Operazione dei Carabinieri

Il coraggio della denuncia ha ripagato una giovane donna proveniente dalla Nigeria arrivata clandestinamente in Italia dopo aver subito una serie di violenze nella sua Patria di origine. La ragazza, 22 anni, è stata sfruttata per oltre tre mesi da una connazionale di appena due anni più grande di lei, che vive ad Asti.  A consegnarla nelle sue mani era stata una donna che l’aveva prelevata al centro di accoglienza di Crotone dove era rifugiata dopo un salvataggio in mare durante uno dei tanti naufragi dei migranti provenienti dalle coste libiche.

Pochi giorni al centro di accoglienza di Crotone e poi il viaggio in treno verso Torino proseguito in bus verso Asti con la promessa di un lavoro e di un po’ di pace oltre a quella di poter riabbracciare la madre che vive a Mantova.

Un viaggio costato 25 mila euro

Una volta arrivata ad Asti, invece, la cruda verità: il suo viaggio da Benin ad Asti era costato 25 mila euro e lei doveva ripagarlo prima di tornare in libertà. Aveva anche provato a ribellarsi, ma era stata pesantemente malmenata e minacciata di morte. Sono iniziati così tre mesi d’inferno in cui la ragazza veniva fatta prostituire sia in strada che al rientro nell’alloggio in cui viveva la sua sfruttatrice: quest’ultima, infatti, le organizzava a domicilio degli appuntamenti con clienti intercettati attraverso annunci e inserzioni su internet.

Leggi anche:  Ragazza bruciata viva in ospedale a Bergamo: è ancora mistero fitto

In fuga verso Mantova

Dopo questi mesi di pestaggi e violenze sessuali, fisiche e psicologiche, la ragazza è riuscita a scappare e a raggiungere la città di Mantova dove, insieme alla madre, ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri.

Sono stati gli uomini del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Asti, guidati dal maggiore Lorenzo Repetto a prendere in carico l’indagine per accertare i terribili fatti contenuti in denuncia. Un’indagine che, essendo per i reati di tratta aggravata oltre che di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Torino.

Il primo problema era identificare la giovane nigeriana accusata di sfruttamento. La vittima aveva dato qualche indicazione di massima, ma non conoscendo nè la lingua italiana, nè la città ed essendo sempre stata segregata, non aveva grandi punti di riferimento da indicare ai militari.

Trovata anche la marijuana

Eseguito l’arresto della donna a cui sono stati concessi i domiciliari perchè, nonostante le gravissime accuse, è madre di una piccola di appena un anno. Durante l’esecuzione dell’arresto nell’alloggio in cui vive, i cani antidroga del nucleo cinofili dei carabinieri di Volpiano, hanno anche rinvenuto 1,2 chili di marijuana nascosti in uno zainetto in casa e altri 200 grammi in un sacchetto nascosto in un garage del condominio dentro un vecchio forno.

LEGGI ANCHE: Palazzo Ducale: ecco i giorni gratuiti