Diecixdieci Festival di fotografia contemporanea: 5° edizione sul tema “Coscienza, conoscenza”, a Gonzaga dal 27 settembre al 6 ottobre 2019.

Diecixdieci Festival

Sono numerose le presenze internazionali all’edizione 2019 del Festival di fotografia Contemporanea Diecixdieci, in programma a Gonzaga dal 27 settembre al 6 ottobre.
“Coscienza, conoscenza” è il titolo della quinta edizione, a rappresentare un percorso d’indagine che l’obiettivo traccia attraverso lo spirito e la ragione, poiché la pratica creativa della fotografia rappresenta “una disciplina artistica che ondeggia paurosamente tra clonazione sterile della realtà e immaginazione, tra documentazione e invenzione visuale, tra desiderio di razionalità narrativa e deriva figurativo-visionaria” spiega Maurizio G. De Bonis, critico delle arti visive, quest’anno ospite del festival. Saranno giorni di incontri, mostre, letture portfolio ed happening a partecipazione gratuita, da vivere insieme a grandi nomi delle fotografia contemporanea internazionale, alcuni dei quali per la prima volta in Italia, talenti emergenti, esperti del settore, critici e giornalisti che guideranno il pubblico verso la consapevolezza del linguaggio artistico.

Mostre

Il cuore del festival è rappresentato da tredici mostre su progetti dedicati ai paesaggi contemporanei, intesi come strumenti culturali per sviluppare conoscenze e nutrire nuovi immaginari, allestite nei principali luoghi di interesse storico artistico della città di Gonzaga come l’Ex Convento di Santa Maria, la Torre Civica, il Teatro Comunale e, novità di quest’anno, Villa Canaro. A firmarle, sono autori del calibro di Eleonora Agostini (A Blurry Aftertaste), Camille Carbonaro (Appelez-Moi Victoria), Federico Clavarino (Fiori e Piante non Servono), Luis Lazo (To Be In Your Silence), Micamera (Conoscenza Con la F), Drew Nikonowicz (This World And Others Like It), Mattia Parodi/ Piergiorgio Sorgetti (The Missing Eye), Miren Pastor (Bidean), Piero Percoco (The Rainbow Is Underestimated), Nicholas J R White (Black Dots), Mirre Nimmegeers/Eri Vanluchene (The King Is My Neighbour, progetto vincitore Call For Entries 2019), Marco Fava (The Path Is A Resonance, progetto vincitore Miglior Portfolio 2018), Serena Vittorini (Dans Mon Souvenir C’était Blanc, vincitrice Si Fest Off 2019 – Savignano Sul Rubicone).  Le mostre saranno visitabili venerdì 27 settembre ore 21.00/24.00, sabato 28 ore 10.00/24.00, domenica 29 ore 10/20.00, sabato 5 ottobre ore 10.00 /13.00 e 16.00/19.00, domenica 6 ottobre 10.00 /13.00 e 16.00/19.00.

Letture portfoglio

Per gli amanti dell’obiettivo, l’occasione per far valutare i propri lavori da esperti del settore – come Maurizio Giovanni De Bonis, Tommaso Parrillo (Witty Kiwi), Ilaria Speri (Fantom), Alessandro Guida, Viviana Rubbo e Isabella Sassi Farìas (Urban Reports) e Giulia Zorzi (Micamera) – è data dalle letture portfolio, in programma sabato 28 dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, e domenica 29 dalle ore 10 alle 13.

Leggi anche:  Cinematime: tanto cinema e solo in inglese al Carbone di Mantova

Incontri, eventi e premiazioni

Il clou degli eventi per il pubblico si snoda da venerdì 27 a domenica 29 2019, nella cornice dell’ex Convento di Santa Maria. L’inaugurazione del Festival e l’apertura delle mostre sono in programma venerdì 27 alle ore 21:30, con dj set a seguire (ore 22).

Sabato 28

La giornata di sabato 28 inizia con l’incontro con Tommaso Parrillo dal titolo “Witti Kiwy – La nascita di una casa editrice indipendente: dalla ricerca progettuale all’approccio alla pubblicazione” (ore 11), e prosegue alle con il confronto a tre tra Alessandro Guida, Viviana Rubbo e Isabella Sassi Farìas di Urban Reports sul tema “Fotografare per raccontare il paesaggio contemporaneo. Uno strumento culturale per sviluppare conoscenza e nutrire nuovi immaginari” (ore 15:30). Alle ore 18 è in programma una tavola rotonda con gli autori, a cui seguiranno, in chiusura di giornata “Omaggio a Robert Frank – proiezione di Pull My Daisy (Frank/Leslie, 1959) (ore 21:30) e Mount Fog: “Flood, Medication Blues” – live A/V (ore 22:30).

Domenica 29

Domenica 29, Ilaria Speri interviene sul tema “Fotografia senza fotografie” (ore 11) mentre alle ore 15:30 si terrà incontro a cura di Urbanautica Institute e Penisola Edizioni “Libri e fotografie: esperienze autorali in Italia”, insieme agli autori Mauro Corinti, Gian Marco Sanna e Alessandro Zanoni, moderati da Paola Fiorini.

Alle ore 17:30 Giulia Zorzi di Micamera parlerà di  “Conoscenza con la F”. A seguire, presentazione della Biennale della Fotografia Femminile – 1° edizione 2020, a cura dell’Associazione culturale La Papessa . La giornata terminerà alle ore 19,30 con le premiazioni del Portfolio Diecixdieci e l’aperitivo di chiusura con dj set.
Il Festival è organizzato dal Collettivo Diecixdieci in collaborazione con L’ Officina dell’Immaginazione e il patrocinio del Comune di Gonzaga, e con il contributo di Fotofabbrica di Massimiliano Carraglia che ha curato tutte le stampe fine art insieme a Rufus Photo Hub per le cornici, Gruppo Mauro Saviola, Faservice, Fotolito Delta, Gente di Fotografia, Villa Canaro, Circolo Filatelico Numismatico ed Hobbistico, DF2000, Cantine Giubertoni, Arci Laghi Margonara.

(Nella foto di copertina Benatti, Malavasi e Ferrari)

LEGGI ANCHE: Un crescente successo per l’artista di Mantova Vincenzo Fasano

TORNA ALLA HOME