, dall’approvvigionamento di acqua dolce o dalla regolazione del clima.

Le dichiarazioni del presidente

“Come esempio virtuoso di tutela del Capitale Naturale e di studio del Servizi Ecosistemici – spiega il presidente del Parco del Mincio Maurizio Pellizzer – sarà preso in esame il progetto Ecopay Connect 2020, basato sul partenariato di quattro aree protette regionali: il Parco del Mincio, capofila del progetto, il Parco dell’Oglio Nord, il Parco dell’Oglio Sud, e il Parco Alto Garda Bresciano, insieme all’Agenzia Interregionale per il fiume PO (AIPO) e FSC (Forest Stewardship Council) Italia. È un progetto che intende valorizzare e potenziare, tramite opere di ingegneria naturalistica, la connessione ecologica del sistema di acque ed ambienti dei bacini idrici del Lago di Garda e dei fiumi Mincio ed Oglio”.

Leggi anche:  La Regione e Mantova si prendono cura del Parco del Mincio: i progetti

L’area naturalistica

Il Parco del Mincio è un ente, con sede a Mantova in piazza di Porta Giulia, che si occupa della salvaguardia e della valorizzazione del fiume Mincio e di tutte le zone ad esso correlate. La zona del Parco è particolarmente estesa e copre un’area che parte da Ponti sul Mincio, nell’Alto Mantovano, e si estende fino alla zona di Governolo, frazione di Roncoferraro, dove il fiume si getta nel Po. Di recente il Parco ha visto una “piacevole invasione” della cicogna bianca.

 

LEGGI ANCHE: Daspo Reggiana: conferma del Questore per 13 tifosi