La neve della Valtellina ieri, domenica 3 febbraio 2019 si è tragicamente tinta di rosso: due morti in due note località sciistiche, a Santa Caterina e a Livigno.

Due morti sulle nevi della Valtellina

La prima tragedia si è consumata a Santa Caterina Valfurva. Come riporta il GiornalediSondrio.it Diego Colombo, 43 anni di Mornago (Varese) stava effettuando un fuori pista lontano dalle piste ordinarie con lo snowboard ma è caduto mentre affrontava un avvallamento nella neve fresca. L’uomo è stato soccorso e trasportato in ospedale ma è morto dopo il ricovero.

LEGGI ANCHE:  Sciatore muore dopo fuori pista

In serata poi sono scattate le ricerche di un secondo turista, un 24enne belga in vacanza sulle Nevi di Livigno. Il giovane, dopo una giornata di sci, non aveva fatto rientro e gli amici hanno messo in moto la macchina dei soccorsi.  Gli uomini del Soccorso Alpino hanno esaminato alcuni canali e in uno di questi hanno trovato il giovane, senza vita, sotto un paio di metri di neve. Una valanga di piccole dimensioni lo aveva travolto. Il corpo è stato recuperato e portato a valle. (leggi qui tutti i particolari)

Leggi anche:  Rave party nel Mantovano, scattano le denunce: 160 persone nei guai

Un morto anche in Valle d’Aosta

Sempre ieri  una valanga è caduta anche  nel territorio di Saint-Pierre, in Valle D’Aosta. La slavina ha travolto e ucciso un uomo. Come riporta Settegiorni.it si tratta di Andrea Poggi, 44 anni di Arese. La massa di neve si è staccata a 2500 metri di quota. Insieme alla vittima c’erano anche due amici, entrambi di Saronno. Questi sono stati recuperati miracolosamente illesi del Soccorso Alpino.