Il diabete è una delle patologie croniche a più ampia diffusione nel mondo e costituisce una delle più rilevanti ed onerose malattie sociali di quest’epoca, proprio per il suo carattere di cronicità, per la tendenza a determinare complicanze nel lungo periodo e per il progressivo spostamento dell’insorgenza verso età giovanili. Attualmente, in Italia, vivono almeno tre milioni di persone con diabete, di cui cinquecentocinquanta mila circa residenti in Lombardia.

Dal 1° febbraio 2019, per i pazienti residenti in Lombardia, cambia il tipo di fornitura dei dispositivi medici per l’autogestione del diabete mellito.

IN PRATICA… COSA SUCCEDE?

Il Servizio Sanitario Regionale continuerà ad erogare ai propri assistiti i presidi per l’autogestione del diabete attraverso la rete delle farmacie territoriali lombarde, offrendo però ai propri pazienti una nuova gamma di prodotti (aghi, siringhe, lancette, pungidito, strisce e glucometri).

La nuova gamma di prodotti, acquistata direttamente da Regione Lombardia, garantirà:

• l’erogazione uniforme dei dispositivi su tutto il terrotorio regionale per i pazienti diabetici;

Leggi anche:  Rebecca Puci è Miss Mantova: pronta per affrontare le regionali di Miss Italia

• l’adozione di strumenti dotati di comprovati standard tecnologici;

• il controllo nel tempo del mantenimento della qualità del servizio offerto.

COME POSSO RITIRARE LA NUOVA FORNITURA?

I pazienti diabetici di tipo 2 potranno richiedere i dispositivi medici autorizzati in una delle 3000 farmacie della Lombardia. Nulla cambia invece per i pazienti diabetici di tipo 1 che continueranno a ritirare i prodotti presso le farmacie del territorio dell’ASST di riferimento. Per conoscere la nuova gamma dei prodotti e avere informazioni sulle modalità di ordine e ritiro chiedi al tuo farmacista. Gli operatori sapranno accompagnarti, passo dopo passo, in questo facile cambiamento.

Per saperne di più vai su www.regione.lombardia.it