Ordine e sicurezza pubblica, chiusa una sala scommesse e un bar. Un’attività di prevenzione volta ad arginare situazioni di degrado.

Ordine e sicurezza pubblica, chiusa una sala scommesse e un bar

Il Questore di Mantova, nell’ambito di una sempre più attenta ed incisiva attività di prevenzione finalizzata ad arginare situazioni di degrado e di turbativa all’ordine e alla sicurezza pubblica, recependo anche le segnalazioni pervenute dai cittadini, ha ritenuto doveroso applicare provvedimenti di sospensione dell’attività a carico di una sala scommesse e di un bar, più precisamente della Sala Scommesse “Eurobet Italia” di viale Partigiani a Mantova e del “Bar Joker” di via Pertini a Colle Aperto.

Il controllo alla sala scommesse

Nell’ambito dei costanti controlli di prevenzione disposti dal Questore, è stato accertato – nello specifico – che presso la Sala Scommesse di viale Partigiani, che raccoglie le giocate per il concessionario autorizzato “Eurobet Italia”, non era presente, nella conduzione dell’attività di raccolta né il titolare né alcuno dei preposti autorizzati. La persona che si è qualificata agli Operatori di Polizia quale dipendente ed esercitava l’attività era di fatto un soggetto, di origine calabrese, con numerosi precedenti penali e di Polizia, recidivo nell’ambito della raccolta di scommesse senza la necessaria licenza. Il Questore Sartori, per questo motivo, ne ha disposto la sospensione della licenza per 15 giorni. Inoltre, al titolare della licenza è stata contestata una sanzione amministrativa di Euro 1.032.

Leggi anche:  Maxi tamponamento: 4 feriti, due sono gravi

Il “Bar Koker”

I controlli svolti dalle Forze di Polizia e gli interventi delle pattuglie effettuati a seguito di richieste dei cittadini che abitano nelle zone interessate dalla presenza di prostitute hanno consentito, inoltre, di evidenziare che effettivamente il “Bar Joker” di Colle Aperto era frequentato abitualmente da persone con precedenti penali e/o di Polizia e che tale frequentazione è potenzialmente pericolosa per l’ordine e la sicurezza pubblica: per tale motivo, il Questore ha disposto la sospensione della licenza per 5 giorni, ai sensi dell’art.100 del TULPS.

E’ opportuno ricordare che, come peraltro evidenziato dalla recente giurisprudenza, il provvedimento, pur agendo, ovviamente sui diritti ed interessi dei titolari dell’esercizio, non è un atto di tipo sanzionatorio, ma ha meramente carattere preventivo.

LEGGI ANCHE: Blitz della polizia negli stabili abbandonati del quartiere Ponte Rosso: abusivi in Questura 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE