Silvia Mezzanotte al “ Concerto per la vita” porterà in scena un estratto del suo percorso artistico, spaziando dalle grandi voci della musica italiana ed internazionale al mondo Matia Bazar.

Silvia Mezzanotte al “Concerto per la vita”

Dal 2012 l’Associazione AmicoRene opera sul territorio mantovano per aiutare gli ammalati renali e per sensibilizzare la popolazione cittadina alla prevenzione delle Malattie Renali ed alla Donazione di rene da persone viventi. Giunto all’ottava edizione l’evento, si pone come obiettivo la sensibilizzazione sulla consapevolezza che la grave insufficienza di donatori di organi possa essere colmata soltanto con uno scatto di sensibilità e responsabilità civile ed umana da parte di tutti.

Il debutto con i Matia Bazar

Tra le più apprezzate interpreti italiane, la Mezzanotte è stata per oltre dieci anni la voce dei Matia Bazar, con i quali ha debuttato nel 2000 al Festival di Sanremo, raggiungendo la notorietà ed entrando subito nel cuore della gente con il brano “Brivido caldo”. L’anno successivo conquista il terzo posto mettendo a segno un altro grande successo, “Questa nostra grande storia d’amore”, seguito dalla vittoria a Sanremo nel 2002 con “Messaggio d’amore”. Nel 2016 si è aggiudicata il primo gradino del podio nella sesta edizione del programma “Tale e quale”, con una serie di strepitose esibizioni, tra le quali spicca la standing ovation di “Brava” di Mina.

Leggi anche:  Il Prefetto di Mantova in visita a San Benedetto Po

Preparazione del nuovo disco

Attualmente Silvia si divide tra il tour e la preparazione del nuovo lavoro discografico. All’interno del nuovo disco sarà presente un duetto con Dionne Warwick, regina della Soul Music, con all’attivo oltre cento milioni di dischi venduti. Il nuovo progetto la cui uscita è prevista per settembre 2018 mira a valorizzare la personalità, l’esperienza e lo spessore di una delle voci più belle del panorama musicale italiano.

“Credo che destinare una parte del mio tempo e delle mie energie alla solidarietà sia il modo più onesto per ringraziare per il dono speciale che ho ricevuto e dia un senso molto più profondo a questo bellissimo Mestiere”.