Prete esorcista di Roverbella ha un magnetismo unico sui fedeli.

Prete esorcista

Si chiama Don Giovanni Volta, esorcista diocesano e parroco di Roverbella dallo scorso autunno. Pare che il suo approccio sia particolarmente apprezzato dai fedeli, non soltanto nel Mantovano, al punto da attirare credenti da ben tre regioni: Veneto, Emilia e ovviamente Lombardia. Alle sue coinvolgenti funzioni le persone accorrono a frotte, un carisma che porta gli astanti a riempire la chiesa come non mai. Sono diversi anche coloro che si organizzano in gruppi, legati dalla fede nella Madonna di Medjugorje.

Messe di guarigione

Nei primi mesi le funzioni di Don Giovanni potevano quasi essere definite delle Messe di guarigione, il rito – da dicembre 2017 – si celebra soltanto una volta al mese per tutta la diocesi, presso il Santuario delle Grazie. Ridefinito piuttosto come un’adorazione eucaristica. Questa svolta non ha intaccato il consistente numero di persone che continua a frequentare le funzioni del parroco.

Leggi anche:  Malori e caduta al suolo SIRENE DI NOTTE

Presunti svenimenti

Nel giorno di Pentecoste si è svolta una preghiera epicletica, che ha soddisfatto le aspettative di moltissimi fra i cristiani accorsi. Questo tipo di rito è legato alla liberazione dal male. Alcune persone toccate dal sacerdote avrebbero perso i sensi e sarebbero rimaste a terra, secondo il racconto di alcuni presenti. Reazioni che si possono ritrovare in svariati contesti di preghiera collettiva legata alla presunta liberazione del maligno, non nuove a luoghi di culto particolarmente famosi in cui in molti testimoniano di aver vissuto esperienze mistiche di questa natura.

Torna alla Home

Sorpreso a 84 anni nel parcheggio con la sua bambola gonfiabile