Come difendersi dalle truffe: i Carabinieri incontrano gli anziani.

L’iniziativa dei Carabinieri di Castiglione

Già dalla fine del mese scorso è partita l’iniziativa dei Carabinieri della Compagnia di Castiglione delle Stiviere volta ad una capillare opera di sensibilizzazione preventiva nei confronti dei soggetti più deboli, sempre più esposti all’odioso fenomeno delle truffe, specialmente nei borghi più isolati del territorio.
L’attività, fortemente voluta anche dal Comando Provinciale di Mantova, si prefigge una cadenzata serie d’iniziative che vedranno coinvolte, a vario titolo, anche altre Amministrazioni, Associazioni di volontariato, Parrocchie e centri di aggregazione, con lo scopo di rendere capillare, costante e più efficacemente comprensibile l’attività informativa necessaria per un’efficace opera di prevenzione e contrasto.

L’incontro con gli anziani

In quest’ambito, nelle scorse settimane i Carabinieri di Castel Goffredo hanno più volte incontrato circa duecento anziani del luogo e dei paesi limitrofi all’interno di una sala di proprietà del Comune situata nel parco “Fontanelle”, dove si riuniscono per giocare a tombola, a carte e ad altri giochi da tavolo. Trattenendosi per
alcuni minuti, i Carabinieri hanno illustrato le più comuni “tecniche” attualmente usate dai malviventi, rispondendo a numerose domande e ribadendo l’assoluta importanza di segnalare, immediatamente, qualsiasi minima attività sospetta al numero pubblico di emergenza 112 e successivamente anche a parenti, amici e vicini di casa. Nello specifico i Carabinieri hanno invitato gli anziani a non aprire la porta a persone sconosciute anche se si presentano vestite elegantemente e proponendosi in modo gentile o addirittura qualificandosi come appartenenti alle Forze dell’Ordine, addetti alle poste o ad altri enti pubblici/privati, raccomandando ai presenti di non cadere vittime dei loro raggiri.

Leggi anche:  Liliana Segre sospende gli incontri con gli studenti: “Ma non smetterà di testimoniare”

TORNA ALLA HOME