L’Assemblea degli Azionisti di Iccrea Banca, Capogruppo del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, ha approvato a Roma il bilancio al 31 dicembre 2018. L’Assemblea ha inoltre rinnovato la composizione del Consiglio di Amministrazione per il triennio 2019 – 2022.

Il nuovo Consiglio di Iccrea

I membri del nuovo Consiglio sono: Giuseppe Maino, Lucio Alfieri, Francesco Carri, Teresa Fiordelisi, Giuseppe Gambi, Maurizio Longhi, Flavio Piva, Angelo Porro, Salvatore Saporito e Pierpaolo Stra espressione delle Banche di Credito Cooperativo, Giuseppe Bernardi, Paola Leone, Luigi Menegatti, Mario Minoja e Laura Zoni in qualità di consiglieri indipendenti. Il collegio sindacale risulta invece così composto: Fernando Sbarbati (Presidente), Riccardo Andriolo, Barbara Zanardi, Alessandro Grange (Supplente) e Gianfranco Antonio Vento (Supplente).

Giuseppe Maino confermato alla presidenza

Al termine dell’Assemblea, il Consiglio di Amministrazione ha svolto la sua prima riunione, confermando Giuseppe Maino alla presidenza del CDA di Iccrea Banca. Giuseppe Maino, 66 anni di Carugate (Milano), ingegnere e imprenditore nel mercato della progettazione meccanica, è il Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Milano, la più grande BCC della Lombardia.

Con riferimento al Bilancio consolidato 2018, l’ultimo della storia del Gruppo bancario Iccrea, si evidenzia un utile netto di 7,5 milioni di euro. Risultato soddisfacente, anche in relazione a significativi eventi di natura straordinaria, tra cui la contribuzione al Fondo di Risoluzione (BRRD) per complessivi 34 milioni e gli oneri progettuali connessi alla costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, per 24 milioni.

Dall’esito del bilancio consolidato viene confermato, anche nel 2018, il particolare impegno profuso dal Gruppo Iccrea a sostegno delle BCC e dei loro territori, con la corresponsione alle stesse BCC di 427 milioni di euro di commissioni per l’operatività svolta insieme nei vari segmenti del Gruppo. Un risultato in crescita dell’11% rispetto all’esercizio precedente.

I principali dati patrimoniali

Nel corso dei lavori assembleari sono state anche illustrate le prime stime dei principali dati patrimoniali ed economici del nuovo Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, che evidenziano un attivo di 150 miliardi di euro, di cui 83 miliardi di impieghi a clientela, con un’incidenza dei crediti deteriorati netti del 7,9% (in forte contrazione rispetto all’anno precedente), un total capital ratio del 15,7% e un utile netto di 307 milioni di euro.

“Ringrazio il nuovo Consiglio di Amministrazione di Iccrea Banca – ha dichiarato Maino –, per questo incarico che per me è motivo di orgoglio. Alla fine di questo lungo e complesso percorso, possiamo dire che la costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea è davvero una grande opportunità non solo per il Credito Cooperativo ma per l’economia italiana nel suo complesso. Sono fiducioso che sapremo confermare e migliorare la lunga storia che ha visto le BCC protagoniste dello sviluppo dei territori italiani”.

“Nonostante il grande sforzo prodotto nella costruzione del Gruppo Bancario Cooperativo – ha aggiunto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – le strutture esecutive del Gruppo bancario Iccrea non hanno mai fatto mancare il supporto quotidiano all’’operatività delle BCC. Nel 2018, lo stock dei finanziamenti alle BCC ha raggiunto 19 miliardi di euro, quello alle famiglie e imprese soci e clienti delle BCC rispettivamente 2,1 e 9,2 miliardi di euro. Sempre nel 2018, il valore economico creato per le BCC ha superato i 400 milioni di euro. Inoltre, Iccrea è intervenuta a sostegno della patrimonializzazione delle BCC aderenti sia attraverso la sottoscrizione di passività subordinate sia attraverso la strutturazione di operazioni di de-risking per complessivi 3,1 miliardi di euro. Grazie ad una accresciuta capacità di generare sinergie, nella nuova configurazione, il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea sarà uno strumento ancora più efficace per consentire alla banca locale di continuare nella sua missione di sostegno e sviluppo del territorio, incrementandone al contempo la solidità e la stabilità. Ringrazio le BCC aderenti per l’apprezzamento e la fiducia dimostrata con la sottoscrizione del recente aumento di capitale e tutti i miei collaboratori per gli straordinari risultati raggiunti in questi tre anni di intenso lavoro”.

Il Gruppo è ormai una realtà

Dallo scorso 4 marzo il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea è realtà: le 142 BCC, Iccrea Banca e le società direttamente e indirettamente controllate da Iccrea hanno dato origine al primo Gruppo Bancario a capitale interamente italiano e al più grande Gruppo bancario cooperativo in Italia. Al 31 dicembre 2018, il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea può già contare su più di 4 milioni di clienti, oltre 2.600 sportelli presenti in 1.745 comuni italiani, un attivo di circa 150,2 miliardi di euro e fondi propri per circa 11,3 miliardi di euro. Queste dimensioni collocano complessivamente il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea tra i primi 4 gruppi bancari italiani.

Leggi anche:  Visione, innovazione e impegno: i giovani immaginano il territorio

In Lombardia le BCC che hanno aderito al Gruppo sono: BCC Carate Brianza; BCC Brianza e Laghi; BCC di Triuggio e della Valle del Lambro; BCC Milano; CRA Cantù; BCC del Garda; BCC Bergamasca e Orobica; Cassa Rurale di Treviglio; BCC di Busto Garolfo e Buguggiate; Banca Centropadana; BCC di Borghetto Lodigiano; BCC di Mozzanica; Banca della Valsassina; BCC dell’Oglio e del Serio; BCC del Basso Sebino; BCC Bergamo e Valli; CRA di Rivarolo Mantovano; BCC di Lezzeno; BCC di Agrobresciano; BCC del Credito Padano; BCC di Caravaggio Adda e Cremasco; CRA di Binasco; Banca Cremasca e Mantovana.