Nel luglio del 2011, aveva tentato di uccidere una sua connazionale per motivi passionali, colpendola con un “machete”: S.A., cittadino indiano classe 1992, al termine della pena detentiva cui era stato condannato, nella mattinata di ieri, 3 febbraio 2019, è stato accompagnato in Questura da militari della Stazione Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, per essere sottoposto alle procedure di allontanamento dal territorio nazionale.

Rigettata istanza per rinnovo del permesso

Al cittadino indiano, già titolare di permesso di soggiorno per “lavoro subordinato”,  era stato notificato – alcuni giorni fa –  il Decreto del Questore di Mantova con cui veniva rigettata l’istanza di rinnovo del permesso. Dopo essere stato sottoposto ai rilievi fotodattiloscopici, S.A. è stato munito di Decreto di espulsione del Prefetto di Mantova e di un Decreto del Questore di Mantova di accompagnamento in frontiera, convalidato dal Giudice di Pace.

Imbarcato verso Nuova Delhi

Ultimate le procedure, il cittadino indiano è stato accompagnato da personale dell’Ufficio Immigrazione all’aeroporto di Roma-Fiumicino, ove, in serata, è stato imbarcato su un volo diretto a Nuova Delhi, per il definitivo rientro nel Paese di origine.

Leggi anche:  Allarme a Bozzolo: scomparsa una 17enne

LEGGI ANCHE: Anziano trovato sotto il letto, non mangiava né beveva