Cimice asiatica: dopo aver infestato i frutteti del Basso mantovano, arriva nel distretto florovivaistico di Canneto sull’Oglio.

Cimice asiatica

Dopo aver infestato in maniera diffusa i frutteti del Basso mantovano, dove la presenza è ormai una costante, la cimice asiatica approda nel distretto florovivaistico di Canneto sull’Oglio. È quanto emerge da un monitoraggio Coldiretti Mantova, che denuncia purtroppo una presenza su vasta scala dell’insetto.

Colpiti soprattutto i frutteti

Ormai quasi tutte le aziende florovivaistiche sono state colpite. In particolare, le cimici asiatiche sono molto presenti su esemplari di catalpa, frassino, pyrus e malus ornamentali. Medesimo discorso per i frutteti del Basso mantovano, dove il 30% delle pere e il 5% delle mele sono di fatto compromessi per colpa di un fitofago scuro, aggressivo e che nessuno per ora riesce a fermare.

L’insetto, oltre a colpire i frutti, danneggia la corteccia delle giovani piante, in quanto la buca sistematicamente per nutrirsi della linfa. Questo provoca la rottura ed il disseccamento dei rami più piccoli, mentre il tronco rimane colpito esteticamente, sviluppando “gobbe”, che nella maggior parte dei casi rendono la piante non più commerciabile.

Leggi anche:  Rintracciata a Milano, Anna è tornata a casa

Inoltre le lesioni arrecate dalla cimice asiatica si trasformano a loro volta in vettori di altri patogeni, arrecando così altri problemi.

Cimice asiatica: presenza diffusa sul territorio

Insetto prolifico

Si tratta di un insetto particolarmente prolifico con il deposito delle uova almeno due volte all’anno con 300-400 esemplari alla volta, spiega Coldiretti Mantova. La progressiva diffusione di queste specie straniere – spiega Coldiretti – rende sempre più importante l’opera di monitoraggio e prevenzione. Ad oggi, infatti, non esistono purtroppo trattamenti efficaci, anche perché gli insetti si spostano anche su altre colture, come ad esempio la soia.

Gli investimenti

Intanto, Coldiretti Mantova informa che Regione Lombardia ha destinato a 20 aziende agricole del territorio risorse pari a 844.245 euro per finanziare gli investimenti finalizzati alla prevenzione dei danni da fitopatie.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE!