«La situazione è insostenibile. Dal 2014 la problematica non è diminuita, anzi, gli animali si sono riprodotti ancora di più causando ulteriori danni». Sono queste le parole utilizzate dal vicesindaco e assessore alle politiche ambientali territorio e sicurezza di Asola Giorgio Grandi riguardo una ordinanza emessa pochi giorni fa in tema di allarme nutrie.

Allarme nutrie

Il regolamento, che è inerente la cattura delle nutrie finalizzata al contenimento ed eradicazione delle stesse, prevede di estendere il periodo di cattura, da parte di operatori di tipo “A” con fucile da caccia ad anima liscia, da un’ora prima dell’alba a due ore dopo il tramonto, sette giorni su sette, su tutto il territorio comunale, nel rispetto e nella tutela delle prescrizioni già richieste per l’esercizio diurno.

L’articolo completo sul numero di Montichiari week in edicola dall’8 marzo.

LEGGI ANCHE: Teatro sociale di Asola: il cantiere prosegue a passo spedito