Rissa violenta Mantova in centro città tra gang rivali per questioni legate allo spaccio: scattano arresto, denunce ed espulsioni.

Follia della domenica pomeriggio

Tutto in pochi istanti, in centro città (in via Torelli, quartiere Valletta Valsecchi) poco dopo le 15 di domenica 3 febbraio 2019: due gang rivali, per questioni legate allo spaccio di sostanze stupefacenti, innescano una rissa e si affrontano lungo la strada con una mazza da baseball, cinghie, calci e pugni. Una rissa violenta vera e propria, che dura un paio di minuti, fino a quando i componenti delle due bande si danno alla fuga. Subito la Polizia Locale del Comune di Mantova e la Squadra Mobile della Questura hanno dato il via alle indagini. Grazie alle telecamere di videosorveglianza del Comune, che hanno ripreso tutta la scena, Polizia di Stato e Polizia Locale hanno identificato i protagonisti della rissa violenta: a sfidarsi a colpi di mazza e cinghiate, un gruppo di quattro tunisini e un gruppo di tre brasiliani. I quattro tunisini, tutti pregiudicati, sono stati identificati: si tratta di O.S., classe 1992, O.H., classe 1994, O.O., classe 1990, O.T., classe 1997. L’unico dei tre brasiliani identificati è C.D.J.A., classe 1985, anch’esso pregiudicato. Tutti sono stati denunciati per rissa aggravata e porti di armi.

Arresto, denunce, espulsioni: i provvedimenti

Le indagini della Questura e della Polizia Locale non si sono concentrate solo sui protagonisti della rissa violenta, ma si sono estese ad altri soggetti dello stesso ambiente dei protagonisti dell’episodio di via Torelli. Gli agenti hanno perquisito un appartamento nel quartiere di Lunetta, dove hanno trovato materiale per il confezionamento e lo spaccio di sostanze stupefacenti. L’inquilino dell’appartamento, il 37enne marocchino pregiudicato S.M., ha aggredito i due agenti che stavano eseguendo la perquisizione: i due poliziotti si sono poi rivolti alle cure del pronto soccorso dell’ospedale di Mantova, mentre il 37enne è stato arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Ma le indagini si sono estese ancora di più. In altre due abitazioni di Mantova sono stati trovati altri due cittadini tunisini – H.M. classe 1994 e M.H. classe 1985 -, entrambi pregiudicati e sprovvisti di permesso di soggiorno: entrambi sono stati portati in Questura per l’espulsione. Sempre nell’ambito delle indagini, coordinate dalla Procura di Mantova, il questore Paolo Sartori ha revocato il permesso di soggiorno (con conseguente intimazione a lasciare il territorio nazionale entro 15 giorni) ad altri 13 cittadini extracomunitari, tutti presumibilmente legati agli ambienti nei quali è scaturita la rissa violenta di via Torelli.

Leggi anche:  Non paga le tasse per non licenziare i dipendenti: assolto

“Segnali da non sottovalutare”

Tutta l’operazione è stata presentata in conferenza stampa il 15 febbraio 2019. Nell’occasione il questore Paolo Sartori ha spiegato come tali episodi non vadano sottovalutati e come la Questura e in generale le forze dell’ordine siano attente a prevenire fatti come la rissa accaduta in via Torelli, eseguendo indagini e tenendo costantemente monitorato il territorio.

LEGGI ANCHE: Truffatore arrestato a Castiglione: scivola… sui documenti falsi