Ospedale Asola: confermati i tempi per la ripresa lavori. L’assessore regionale Gallera in visita al nosocomio. Soddisfatto il comitato cittadino.

Lavori da fine anno-inizio 2020

Confermati i tempi per la ripresa dei lavori sulla parte vecchia dell’ospedale di Asola. A confermarli l’assessore al welfare e sanità di Regione LombardiaGiulio Gallera, che nella giornata di ieri, martedì 21 maggio 2019, ha visitato il nosocomio asolano accompagnato dai dirigenti dell’Asst di Mantova e dai consiglieri regionali mantovani. Durante la visita l’assessore ha confermato le tempistiche di ripresa dei lavori, fermi ormai da diversi anni. In particolare, l’intervento dovrebbe riprendere tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 per protrarsi poi per oltre un anno. La porzione di ospedale sulla quale sono previsti gli interventi, dovrebbe divenire utilizzabile a fine 2021, dopo che saranno stati eseguiti tutti i controlli e le verifiche da parte dell’Ats.

Soddisfazione del comitato

All’incontro con l’assessore Gallera di ieri mattina, martedì 21 maggio 2019, erano presenti anche rappresentanti del comitato Pro ospedale di Asola, che ormai da anni si batte per la ripresa dei lavori e per il potenziamento del nosocomio della cittadina dell’Alto Mantovano. A seguito delle parole dell’assessore, che ha confermato i tempi e il cronoprogramma, arrivano parole di soddisfazione da parte del comitato che si augura che l’intervento possa finalmente riprendere nei tempi previsti e in ogni caso quanto prima. “Nel corso dell’ultimo anno e mezzo – fanno sapere dal comitato asolano – il nostro ospedale di certo non ha fatto passi avanti. Anzi, ha fatto diversi passi indietro ed è giunto il momento che la rotta venga invertita quanto prima e definitivamente”. Solamente alcune settimane fa, proprio l’assessore Gallera aveva confermato come per l’ospedale di Asola siano in arrivo 8 milioni di euro da parte della Regione Lombardia.

Leggi anche:  3 giovanissimi finiscono fuori strada a Castiglione delle Stiviere: sono vivi SIRENE DI NOTTE

 

LEGGI ANCHE: La Buzzago prima dell’arresto: “Mi faccio fuori”