Porto d’armi revocato a tre persone nel Mantovano.

Porto d’armi revocato

Con le loro condotte contrarie alla legge non potevano più essere considerate “affidabili” per detenere armi da sparo: per questo il Questore Sartori ha proceduto, nella giornata di ieri, a revocare 2 licenze di porto d’armi “uso sportivo” e una “uso caccia” nei confronti di altrettante persone residenti nella nostra Provincia.

Cittadini italiani

Si tratta di 3 cittadini italiani, i cui comportamenti successivi al rilascio del titolo autorizzativo hanno messo in pericolo l’ordine e la sicurezza pubblica, rendendo necessaria l’adozione del provvedimento del Questore.

Liti, materiale contraffatto e furto

In particolare: il primo ha riportato una condanna per furto aggravato, il secondo si è reso protagonista, la scorsa settimana, di un’accesa lite con i vicini di casa, scaturita per vecchi contrasti, mentre il terzo – nel corso di un controllo effettuato dai Carabinieri fuori della nostra Provincia – è stato trovato in possesso di una paletta segnaletica e di una placca di riconoscimento entrambe con la scritta “Carabinieri” contraffatta, il tutto occultato all’interno della propria autovettura, e pertanto denunciato per “possesso di segni distintivi contraffatti”. I provvedimenti di revoca in argomento testimoniano di un’attenzione da sempre alta nella materia delle autorizzazioni nel campo della armi, e nel controllo stringente dei requisiti per poterne avere la disponibilità, a tutto vantaggio dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica.

Leggi anche:  Aggredisce e minaccia con un coltello da cucina il coinquilino: portato in carcere

LEGGI ANCHE: Omicidio del ponte, il fratello della vittima: “15 anni sono troppo pochi”