Equinozio di Primavera 2018: quest’anno cade il 20 e non il 21, ma non sarà comunque un inizio di primavera segnato dal clima primaverile, purtroppo.

Equinozio di Primavera 2018

Se i solstizi d’estate e d’inverno sono “fissi” e cadono sempre il 21 di giugno e di dicembre, per gli equinozi (i giorni in cui giorno e notte hanno esattamente la stessa durata) le date sono di volta in volta variabili tra il 19 e il 22 di marzo e di settembre. Insomma l’ingresso nella primavera o nell’autunno, da un punto di vista astronomico, varia dalla non perfetta congruenza tra il calendario gregoriano e quello siderale (la stessa che impone ogni quattro anni un febbraio “bisestile” più lungo).

Torna il freddo dalla Russia e rispunta Burian bis

In generale, sarà una settimana di pioggia sull’Italia (e neve sulle montagne) con venti freddi che arrivano dalla Russia che faranno precipitare la colonnina di mercurio (fino a otto gradi in meno della media del periodo).

Inevitabile risentir parlare del tormentone Buran o Burian, stavolta in versione  bis: due settimane fa la previsione della perturbazione era stata bollata come “fake news”, ma oggi in effetti il gelo siberiano sta portando la neve nel Nord-Est, pioggia e freddo nel Nord-Ovest. Diciamolo, i modelli dei meteorologi americani erano impossibili, quanto ad affidabilità: non resta che concludere che siano stati fortunati…

Leggi anche:  Elettrificazione Brebemi, ecco come la A35 potrebbe diventare la prima eHighway italiana VIDEO

Vigilia d’equinozio bagnata, domani sole e freddo

In ogni caso, domani si prevede sereno sulle pianure lombardo piemontesi, dopo la pioggia odierna. Ma le temperature saranno tutt’altro che primaverili: in tutta la Lombardia, massima entro i 10 gradi, minima fra i 3 e i 4 gradi. Stesso copione anche per mercoledì. E Pasqua? Vale la stessa regola: non esistono modelli meteorologici veramente affidabili che guardino oltre 3/4 giorni… figuriamoci fra due weekend.