Palazzo Ducale è stato al centro di polemiche nazionali a causa della chiusura nel giorno di Pasquetta, adesso parla il direttore Peter Assman.

Palazzo Ducale: polemica di Pasquetta

La vicenda è nota, Palazzo Ducale nel giorno di Pasquetta è rimasto chiuso. Tanti i turisti che si sono lamentati, la notizia ha fatto il giro dei tg nazionali e il sindaco Palazzi non ha lesinato una strigliata social. Adesso, però, è il turno del direttore Assman di far sentire la sua voce, soprattutto dopo che in molti si sono chiesti se si replicherà la chiusura anche per il ponte del 1° Maggio.

La difesa di Assman

Il direttore conferma che avvierà una contrattazione con i sindacati. Intanto le prime adesioni da parte di custodi disposti a lavorare il 30 ci sono, parliamo sempre su base volontaria. Assman intende difendere tutti coloro che lavorano al Ducale, puntualizzando che nessuno ha però sottolineato che nel giorno di Pasquetta fossero aperti sia il Giardino dei semplici che la Rustica, dove si poteva ammirare la mostra del Pistoletto. Il direttore snocciola inoltre un altro dato: in queste feste di Pasqua, dal venerdì alla domenica, si è registrato il 7% in più di visitatori rispetto alla Pasqua dello scorso anno.

Leggi anche:  Assman resta a Palazzo Ducale: sì a direttori stranieri per musei italiani

Nessun ringraziamento quando i custodi ci sono stati

A proposito dei custodi del Palazzo, Assman ricorda inoltre che il Primo maggio dell’anno scorso il Ducale è stato l’unico museo statale aperto grazie alla loro disponibilità. In quel caso nessuno li ha ringraziati. Palazzi, intanto, monitora la faccenda rendendosi disponibile – come istituzione – a supportare il Ducale. Pare che per le prossime festività i segnali siano incoraggianti.