Arriva l’estate: cambiano le attività all’ospedale di Casalmaggiore. Ecco tutte le rimodulazioni in programma fino al prossimo mese di settembre.

Le modifiche da giugno a settembre

Come ogni anno l’ospedale Oglio Po di Casalmaggiore rimodula l’attività per il periodo estivo, assecondando il fisiologico calo della richiesta. Si tratta di rimodulazioni che interessano le attività ospedaliere nel periodo compreso tra giugno e il prossimo mese di settembre 2019.

Ecco le rimodulazioni all’Oglio Po

Nei mesi di luglio e agosto le degenze programmate per interventi a bassa complessità (area a bassa intensità) saranno gestite all’interno dell’area chirurgica ad alta intensità che per tutto il periodo estivo garantirà l’attività a pieno regime (30 posti letto). Sensibile riduzione dei posti letto per l’unità operativa di medicina generale. Garantita la gestione di emergenze e urgenze (pronto soccorso) sette giorni su sette, 24 ore su 24 e la continuità delle cure oncologiche presso il day hospital.

Modifiche anche a Cremona

Anche all’ospedale di Cremona sono in programma modifiche all’attività medica. Si tratta della consueta riorganizzazione estiva che risponde ai bisogni reali dell’utenza, calcolati sulla tipologia e sull’entità della richiesta di cura e assistenza ricevuta. I reparti internisti, quali l’unità operativa di medicina d’urgenza – diretta da Antonio Cuzzoli – e l’unità operativa di medicina interna, diretta da Matteo Giorgi Pierfranceschi, saranno attivi a pieno regime per tutta l’estate. In sintonia con il calo fisiologico estivo dell’attività di chirurgia (interventi in elezione/programmati) la degenza chirurgica sarà concentrata presso l’unità operativa di chirurgia generale diretta da Mario Martinotti. Per garantire la continuità delle cure oncologiche a tutti pazienti, le terapie oncologiche verranno effettuate per tutto il periodo estivo presso il reparto di oncologia (diretto da Rodolfo Passalacqua) e il reparto di ematologia (diretto da Alfredo Molteni). L’attività di emergenza-urgenza, ovvero il pronto soccorso, è sempre garantita, in tutti i reparti e servizi, sette giorni su sette, 24 ore su 24.

Leggi anche:  Rischio soffocamento per i bimbi: ALDI richiama giochi impilabili a incastro

 

LEGGI ANCHE: Fanghi e gessi, Fiasconaro: “Servono più controlli”