Degrado Ostiglia: due giovani di origine nordafricana seminano scompiglio al Lidl e alla fine vengono arrestati dai carabinieri.

Pomeriggio di bevute fuori dal Lidl

Si sono presentati in due, entrambi giovani e di origine nordafricana, tra le corsie del Lidl, che si trova all’incrocio tra via Colombo e la strada statale 12, nel pomeriggio di sabato 9 marzo 2019. Qui hanno comprato birra in abbondanza che, subito dopo, hanno tracannato a poca distanza dal supermercato, probabilmente nella vicina area verde del parco Fossa, forse per passare un sabato pomeriggio alternativo. Evidentemente, però, la birra che i due hanno bevuto era troppa, tanto che alla fine i due erano entrambi pesantemente ubriachi.

Tappa al market e poi scompiglio

Dopo un po’ di tempo passato così, però, anche considerata la vicinanza con il supermercato dove poco prima avevano fatto rifornimento, i due hanno deciso di fare una nuova tappa al Lidl. Le loro condizioni, a causa dell’alcol ingerito, non erano però delle migliori. Una volta dentro, come riferisce una testimone dell’accaduto, uno dei due, probabilmente affamato, ha puntato alcune pizzette presenti in uno scomparto del supermercato: in pochi istanti se le è mangiate per poi pulirsi mani e bocca su un giubbino esposto in vendita all’interno del supermercato. Subito dopo i due si sono avvicinati alla cassa: uno, forse proprio a causa dell’alcol, è crollato a terra per rialzarsi qualche istante dopo e piombare di nuovo sul nastro trasportatore della cassa. Alla fine i due, senza pagare, nei pressi dell’ingresso del supermercato, per futili motivi hanno iniziato prima a battibeccare per passare poco dopo alle vie di fatto, tra calci e pugni.

Leggi anche:  Tragico ribaltamento a Bigarello, una persona perde la vita

LEGGI ANCHE:Mantova città dello sport 2019: al Carbone una rassegna cinematografica, per celebrare le grandi imprese

Paura tra i clienti, arrivano i Cc

Vista la situazione, tra i tanti clienti del supermercato (prima serata del sabato) ha iniziato a serpeggiare la paura. Tanto che i dipendenti del Lidl hanno prima chiuso il market e chiamato i carabinieri e poi, con tutte le cautele del caso, hanno fatto defluire la clientela da un’uscita di sicurezza, dal momento che l’ingresso principale era occupato dai due giovani intenti a menarsi. Dopo pochi istanti i militari sono arrivati sul posto per tentare di porre fine all’incresciosa situazione.

Militari nel mirino e arresto

L’arrivo dei carabinieri però non ha sortito particolari effetti sui due protagonisti della vicenda. Tanto che i due, invece che calmarsi, alla vista dei militari se la sono presa anche con questi ultimi. Alla fine i due, considerata tutta la situazione e i pregressi del pomeriggio, sono stati entrambi arrestati con le accuse di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, lesioni personali, rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale, oltraggio a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Ora sono a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

LEGGI ANCHE:Terrore Moglia: sequestra e tenta di violentare la collega, 45enne arrestato