Dalla sera di lunedì 3 dicembre 2018 sono in atto operazioni di controllo straordinario del territorio al fine di prevenire i reati contro il patrimonio, in particolare i furti in abitazione e negli esercizi commerciali, la prostituzione, lo spaccio di sostanze stupefacenti, e quei comportamenti di illegalità diffusa che maggiormente destano allarme sociale.

30 uomini impiegati quotidianamente

Queste operazioni – che vedono l’impiego giornaliero di oltre 30 uomini appartenenti al Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato, Squadra Volante, Guardia di Finanza, Polizia Stradale e Polizia Locale di Mantova –  si sono concentrate prevalentemente in piazza Cavallotti,  vicolo Sottoriva, Giardini Lungorio, giardini Nuvolari e nei quartieri di Cittadella, Ponte Rosso e Lunetta,  tutte aree particolarmente sensibili dal punto di vista della “percezione di sicurezza” e che presentano più delle altre problematiche di ordine e sicurezza pubblica.

LEGGI ANCHE: Mercatini natalizi a Mantova: gli eventi di dicembre 2018

308 persone identificate

Le attività hanno finora consentito di identificare 308 persone, di cui 81 con precedenti penali e di Polizia, e di controllare 13 esercizi pubblici: per 3 di essi, in cui è stata riscontrata ancora una volta la presenza di pregiudicati,  è stata avviata la procedura per la sospensione dell’attività, che a breve porterà alla temporanea chiusura degli stessi. Il Questore di Mantova ha emanato 2 Avvisi Orali ed 1 Foglio di Via nei confronti di altrettante persone risultate gravate da precedenti penali e di polizia. Per 3 cittadini extracomunitari è invece scattato il rigetto dell’istanza del permesso di soggiorno, per mancanza dei requisiti di legge (quale l’esistenza di precedenti penali e di Polizia).

LEGGI ANCHE: Ritorna la legionella nella Bassa

Porto d’armi revocato

Nell’ambito dell’operazione, a seguito di successive verifiche effettuate dalla Squadra di Polizia Amministrativa, due sessantenni mantovani, residenti rispettivamente a Castiglione delle Stiviere e a Suzzara, sono stati colpiti da provvedimenti di revoca del porto d’armi, disposti con Decreto dal Questore  per il venir meno dei requisiti di legge.

Leggi anche:  Forum Mondiale Foreste Urbane a Mantova: controlli straordinari, impiegati 30 uomini al giorno

Due arresti

Un equipaggio della Squadra Volante ha tratto in arresto il cittadino tunisino R.M., del 1985, pluripregiudicato: questi, dopo aver rubato uno zaino dall’interno di un’auto parcheggiata in viale Brigata Mantova, è stato bloccato dagli operatori nella flagranza del reato, mentre tentava di fuggire a bordo di una bicicletta. Il cittadino tunisino è stato anche trovato in possesso di hashish e marjuana, sottoposte a sequestro. R.M. è stato condannato a 4 mesi di reclusione e 200 euro di multa. Nella serata di ieri, 5 dicembre 2018, infine, la Volante ha arrestato il cittadino tunisino W.M., del 1998, clandestino e pregiudicato, che ha fornito generalità false agli operatori: processo per direttissima in corso.

“Con l’avvicinarsi delle prossime festività, le persone che visiteranno la nostra città saranno in costante aumento” – ha precisato il Questore Paolo Sartori – “Per questo motivo su tutto il territorio provinciale è stato stabilito di incrementare il controllo del territorio, in modo da  garantire a tutti, cittadini e turisti, di muoversi in tranquillità ed in sicurezza”.

LEGGI ANCHE: Torre della Gabbia: il sollevatore che la renderà agibile dopo secoli