Mercato contadino Mantova: Campagna Amica vince il ricorso presentato dal Consorzio Agrituristico Mantovano e ottiene l’assegnazione del servizio.

La decisione del Tribunale amministrativo regionale

Il Tar di Brescia ha assegnato il servizio di Mercato Contadino a Campagna Amica respingendo il ricorso che era stato presentato dal Consorzio Agrituristico Mantovano. D’ora in avanti, quindi, il mercato contadino sul Lungorio e in piazza di Porta Giulia, nel quartiere di Cittadella, sarà gestito da Campagna Amica, dopo la conferma da parte del Tar in merito alla correttezza della procedura di assegnazione del servizio da parte del Comune di Mantova. Nei prossimi giorni Campagna Amica Mantova incontrerà il Comune per definire le tempistiche di ingresso e organizzazione delle due aree mercatali.

Le dichiarazioni di Coldiretti e Campagna Amica

“Coldiretti Mantova e Campagna Amica hanno partecipato al bando indetto dal Comune di Mantova aggiudicandosi l’assegnazione della gestione lo scorso settembre – riassume il presidente di Coldiretti MantovaPaolo Carra -. Non abbiamo mai voluto fare polemiche di alcun genere, ma anzi abbiamo lasciato che la giustizia facesse il proprio corso, consapevoli di aver partecipato al bando presentando una proposta innovativa nel rispetto dei cittadini, dei consumatori, dei produttori e dell’amministrazione comunale”. Afferma dal canto suo Giuseppe Groppelli, presidente di Agrimercato Mantova:  “Abbiamo voglia di cominciare a lavorare e ribadiamo quanto abbiamo sempre ritenuto un aspetto inderogabile: il mercato di Campagna Amica sul Lungorio è aperto a tutti gli attuali operatori e a tutte le imprese agricole che fanno vendita diretta, a qualsiasi associazione agricola appartengano, così come ha riconosciuto la sentenza”.

Leggi anche:  Le imprese e la crisi: summit di Confartigianato a Mantova

Mercato contadino Mantova: si va al Consiglio di Stato

Dal canto suo il Consorzio Agrituristico Mantovano, che aveva presentato ricorso contro l’assegnazione a Campagna Amica, non si tira indietro: “Nonostante la sentenza del Tar – specifica il gruppo – ritieniamo ancora valide le ragioni del ricorso e per questo l’azione giudiziaria continuerà appellandosi al Consiglio di Stato. Ringraziamo le organizzazioni agricole Confagricoltura e Cia e le tante associazioni sociali e civili che hanno collaborato al funzionamento del mercato contadino del Lungorio, uno dei più longevi del Paese e punto di riferimento a livello nazionale. Vanno ringraziate, anche, le tante aziende agricole che hanno assicurato la continuità del mercato e dei piani colturali pur in una situazione di estrema incertezza, così come vanno ringraziati i tanti cittadini che, in questi lunghi mesi, hanno sostenuto il mercato frequentandolo in misura crescente”.

 

LEGGI ANCHE: Palazzo della Ragione, l’incredibile video: un anno di “restyling” in 3 minuti