Una fatalità che potrebbe costarle la vita: non è stata recisa la carotide ma le condizioni di Ida Bertoli, ferita al collo per sbaglio da una motosega utilizzata dal marito, rimangono molto gravi anche dopo l’intervento chirurgico cui è stata sottoposta sabato. L’incidente è avvenuto in Trentino ma la donna, 60enne originaria di Serravalle a Po, risiede a Mantova insieme al marito. 

L’incidente

L’incidente è avvenuto a Cavalese, piccolo comune della provincia di Trento, dove la coppia si trovava nella loro casa di villeggiatura. Secondo una prima dinamica dell’incidente il marito stava utilizzando la motosega mentre Ida teneva fermi i tronchi da tagliare quando all’improvviso un pezzo della catena sarebbe saltato via colpendo violentemente la donna tra il collo e il volto: pochi millimetri più in là e per la donna non ci sarebbe stato più nulla da fare e sarebbe probabilmente morta dissanguata. La dinamica dell’incidente è ora al vaglio degli inquirenti: i Carabinieri di Cavalese, giunti sul luogo dell’incidente, sono stati incaricati di capire che cosa sia realmente successo.

Leggi anche:  Prima litigano tra loro poi aggrediscono gli Agenti: arrestati 3 pregiudicati

La corsa in ospedale

Visto l’abbondante quantità di sangue fuoriuscito dalla ferita, il marito ha immediatamente allertato il soccorso alpino che però, visto la difficoltà di raggiungere il luogo dell’incidente data la tortuosità della strada, non è riuscito a intervenire nei tempi rapidi che una simile situazione d’emergenza richiede. La squadra di soccorso è intervenuta con elisoccorso raggiungendo l’abitazione e prestando le prime cure direttamente sul posto, dove la 60enne è stata immobilizzata e stabilizzata, prima di essere trasferita in condizioni decisamente critiche all’ospedale Santa Chiara di Trento. Una volta arrivata in pronto soccorso la 60enne è stata operata d’urgenza ma le sue condizioni sono rimaste gravi: ora risulta essere in prognosi riservata.

TORNA ALLA HOME