Parchi naturali Mantovano: la gita fuori porta tra natura e storia.

Parchi naturali Mantovano

Dopo il lungo letargo invernale finalmente è arrivata la primavera col suo carico (ancora poco visibile) di profumi e di colori. Pasqua, per tradizione, non rassicura come condizioni meteo. E allora se non volete spingervi troppo lontano potete organizzare la classica gita fuori porta. Dove? Nel verde di Mantova tra parchi e foreste.

Sentirsi un po’ Monet anche con uno smartphone

Parco Bertone, nel comune di Goito, è l’ideale per una bella passeggiata alla scoperta della natura e della storia. Sì perché il Parco è frutto della passione naturalista di Luigi Chieppio, una potente famiglia che ricopriva importanti ruoli al tempo dei Gonzaga e che avviò matrimoni anche con i conti d’Arco. In questo contesto, nella seconda metà del Settecento, si crea il giardino romantico delle Bertone che divenne residenza di campagna della contessa Giovanna d’Arco. Da visitare la Villa, le scuderie e le carrozze originali della famiglia.

Nel Parco potrete ammirare alberi esotici ed autoctoni arrivati alla veneranda età di 150 anni. Sono visibili inoltre i resti di un pioppo da guinness: benché caduto rappresenta, con i suoi 350 anni, una delle attrazioni più particolari del Parco. E poi querce, carpini, bagolari, un boschetto di magnolie e l’esemplare di gingko biloba più alto in Italia. E’ d’obbligo avere con sé macchina fotografica o smartphone ben carico perché gli scorci sono davvero suggestivi, da far invidia persino a Monet. Piccoli laghetti si aprono improvvisamente lungo i sentieri e vi accolgono per una vera e propria pace dei sensi. Chiudete gli occhi e sentite la sinfonia di suoni. Provare per credere. Dal 1994 è attivo un centro di reintroduzione della cicogna bianca. E magari le vedete sorvolare il parco.

La riserva di caccia dei Gonzaga dove qualcuno vede ancora i cinghiali

Bosco Fontana, nel comune di Marmirolo, si estende per un’area di 233 ettari. E pensare che la superficie era molto più estesa sia al tempo dei Gonzaga che in un passato più antico. Utilizzata come riserva di caccia dai Gonzaga, la foresta presenta al centro una palazzina seicentesca fatta costruire da Vincenzo I. Vicino è ancora presente una risorgiva che dà il nome al bosco: la Fontana è presente almeno dal XII secolo. Il bosco è composto soprattutto da latifoglie. Ai tempi dei Gonzaga erano allevati i cinghiali e qualcuno, ancora oggi, afferma di vederne delle tracce fresche…

Leggi anche:  Chagall a Mantova: 130 opere durante Festivaletteratura

Tra Arlecchino e Virgilio, tra storia e tradizione

La Foresta Carpaneta, nel comune di Bigarello, è un’area verde di nuova formazione che copre una superficie di 50 ettari. Il bosco è stato realizzato con diecimila specie tipiche della zona tra cui il carpino bianco, l’olmo campestre, l’acero, il frassino, il pioppo bianco, il sambuco, il biancospino e la sanguinella. Soprattutto si trovano le farnie ovvero la tipica quercia della Pianura Padana. La piantumazione della foresta è iniziata nel 2003 con l’intento di creare un bosco naturaliforme, simile a quelli che in origine ricoprivano la pianura. All’interno della foresta si trovano il Parco didattico di Arlecchino e il Parco di Virgilio che riproduce la vegetazione e i paesaggi descritti dal poeta mantovano. Ovviamente perché non andarci in bici? Le ciclabili vi faranno scoprire un altro territorio con un’altra velocità, meno frenetica e più naturale.

Il curatore

Simone Rega è laureato in Storia dell’Arte ed ha conseguito il Master di primo livello in Management della valorizzazione territoriale ed accoglienza turistica. Scrittore e guida turistica, si occupa di promuovere e valorizzare attraverso eventi dedicati e bandi le aziende del territorio. Con il blog Meraviglia a Domicilio racconta Mantova e le piccole curiosità che stanno dietro alla Storia. Ha vinto nel 2012 un concorso nazionale di poesia e nel 2013 ha pubblicato il libro Il Testamento del Clown. E’ presidente dell’Associazione di promozione Sociale RUM Ri-animazione Urbana Mantova che si occupa di welfare e rigenerazione urbana. E’ inoltre local manager di Igersmantova, la community che si occupa di raccontare il territorio di Mantova attraverso Instagram.