Una vacanza educativa per i bambini diabetici, un campo sul Lago di Garda con medici e infermieri della Pediatria, educatori e volontari AGAD per imparare a gestire la malattia.

L’iniziativa dell’associazione Agad e dell’Asst di Mantova

L’associazione AGAD (associazione giovani e adulti con diabetici) ha organizzato anche quest’anno, con la collaborazione della struttura di Pediatria della ASST di Mantova, un campo educativo che ha visto la partecipazione di 11 bambini con diabete di tipo 1, in età dai 9 ai 15 anni.
Il soggiorno si è svolto dal 13 al 16 giugno 2019 al Parc Hotel Italia di Castelnuovo del Garda, struttura idonea alle esigenze del percorso per la presenza di piscine, palestra, sala convegno e ampi spazi all’aperto dedicati all’attività motoria. Lo scopo del campo educativo, da sempre, è quello di rendere totalmente autonomi i bambini nella onerosa gestione della patologia.
Il team diabetologico era composto dai medici Silvia Sordelli ed Elena Mazzali, dalle infermiere Enrica Conti e Cristina Casati, dagli accompagnatori AGAD Davide Berni, Elisa Bongera, e Lalla Prete. Sono inoltre intervenuti gli educatori del Gruppo Lama Università di Pavia Carlo Naldini, Alberto Giumelli e Giulia Liberali.

Una vacanza per diversi e imparare

Il team ha ripercorso tutte le principali norme da seguire nella gestione della terapia insulinica, dall’adattamento della dose al trattamento dell’ipoglicemia, anche attraverso la proiezione di un film educativo. Le attività educative hanno riguardato poi la conta dei carboidrati e il rapporto dei pazienti con la malattia. Le sessioni educative sono state organizzate in forma di laboratorio o di gioco di gruppo per raggiungere in modo più efficace i partecipanti e sono state accompagnate, quotidianamente, da attività ludica e motoria. Non è mancata una gita a Peschiera del Garda.

Leggi anche:  L'importanza della storia locale: a Gonzaga spiegati "Gli Etruschi a nord del Po"

I bambini vogliono il bis

I bambini hanno mostrato entusiasmo e curiosità, chiedendo di poter vivere al più presto un’esperienza analoga. L’auspicio di AGAD è che questo gruppo possa crescere e condividere insieme il proprio cammino, ritrovandosi magari l’anno prossimo per ripetere l’avventura, anche in compagnia di altri partecipanti.
L’associazione ringrazia di cuore tutti coloro che hanno partecipato con tanto impegno e reso possibile il campo, in particolare la Direzione Strategica di Asst e il primario della Pediatria di Mantova Silvia Fasoli per il grande supporto all’iniziativa e il coinvolgimento del personale medico e infermieristico del suo reparto.

TORNA ALLA HOME