Servizio straordinario di controllo del territorio disposto dal Questore di Mantova nelle “aree a rischio” della città: espulso cittadino tunisino pluripregiudicato.

Controllo del territorio: espulso tunisino

Si sono concluse in data odierna le operazioni di controllo straordinario del territorio, disposte dal Questore di Mantova al fine di prevenire i reati contro il patrimonio, lo spaccio di sostanze stupefacenti ed i reati collegati allo sfruttamento della prostituzione.

Gli articolati controlli hanno consentito di identificare 211 persone, di cui 61 con precedenti penali e di Polizia, e 11 esercizi pubblici.

Queste operazioni – che hanno portato, nella giornata di ieri, venerdì 8 febbraio 2019, all’arresto di un pregiudicato ed al rinvenimento di alcune targhe contraffatte presso il campo nomadi – hanno interessato anche la zona di piazza Cavallotti, via Bettinelli, Giardini Lungorio e Largo Porta Pradella/Parcheggio Nuvolari, oggetto di istanze da parte dei residenti che richiedono una maggiore visibilità delle Forze di Polizia per contrastare la percezione di “insicurezza”.

Speciale attenzione è stata riservata, nel corso dei predetti servizi, in orario serale e notturno, a quelle zone ove si registra la presenza di soggetti dediti alla prostituzione, in particolare il quartiere di Cittadella, Via Poggio Reale e Via Verona, così come alle zone segnalate per la presenza di attività di spaccio di stupefacenti (Giardini Nuvolari e altri parchi cittadini).

Controlli specifici sono stati effettuati all’interno di VLT, bar e Kebab, in particolare dove si sono verificate situazioni giudicate pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica.

LEGGI ANCHE: Molestata al Kebab, De Marchi: “Basta buonismo a Mantova” e parte l’interrogazione parlamentare

Porto abusivo di arma

Nel corso del pattugliamento in questo centro cittadino, i poliziotti hanno fermato un uomo in atteggiamento sospetto, in compagnia di altri 2 individui. L’uomo è stato identificato per S.G., cittadino bulgaro, classe 1976, con precedenti per porto abusivo di arma, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale d’arma. Sottoposto a perquisizione personale, S.G. è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico della lunghezza di 19 centimetri, all’interno del suo borsello: pertanto è stato denunciato per porto abusivo di arma. 

Leggi anche:  Figlia disabile violentata per anni: arrestato il padre 80enne

I provvedimenti emessi dal Questore

Il Questore, al termine dei servizi, ha emesso i seguenti provvedimenti:

1 Espulsione ed accompagnamento in frontiera di un cittadino tunisino, dopo la sua scarcerazione.  S.B., classe 1988,  con precedenti per furto aggravato, spaccio di stupefacenti, rapina aggravata, lesioni personali, minaccia e oltraggio, è stato munito di Decreto di espulsione del Prefetto di Mantova e, contestualmente, di Decreto del Questore di Mantova di accompagnamento in frontiera, convalidato dal Giudice di Pace. Ultimate le procedure, nella giornata di ieri è stato accompagnato da personale dell’Ufficio Immigrazione all’aeroporto di Milano Malpensa, dove è stato imbarcato su un volo diretto a Tunisi, per il definitivo rientro nel Paese di origine.

2 Ordini ad abbandonare il territorio nazionale a carico di altrettanti cittadini magrebini, clandestinamente presenti nel nostro Paese

2 Fogli di Via Obbligatori a carico di altrettante persone gravate da precedenti penali e di polizia

2 Avvisi Orali nei confronti di pregiudicati sorpresi in atteggiamenti sospetti

11 Rifiuti di permesso di soggiorno, nei confronti di: 3 cittadini marocchini, 1 cittadino cinese, 2 cittadini del Gambia, 1 cittadino cileno , 3 cittadini tunisini ed 1 cittadino moldavo, tutti con precedenti penali e/o di Polizia.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE