AGGIORNAMENTO: Le Province di Reggio Emilia e di Mantova hanno disposto la riapertura del ponte tra Boretto e Viadana a partire dalla mattinata di oggi e dalle 15, anche la riapertura di quello tra Guastalla e Dosolo. Per ora la strada arginale rimane però chiusa.

Nel pomeriggio di ieri, 27 novembre 2019, si è tenuto l’aggiornamento presso il Centro Coordinamento Soccorsi, presieduto dal Prefetto, dott.ssa Carolina Bellantoni. I dati raccolti nel corso della giornata confermano gli scenari formulati nei giorni scorsi circa gli andamenti idrometrici dei fiumi che interessano la provincia.

Il Po è in piena e lo rimarrà tutto oggi

Con particolare riguardo al fiume Po, il colmo della piena ha fatto ingresso nel territorio mantovano e ha raggiunto un picco di metri 8,60, misurati all’idrometro di Borgoforte. L’ondata di piena, seppur in tendenza decrescente, si protrarrà per tutta la giornata di oggi, giovedì 28 novembre, atteso il consistente volume d’acqua in transito, per uscire definitivamente nella mattinata di venerdì 29 novembre.

Continua il monitoraggio degli altri fiumi

Continua il monitoraggio dei fiumi Secchia, Oglio e Mincio, che continuano a risentire in maniera significativa del rigurgito determinato dalle difficoltà di confluenza nel fiume Po, per effetto della piena in atto.
La Provincia di Mantova manterrà, quindi, fino a successiva determinazione, da approfondire nella giornata di oggi, la chiusura dei ponti stradali di S. Benedetto Po, di Calvatone (CR) e Torre d’Oglio.

Leggi anche:  Il Comune acquista il cippo del 1700 simbolo di Mantova e Venezia

160 volontari della Protezione Civile in azione

Di seguito alle intese intercorse nell’incontro odierno, si mantiene l’operatività della Sala Operativa Unica presso la Prefettura, per il coordinamento delle attività di vigilanza arginale e degli interventi da attuare nelle circostanze, in sinergia con AIPO e tutti i Sindaci dei Comuni rivieraschi, i quali hanno istituito i Centri Operativi Comunali per la gestione dell’emergenza: alla giornata di ieri, sono stati impiegati complessivamente 160 volontari di Protezione Civile, sotto il coordinamento del Servizio di Protezione Civile della Provincia di Mantova. Permangono, inoltre, intensificati i servizi di controllo del territorio da parte delle Forze di Polizia, per scoraggiare lo stazionamento di
curiosi sugli argini e per prevenire fenomeni di sciacallaggio nelle zone evacuate.

147 persone evacuate

Il numero delle persone che, a seguito di specifiche ordinanze sindacali, risultano ad oggi evacuate, ammonta a n. 147; di seguito, i dati di dettaglio:

  • 10 persone a Formigosa di Mantova;
  • 13 persone a San Benedetto Po;
  • 23 persone a Viadana;
  • 8 persone a Borgo Virgilio;
  • 12 persone a Quistello;
  • 7 persone a Roncoferraro;
  • 6 persone a Gazzuolo;
  • 9 persone a Ostiglia;
  • 6 persone a Suzzara;
  • 1 persona a Motteggiana;
  • 13 persone a Quingentole;
  • 17 persone a Sustinente;
  • 22 persone a Sermide e Felonica.

LEGGI ANCHE: Piena del Po: evacuate 73 persone, ponti chiusi, viabilità deviata

Colmo piena del Po in corso: 150 volontari presidiano gli argini

TORNA ALLA HOME