Mafia e beni confiscati: a Mantova seminario di due giorni con agenti, investigatori ed esperti del settore.

Contro mafia e corruzione

Si svolgeranno il 15 e il 16 aprile a Mantova, presso l’Ufficio Territoriale Regionale (Corso Vittorio Emanuele II, 57) due giornate formative del progetto Percorsi di formazione e conoscenza contro mafia e corruzione, promosso da Regione Lombardia e organizzato in collaborazione con Avviso Pubblico. A Mantova si è discuterà di beni confiscati, con gli interventi di investigatori, dirigenti, esperti e docenti.

Ecco il programma

Due eventi – uno serale di carattere generale e l’altro mattutino dai contenuti specialistici – destinati ad approfondire aspetti differenti dei fenomeni corruttivi e mafiosi. Nel corso dell’evento serale del 15 aprile, a partire dalle 19.30, interverranno Lucio Guarino, segretario generale del Comune di Corleone e direttore del Consorzio Sviluppo e Legalità; Tatiana Giannone, di “Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. Settore Università e Beni confiscati”; Stefania Di Buccio, coordinatrice del Master in “Gestione e riutilizzo dei beni e aziende confiscate alle mafie” dell’Università di Bologna; Luigi Guarisco, referente regionale per Libera in Lombardia. Nel corso dell’evento del 16 aprile, a partire dalle ore 9.30, i relatori sopracitati saranno affiancati dal tenente colonnello Angelo Frescoso, capo sezione operativa della Direzione Investigativa Antimafia di Brescia. Modera gli incontri Silvia Nejrotti, Dipartimento Formazione di Avviso Pubblico.

Leggi anche:  Bollo auto Lombardia: via le sanzioni per i ritardatari

Incontri in tutta la regione

Percorsi e incontri come quello previsto a Mantova si terranno (alcuni si sono già svolti) in tutta la regione. Oltre a Mantova e al Mantova, sono coinvolte infatti anche le province e le città di Cremona, Lodi, Bergamo, Brescia, Monza e Brianza, Pavia, Como, Lecco, Sondrio, Varese e l’area metropolitana di Milano. Qui è possibile consultare il programma degli incontri in tutta la Lombardia.

 

LEGGI ANCHE: Incendi e ubriachi a Castiglione: Cinque Continenti ancora nel mirino