Mostra Nitsch a Mantova: anteprima della discussa Katharsis, allestita nell’appartamento della Guastalla a Palazzo Ducale.

Mostra Nitsch

Si è tenuta l’anteprima, aperta alla stampa, della discussa Katharsis. Mostra allestita nell’appartamento della Guastalla a Palazzo Ducale che porta in città l’opera dell’artista austriaco Nitsch. Tira dritto sulle polemiche (tante) il direttore Assman, che ha fortemente voluto questo allestimento, spiegando che gli stessi Gonzaga – passati alla storia come fra le più grandi famiglie di mecenati del mondo – sono sempre stati aperti agli artisti innovatori. Il direttore di Palazzo Ducale invita a visitare la mostra, prima di giudicare a priori qualcosa che nemmeno si è visto.

Le polemiche

Le polemiche intorno all’opera dell’artista austriaco arrivano, principalmente, da due fronti. Il primo è quello animalista al quale, per la prima volta, ha risposta l’artista stesso, spiegando quanto ami gli animali.

“Apprendiamo con sconcerto e indignazione che il Palazzo Ducale di Mantova è pronto a ospitare la mostra di Hermann Nitsch, artista viennese famoso per impiegare nelle proprie opere sangue animale e carcasse macellate. Si tratta di una scelta deplorevole, illogica e imbarazzante, che Rivoluzione Animalista condanna con fermezza. Una decisione che va contro il buon costume e contro i diritti degli animali, ritratti in condizioni da film horror nell’esposizione di Nitsch. Rivoluzione Animalista, dunque, chiede con forza che l’organizzazione della mostra venga immediatamente cancellata. Gli organizzatori si mettano una mano sulla coscienza e comprendano che non si può far pubblicità sulla pelle degli animali, oltre al fatto che una città splendida, accogliente e storica come Mantova sarebbe enormemente danneggiata in termini di immagine”.

Così, si era espresso in una nota, il segretario nazionale del Partito Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica. Polemiche che si erano rinfocolate anche per via dello sdegno di tanti gruppi di animalisti che si sono schierati contro l’allestimento.

Leggi anche:  Passaggio di testimone al FAI di Mantova: nuova delegazione e programmazione

Non è stato da meno nemmeno il mondo politico, soprattutto la Destra lombarda, che da diversi fronti si è espressa più che negativamente su Katharsis. Dura la posizione dell’assessore regionale all’Autonomia e Cultura Stefano Galli che non esita a definire disdicevole e disgustoso l’orientamento di Assman verso questo allestimento. Galli si affretta, inoltre, a chiarire che – nel caso Assman non intendesse ravvedersi – non potrà contare per questa mostra su alcun appoggio da parte dell’assessorato alla cultura di Regione Lombardia. Per poi aggiungere:

“Una simile mostra contraddice profondamente il ruolo di Palazzo Ducale, patrimonio lombardo di grande bellezza in cui tutta Mantova si identifica.”

Si muove anche la senatrice Rauti

Si è mossa anche la senatrice Isabella Rauti con una interrogazione al ministro del Mibact. La Rauti accenna anche al fatto che la mostra risulti doppiamente offensiva perchè ospitata proprio nella città, Mantova, che conserva il “preziosissimo sangue di Cristo”.

LEGGI ANCHE: Lo trovano in casa senza vita nel Mantovano, probabilmente morto da giorni