Sempre più spesso la clonazione dei dati identificativi del telaio e l’alterazione dei documenti di circolazione consente alle organizzazioni criminali la reimmissione sul mercato di veicoli di
provenienza illecita perché provento di furto o anche di appropriazione indebita. Sul fenomeno la Polizia Stradale di Mantova ha avviato verifiche a tappeto sulla documentazione acquisita
all’atto delle immatricolazioni di veicoli provenienti dall’estero presso gli uffici delle locali motorizzazioni civili.

Veicoli con telai e documenti alterati

Moltissime le pratiche al vaglio degli investigatori che non si limitano alla semplice verifica documentale in collaborazione anche con i collaterali uffici stranieri, ma ogni anomalia determina
specifici accertamenti tecnici sul veicolo che con assoluta certezza riconducono alla sua reale identità.

Si tratta in gran parte di veicoli rubati o appropriati indebitamente in Italia o all’estero i cui dati identificativi vengono alterati ricalcando quelli di veicoli circolanti in altri paesi, utilizzando per
immatricolazione documentazione falsi o rubati in bianco.

Polstrada Mantova: 741 controlli

Nel 2017 di tutti i veicoli di provenienza estera immatricolati in Italia il 44% proveniva dalla Germania, il 20% dalla Spagna e circa il 10% dalla Francia, numeri quasi analoghi anche per il
2018.

Leggi anche:  Malori per due donne trasportate in ospedale SIRENE DI NOTTE

Dal 2017 al primo semestre 2018 la Sezione Polizia Stradale di Mantova ha controllato 741 fascicoli per l’immatricolazione di veicoli provenienti dall’estero. Per 12 di essi si è proceduto al
sequestro per irregolarità o falsità nella documentazione depositata agli atti. Sono inoltre stati sequestrati 8 veicoli e denunciate 5 persone per ricettazione, riciclaggio e utilizzo di falsa
documentazione.

Una sola regola: fate attenzione

E’ consigliabile procedere con cautela nell’acquisto di un veicolo rivolgendosi a rivenditori affermati sul mercato. Inoltre è opportuno prestare la massima attenzione agli acquisti in rete,
verificando sempre, con molta attenzione, la documentazione che viene fornita. In caso di sospetti circa l’illegittima provenienza del veicolo, ci si potrà rivolgere senza indugio agli
uffici della Polizia Stradale di Mantova.