Sabato 6 luglio 2019 i Vigili del Fuoco di Mantova, a seguito di una segnalazione, hanno fatto irruzione in un’abitazione trovandovi il cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione.

La tragedia dell’abbandono:  il corpo ritrovato dopo giorni dalla morte

E’ successo a Mantova, in via Giulio Romano, dove vi abitano numerose persone e famiglie. La segnalazione è stata effettuata da un vicino di casa, probabilmente insospettito dal maleodorante odore di un cadavere che si decompone e dall’assenza, nei giorni precedenti, di contatti con l’ormai defunto vicino. I Vigili del fuoco hanno fatto irruzione nell’appartamento, al primo piano della palazzina, forzandone gli infissi.

Come dichiarato dai Vigili del fuoco che hanno ritrovato il cadavere, il caldo e le elevate temperature che i giorni scorsi si sono rilevate nella zona hanno indubbiamente accelerato il processo di decomposizione del corpo.
Le cause della morte sono ancora da accertare, ma sono escluse cause di natura violenza o dolosa.

I Carabinieri alla ricerca di parenti o conoscenti

A seguito del ritrovamento, i Vigili del fuoco hanno immediatamente segnalato l’accaduto alla competente Arma dei Carabinieri, che ha subito dato il via alla ricerca di parenti e/o conoscenti che potessero aiutare nelle indagini e nell’identificazione della data del decesso.

Leggi anche:  Svaligiato bancomat di Roverbella con "la tecnica della marmotta"

Questa triste vicenda porta nuovamente a riflettere sulla tragedia dell’abbandono e di quelle morti solitarie e silenziose che nessuno nota. Come si può risolvere un problema così importante e così sottovalutato?

TORNA ALLA HOME