Folla immensa e tante lacrime a Viadana: addio al sindaco Cavatorta. La chiesa, il sagrato e le vie colme: tantissimi colleghi presenti. “Bellissima persona, maestro per tanti”.

Una folla immensa

Una folla immensa nella mattinata di oggi, martedì 21 maggio 2019, ha dato l’addio a Giovanni Cavatorta, sindaco in carica di Viadanascomparso all’età di soli 41 anni nella mattinata di sabato 18 maggio 2019. Una chiesa Castello gremita all’inverosimile, colma in ogni angolo, nel giorno del lutto cittadino. Così come pure colmo anche il sagrato, nel quale erano stati installati altoparlanti per consentire a tutti di assistere alla mesta cerimonia. E, come se non bastasse, colme di persone anche le stradine che conducono al piazzale antistante la chiesa. Tantissime persone per tributare un ultimo saluto al giovane sindaco, si sono strette alla compagna e ai due bimbi piccoli.

“Una persona squisita, maestro per tanti”

Durante l’omelia, il parroco don Antonio Censori, che ha celebrato la messa, ha ricordato il primo cittadino come “un ragazzo davvero in gamba, una persona squisita che era destinata a raggiungere importanti obiettivi come stava effettivamente facendo. Nel corso della sua vita Giovanni ha dato consigli, è stato vicino a molti: per tante persone è stato un maestro, una guida. Mancherà a tutti”.

Sindaci e Viadana Rugby presenti

Alla cerimonia funebre erano presenti, con la fascia tricolore, tutti i sindaci della zona del Viadanese e dell’Oglio Po che con Cavatorta avevano legami e rapporti quotidiani. Ma erano presenti anche tanti sindaci e rappresentanti dei Comuni provenienti dal resto della provincia, compreso il primo cittadino di Mantova Mattia Palazzi. Non solo sindaci, amici, conoscenti, colleghi a livello politico e amministrativo: ai funerali erano presenti anche alcuni atleti e dirigenti del Viadana Rugby, squadra nella quale da giovane aveva militato e sport di cui era sempre stato appassionato.

Leggi anche:  Giovane 21enne cade dalla moto e finisce in ospedale SIRENE DI NOTTE

Il lungo applauso di fronte al municipio

Al termine delle esequie, sul sagrato colmo di gente, una volta uscito il feretro, si è sollevato un lungo applauso di saluto e gratitudine nei confronti del sindaco prematuramente scomparso. Stesso identico lungo applauso che si è levato poco dopo quando il feretro, da poco partito dalla chiesa in direzione del cimitero, si è fermato di fronte al municipio che Cavatorta ha amministrato negli ultimi quattro anni e nel quale ha operato per lungo tempo – da quando aveva 19 anni, anche se a periodi alterni – come consigliere comunale sia di maggioranza che di minoranza.

 

LEGGI ANCHE: Malore fatale a Rivarolo: trasportatore muore sul camion