Carbonara e Borgofranco referendum: hanno deciso di andare incontro alla proposta di fusione, schiacciante la vittoria del sì.

Carbonara e Borgofranco referendum: un sì schiacciante

Carbonara e Borgofranco referendum: nasce Borgocarbonara. I cittadini hanno aderito tiepidamente al referendum (36,7% a Borgofranco sul Po ed un 48,6% a Carbonara di Po) ma chi si è recato alle urne non ha avuto dubbi. I favorevoli alla fusione sono stati l’89,5% a Borgofranco e l’87,7% a Carbonara. Il nuovo piccolo comune conterà poco più di 2mila abitanti.

I precedenti

E se per il neonato Borgocarbonara potrebbe essere messa in conto un’altra fusione con Magnacavallo, siamo alla terza aggregazione che ha funzionato contando anche Sermide e Felonica nonché Villa Poma, Revere e Pieve di Coriano. I

La scelta del nome

Oltre che votare per la fusione i cittadini sono stati inoltre chiamati a esprimere la propria preferenza sul nuovo nome da dare al comune. Borgocarbonara ha portato a casa ben 639 preferenze, Padus 98 ed Eridano 92. Sono stati 38 gli aventi diritto che hanno scelto, invece, di astenersi dallo scegliere il nuovo nome e per questo non hanno neppure ritirato la scheda legata a quella specifica votazione. Grande soddisfazione per i due sindaci degli ormai ex comuni; intorno alle 23:30 sono stati diffusi i primi dati che hanno immediatamente fatto – capire con una preferenza schiacciante dei sì – quale sarebbe stato il risultato finale.