Dalla giornata di ieri sono in atto – in concomitanza con i servizi di Ordine e Sicurezza Pubblica connessi al “Forum Mondiale sulle Foreste Urbane” – le operazioni di controllo del territorio disposte dal Questore di Mantova al fine di prevenire eventuali azioni che possano mettere in pericolo la sicurezza dei Delegati e dei Luoghi ove si svolgono i convegni, nonché di garantire ai massimi livelli la legalità ed il tranquillo vivere civile, specie nelle zone a maggiore richiesta di sicurezza.

Operazioni di controllo straordinarie

Queste operazioni di controllo straordinario del territorio  – che vedono l’impiego giornaliero di oltre 30 uomini appartenenti al Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato, Squadra Volante, Polizia Stradale e Polizia Locale di Mantova –  si sono concentrate ( oltre che nei luoghi interessati dal Forum della FAO) in piazza Cavallotti, vicolo Sottoriva, Giardini Lungorio, giardini Nuvolari, e nei quartieri di Cittadella e Ponte Rosso,  tutte aree particolarmente sensibili dal punto di vista della “percezione di sicurezza”.

LEGGI ANCHE: Cup di Mantova, dal 3 dicembre nuovi orari

I risultati

Le attività hanno finora consentito di identificare 103 persone, di cui 31 con precedenti penali e di Polizia, e di controllare 6 esercizi pubblici. A tale proposito, per uno di essi, Bar La Fortuna di S.Giorgio, è stata disposta dal Questore la sospensione della licenza per motivi di ordine e sicurezza pubblica, dal momento che gli operatori di Polizia hanno riscontrato in quel locale, ancora una volta, la presenza di pregiudicati.  Il Questore di Mantova ha altresì emanato 5 Fogli di Via Obbligatori e 2 Avvisi Orali nei confronti di altrettante persone risultate gravate da precedenti penali e di polizia. Per 4 cittadini extracomunitari sono state disposte revoche del permesso di soggiorno, essendo venuti meno i presupposti previsti dalla legge, mentre per altri 4 stranieri il Questore decretava il rigetto dell’istanza del titolo di soggiorno, sempre per mancanza dei requisiti di legge (quale l’esistenza di precedenti di Polizia). Per un tunisino, rintracciato dagli operatori di Polizia senza alcun valido titolo di soggiorno,  è scattato il provvedimento di espulsione con accompagnamento immediato alla frontiera; per altri due clandestini, infine, sono stati emessi 2 Ordini di allontanamento dal territorio nazionale dal Questore di Mantova.

Leggi anche:  Rapito in Siria, giovane bresciano liberato torna a casa... e finisce ai domiciliari

LEGGI ANCHE: Oggi i funerali del piccolo Marco, morto nel rogo di Sabbioneta