Migranti a Mantova: da Caritas oltre 40mila giorni di accoglienza a chi arriva in Italia. “Servizio importante”

Oltre 40mila giorni di accoglienza

Oltre 40mila giorni di assistenza ai migranti arrivati in provincia di Mantova dall’estero. Sono alcuni dei numeri dell’accoglienza offerta dalla Caritas di Mantova ai profughi che vengono dislocati in vari centri sparsi nella provincia virgiliana. Nel corso del 2018 infatti l’associazione ha gestito, dato accoglienza ed ospitalità a poco meno di 60 richiedenti asilo per i quali sono stati attivati tutti i canali burocratici necessari in questi casi. La Caritas di Mantova infatti dispone di vari centri, sparsi in diversi comuni di tutta la provincia, nei quali vengono collocati i richiedenti asilo giunti nel Mantovano.

Anche quattro corridoi sanitari

Sempre nel corso del 2018 la Caritas di Mantova ha attivato quattro corridoi sanitari per fornire assistenza medica a migranti che ne avevano necessità. Tali corridoi sanitari, l’anno scorso, sono stati attivati nei confronti di migranti provenienti da Siria ed Eritrea. Le procedure attivate hanno poi portato all’accoglienza dei migranti che sono stati collocati in alcune strutture della provincia mantovana.

Leggi anche:  #UEalGiro 2019: un viaggio attraverso decine di progetti sostenuti dall'Unione europea

Tanti servizi ai bisognosi

I servizi offerti da Caritas sono numerosi e distribuiti su tutto il territorio, e vengono offerti a chiunque indipendentemente da origini, eventuale credo religioso, nazionalità e via dicendo. Si va dal servizio docce e distribuzione degli indumenti, fino ai servizi di mensa dislocati a Mantova, Castiglione delle Stiviere e Suzzara, passando per l’assistenza alle donne vittime di violenza per le quali la Caritas di Mantova dispone di un apposito centro protetto a cui collocazione è tenuta nascosta per evitare che ex mariti ed ex compagni possano tornare ad avvicinarsi alle ospiti, provocando nuovamente problemi e disagi di varia natura.

 

LEGGI ANCHE: Pazienti cronici: ambulatorio dedicato a Pieve di Coriano