Nel 2020 arriverà a Gonzaga la casetta dell’acqua.

A Gonzaga arriva la casetta dell’acqua

L’amministrazione comunale si è infatti aggiudicata il bando dell’AATO – Autorità dell’Ambito Territoriale Ottimale di Mantova per il co-finanziamento di punti di erogazione di acqua potabile da realizzare nel territorio. La casetta dell’acqua sarà posizionata nell’area di fronte all’ex macello comunale, in un punto facilmente raggiungibile da pedoni, ciclisti e automobilisti. La zona è dotata di parcheggi liberi. Per realizzare la casetta, che erogherà acqua filtrata e depurata a temperatura ambiente, fredda e fredda gassata, l’amministrazione comunale investirà 40mila euro, di cui 15mila euro provenienti del co- finanziamento AATO.

“Si tratta di una struttura che ci consentirà di portare acqua potabile, buona e sicura sotto il profilo igienico- sanitario, nelle zone della città non ancora servite dall’acquedotto – spiega Elisabetta Galeotti, sindaca di Gonzaga -. Tutti i cittadini e le cittadine potranno inoltre rifornirsi di acqua riducendo i consumi di plastica”.

Le risorse per la realizzazione della casetta sono state inserite nelle variazioni di spesa approvate a maggioranza nell’ultima seduta del consiglio comunale, durante la quale sono stati inoltre ratificati gli stanziamenti necessari a bandire le gare per la creazione di un’area di sosta per camper al servizio di Fiera Millenaria. L’operazione è finanziata da Regione Lombardia per 81mila euro e dal Comune di Gonzaga per 29mila euro nell’ambito di un Piano Integrato d’Area che vede come capofila la cooperativa Isidora.

Leggi anche:  Mercatone uno, beffa per 20mila clienti: i mobili pagati non saranno mai consegnati

Le decisioni assunte

È stata votata a maggioranza, e con l’astensione del gruppo di minoranza Gonzagattiva, la variazione al bilancio di previsione e al documento unico di programmazione che prevede l’utilizzo di 30mila euro per la manutenzione di immobili, 20mila euro per il progetto di restyling di palazzo Gazzolda e 10.500 euro per la progettazione della riqualificazione ad uso pubblico dell’area di fronte alla chiesa di Bondeno, dove sono stati demoliti edifici privati.
Voto contrario, invece, alla mozione di Gonzagattiva per l’istituzione di una commissione consigliare in materia di associazionismo e volontariato, poiché, ha motivato il gruppo di maggioranza Vivere Gonzaga, l’Albo delle Associazioni – richiesto dalla minoranza – esiste da molti anni e da diversi anni opera inoltre il Tavolo di coordinamento delle associazioni: chiedere ai volontari di rendersi disponibili a un ulteriore luogo di confronto può risultare dunque come un impegno aggiuntivo. I consiglieri di minoranza sono stati invitati a partecipare ai lavori del Tavolo.

(Immagine di repertorio)

TORNA ALLA HOME