Schianto mortale tra Goito e Marmirolo: un 21enne perde la vita di rientro dal turno di notte al lavoro.

LEGGI ANCHE: Ecco i due bar di Mantova che servivano alcol ai minori: chiusi dal questore

Il sorpasso azzardato

Schianto mortale all’alba di oggi, martedì 19 febbraio 2019, lungo la strada provinciale Goitese. A perdere la vita il 21enne di Marmirolo Carlo Bertani. Il drammatico incidente si è verificato verso le 6.20 del mattino. Il giovane stava facendo rientro a casa dopo il turno di notte nell’azienda in cui lavorava, la Relevi di Rodigo. Secondo i rilievi della polizia stradale, il giovane stava guidando la propria auto Hyundai lungo la provinciale 236 in direzione di Mantova quando ha deciso di superare il Nissan Juke che lo precedeva. Nel momento del sorpasso, però, il 21enne non si sarebbe reso conto che dalla direzione opposta stava arrivando un camion, evidentemente troppo vicino per consentire il sorpasso in sicurezza. Il camion avrebbe provato anche a scansarsi il più possibile. Tutto inutile: l’auto del ragazzo si è schiantata frontalmente, in modo molto violento, contro il mezzo pesante, rimanendo accartocciata.

I soccorsi sul posto

Subito gli altri mezzi che erano in strada a quell’ora hanno dato l’allarme. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Mantova, i soccorritori del 118 e la polizia stradale. I vigili del fuoco hanno estratto il giovane dalla propria auto ma ormai era troppo tardi: i medici hanno tentato il tutto per tutto, ma per il 21enne ormai non c’era più nulla da fare. La donna alla guida della Nissan che il giovane stava superando e l’uomo alla guida del camion sono rimasti illesi.

Leggi anche:  Maxi controlli a Mantova: revocati 24 permessi di soggiorno, fucili sequestrati

Strada Goitese chiusa per tre ore

La strada Goitese è rimasta chiusa in entrambe le direzioni di marcia per circa tre ore durante le operazioni di soccorso, i successivi rilievi e la rimozione dei mezzi. I veicoli di passaggio sono stati deviati su strade alternative, mentre i veicoli nel tratto chiuso al traffico hanno dovuto attendere circa tre ore prima di poter ripartire: il tempo necessario per i rilievi e il recupero dei mezzi.

 

LEGGI ANCHE: Attrezzi da scasso: pizzicato dai carabinieri, 45enne arrestato