“Murati dal cantiere”: la protesta dei commercianti di Mantova. Su una vetrina spunta il cartello per i lavori alla Torre della Gabbia: “A quando la fine?”.

Scatta la protesta dei commercianti

I commercianti di via Cavour, in pieno centro a Mantova, protestano per il cantiere allestito intorno alla Torre della Gabbia. Su una vetrina è apparso infatti un cartello dal significato inequivocabile: “No al cantiere fermo per mesi” con, poco sotto, la conta dei giorni passati da quando è stata allestita l’area per l’esecuzione dei lavori. Con il primo numero a quota “520 giorni”, ora si è arrivati a quota “680 giorni”, ovvero poco meno di due anni.

“Murati qui sotto, ora basta”

Uno dei commercianti, che si fa portavoce della protesta, spiega come ormai l’attesa sia lunghissima. “La mia attività e alcune altre a pochi passi dalla mia – spiega il commerciante – sono sostanzialmente murate dietro questo enorme cantiere che pare non andare mai avanti. La muraglia di compensato e ferro che costituisce il cantiere oscura completamente la vista sulle nostre attività, e di certo non è facile andare avanti in queste condizioni. Turisti e passanti, a meno che non siano residenti in città, nemmeno sanno che esistiamo: per passare di fronte alle nostre vetrine è necessario percorrere una sorta di cunicolo sotto l’impalcatura, ma la maggior parte delle persone preferisce passare in strada o lungo il marciapiedi sul lato opposto della strada. Far funzionare un’attività commerciale in queste condizioni è davvero difficile“.

Leggi anche:  Forte scossa di terremoto sull'Appennino parmense

Ritardo di sei mesi

Secondo le previsioni del Comune risalenti a circa un anno fa, il cantiere sarebbe stato rimosso ad inizio 2019. A giugno inoltrato, però, il cantiere è ancora lì e al momento non è ben chiaro quando i lavori verranno conclusi e, di conseguenza, quando il cantiere verrà rimosso.

“Nessuno al lavoro: che si fa?”

“Sul cantiere – spiega il commerciante del centro – non vediamo mai nessuno al lavoro ormai da tempo. Perché? Quali sono le intenzioni del Comune e della ditta che sta eseguendo l’opera? Qui il tempo continua a passare ma non si vede nessuno al lavoro. E, soprattutto, non si vede la fine di questo intervento“.

 

LEGGI ANCHE: Controlli della polizia: un espulso e otto fogli di via