Dal 15 gennaio sarà possibile presentare le domande per il bando distrettuale, finanziato da Regione Lombardia, finalizzato a sostenere famiglie con morosità incolpevole di massimo 3.000 euro nel pagamento dei canoni di locazione, che non abbiano uno sfratto in corso, in locazione sul libero mercato, o comunque che non siano inquilini di servizi abitativi pubblici.

Le domande

Per quanto riguarda i residenti del capoluogo, sarà possibile presentare le domande dal 15 gennaio al 1° marzo presso Aster Srl, Ufficio Servizi Abitativi del Comune di Mantova, in via Imre Nagy n.2/4/6, nei seguenti giorni e orari: dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30, e nei pomeriggi di lunedì e giovedì dalle 14,30 alle 16,30.

LEGGI ANCHE: Allarme siccità: il Po pesantemente sotto la media stagionale

Requisiti 

Tra i requisiti per l’accesso alla misura vi sono l’Isee del nucleo familiare, che non dovrà superare i 15.000 euro, e la residenza di almeno un membro del nucleo in Regione Lombardia da almeno 5 anni. La misura prevede, per coloro che in base ai risultati della graduatoria avranno diritto al beneficio, l’erogazione di un contributo fino a 1.500 euro, o fino a 2.500 euro nel caso di disponibilità del proprietario a rinegoziare il canone in “concordato” e/o a rimodularlo ad un prezzo inferiore.

LEGGI ANCHE: Mostra Metamorfismo alla Casa del Mantegna

Leggi anche:  Giovani italiani: troppo lontani dai coetanei europei, povertà educativa

Il contributo

Il contributo sarà erogato direttamente sul conto corrente del proprietario dell’immobile in seguito alla sottoscrizione di un accordo, nel quale il locatore dovrà dichiarare di non sfrattare l’inquilino nei successivi 12 mesi. L’inquilino richiedente, se disoccupato, dovrà invece impegnarsi a partecipare a politiche attive del lavoro e a sanare l’eventuale morosità pregressa non coperta dal contributo.

Per informazioni: Ufficio Servizi Abitativi del Comune di Mantova, in via Imre Nagy n.2/4/6.

Telefono: 0376 /376896 – 265505.

LEGGI ANCHE: Accoltellamento alla discoteca Mascara: i responsabili