La ciclovia del fiume Oglio è stata premiata sabato come la più bella d’Italia aggiudicandosi il primo premio “Italian Green Road Awards”.

Ciclovia dell’Oglio medaglia d’oro

La giuria dell’”Italian Green Road Award” ha decretato la ciclabile del fiume Oglio la più bella d’Italia sabato 16 febbraio in occasione del “Cosmo Bike Show”, la fiera internazionale della bicicletta a Verona Fiere. Lo annunciano il Parco Oglio Sud, il Parco Oglio Nord, la Comunità Montana di Valle Camonica-Parco Adamello, la Comunità Montana del Sebino Bresciano, insieme a Fiab Brescia.

LEGGI ANCHE: Incidente mortale all’alba sulla Goitese: morto un ragazzo di 21 anni

La forza della rete

Un percorso di oltre 280 chilometri tra le province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova, partendo dal passo del Tonale attraverso 4 province lombarde, giungono sino al ponte di Barche di San Matteo delle Chiaviche, poco distante dal punto in cui il Fiume Oglio si immette nel Po. Un viaggio tra le suggestioni improvvise di un territorio che non ti aspetti: dalle vette sul confine tra Lombardia e Trentino alle morbide colline della Franciacorta, attraverso piccoli castelli, cascine fortificate e borghi agricoli, tra boschi, fonti, canali e gli spazi aperti della fertile pianura.

Il premio

A ritirare il riconoscimento è stata Martina Cambiaghi, assessore allo Sport e giovani di Regione Lombardia, alla presenza dei Presidenti dei Parchi Oglio Sud, Alessandro Bignotti, e Oglio Nord, Luigi Ferrari, del Presidente della Comunità Montana di Valle Camonica, Oliviero Valzelli, dell’ex Direttore del Parco Adamello, Dario Furlanetto, tutti a rappresentare anche Paola Pezzotti, Presidente della Comunità Montana del Sebino Bresciano, impossibilitata a partecipare all’evento.

Un grande lavoro di squadra

Di seguito il comunicato stampa congiunto di tutte le Amministrazioni coinvolte nel progetto

“Aver riconosciuto un valore così grande alla Ciclovia del fiume Oglio, premia e dà forza al grande lavoro di squadra iniziato oltre 8 anni fa per promuovere il territorio bagnato dal fiume Oglio nella sua complessità e ricchezza naturalistica, storica, paesaggistica e gastronomica. La formula del partenariato, nonostante reciproci sacrifici, ha dato buoni frutti e si è rafforzata nel corso degli anni, aprendo gli Enti a nuovi progetti e a nuovi stimoli. Il premio riconosce quindi, prima di tutto, l’aver creduto ad un progetto ambizioso, perseguito nonostante le molte difficoltà da una squadra affiatata e unita. Siamo anche consapevoli che ci sia ancora moltissimo da fare, ma questa vittoria ha generato il giusto entusiasmo per proseguire il lavoro iniziato ormai parecchi anni fa”.

La giuria

La giuria che ha decretato la ciclabile più bella era composta da Paolo Coinproject manager di Cosmobike, Gianluca Santilli Presidente Osservatorio Bikeconomy, Giancarlo Feliziani, caporedattore tg La7, Guido Rubino (Cyclinside), Aldo Ballerini giornalista freelance , Enrico Rondoni vice Direttore tg5, Antonio Dalla Venezia Fiab, Renato Di Rocco Presidente Fci (federazione ciclistica italiana), Lucia Cuffaro di “Unomattina in famiglia”, Alessandra Schepisi Radio24, Antonio Barreca, direttore Federturismo, Maria Zezza , caporedattore Rainews24 e da Ludovica Casellati, direttore “viagginbici.com”.

Leggi anche:  Artisti castiglionesi a Medole

LEGGI ANCHE: Blocco euro 4: una mantovana malata chiede all’assessore Rebecchi come recarsi in ospedale