Paziente psichiatrica trovata morta sotto una scala antincendio al Poma, i primi aggiornamenti della Procura.

Paziente psichiatrica trovata senza vita al Poma

Nella giornata di ieri abbiamo diffuso la notizia terribile di un’anziana paziente psichiatrica ritrovata morta in circostanze poco chiare presso il Poma. L’Asst ha attivato un’indagine interna, volta a ricostruire l’accaduto con la collaborazione dei professionisti coinvolti e il supporto del risk manager aziendale. La salma della paziente è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria.  È stata inoltre fornita all’autorità giudiziaria tutta la documentazione sanitaria relativa al caso.

Le prime ipotesi

Il caso è attualmente al vaglio degli investigatori della Squadra Mobile di Mantova. Dalle prime informazioni raccolte, la donna, ricoverata presso la locale Psichiatria, si è allontanata nel pomeriggio del 5 marzo dal reparto in cui era ricoverata e, dopo aver attraversato un vialetto, si sarebbe lanciata nel vuoto da una scala antincendio. La Squadra Mobile, dopo aver acquisito la documentazione sanitaria, sta ricostruendo passo passo i minuti che hanno preceduto il tragico evento, dall’allontanamento della signora al fatale salto nel vuoto, allo scopo di mettere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria tutti gli elementi necessari per una esaustiva valutazione del caso.

Leggi anche:  La 35enne Manuela Bailo scomparsa: il giallo dei messaggi

Si attende l’autopsia

Ulteriori elementi potrebbero emergere dagli esiti dell’autopsia che potrebbe svelare qualche dettaglio capace di rivelare con certezza le dinamiche di questa tragica morte.