Sicurezza in città ad Agosto: controlli nei centri commerciali e nei parchi cittadini. Due stranieri espulsi e accompagnati, 6 revoche permessi di soggiorno, 2 avvisi orali e 3 divieti di ritorno nel comune.

Controlli del territorio rinforzati

Proseguono i servizi di controllo del territorio “rinforzati” in concomitanza con il periodo di ferie estive, finalizzati principalmente al contrasto dei reati predatori, ed in particolare del fenomeno dei furti in abitazione, che proprio nella stagione estiva subiscono un incremento a causa dell’assenza delle persone dalle proprie abitazioni. L’azione di prevenzione si è concentrata anche nei parchi cittadini e presso nei Centri Commerciali della città capoluogo e della c.d. “Grande Mantova”, molto frequentati da turisti e residenti.

Gli interventi

In particolare, nella giornata di ieri, 22 agosto 2019, con l’ausilio di personale del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia sono stati svolti pattugliamenti nelle aree “a rischio”, quali piazza Cavallotti, Piazza Don Leoni, Stazione ferroviaria, Piazza Martiri, con posti di controllo in corrispondenza alle principali vie di accesso alla città.
Nel corso di un posto di controllo presso il casello autostradale di Mantova Nord, alle ore 10 circa di ieri, gli Agenti del R.P.C. e della Polizia Stradale hanno prestato i primi soccorsi ad una signora 70enne, colta da malore a bordo di un autobus turistico proveniente da Pescara.

La donna, in arresto cardiocircolatorio, è stata rianimata da personale medico intervenuto in sul posto e successivamente trasportata all’ospedale Carlo Poma.

Controlli ai giardinetti

Non sono mancati i controlli ai giardini Nuvolari, di viale Piave e presso il Chiosco Viola, oltre che nelle zone extraurbane che registrano la presenza – nelle ore serali e notturne – di soggetti dediti alla prostituzione, i quali, qualora sorpresi all’atto dell’adescamento dei clienti, vengono “multati” e allontanati dalla zona.

Leggi anche:  In auto con la cocaina: denunciato spacciatore 39enne

Disposti 2 decreti di espulsione

A seguito dei controlli sono stati disposti 2 decreti di espulsione nei confronti di altrettanti cittadini stranieri che non hanno più titolo per soggiornare legittimamente nel nostro Paese. In particolare nei confronti di un cittadino marocchino E.M.M., classe 1992, sprovvisto di regolare permesso di soggiorno e per questo accompagnato alla frontiera aerea di Bologna per il rientro nel Paese di origine. Il secondo provvedimento è stato emesso nei confronti di una cittadina rumena I.V., classe 1961, con precedenti penali per maltrattamenti in famiglia, furto e resistenza a pubblico ufficiale: la donna è stata accompagnata dal personale dell’Ufficio Immigrazione presso il Centro per i Rimpatri di Roma, in attesa del definitivo allontanamento dall’Italia.

Disposte sei revoche di permessi di soggiorno

A seguito di queste attività sono state anche disposte 6 revoche di permessi di soggiorno nei confronti di altrettanti cittadini extracomunitari che non hanno più titolo per permanere legittimamente nel nostro Paese.

La complessiva attività ha permesso di identificare 135 persone. Nel corso di specifici posti di controllo venivano fermati e controllati 98 veicoli.

A termine dei servizi, la Divisione Anticrimine ha emesso 2 Avvisi Orali e 3 Divieti di Ritorno nel Comune nei confronti altrettante persone gravate da precedenti penali e di polizia.

LEGGI ANCHE: Grave malore in bus: donna 66enne finisce in pronto soccorso

TORNA ALLA HOME