Economia e scuola Sotto il Po14 Maggio 2019

Visione, innovazione e impegno: i giovani immaginano il territorio

Da un progetto di alternanza scuola lavoro nascono tre progetti di rigenerazione urbana.

Co-progettare coi giovani significa investire nel futuro di tutti: da questa convinzione è nato un importante progetto di rigenerazione urbana che ha coinvolto dei ragazzi in un percorso di alternanza scuola-lavoro, enti pubblici e privati e cittadini di ogni età sul distretto suzzarese e nel basso mantovano.

Il progetto

Un progetto nato grazie alla collaborazione tra Co.Al.Co. (Coprogettare Alternanza Collaborativa), l’ISS Manzoni di Suzzara eGiovenTu, uno dei progetti vincitori della terza edizione del bando “Welfare di comunità” di Fondazione Cariplo, che ha l’obiettivo di favorire l’inclusione sociale e restituire un ruolo attivo nella comunità ai giovani dagli 11 ai 25 anni. Due classi di ragazzi della quarta liceo scientifico di Suzzara in alternanza scuola lavoro, supportati da docenti di metodologia partecipata hanno progettato la rigenerazione del Manico del Paioloa Motteggiana a ridosso del fiume PO, la Teen Housenel comune di Suzzara e il rinnovato il Mercato dell’immaginazione nel Comune di Gonzaga. Insieme agli insegnanti ed ai facilitatori, ragazze e ragazzi hanno scelto quali progetti di rigenerazione urbana sviluppare fra quelli proposti dalla cabina di regia di GiovenTu. Poi sono nati gruppi di lavoro, formati da giovani intenzionati a trasmettere la loro visione originale al territorio. Non sono mancate discussioni appassionate durante le quali i facilitatori di Gioven-TU hanno affiancato i giovani nell’individuazione delle strategie più adeguate all’obiettivo da raggiungere, accompagnandoli passo dopo passo nella scrittura del progetto e nella messa in rete con le risorse che il territorio stesso offre.

Dopo mesi di lavoro continuativo sono nate 3 progettazioni sociali che hanno coinvolto circa 20 ragazzi: la prima sulla rigenerazione di un’area golenale abbandonata, la seconda sull’organizzazione di un evento per giovani artisti e la terza sull’apertura di uno spazio dedicato ai giovani in cui poter andare a studiare, incontrare amici e a svagarsi.

Adesso si è ad un punto decisivo: con quali fondi realizzare i sogni dei ragazzi?

Raccolte fondi

Ecco perché a marzo sono state attivate tre campagne di crowfunding allo scopo di raccogliere finanziamenti ma anche di richiamare l’attenzione della comunità. Tre sono gli appuntamenti a sostegno delle raccolte fondi. L’11 maggio nel Comune di Gonzaga è stato presentato il “GonzagArt”, un festival artistico dedicato ai giovani che si svolgerà nell’ambito della Festa dei Popoli di Gonzaga. Il 14 maggio ci sarà una biciclettata per sensibilizzare alla rigenerazione dell’area golenale del Comune di Motteggiana. E il 21 giugno verrà raccontato “Teen House” a Suzzara, uno spazio limitrofo al museo di arte contemporanea che per anni è stato sede della scuola di musica comunale. Qui nascerà uno spazio di aggregazione dove studiare insieme o individualmente, vedere film, ascoltare e fare musica e dove si svilupperanno dei laboratori per i giovani del territorio.Alcuni imprenditori e giovani del Rotary, il RotarAct, hanno dato già la loro disponibilità a sostenere il progetto.

Leggi anche:  Bando Faber: 7 milioni di euro per le micro e piccole imprese INFO

Marco Coalco, 18 anni, uno dei ragazzi coinvolti nella coprogettazione racconta che al primo incontro con con l’ufficio tecnico del Comune il loro progetto è stato bocciato perché prevedeva interventi strutturali troppo importanti.

Il sondaggio

Il lavoro dei ragazzi insieme ai facilitatori è ricominciato da incontri, brainstorming e un sondaggio. Al sondaggio, attivato a scuola e su instagram, hanno partecipato 200 ragazzi. Abbiamo chiesto: da dove vieni? cosa manca nel tuo territorio? il week end dove vai? come ti diverti? cosa potresti fare? se avessi una stanza vuota cosa ci faresti? Marco è molto orgoglioso di avere partecipato a questo progetto, che ritiene positivo per il suo territorio perché risponde alla necessità di avere a Suzzara uno spazio creativo e protetto per i giovani, e invita tutti quelli che in questo progetto ci credono a prenderne parte. Con idee, energie o con una donazione.

Manico del Paiolo a Motteggiana, Teen House e GonzagArt sonotre esperienze molto diverse, innovative, creative, unite dallo stesso entusiasmo. Progetti e luoghi destinati a crescere ed evolversi proprio come i ragazzi che li hanno immaginati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *