Giornale di Mantova https://giornaledimantova.it Tue, 20 Nov 2018 16:40:19 +0000 it-IT hourly 1 Presi trafficanti di cuccioli, ne avevano 65 nel bagagliaio VIDEO https://giornaledimantova.it/cronaca/presi-trafficanti-di-cuccioli-ne-avevano-65-nel-bagagliaio-video/ https://giornaledimantova.it/cronaca/presi-trafficanti-di-cuccioli-ne-avevano-65-nel-bagagliaio-video/#respond Tue, 20 Nov 2018 16:33:43 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12760 Otto persone arrestate per traffico internazionale di cuccioli. E’ l’esito di un’operazione della Polstrada di Amaro (Ud). L’associazione criminale operava nelle province lombarde ed emiliane. Traffico internazionale di cuccioli, 8 arresti Cuccioli acquistati in Ungheria, Polonia e Slovacchia a 50-100 euro e rivenduti poi in Italia al prezzo di 750-850 euro è quanto scoperto dalla Polizia […]

Continua la lettura di Presi trafficanti di cuccioli, ne avevano 65 nel bagagliaio VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>
Otto persone arrestate per traffico internazionale di cuccioli. E’ l’esito di un’operazione della Polstrada di Amaro (Ud). L’associazione criminale operava nelle province lombarde ed emiliane.

Traffico internazionale di cuccioli, 8 arresti

Cuccioli acquistati in Ungheria, Polonia e Slovacchia a 50-100 euro e rivenduti poi in Italia al prezzo di 750-850 euro è quanto scoperto dalla Polizia stradale di Udine che ha arrestato 8 persone responsabili di traffico internazionale di cuccioli di cane. A darne notizia i colleghi del GiornalediTreviglio.it. L’indagine è partita nel dicembre scorso quando una pattuglia della Stradale della sottosezione di Amaro ha fermato un automezzo con a bordo 65 cuccioli stipati nel bagagliaio. Gli animali erano in sovrannumero, posti in scatole di cartone o in ceste di plastica, all’interno del bagagliaio con insufficiente ventilazione e privi di sistemi di abbeveraggio.

Importazione dall’Est Europa

L’associazione criminale, che operava in Lombardia ed Emilia Romagna importava gli animali dall’Ungheria, dalla Polonia e dalla Slovacchia, utilizzando i valichi della provincia di Udine. Grazie a pedinamenti, intercettazioni e all’utilizzo di apparecchiature satellitari, i poliziotti hanno potuto constatare l’esistenza di un vasto traffico di animali da compagnia gestito da un’organizzazione che, non solo importava illegalmente dall’estero i cuccioli, ma provvedeva anche a “regolarizzarli” e alla loro successiva commercializzazione.

Morte dei cuccioli

Non era raro che, dopo l’acquisto, il cucciolo morisse proprio a causa della mancata profilassi post nascita e al forte stress al quale era stato sottoposto durante il viaggio di ingresso in Italia, effettuato nella mancanza assoluta di condizioni igieniche adeguate.

Continua la lettura di Presi trafficanti di cuccioli, ne avevano 65 nel bagagliaio VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/presi-trafficanti-di-cuccioli-ne-avevano-65-nel-bagagliaio-video/feed/ 0
Incidente stradale, alcol e malori SIRENE DI NOTTE https://giornaledimantova.it/cronaca/incidente-stradale-alcol-e-malori-sirene-di-notte/ Tue, 20 Nov 2018 06:29:05 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12709 Incidente stradale, alcol e malori: mezzi di soccorso in azione nella notte appena passata. Incidente stradale a Castelverde Se l’è vista brutta un 69enne intorno a mezzanotte a causa di un incidente stradale. Per cause ancora da accertare l’uomo ha perso il controllo della propria vettura che è uscita di strada lungo la exss415 in […]

Continua la lettura di Incidente stradale, alcol e malori SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Incidente stradale, alcol e malori: mezzi di soccorso in azione nella notte appena passata.

Incidente stradale a Castelverde

Se l’è vista brutta un 69enne intorno a mezzanotte a causa di un incidente stradale. Per cause ancora da accertare l’uomo ha perso il controllo della propria vettura che è uscita di strada lungo la exss415 in località Costa Sant’Abramo a Castelverde. Sul posto, in codice giallo, un’ambulanza della Croce Verde di Cremona e le Forze dell’Ordine per i rilievi. Fortunatamente la situazione si è presentata meno grave del previsto, dopo i primi accertamenti, infatti, per il 69enne nessun trasporto in ospedale.

Lodi

Nottata tranquilla nel Lodigiano, da segnalare solo un intervento per un malore a Lodi in viale Italia. L’allarme è scattato poco dopo le 23.30 per un giovane di 28 anni che è stato successivamente trasportato in ospedale per controlli.

Mantova

Intorno alle 23.30 di ieri sera, lunedì 19 novembre, i paramedici del 118 sono stati allertati per un abuso di alcol in viale Dunant a Castiglione delle Stiviere. Sul posto i volontari hanno soccorso un uomo di 41 anni, successivamente trasportato in ospedale in codice verde.
Soccorsa per un malore invece una ragazza di 17 anni a Mantova in piazza Cavallotti poco dopo le 23. Per lei trasporto in ospedale in codice verde.

Pavia

Notte tranquilla anche nel Pavese sul fronte dei soccorsi. Da segnalare un intervento a Pavia presso l’impianto sportivo di via Agostino Bassi. Un 25enne, infatti, è dovuto ricorrere alle cure dei medici a seguito di uno scontro di gioco. Per lui niente di preoccupante e trasporto in ospedale per le cure del caso.

Continua la lettura di Incidente stradale, alcol e malori SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Omicidio Bailo: Manuela è stata sgozzata https://giornaledimantova.it/cronaca/omicidio-bailo-manuela-e-stata-sgozzata/ Tue, 20 Nov 2018 15:58:16 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12757 Omicidio Bailo: Manuela è stata sgozzata. La conferma è arrivata con l’esito completo dell’autopsia sul corpo della 35enne di Nave. Omicidio Bailo: Manuela è stata sgozzata E’ stata uccisa con un taglio alla gola. A riportare la notizia i colleghi di BresciaSettegiorni.it. La peggiore della ipotesi è stata confermata dagli esiti completi dell’autopsia. Manuela Bailo è stata sgozzata […]

Continua la lettura di Omicidio Bailo: Manuela è stata sgozzata su Giornale di Mantova.

]]>
Omicidio Bailo: Manuela è stata sgozzata. La conferma è arrivata con l’esito completo dell’autopsia sul corpo della 35enne di Nave.

Omicidio Bailo: Manuela è stata sgozzata

E’ stata uccisa con un taglio alla gola. A riportare la notizia i colleghi di BresciaSettegiorni.it. La peggiore della ipotesi è stata confermata dagli esiti completi dell’autopsia. Manuela Bailo è stata sgozzata dal suo assassino; l’unico accusato risulta essere oggi l’ospitalettese Fabrizio Pasini, suo amante.

Pasini ha sempre negato

Solo adesso, a distanza di circa 3 mesi, è finalmente chiara la dinamica dei fatti che hanno portato alla morte la 35enne di Nave. Pasini sosteneva che la donna fosse caduta dalle scale durante un litigio. Una versione ora smentita dai risultati dell’esame autoptico.

Per tutti gli aggiornamenti su BresciaSettegiorni.it

Continua la lettura di Omicidio Bailo: Manuela è stata sgozzata su Giornale di Mantova.

]]>
Goitese limiti stradali di velocità: nuove diposizioni dopo l’asfaltatura https://giornaledimantova.it/attualita/goitese-limiti-stradali-di-velocita-nuove-diposizioni-dopo-lasfaltatura/ https://giornaledimantova.it/attualita/goitese-limiti-stradali-di-velocita-nuove-diposizioni-dopo-lasfaltatura/#respond Tue, 20 Nov 2018 14:51:30 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12745 Goitese limiti stradali: revocati su alcuni tratti dopo la messa in sicurezza della strada. Goitese limiti stradali Revoca del limite dei 50 all’ora in alcuni tratti della Goitese: da ieri mattina alle ore 13, infatti, tra il diversivo, nel territorio di Marmirolo, e Marsiletti di Goito, ultimato il tracciamento della segnaletica orizzontale e conclusi i lavori […]

Continua la lettura di Goitese limiti stradali di velocità: nuove diposizioni dopo l’asfaltatura su Giornale di Mantova.

]]>
Goitese limiti stradali: revocati su alcuni tratti dopo la messa in sicurezza della strada.

Goitese limiti stradali

Revoca del limite dei 50 all’ora in alcuni tratti della Goitese: da ieri mattina alle ore 13, infatti, tra il diversivo, nel territorio di Marmirolo, e Marsiletti di Goito, ultimato il tracciamento della segnaletica orizzontale e conclusi i lavori di asfaltatura sono ritornati i consueti standard di velocità previste per le provinciali. I recenti interventi hanno infatti permesso il ripristino delle condizioni di sicurezza veicolare per consentire velocità superiori ai 50 chilometri all’ora. Il limite era stato introdotto dalla Provincia nel maggio scorso visto il deterioramento del fondo stradale.

LEGGI ANCHE: Si taglia le vene e manda le foto alla fidanzata

 

Continua la lettura di Goitese limiti stradali di velocità: nuove diposizioni dopo l’asfaltatura su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/goitese-limiti-stradali-di-velocita-nuove-diposizioni-dopo-lasfaltatura/feed/ 0
L’Oglio-Po nella preistoria raccontato dai fratelli Anghinelli https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/loglio-po-nella-preistoria-raccontato-dai-fratelli-anghinelli/ https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/loglio-po-nella-preistoria-raccontato-dai-fratelli-anghinelli/#respond Tue, 20 Nov 2018 14:59:19 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12748 La preistoria nell’Oglio-Po: scopriamo come era il territorio nei tempi remoti. La preistoria nell’Oglio-Po La storia di Sabbioneta è stata indagata da un gran numero di studiosi la maggior parte dei quali però ha limitato l’indagine al periodo cinquecentesco quando Vespasiano Gonzaga trasformò un vecchio villaggio medievale in una capitale. La storia della Città tuttavia […]

Continua la lettura di L’Oglio-Po nella preistoria raccontato dai fratelli Anghinelli su Giornale di Mantova.

]]>
La preistoria nell’Oglio-Po: scopriamo come era il territorio nei tempi remoti.

La preistoria nell’Oglio-Po

La storia di Sabbioneta è stata indagata da un gran numero di studiosi la maggior parte dei quali però ha limitato l’indagine al periodo cinquecentesco quando Vespasiano Gonzaga trasformò un vecchio villaggio medievale in una capitale. La storia della Città tuttavia è molto più antica ed ha attraversato tutte le fasi delle vicende umane a partire dalla preistorica Età del Bronzo; queste epoche però sono molto meno conosciute di quella Rinascimentale.

Viaggio nella preistoria

Per contribuire a colmare questa lacuna l’Associazione Pro Loco, che da decenni si impegna per divulgare la conoscenza della storia locale, organizza, a Sabbioneta nell’Aula Magna di Palazzo Forti, venerdì 23 novembre alle ore 20:45, la conferenza “Breve viaggio nella preistoria” dedicata alle origini di Sabbioneta e del suo territorio, all’età del bronzo, alla nascita dell’agricoltura, dell’allevamento e i loro sviluppi nel tempo e nello spazio. Relatori saranno Sergio e Antonio Anghinelli, viadanesi, ispettori onorari della soprintendenza ai beni archeologici della Lombardia che, attraverso la proiezione di diapositive, illustreranno le vicende degli insediamenti nella preistoria partendo dal Nord Italia per arrivare alle nostre zone; aspetti storici, economici e culturali del territorio compreso tra i fiumi Oglio e Po nel periodo compreso tra il Neolitico e l’età romana. In particolare nel territorio del comune di Sabbioneta molti ritrovamenti testimoniano la presenza umana fin dalle epoche più remote e la città murata attuale sorge su un’area che attorno al 1400 a.c. circa era uno stanziamento di grandi dimensioni. Alla stessa epoca risalgono ritrovamenti in località vicine come Belforte, Bellaguarda, Cogozzo, Fossacaprara, Piadena, Poviglio, San Martino dall’Argine e Viadana.

Partecipazione gratuita

La conferenza, coordinata da Alberto Sarzi Madidini, rientra nelle iniziative organizzate per l’ottantesimo di fondazione della Pro Loco; la partecipazione è libera, gratuita e aperta a tutta la cittadinanza.

LEGGI ANCHE: Truffatore per anni nel Mantovano scappa in Ungheria ma finisce male

Continua la lettura di L’Oglio-Po nella preistoria raccontato dai fratelli Anghinelli su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/loglio-po-nella-preistoria-raccontato-dai-fratelli-anghinelli/feed/ 0
Consiglio regionale e Anci, firmato protocollo d’intesa https://giornaledimantova.it/politica/consiglio-regionale-e-anci-firmato-protocollo-dintesa/ Tue, 20 Nov 2018 15:10:45 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12751 Consiglio regionale e Anci, firmato protocollo d’intesa. L’unione fa la forza. E’ stato sottoscritto questa mattina a Palazzo Pirelli il protocollo d’intesa tra Consiglio regionale della Lombardia e Anci Lombardia. A firmare l’accordo il presidente dell’Assise regionale Alessandro Fermi e il presidente di Anci Lombardia Virginio Brivio. Il documento e gli obiettivi La finalità principale del protocollo è quella di rafforzare i […]

Continua la lettura di Consiglio regionale e Anci, firmato protocollo d’intesa su Giornale di Mantova.

]]>
Consiglio regionale e Anci, firmato protocollo d’intesa. L’unione fa la forza. E’ stato sottoscritto questa mattina a Palazzo Pirelli il protocollo d’intesa tra Consiglio regionale della Lombardia e Anci Lombardia. A firmare l’accordo il presidente dell’Assise regionale Alessandro Fermi e il presidente di Anci Lombardia Virginio Brivio.

Il documento e gli obiettivi

La finalità principale del protocollo è quella di rafforzare i rapporti e lo scambio di informazioni tra l’associazione dei Comuni lombardi e il Consiglio regionale, nell’intento di promuovere una sempre maggiore sensibilizzazione dell’azione amministrativa e legislativa regionale nel recepimento delle aspettative e delle richieste dei Comuni e degli Enti locali.  Il protocollo si pone tra gli obiettivi principali quello di concretizzare una maggiore ed efficace partecipazione dei Comuni alle attività del Consiglio regionale; rendere più efficace il ruolo del CAL, il Consiglio delle Autonomie Locali, nell’interlocuzione con il Consiglio regionale; realizzare iniziative comuni sul territorio che consentano agli Enti locali di partecipare alla costruzione del percorso di autonomia regionale in atto; individuare e strutturare occasioni di aggiornamento sui temi di finanza locale con il supporto di Polis Lombardia e avvalendosi della presenza in Anci Lombardia dell’istituto per la Finanza e l’Economia Locale; promuovere momenti di confronto e di formazione cui far partecipare funzionari del Consiglio regionale e dei Comuni; studiare e attivare progetti Europei nei settori di reciproco interesse.

Il commento di Fermi

“In questa legislatura il Consiglio regionale dovrà cercare di essere sempre di più non solo la casa di tutti i cittadini lombardi, ma anche e soprattutto la casa di tutti gli amministratori locali– ha evidenziato Fermi – Lo dico guardando al quadro del nostro sistema delle autonomie locali che oggi vede l’Ente Provincia incapace di svolgere quel ruolo di interfaccia con i Comuni che per anni ha regolato i rapporti. Vedo quindi la necessità di creare una corsia privilegiata con tutti gli amministratori locali, a iniziare dai tantissimi sindaci dei piccoli Comuni, che nell’istituzione regionale devono trovare un supporto e un aiuto anche in termini di competenze che qui certamente non mancano. La firma di questo protocollo pone oggi le basi per iniziative e azioni condivise a sostegno dei nostri Comuni e rafforza il percorso istituzionale per la richiesta di maggiori forme di autonomia avanzata dalla nostra Regione”.

La soddisfazione di Anci

Soddisfatto anche il presidente di Anci Lombardia Virginio Brivio: “Questo protocollo non ha solo valore simbolico e politico, ma investe in modo concreto e con impegni e azioni precise molti ambiti di interesse comune. Come Anci non possiamo che esprimere piena soddisfazione pronti a fare la nostra parte per quanto ci compete”.

Durata e costi

Il protocollo avrà durata e validità per l’intera legislatura, e sarà poi sottoposto a successivo rinnovo consensuale. Le risorse necessarie per l’attuazione degli interventi saranno di volta in volta concordate e definite dalle parti in sede di approvazione dei singoli progetti.

Continua la lettura di Consiglio regionale e Anci, firmato protocollo d’intesa su Giornale di Mantova.

]]>
Truffatore seriale sogna il suo buen retiro in Ungheria ma finisce male https://giornaledimantova.it/cronaca/truffatore-seriale-sogna-il-suo-buen-retiro-in-ungheria-ma-finisce-male/ https://giornaledimantova.it/cronaca/truffatore-seriale-sogna-il-suo-buen-retiro-in-ungheria-ma-finisce-male/#respond Tue, 20 Nov 2018 14:40:21 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12740 Nei giorni scorsi è stato estradato dall’Ungheria in Italia, a conclusione di una complessa attività d’indagine intrapresa dalla Squadra Mobile virgiliana, il cittadino italiano  G.R., di anni 48, cremonese di nascita, colpito da mandato di arresto europeo per essersi sottratto all’esecuzione di svariati provvedimenti di carcerazione della Giustizia Italiana. LEGGI ANCHE: Arrestata banda violenta responsabile […]

Continua la lettura di Truffatore seriale sogna il suo buen retiro in Ungheria ma finisce male su Giornale di Mantova.

]]>
Nei giorni scorsi è stato estradato dall’Ungheria in Italia, a conclusione di una complessa attività d’indagine intrapresa dalla Squadra Mobile virgiliana, il cittadino italiano  G.R., di anni 48, cremonese di nascita, colpito da mandato di arresto europeo per essersi sottratto all’esecuzione di svariati provvedimenti di carcerazione della Giustizia Italiana.

LEGGI ANCHE: Arrestata banda violenta responsabile di una cruenta rapina

Truffatore seriale

G.R., truffatore seriale, risultava infatti destinatario di ben 5 provvedimenti di cattura, emessi da varie Procure della Repubblica nel corso degli ultimi 10 anni, per una pena complessiva da scontare di 8 anni e 6 mesi di reclusione. Alcune truffe sono state commesse da G.R. anche nella provincia di Mantova, nel 2010 e nel 2016.  

Estradizione

Le ricerche – estese a 360 gradi – degli investigatori della Squadra Mobile, consentivano di appurare  che l’uomo da 2004 aveva spostato la propria dimora in Ungheria, circostanza che ha fatto scattare immediati contatti con l’Interpol, ai fini della sua estradizione. Dopo l’esperimento delle procedure previste in ambito europeo, con la collaborazione delle Autorità Ungheresi, G.R. veniva fermato a Zamardi (Ungheria), imbarcato su volo da Budapest e successivamente consegnato alla Polizia Italiana, che l’ha arrestato.

LEGGI ANCHE: si taglia le vene e manda le foto alla fidanzata

 

Continua la lettura di Truffatore seriale sogna il suo buen retiro in Ungheria ma finisce male su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/truffatore-seriale-sogna-il-suo-buen-retiro-in-ungheria-ma-finisce-male/feed/ 0
Arrestata banda violenta di rapinatori responsabili del cruento furto al “Mirage” https://giornaledimantova.it/cronaca/arrestata-banda-violenta-di-rapinatori-responsabili-del-cruento-furto-al-mirage/ https://giornaledimantova.it/cronaca/arrestata-banda-violenta-di-rapinatori-responsabili-del-cruento-furto-al-mirage/#respond Tue, 20 Nov 2018 14:06:35 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12734 Arrestata banda violenta dopo quasi un anno di indagini: avevano seminato il panico per la modalità con cui avevano malmenato e minacciato durante la rapina. Arrestata banda violenta Dopo quasi un anno e mezzo di indagini i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Castiglione delle Stiviere hanno arrestato i componenti della banda che il […]

Continua la lettura di Arrestata banda violenta di rapinatori responsabili del cruento furto al “Mirage” su Giornale di Mantova.

]]>
Arrestata banda violenta dopo quasi un anno di indagini: avevano seminato il panico per la modalità con cui avevano malmenato e minacciato durante la rapina.

Arrestata banda violenta

Dopo quasi un anno e mezzo di indagini i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Castiglione delle Stiviere hanno arrestato i componenti della banda che il 2 aprile dello scorso anno aveva rapinato la sala giochi “MIRAGE” di Castiglione delle Stiviere e che tanta risonanza aveva avuto nell’opinione pubblica per le violente modalità con cui era stata compiuta.

Le indagini

Le indagini erano state avviate immediatamente dopo la cruenta rapina messa a segno da due individui che,  mascherati con passamontagna e armati di pistola, alle 04.00 circa del 02 aprile 2017 avevano fatto irruzione nella sala giochi Mirage di Castiglione delle Stiviere, pochi minuti prima della chiusura, mentre all’interno del locale erano presenti la commessa, impegnata nelle operazioni contabili alla cassa, e due clienti che giocavano in due distinte “slot machine”. Uno dei malviventi, quello armato di pistola, si avventava nei confronti della commessa che prima scaraventava a terra e poi strattonava ripetutamente per intimorirla, mentre l’altro malvivente prelevava dal registratore di cassa l’intero incasso, pari a circa 10.000 euro tra contanti e assegni, che riponeva in un borsone prima di darsi alla fuga, a piedi, nelle vie limitrofe.

LEGGI ANCHE: Manda la madre in ospedale perchè non le fa pubblicare video su Youtube

Cliente complice

Le meticolose indagini svolte dai militari del Nucleo Operativo di Castiglione delle Stiviere permettevano di capire, da subito, che uno dei due clienti, apparentemente impegnato a giocare nelle cd. “macchinette “, in realtà era un loro complice che teneva d’occhio la sala slot per riferire ai “compari” il momento propizio per fare l’irruzione. Da questo particolare, l’inizio delle articolate e complesse indagini che hanno portato i militari di Castiglione a raccogliere prove inconfutabili a carico dei rapinatori che nel frattempo avevano stabilito, probabilmente solo temporaneamente, le loro dimore a Milano, Verona e in provincia di Avellino. Nei giorni scorsi, il G.I.P. del Tribunale di Mantova, condividendo pienamente con quanto proposto dalla Procura della Repubblica di Mantova, ha quindi emesso l’Ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dei tre responsabili della rapina alla sala slot “Mirage “.  

Chi sono

I militari del Nucleo Operativo di Castiglione  delle Stiviere al Comando del S. Tenente Angelo Calvetti e coordinati dal Comandante della Compagnia, Maggiore Simone Toni, in  collaborazione con la Compagnia Carabinieri di Milano Porta Magenta e con quella di Avellino, hanno dato esecuzione all’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal Tribunale di Mantova nei confronti di H.S. 26enne del Bangladesh e Y.A. 20enne egiziano, entrambi residenti a Milano, e di DM.S. 31enne, italiano, residente in provincia di Avellino,  ritenuti colpevoli, in concorso, del reato di rapina aggravata e porto illegale di arma comune da sparo. Due dei tre rapinatori sono stati raggiunti dai militari, uno a Verona e uno in provincia di Avellino, dove gli è stato notificato il provvedimento restrittivo che disponeva a carico di H.S. e di DM.S., la misura cautelare in carcere, rispettivamente in quelle di Verona e di Avellino, mentre a Y.A. è stata notificata la misura cautelare dell’obbligo di dimora in Milano. L’operazione,  ribadisce il Maggiore Simone Toni, conferma come, anche a distanza di tempo,  l’attenzione investigativa che la Compagnia di Castiglione delle Stiviere continua a rivolgere al fenomeno dei reati predatori nell’intero Alto Mantovano sia sempre viva e cogente alle aspettative di sicurezza reale e percepita del territorio.

LEGGI ANCHE: Si taglia le vene e manda la foto alla fidanzata

Continua la lettura di Arrestata banda violenta di rapinatori responsabili del cruento furto al “Mirage” su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/arrestata-banda-violenta-di-rapinatori-responsabili-del-cruento-furto-al-mirage/feed/ 0
Gite in Lombardia e Circuito Netweek: regala un’emozione lunga un anno https://giornaledimantova.it/attualita/gite-in-lombardia-e-circuito-netweek-regala-unemozione-lunga-un-anno/ Tue, 20 Nov 2018 15:13:02 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12754 Il regalo giusto per Natale? Regalate un’emozione lunga un anno. Oggi con Gite in Lombardia e Circuito Netweek si può. L’associazione con sede a Macherio, ma cuore e testa nei luoghi magici di Lombardia, propone per il secondo anno la soluzione perfetta per chi cerca un regalo intelligente, innovativo e sorprendete. La soluzione perfetta per […]

Continua la lettura di Gite in Lombardia e Circuito Netweek: regala un’emozione lunga un anno su Giornale di Mantova.

]]>
Il regalo giusto per Natale? Regalate un’emozione lunga un anno. Oggi con Gite in Lombardia e Circuito Netweek si può. L’associazione con sede a Macherio, ma cuore e testa nei luoghi magici di Lombardia, propone per il secondo anno la soluzione perfetta per chi cerca un regalo intelligente, innovativo e sorprendete.

La soluzione perfetta per un regalo intelligente

E’ il kit natalizio che comprende la card associativa valida per 12 mesi, il libretto di benvenuto dell’associazione, un pieghevole che illustra le proposte in programma tutto l’anno e le oltre 80 attività convenzionate riservate ai soci.

Partner d’eccezione per quest’anno le testate lombarde del gruppo Netweek: attraverso il kit di natale sarà infatti possibile sottoscrive un abbonamento in edicola o digitale ad un prezzo favorevole (Abbonamento Semestrale Coupon edicola a 19,90 euro – invece di 24,50 euro; Abbonamento Annuale Digitale a 32,59 euro – invece di 40,99 euro).

Gite in Lombardia e Circuito Netweek: regala un’emozione lunga un anno

I lettori del nostro circuito che acquisteranno la card potranno, inoltre, ottenere un coupon per una gita in omaggio e un esclusivo portfolio fotografico con i luoghi più cari agli oltre 950 soci di Gite in Lombardia.

Gite in Lombardia e Circuito Netweek: regala un’emozione lunga un anno
Il portfoglio fotografico

Chi è il destinatario ideale della Card di Natale?

“E’ un regalo speciale – spiegano Marco e Beatrice Villa, fondatori e anime di Gite in Lombardia – pensato per persone curiose ed appassionate che desiderano trascorre momenti piacevoli all’aria aperta, scoprire il territorio, fare nuove esperienze in cui trekking, cultura e sapori si mescolano, ma soprattutto per persone che amano stare in compagnia”.

Quali sono i vantaggi di chi riceverà la card in regalo?

“Sarà socio per 12 mesi, potrà scegliere tra 150 gite culturali e naturalistiche con guide professioniste durante tutto l’anno, potrà visitare oltre 80 musei, castelli, miniere e parchi a prezzi agevolati, e riceverà un buono per una gita omaggio, ma solo se aderirà alla campagna entro il 9 dicembre , mentre se è un lettore di Netweek manterrà questa possibilità fino al 20 dicembre e riceverà un portfoglio fotografico con i luoghi che ci sono più cari”.

Gite in Lombardia e Circuito Netweek: regala un’emozione lunga un anno

Come acquistare il catalogo

Il kit verrà spedito direttamente a casa in una speciale confezione regalo con biglietto da personalizzare. Per acquistalo CLICCA QUI

Qui è possibile scegliere diverse formule, possono essere infatti regalate card singole (35 euro), di coppia (50 euro), formato famiglia (primo socio 35 euro ,famigliare minorenne 5 euro, famigliare maggiorenne 15 euro).

“Lo scorso anno abbiamo proposto circa 150 iniziative – spiegano – ogni sabato, domenica e “feste comandate” i nostri soci possono scegliere una gita, un trekking, una visita guidata alla scoperta della regione”.

Un vario calendario di proposte

Un calendario di proposte che è davvero vario e, naturalmente segue i ritmi delle stagioni ”in autunno ed inverno non mancano gite naturaliste alla scoperta del meraviglioso foliage della Lombardia o escursioni con le ciaspole per chi vuole sperimentare la montagna in inverno, castagnate ed altri eventi legati ai frutti della stagione fredda, ma aumentano le proposte culturali alla scoperta delle città d’arte o di luoghi inconsueti”.

La formula è vincente e coniuga gli strumenti della tecnologia con il desiderio di fare nuove esperienze, trascorrere un “buon tempo libero”, “Ci si iscrive su internet, dove avvengono anche tutte le transazioni economiche, ma le nostre esperienze sono tutte in 3D – spiegano sorridendo – Attraverso il sito è anche possibile mettersi in contatto con altri soci per condividere il passaggio, una formula per fare amicizia, risparmiare e inquinare meno. Con il tempo “ Gite in Lombardia è diventata un punto di riferimento per centinaia di persone che decidono di scoprire il nostro territorio in compagnia di una guida esperta.E questo ci rende molto orgogliosi”.

Realtà giovane e… social

Gite in Lombardia è nata da poco più di un anno ma ha numeri da capogiro: 950 soci, oltre 150 appuntamenti all’anno, 160 mila followers su Facebook e collabora con 15 guide professioniste. Marco e Beatrice hanno saputo intercettare un bisogno e trasformarlo in un’avventura imprenditoriale fresca ed innovativa che funziona perché loro non smettono di divertirsi e di inventare nuove mete e sfide per i loro soci.

Per ricevere i vantaggi riservati ai lettori delle testate del gruppo Netweek al termine dell’acquisto del kit sul sito di Gite in Lombardia è necessario inviare un sms o messaggio WhatsApp al numero 371 320 6816 indicando NOME e COGNOME di chi ha acquistato il regalo e il codice NATALE2018. In questo modo si potrà ricevere il coupon per la prima gita anche oltre al termine del 9 dicembre e il portfolio in esclusiva con le foto dei luoghi più belli della Lombardia.

Continua la lettura di Gite in Lombardia e Circuito Netweek: regala un’emozione lunga un anno su Giornale di Mantova.

]]>
Venerdì sciopero di medici e dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale https://giornaledimantova.it/economia/venerdi-sciopero-di-medici-e-dirigenti-del-servizio-sanitario-nazionale/ Tue, 20 Nov 2018 14:02:16 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12737 Anche in Lombardia venerdì 23 novembre 2018 i dipendenti medici, veterinari e gli altri dirigenti sanitari del Servizio Sanitario Nazionale incroceranno le braccia per 24 ore. Le ragioni della protesta La chiamata in soccorso di un SSN in sempre maggiore difficoltà vede unite tutte le sigle sindacali della dirigenza in quella che definiscono una delle […]

Continua la lettura di Venerdì sciopero di medici e dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale su Giornale di Mantova.

]]>
Anche in Lombardia venerdì 23 novembre 2018 i dipendenti medici, veterinari e gli altri dirigenti sanitari del Servizio Sanitario Nazionale incroceranno le braccia per 24 ore.

Le ragioni della protesta

La chiamata in soccorso di un SSN in sempre maggiore difficoltà vede unite tutte le sigle sindacali della dirigenza in quella che definiscono una delle più difficili vertenze degli ultimi anni.

Nonostante promesse e corteggiamenti non si è sinora visto nulla, fatta eccezione per un piccolo aumento del numero dei contratti per i nuovi specializzandi, che restano comunque sufficienti.

Gli obiettivi dell’agitazione

Le sigle puntano a ottenere:

  • Un finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale 2019 che preveda le risorse indispensabili per garantire i nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea) ai cittadini e per onorare i contratti di lavoro scaduti da 10 anni. E’ spregevole mettere in competizione, su risorse insufficienti, il diritto alla cura dei cittadini e quello a un dignitoso contratto di lavoro per i professionisti che quelle cure devono erogare.
  • L’erogazione alla Dirigenza medica, veterinaria e sanitaria degli stessi aumenti contrattuali previsti per il restante pubblico impiego, risolvendo in via definitiva l’annosa questione del riconoscimento dell’indennità di esclusività di rapporto nella loro massa salariale.
  • Il superamento, alla firma del CCNL, del congelamento al 2016 del trattamento accessorio posto dalla legge Madia, restituendo la Retribuzione Individuale di Anzianità dei dirigenti pensionati, patrimonio contrattuale irrinunciabile delle categorie, ai fondi aziendali per assicurare le risorse necessarie per carriere e disagio.
  • La cancellazione dell’anacronistico blocco della spesa per il personale della sanità, fissato al dato 2004 ridotto dell’1,4%, per facilitare il turnover del personale aprendo una grande stagione di assunzioni nel SSN in grado di fare fronte nei prossimi 5 anni al pensionamento del 40% dei medici, veterinari e dirigenti sanitari attualmente operanti come dipendenti nel SSN, completando altresì i percorsi di stabilizzazione dei precari della Dirigenza, avviati con la legge Madia, ma ancora disattesi in molte Regioni.
  • La previsione nella legge di bilancio per il 2019 del finanziamento di quota parte del contratto 2019-2021, o perlomeno dell’indennità di vacanza contrattuale, anche per sfuggire al sospetto di un nuovo blocco contrattuale.

Le criticità in Lombardia

A questi temi nazionali si aggiungono temi tipicamente lombardi, che acuiscono le difficoltà del servizio sanitario pubblico, quali, secondo i sindacati:

  • la mancata definizione dei fabbisogni e delle dotazioni organiche, ferme al rilievo fatto nel 1999, quindi quasi venti anni fa;
  • un Piano Sanitario per la Cronicità che ha mostrato tutta l’incapacità di mettere in filiera corretta le risorse territoriali costituite dai Medici di Medicina Generale e dai Pediatri di Libera Scelta, Specialisti Ambulatoriali, Professioni Sanitarie e della Prevenzione, Educazione ed Assistenza, scaricando tutto sulla parte Ospedaliera e distogliendola dalla sua funzione di gestione dell’Acuto e dell’Emergenza/Urgenza;
  • la vessazione dei giovani medici, assunti con iniqui contratti libero professionali senza le minime garanzie degne di un paese civile;
  • il netto decremento del numero dei medici veterinari che mette a repentaglio l’erogazione dei LEA;
  • una rete ospedaliera obsoleta nonostante la riforma e la presunta riorganizzazione che ha gravato sempre più sugli ospedali decretando il fallimento di una organizzazione territoriale affidata alle ex ASL e ora alle ATS;
  • le sempre più scarse possibilità di carriera dei medici ospedalieri, ne favoriscono la fuga verso il privato o verso la pensione visti i turni massacranti anche per i non più giovani.

Sinora la riforma, sempre secondo i sindacati, ha fatto registrare continui aumenti degli accessi al Pronto Soccorso la perdita di una Medicina di Elezione.

La sopravvivenza del SSN è sulle spalle dei suoi dirigenti sanitari, nel silenzio della politica, passata e presente, che ha considerato la sanità solo come un bancomat per i tagli lineari degli ultimi 10 anni. E in gioco non solo il futuro di un lavoro al servizio di un bene costituzionalmente tutelato ma anche quello della sanità pubblica e nazionale.

Così sostengono ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN – FVM Federazione Veterinari e Medici – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI – UIL FPL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLE AREE CONTRATTUALI MEDICA, VETERINARIA SANITARIA

Continua la lettura di Venerdì sciopero di medici e dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale su Giornale di Mantova.

]]>
Autostrada Cremona-Mantova, Fontana: “Solo fake news” https://giornaledimantova.it/politica/autostrada-cremona-mantova-fontana-solo-fake-news/ Tue, 20 Nov 2018 13:37:07 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12731 Autostrada Cremona-Mantova, Fontana “ Già convocato il tavolo per la competitività. Da Capetti e Salini solo inutile disinformazione”. Autostrada Cremona-Mantova “Abbiamo già individuato in martedì 11 dicembre la data in cui riuniremo congiuntamente i Tavoli per la competitività delle Province di Cremona e Mantova. In quella sede attendiamo proposte concrete sia sull’autostrada Cremona/Mantova, sia su […]

Continua la lettura di Autostrada Cremona-Mantova, Fontana: “Solo fake news” su Giornale di Mantova.

]]>
Autostrada Cremona-Mantova, Fontana “ Già convocato il tavolo per la competitività. Da Capetti e Salini solo inutile disinformazione”.

Autostrada Cremona-Mantova

“Abbiamo già individuato in martedì 11 dicembre la data in cui riuniremo congiuntamente i Tavoli per la competitività delle Province di Cremona e Mantova. In quella sede attendiamo proposte concrete sia sull’autostrada Cremona/Mantova, sia su quelle che sono considerate le priorità infrastrutturali per questi territori. Le risorse economiche, come c’erano prima, ci sono anche adesso”. Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, replica così alle dichiarazioni del parlamentare europeo, Massimiliano Salini, e del presidente di Infrastrutture Lombarde, Giuliano Capetti.

LEGGI ANCHE: Cremona-Mantova: l’autostrada non si farà 

Nessuno ha escluso la sua realizzazione

“Nessuno – continua Fontana – ha mai escluso la realizzazione dell’autostrada in questione. Come sempre, le decisioni verranno prese dopo un confronto con chi rappresenta realmente e istituzionalmente i territori in quell’ottica di partenariato che è pietra miliare del nostro modo di governare la regione più importante d’Italia. Quindi nessuna decisione calata dall’alto, ma scelte condivise. Non capisco di cosa stiano parlando Giuliano Capetti che, lo ricordo, è un funzionario pro-tempore messo a capo di Infrastrutture Lombarde proprio dalla Giunta regionale, e l’europarlamentare Massimiliano Salini. Da loro, usando un termine molto in voga, solo fake news”.

Incontri tecnici

Il presidente Fontana ricorda anche di non essersi mai sottratto al confronto, ma anzi di “aver sempre messo la faccia” nelle decisioni prese dall’amministrazione regionale. “Mi riferisco anche ai treni – conclude il presidente – dove, e sfido chiunque a dimostrare il contrario, fin dal mio insediamento mi sono preso non solo le responsabilità della Regione, ma anche quelle di altri. Forse prima di parlare, sarebbe bene farsi un esame di coscienza”.

In attesa del Tavolo che convocheremo per l’11 dicembre, già questa settimana, ci sarà il primo di una serie di incontri tecnici in Regione fra i soggetti interessati per stabilire il percorso per raggiungere obiettivi comuni.

Continua la lettura di Autostrada Cremona-Mantova, Fontana: “Solo fake news” su Giornale di Mantova.

]]>
Recovery.net: psichiatria di comunità grazie a Fondazione Cariplo https://giornaledimantova.it/attualita/recovery-net/ https://giornaledimantova.it/attualita/recovery-net/#respond Tue, 20 Nov 2018 13:36:38 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12728 Recoverynet, uno dei progetti finanziati nella IV edizione del bando “Welfare di comunità” di Fondazione Cariplo, vuole proprio essere quel luogo fuori dall’istituzione psichiatrica che auspicava Franco Basaglia.  Recovery.net “Per poter veramente affrontare la “malattia”, dovremmo poterla incontrare fuori dalle istituzioni, intendendo con ciò non soltanto fuori dall’istituzione psichiatrica, ma fuori da ogni altra istituzione la […]

Continua la lettura di Recovery.net: psichiatria di comunità grazie a Fondazione Cariplo su Giornale di Mantova.

]]>

Recoverynet, uno dei progetti finanziati nella IV edizione del bando “Welfare di comunità” di Fondazione Cariplo, vuole proprio essere quel luogo fuori dall’istituzione psichiatrica che auspicava Franco Basaglia. 

Recovery.net

Per poter veramente affrontare la “malattia”, dovremmo poterla incontrare fuori dalle istituzioni, intendendo con ciò non soltanto fuori dall’istituzione psichiatrica, ma fuori da ogni altra istituzione la cui funzione è quella di etichettare, codificare e fissare in ruoli congelati coloro che vi appartengono“

ha detto Franco Basaglia a cui si deve l’omonima legge che 40 anni fa portò alla chiusura degli ospedali psichiatrici in Italia. Ed è su questa base che nasce e opera Recovery.net.

A Mantova e Brescia

Il progetto opera nelle province di Brescia e Mantova e raccoglie un partenariato di soggetti pubblici e privati, Tra le azioni più importanti, l’attivazione di tre recovery co-lab, a Brescia, a Mantova e alla REMS di Castiglione delle Stiviere: spazi fisici e progettuali, aperti alla comunità, che favoriranno l’integrazione delle risorse e delle attività degli attori per costruire una comunità locale per la salute mentale (servizi sanitari e sociali, pubblici e del privato-sociale, medici di medicina generale MMG, associazionismo, reti informali, etc…) e di workshop aperti ad utenti ed operatori per sviluppare insieme competenze da spendere in percorsi di cura ed inclusione sociale co-prodotti. Recovery.net coinvolgerà almeno 100 operatori che favoriranno l’adozione di un approccio per la presa in carico dell’utente con disturbi psichici, maggiormente basato sulle relazioni e la co-produzione, intesa come partecipazione attiva di utenti e famigliari alla progettazione dei servizi. Perché il “fare-assieme” come scelta culturale dà esiti di salute migliori e a costi inferiori.

La testimonianza

E’ emozionante la testimonianza di un’Esperta in Supporto tra Pari da cinque anni, vicepresidente della Rete Utenti Lombardia, formatrice per la Mental Health Recovery Star™, facilitatore dei corsi del Recovery College di Brescia:

Sono coinvolta attivamente nel mio percorso di Recovery dal 2013 e sono una sostenitrice della co-produzione in tutte le sue sfaccettature.
La mia storia psichiatrica cominciò con l’adolescenza e niente ha potuto impedire che io arrivassi al ricovero in spdc a 33 anni. Per tutto quel tempo avevo provato ogni genere di soluzione possibile, sia alternative che istituzionali, sia pubbliche che private. Avevo provato senza farmaci e anche coi farmaci. Ma i problemi non si risolvevano e, anzi, col tempo aumentavano. In quasi 20 anni non sono mai riuscita a cavarne un ragno dal buco. Quando sono andata in reparto a chiedere aiuto, l’ho fatto pensando di essere alla frutta e di non poter trovare risposte e soluzioni da nessuna parte: il mio ricovero era, allora, la mia resa. Non è andata così: ho infatti scoperto quello che era stato l’ingrediente mancante nei tentativi precedenti. Le relazioni autentiche, la collaborazione attiva, la possibilità di dire la mia e di scegliere. Ora i farmaci sono la mia stampella, non la soluzione. Ho imparato ad accettare la mia malattia e a farla diventare positiva invece che negativa. Questo è quello che significa Recovery e Co-produzione per me. Vita, non sopravvivenza.”

Psichiatria di comunità

La psichiatria di comunità si colloca tra scienza e soggettività. A differenza della psichiatria istituzionale promuove interventi nella comunità e coinvolge le risorse del territorio. Come una clinica declinata nel mondo reale, strettamente legata alla vita delle persone. Saranno attivati 160 percorsi individualizzati territoriali e 7 pratiche innovative che aiuteranno gli utenti a vivere, lavorare e condurre una vita soddisfacente nel proprio contesto, senza fare ricorso ad interventi riabilitativi tradizionali in comunità residenziali, centri diurni o ricoveri in reparti ospedalieri. Fabio Lucchi racconta che da anni una radio di Brescia li ospita tutti i giovedì pomeriggio per promuovere una cultura della salute mentale come bene comune e lavora per la lotta allo stigma.

Continua la lettura di Recovery.net: psichiatria di comunità grazie a Fondazione Cariplo su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/recovery-net/feed/ 0
“Hai vinto alla lotteria” ma era una truffa https://giornaledimantova.it/cronaca/hai-vinto-alla-lotteria-ma-era-una-truffa/ Tue, 20 Nov 2018 11:21:42 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12725 L’indagine, avviata nel gennaio 2018, ha consentito di accertare l’esistenza di un gruppo criminale con base operativa in Milano, che pianificava e realizzava attività di truffa in tutto il Centro-Nord Italia. “Hai vinto alla lotteria” ma era una truffa Questa mattina, martedì 20 novembre, i Carabinieri della Compagnia di Rho, hanno eseguito, nelle provincie di […]

Continua la lettura di “Hai vinto alla lotteria” ma era una truffa su Giornale di Mantova.

]]>
L’indagine, avviata nel gennaio 2018, ha consentito di accertare l’esistenza di un gruppo criminale con base operativa in Milano, che pianificava e realizzava attività di truffa in tutto il Centro-Nord Italia.

“Hai vinto alla lotteria” ma era una truffa

Questa mattina, martedì 20 novembre, i Carabinieri della Compagnia di Rho, hanno eseguito, nelle provincie di Milano, Roma, Firenze e Mantova, un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano nei confronti di 28 persone. Di questi risultano esserci 22 cittadini peruviani, tre italiani, un colombiano, un cubano e un egiziano. Sono ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati, borseggi, rapine, furti in abitazione e ricettazione. Delle persone coinvolte 21 sono in carcere, sei agli arresti domiciliari e uno ha l’obbligo di presentazione alla P.G.

La truffa

Le vittime venivano avvicinate in strada con il sistema del cd. “tocomocho” che consiste nell’avvicinare le vittime, quasi sempre persone anziane o donne, sostenendo di avere un biglietto della lotteria pluripremiato non esigibile offrendolo in vendita al malcapitato ad una somma inferiore al valore del premio. Con questa tecnica, hanno truffato decine di anziani in tutta Italia e, stando alle indagini, almeno quattro a Cremona, tra il febbraio del 2016 e il 2018.

Continua la lettura di “Hai vinto alla lotteria” ma era una truffa su Giornale di Mantova.

]]>
Controlli straordinari a Mantova: 2 espulsi e 3 fogli di via https://giornaledimantova.it/cronaca/controlli-straordinari-a-mantova-2-espulsi-e-3-fogli-di-via/ https://giornaledimantova.it/cronaca/controlli-straordinari-a-mantova-2-espulsi-e-3-fogli-di-via/#respond Tue, 20 Nov 2018 10:43:18 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12719 Controlli straordinari a Mantova: 2 espulsi, 3 fogli di via ed un avviso orale aggravato. Il servizio svolto nella giornata di ieri. Controlli straordinari a Mantova Nella serata di ieri 19 novembre 2018 si sono svolti servizi straordinari di controllo del territorio, disposti dal Questore di Mantova sulle linee guida assunte in sede di Comitato […]

Continua la lettura di Controlli straordinari a Mantova: 2 espulsi e 3 fogli di via su Giornale di Mantova.

]]>
Controlli straordinari a Mantova: 2 espulsi, 3 fogli di via ed un avviso orale aggravato. Il servizio svolto nella giornata di ieri.

Controlli straordinari a Mantova

Nella serata di ieri 19 novembre 2018 si sono svolti servizi straordinari di controllo del territorio, disposti dal Questore di Mantova sulle linee guida assunte in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto, al fine di garantire la legalità ed il tranquillo vivere dei cittadini, specie nelle zone ove maggiore è l’istanza di sicurezza dei residenti.

Il servizio – che si è svolto in centro città e nei Comuni limitrofi – ha visto l’impiego di oltre 40 uomini, appartenenti al Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato, Squadra Volante, Squadra Mobile, Ufficio Immigrazione, Polizia Stradale, Polizia Locale di Mantova e Guardia di Finanza.

Identificate due prostitute

I pattugliamenti hanno interessato piazza Cavallotti, piazza 80° Fanteria, vicolo Sottoriva, Giardini Lungorio, oltre che i quartieri di Cittadella e Ponte Rosso, tutte aree particolarmente sensibili dal punto di vista della percezione di sicurezza dei residenti, stante la presenza di soggetti nullafacenti, dediti alle illecite attività e alla prostituzione.
Sono state identificate 2 prostitute – entrambe comunitarie – a bordo di autovetture in sosta presso i distributori di via Legnaghese e via Verona. Non avendo fornito un valido motivo per la loro permanenza in quei luoghi, sono state immediatamente allontanate, e la loro posizione di soggiorno è attualmente al vaglio dell’Ufficio Immigrazione per un eventuale allontanamento dall’Italia.

Esercizi pubblici

Sono stati poi controllati 10 esercizi pubblici già segnalati per la presenza di avventori con precedenti penali e di Polizia: per 5 di essi, in cui è stata riscontrata ancora una volta la presenza di pregiudicati, è stata avviata la procedura per la sospensione dell’attività ex art. 100 TULPS, che a breve porterà alla temporanea chiusura degli stessi.

LEGGI ANCHE: Sicurezza ed ordine pubblico, chiuso il bar “Due Pini” di Borgo Pompilio 

I numeri

Complessivamente, l’incisiva azione coordinata ha garantito il conseguimento dei seguenti risultati:

• Persone identificate: nr. 75 – di cui 25 cittadini extracomunitari;
• Persone con precedenti: nr. 29
• Esercizi controllati: 10.

Fogli di via e avviso orale

A seguito dei predetti controlli, il Questore di Mantova ha emanato 3 Fogli di Via Obbligatori ed un Avviso Orale “con aggravamento” (ossia con divieto di possedere apparati ricetrasmittenti, telefoni cellulari, computer…) nei confronti di altrettante persone risultate gravate da precedenti penali e di polizia.
Infine, per 2 cittadini indiani, entrambi quarantenni, rintracciati sul territorio nazionale senza alcun valido titolo di soggiorno, sono scattati provvedimenti di espulsione con accompagnamento immediato alla frontiera aerea di Milano Malpensa nella stessa serata di ieri.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Controlli straordinari a Mantova: 2 espulsi e 3 fogli di via su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/controlli-straordinari-a-mantova-2-espulsi-e-3-fogli-di-via/feed/ 0
Ultimo saluto a Carla Grandi, madre di Monsignor Pietro Bongiovanni https://giornaledimantova.it/cronaca/ultimo-saluto-a-carla-grandi-madre-di-monsignor-pietro-bongiovanni-video/ Tue, 20 Nov 2018 09:34:25 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12722 Ieri pomeriggio si è celebrato l’ultimo saluto a Carla Grandi, 91 anni, madre di Monsignor Pietro Bongiovanni, ex assessore ad Asola tra il 1985 e il 90 poi trasferito a Roma e diventato parroco di San Salvatore in Lauro e dal 2000 assistente ecclesiastico dei gruppi di preghiera di Padre Pio. Ultimo saluto a Carla […]

Continua la lettura di Ultimo saluto a Carla Grandi, madre di Monsignor Pietro Bongiovanni su Giornale di Mantova.

]]>
Ieri pomeriggio si è celebrato l’ultimo saluto a Carla Grandi, 91 anni, madre di Monsignor Pietro Bongiovanni, ex assessore ad Asola tra il 1985 e il 90 poi trasferito a Roma e diventato parroco di San Salvatore in Lauro e dal 2000 assistente ecclesiastico dei gruppi di preghiera di Padre Pio.

Ultimo saluto a Carla Grandi

Il rito è stato celebrato proprio dal figlio, don Pietro, presente con molti altri parroci dei paesi limitrofi, tra i quali don Luigi, don Giuseppe e don Ivo, e i familiari più stretti della donna molto amata da tutti: l’altro figlio Giuseppe e il nipote Lorenzo. Una chiesa gremita di persone che hanno sempre amato Carla, un secondo rito funebre dopo quello avvenuto venerdì a Roma alla presenza di molte personalità ecclesiastiche.

L’articolo completo sul numero di Montichiari week in edicola venerdì.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Ultimo saluto a Carla Grandi, madre di Monsignor Pietro Bongiovanni su Giornale di Mantova.

]]>
Arriva il freddo: un decalogo per salvare piante e fiori sul balcone https://giornaledimantova.it/attualita/arriva-il-freddo-un-decalogo-per-salvare-piante-e-fiori-sul-balcone/ Tue, 20 Nov 2018 09:33:05 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12716 Arriva il freddo: ecco il decalogo di Coldiretti per salvare piante e fiori. Dal detergente naturale a base di acqua e latte per le foglie ai fondi di vino per accrescere le proprietà rinvigorenti della terra. Arriva il freddo: ecco il decalogo di Coldiretti per salvare piante e fiori sul balcone Una famiglia su due ha […]

Continua la lettura di Arriva il freddo: un decalogo per salvare piante e fiori sul balcone su Giornale di Mantova.

]]>
Arriva il freddo: ecco il decalogo di Coldiretti per salvare piante e fiori. Dal detergente naturale a base di acqua e latte per le foglie ai fondi di vino per accrescere le proprietà rinvigorenti della terra.

Arriva il freddo: ecco il decalogo di Coldiretti per salvare piante e fiori sul balcone

Una famiglia su due ha in casa fiori o piante da curare sul balcone o in giardino. E’ quanto emerge da un’elaborazione della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza su dati Coldiretti/Ixè in occasione della presentazione del decalogo per proteggere il verde dall’arrivo del maltempo e del freddo.

QUI LE PREVISIONI DEL TEMPO PER I PROSSIMI GIORNI

Dal detergente naturale a base di acqua e latte per le foglie ai fondi di vino per accrescere le proprietà rinvigorenti della terra, dalla scelta della giusta esposizione al sole al “cocktail” di latte e miele per rinverdire le foglie. Sono solo alcuni dei consigli proposti dal gruppo Donne Impresa della Coldiretti di Milano, Lodi, Monza e Brianza.

Piante e fiori sono antistress

Ecco che in previsione del freddo in arrivo la prossima settimana arrivano in auto alcune semplici regole per salvaguardare le piante che rimangono esposte al gelo sui balconi e per prendersi cura di quelle invece conservate negli ambienti interni riscaldati. L’interesse per il verde domestico – continua la Coldiretti – è confermato dal fatto che nove italiani su dieci sostengono che la sua presenza dà piacere e ha anche una funzione antistress. La preferenza va alle piante aromatiche (56%) e ai fiori in vaso (48%). Nell’area metropolitana di Milano si concentra il 16% di tutte le oltre seimila imprese della filiera del verde in Lombardia e il 20 per cento di quelle che si occupano di gestione del paesaggio.

Il calo delle temperature rischia di avere pesanti conseguenze sulle piante, che necessitano di cure particolari, soprattutto dopo un autunno bollente in un anno che si classifica fino ad ora come il più caldo da oltre due secoli, con una temperatura media superiore di 1,77 gradi rispetto alla media. Ecco allora l’iniziativa delle imprenditrici agricole della Coldiretti che hanno illustrato anche l’uso dei fondi di caffè come antiparassitari senza chimica o la funzione dei limoni ammuffiti per allontanare le formiche e altri piccoli insetti.

IL DECALOGO SALVA PIANTE

Le regole valide per tutti gli ambienti:

1.Valutare con attenzione le dimensioni del vaso in funzione del tipo di essenza scelta;

2.Scegliere la posizione della pianta in base all’esposizione alla luce solare diretta o di quella filtrata dalle finestre. Nel caso di esterni, valutare anche l’esposizione a vento e intemperie;

3.Concimare regolarmente. Si possono anche usare fondi di caffè distribuiti omogeneamente nella terra, i gusci d’uovo tritati finemente e i fondi di vino.

Per l’esterno:

4.Mettere i vasi direttamente a terra, se possibile isolandoli dal pavimento, ma evitando di lasciarli in posizione troppo elevata, dove sono più esposti alla corrente fredda;

5.Tenere la terra asciutta e innaffiare solo quando necessario, evitando il ristagno d’acqua;

6.Coprire la pianta con uno strato di tessuto-non tessuto, evitando la plastica.

Per l’interno:

7.Evitare i ristagni i ristagni idrici quando si usano vasi e coprivasi per non far marcire le radici;

8.Per evitare la formazione di microrganismi nell’acqua, aggiungere 1 o 2 compresse di aspirina effervescente;

9.Versare due volte al mese nella terra un bicchiere di latte in cui è stato sciolto un cucchiaio di miele per rinverdire le piante;

10.Lucidare le foglie passando una spugna imbevuta in una soluzione di acqua e latte in parti uguali.

Continua la lettura di Arriva il freddo: un decalogo per salvare piante e fiori sul balcone su Giornale di Mantova.

]]>
Sicurezza ed ordine pubblico, chiuso il bar “Due Pini” di Borgo Pompilio https://giornaledimantova.it/cronaca/sicurezza-ed-ordine-pubblico-chiuso-il-bar-due-pini-di-borgo-pompilio/ https://giornaledimantova.it/cronaca/sicurezza-ed-ordine-pubblico-chiuso-il-bar-due-pini-di-borgo-pompilio/#respond Tue, 20 Nov 2018 09:22:37 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12713 Sicurezza ed ordine pubblico, chiuso il bar “Due Pini”, il provvedimento è la conseguenza di una violenta rissa scoppiata a fine ottobre. Sanzionata anche una tabaccheria. Sicurezza ed ordine pubblico: chiuso il bar “Due Pini” Il Questore di Mantova Paolo Sartori ha disposto ieri, lunedì 19 novembre la chiusura, per 5 giorni, del Bar “Due […]

Continua la lettura di Sicurezza ed ordine pubblico, chiuso il bar “Due Pini” di Borgo Pompilio su Giornale di Mantova.

]]>
Sicurezza ed ordine pubblico, chiuso il bar “Due Pini”, il provvedimento è la conseguenza di una violenta rissa scoppiata a fine ottobre. Sanzionata anche una tabaccheria.

Sicurezza ed ordine pubblico: chiuso il bar “Due Pini”

Il Questore di Mantova Paolo Sartori ha disposto ieri, lunedì 19 novembre la chiusura, per 5 giorni, del Bar “Due Pini” di Borgo Pompilio, a causa delle reiterate problematiche di ordine e sicurezza pubblica che si erano venute a creare negli ultimi tempi.
La sospensione della licenza in base all’articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, pur non avendo carattere punitivo nei confronti del gestore, è una diretta conseguenza della rissa avvenuta nel locale la sera del 31 ottobre scorso, quando alcuni extracomunitari ed un pregiudicato italiano si sono affrontati e feriti a colpi di vetri di bottiglia, facendo intervenire diverse pattuglie di Polizia e Carabinieri. A seguito di questo grave episodio la Questura ha tenuto costantemente monitorato la situazione del locale e della zona, riscontrando la sistematica presenza di pregiudicati. Da qui la decisione del Questore di sospendere la licenza per motivi di ordine e sicurezza pubblica.

Da ricordare che, la scorsa settimana, il provvedimento di sospensione e la conseguente chiusura delle attività era stata disposta dal Questore anche nei confronti di un Hotel sorpreso ad ospitare prostitute e clienti.

“Ad altri esercizi pubblici cittadini è stato notificato l’avvio delle procedure per la sospensione della licenza, per motivi analoghi. L’ordine e la sicurezza pubblica, così come la tranquillità dei cittadini – ha dichiarato il Questore – sono beni primari percepiti da tutta la popolazione come tali, e per questo il nostro compito è quello di tutelarli con il massimo rigore”.

Sanzionata tabaccheria

Nella stessa giornata di ieri la Divisione di Polizia Amministrativa della Questura ha pesantemente sanzionato una Tabaccheria del Centro cittadino per aver venduto in più occasioni sigarette a minorenni: l’esercizio pubblico in questione è stato multato di 666 Euro.
Le violazioni sono state accertate dagli Agenti della Questura nel corso degli accertamenti relativi all’intossicazione da sostanze alcooliche di due minori, che nelle scorse settimane erano stati soccorsi dalle Forze dell’ordine e dal 118, e quindi ricoverati al Pronto Soccorso.

Oltre alla sanzione amministrativa, la Polizia di Stato ha trasmesso gli atti e segnalato quanto accaduto alla Prefettura ed all’Agenzia dei Monopoli di Stato, al fine di dar corso all’iter amministrativo per la sospensione della licenza e la conseguente chiusura della tabaccheria.

LEGGI ANCHE: Figlia picchia madre: non le aveva permesso di pubblicare suo video su Youtube 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Sicurezza ed ordine pubblico, chiuso il bar “Due Pini” di Borgo Pompilio su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/sicurezza-ed-ordine-pubblico-chiuso-il-bar-due-pini-di-borgo-pompilio/feed/ 0
Inceneritori Lombardia, la Regione: “Bacchetta magica di Di Maio improponibile” https://giornaledimantova.it/politica/inceneritori-lombardia-la-regione-bacchetta-magica-di-di-maio-improponibile/ Mon, 19 Nov 2018 16:42:41 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12705 Inceneritori Lombardia: proprio mentre il premier Conte cerca di stemperare i toni (“Il governo lavora a una soluzione condivisa e senza polemiche. L’obiettivo è sempre la tutela della salute e del territorio”), anche nella nostra regione approda di riflesso il dibattito sulla querelle nazionale. Come la cabina telefonica a gettoni… o no? A livello nazionale […]

Continua la lettura di Inceneritori Lombardia, la Regione: “Bacchetta magica di Di Maio improponibile” su Giornale di Mantova.

]]>
Inceneritori Lombardia: proprio mentre il premier Conte cerca di stemperare i toni (“Il governo lavora a una soluzione condivisa e senza polemiche. L’obiettivo è sempre la tutela della salute e del territorio”), anche nella nostra regione approda di riflesso il dibattito sulla querelle nazionale.

Come la cabina telefonica a gettoni… o no?

A livello nazionale gli inceneritori sono il tema del momento e anche all’interno del Governo ci sono posizioni discordanti in particolare tra i due vicepremier Matteo Salvini (che vorrebbe realizzarne di nuovi: “La Campania è l’unica regione che ci perde e non ci guadagna“) e Luigi Di Maio (che punta a ridurli: “Sono come la cabina telefonica col telefono a gettoni: qualcuno può essere anche ancora affascinato dal vintage ma sempre vintage rimane“). Ma anche nella nostra regione il dibattito monta e mentre i 5 Stelle fanno pressing sulle sezioni territoriali del Carroccio (“Sui territori la Lega si schiera contro gli inceneritori, ma in Regione invece stanno cercando di far arenare ogni decisione) la Giunta Fontana si schiera apertamente contro la linea Di Maio.

Inceneritori Lombardia: “bacchetta magica” spezzata

“Il modello proposto da Di Maio sembra essere quello improponibile della bacchetta magica che fa sparire i rifiuti. Il nostro modello non può essere nemmeno quello di altre regioni, in particolare quelle del sud, che non hanno impianti di trattamento rifiuti, continuano a stoccarli e poi cercano di mandarli nelle altre Regioni o all’estero”.

Lo ha detto l’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, intervenendo sul tema dei termovalorizzatori.

I numeri da Palazzo Lombardia

Sul territorio lombardo sono presenti 13 termovalorizzatori e, ogni anno, vengono prodotti 4,6 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani, 17 milioni rifiuti speciali e 12 milioni di rifiuti da costruzione/demolizione. Sono 400.000 le tonnellate di rifiuti che arrivano al di fuori dal territorio regionale.

“Soltanto di rifiuti solidi urbani, ogni lombardo produce mezza tonnellata a testa ogni anno. Questa imponente massa di rifiuti deve essere gestita. Il modello lombardo è virtuoso – ha sottolineato Cattaneo – perché non manda a incenerire il rifiuto tal quale, ma ciò che resta a valle della raccolta differenziata, del riciclo e del riuso. Il nostro modello è un esempio per tutto il Paese”.

In Lombardia la raccolta differenziata è in media al 61% e 2,8 milioni di tonnellate sono i rifiuti solidi urbani che vengono avviati al recupero, al riciclo e al riutilizzo, compresa la frazione organica (umido) che viene trasformata in compost per essere utilizzata in agricoltura. Resta però una frazione decadente, cioè quella che non può essere riutilizzata, è solo questa che, anziché andare in discarica, va ai termovalorizzatori per produrre energia e calore.

“No soluzione unica, ma alternativa”

In tutta la Lombardia 1,1 milioni tonnellate di rifiuti solidi urbani va ad incenerimento (ovvero meno del 25% del totale dei rifiuti solidi urbani) insieme a 1 milione di tonnellate di rifiuti speciali.

“In Lombardia – ha aggiunto Cattaneo – non abbiamo gli inceneritori come soluzione unica, ma come alternativa per completare un quadro di gestione dei rifiuti. Meglio i termovalorizzatori che il deposito in discarica”.

Guardando i dati complessivi a fronte di una produzione tra rifiuti urbani e speciali di circa 22 milioni di tonnellate, i termovalorizzatori lombardi ne smaltiscono 2,2 milioni, cioè circa il 10%.

“Dei 13 impianti lombardi che sono complessivamente autorizzati per 2,5 milioni di tonnellate di rifiuti è possibile – ha concluso Cattaneo – che alcuni impianti piccoli, che sono ben al di sotto della soglia di utilizzazione di 100.000 tonnellate all’anno, più vecchi e più risalenti possano essere dismessi nei prossimi anni a venire senza compromettere il sistema. Ciò non inficerà il modello lombardo, anzi ne conferma la sua esemplarità virtuosa. Dunque, i termovalorizzatori, utilizzati a completamento di un sistema con controlli ogni ora per tutto l’anno in tempo reale, sono certamente meno dannosi per l’ambiente e la salute dell’unica alternativa rappresentata dalla discarica”.

LEGGI ANCHE: Caso Tamoil, esce il nuovo libro di Sergio Ravelli

Continua la lettura di Inceneritori Lombardia, la Regione: “Bacchetta magica di Di Maio improponibile” su Giornale di Mantova.

]]>
Figlia picchia madre: non le aveva permesso di pubblicare suo video su Youtube https://giornaledimantova.it/cronaca/figlia-picchia-madre-non-le-aveva-permesso-di-pubblicare-suo-video-su-youtube/ https://giornaledimantova.it/cronaca/figlia-picchia-madre-non-le-aveva-permesso-di-pubblicare-suo-video-su-youtube/#respond Mon, 19 Nov 2018 16:09:36 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12703 Vieta alla figlia di mettere su Youtube la sua performance di danza: la 15enne non reagisce bene e manda la madre in ospedale. Vieta alla figlia di mettere video su Youtube E’ stata segnalata alla procura dei minori di Brescia la ragazzina mantovana di 15 anni che ha picchiato la madre in seguito a un […]

Continua la lettura di Figlia picchia madre: non le aveva permesso di pubblicare suo video su Youtube su Giornale di Mantova.

]]>
Vieta alla figlia di mettere su Youtube la sua performance di danza: la 15enne non reagisce bene e manda la madre in ospedale.

Vieta alla figlia di mettere video su Youtube

E’ stata segnalata alla procura dei minori di Brescia la ragazzina mantovana di 15 anni che ha picchiato la madre in seguito a un litigio domestico derivato dalla proibizione di mettere online un suo video. Gli agenti delle Volanti sono intervenuti dopo la segnalazione di un vicino, che sentiva delle urla provenire dall’appartamento a fianco.

Un raptus d’ira

Stando alla prima ricostruzione dei fatti la donna ha vietato alla figlia adolescente la pubblicazione del video in quanto l’ha ritenuto poco opportuno. La 15enne ha avuto un raptus d’ira e si è scagliata contro la madre colpendola violentemente al volto e all’addome.

Recidiva

La minore non è nuova ad intemperanze di questo tipo, per questo motivo scatterà tutta la rete di controlli predisposta in questo genere di situazioni.

LEGGI ANCHE: Si taglia le vene e manda le foto alla fidanzata

Continua la lettura di Figlia picchia madre: non le aveva permesso di pubblicare suo video su Youtube su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/figlia-picchia-madre-non-le-aveva-permesso-di-pubblicare-suo-video-su-youtube/feed/ 0
Giovanissimi costretti alla roulette russa per un debito di droga FOTO VIDEO https://giornaledimantova.it/cronaca/giovanissimi-costretti-alla-roulette-russa-per-un-debito-di-droga-foto-video/ Mon, 19 Nov 2018 15:11:37 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12700 Giovanissimi costretti alla roulette russa per un debito di droga a Mezzago. Due 18enni e un 17enne sequestrati perché colpevoli di aver fatto sparire una partita di stupefacente affidata a uno di loro. Lo racconta il nostro portale giornaledimonza.it Giovanissimi costretti alla roulette russa per un debito di droga Sequestro di persona, tentata estorsione, detenzione e […]

Continua la lettura di Giovanissimi costretti alla roulette russa per un debito di droga FOTO VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>
Giovanissimi costretti alla roulette russa per un debito di droga a Mezzago. Due 18enni e un 17enne sequestrati perché colpevoli di aver fatto sparire una partita di stupefacente affidata a uno di loro. Lo racconta il nostro portale giornaledimonza.it

Giovanissimi costretti alla roulette russa per un debito di droga

Sequestro di persona, tentata estorsione, detenzione e porto di arma clandestina nonché detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Sono queste le accuse nei confronti di tre spacciatori di 25, 24 e 21 anni, tutte residenti nel vimercatese, arrestate nel fine settimana. I tre spacciatori italiani sono finiti in manette per aver sequestrato e costretto a subire la “roulette russa” tre giovani pusher (due 18enni e un 17 enne appunto), puntandogli una calibro 38 carica alla testa, colpevoli di aver fatto sparire una partita di droga affidata ad uno di loro e poi rivenduta ad un quarto giovane, rintracciato e arrestato a sua volta per detenzione di droga.

L’appuntamento nel box di Mezzago

Il tutto è avvenuto sabato sera in un box di Mezzago, nelle vicinanze di via Biffi. Dove sequestrati e sequestratori si sono dati appuntamento per verificare che nulla mancasse all’interno del garage, messo a disposizione da uno dei giovanissimi pusher. La situazione è stata risolta dai carabinieri, intervenuti su segnalazione di un amico dei tre sequestrati. Alla base della vicenda un giro di droga impressionante.

 AGGIORNAMENTI E  FOTO QUI

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Continua la lettura di Giovanissimi costretti alla roulette russa per un debito di droga FOTO VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>
Si taglia le vene e manda le foto alla fidanzata https://giornaledimantova.it/cronaca/si-taglia-le-vene-e-manda-le-foto-alla-fidanzata/ https://giornaledimantova.it/cronaca/si-taglia-le-vene-e-manda-le-foto-alla-fidanzata/#respond Mon, 19 Nov 2018 13:55:52 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12696 Si taglia le vene e poi manda le foto alla fidanzata che, terrorizzata, ha chiamato il 118. Si taglia le vene E’ successo nel pomeriggio di ieri, domenica 18 novembre, a Mantova. Una Volante è intervenuta in città in soccorso di un uomo che, dopo essersi procurato volontariamente dei tagli ad entrambi i polsi in […]

Continua la lettura di Si taglia le vene e manda le foto alla fidanzata su Giornale di Mantova.

]]>
Si taglia le vene e poi manda le foto alla fidanzata che, terrorizzata, ha chiamato il 118.

Si taglia le vene

E’ successo nel pomeriggio di ieri, domenica 18 novembre, a Mantova. Una Volante è intervenuta in città in soccorso di un uomo che, dopo essersi procurato volontariamente dei tagli ad entrambi i polsi in un tentativo di suicidio, ha mandato le foto del suo gesto alla fidanzata. Quest’ultima, allarmata, ha informato immediatamente la Centrale Operativa della Questura.

LEGGI ANCHE: Finisce male per due ragazzine mantovane dopo un furto al centro commerciale

Ricovero

Il personale del 118, intervenuto insieme agli operatori della Volante, è riuscito a far  desistere l’uomo dal suo insano proposito ed a farlo ricoverare in ospedale. 

LEGGI ANCHE: Incendio al ristorante “Il conventino” divorato dalle fiamme

Continua la lettura di Si taglia le vene e manda le foto alla fidanzata su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/si-taglia-le-vene-e-manda-le-foto-alla-fidanzata/feed/ 0
Fogli di via, sospensione di attività per alcuni locali e raid antiprostituzione https://giornaledimantova.it/cronaca/fogli-di-via-sospensione-di-attivita-per-alcuni-locali-e-raid-antiprostituzione/ https://giornaledimantova.it/cronaca/fogli-di-via-sospensione-di-attivita-per-alcuni-locali-e-raid-antiprostituzione/#respond Mon, 19 Nov 2018 13:47:36 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12694 Sono proseguiti – nel fine settimana appena trascorso – i pattugliamenti in centro città e nelle zone limitrofe maggiormente  interessate dalla presenza di soggetti dediti alla prostituzione: Cittadella, Via Poggio Reale, Via Verona- località Ponte Rosso e via Legnago. Controlli anti prostituzione Nella tarda serata di ieri sono state controllate 3 prostitute, a bordo di […]

Continua la lettura di Fogli di via, sospensione di attività per alcuni locali e raid antiprostituzione su Giornale di Mantova.

]]>
Sono proseguiti – nel fine settimana appena trascorso – i pattugliamenti in centro città e nelle zone limitrofe maggiormente  interessate dalla presenza di soggetti dediti alla prostituzione: Cittadella, Via Poggio Reale, Via Verona- località Ponte Rosso e via Legnago.

Controlli anti prostituzione

Nella tarda serata di ieri sono state controllate 3 prostitute, a bordo di un’autovettura in sosta presso i distributori di via Legnaghese:  2 cittadine rumene e un’italiana che, presumibilmente, erano in attesa di “clienti”. Non avendo fornito un valido motivo per la loro permanenza in quei luoghi, venivano immediatamente allontanate.

Pregiudicati

Sono stati poi controllati 5 esercizi pubblici già segnalati per la presenza di avventori con precedenti penali e di Polizia: per i locali in cui è stata riscontrata ancora una volta la presenza di pregiudicati,  sta per concludersi la procedura per la sospensione dell’attività ex art. 100 TULPS.

Fogli di via

A seguito dei controlli, il Questore di Mantova ha emanato 3 Fogli di Via Obbligatori nei confronti di altrettante persone risultate gravate da precedenti penali e di polizia. “I sistematici servizi di controllo del territorio, degli esercizi pubblici e delle persone che in passato hanno creato problemi all’ordine ed alla sicurezza pubblica –  osserva il Questore Paolo SARTORI – stanno iniziando a dare risultati concreti. E’ evidente che sporadici episodi di illegalità commessi negli spazi pubblici possono verificarsi, si tratta di trends fisiologici, ma il segnale che tutte le Forze dell’Ordine presenti sul territorio stanno dando è inequivocabile: determinate situazioni non verranno più tollerate”.

 Zona attenzionata

Per quanto riguarda Piazza 80° Fanteria, il Questore ha reso noto che agli atti di Polizia e Carabinieri non risulta alcuna denuncia o segnalazione di illegalità specifica: ciò posto, la zona verrà ulteriormente “attenzionata” con la presenza del Poliziotto di Quartiere, che riceverà le eventuali segnalazioni direttamente da residenti e titolari di esercizi pubblici.

LEGGI ANCHE: due ragazzine nei guai dopo furto al Centro Commerciale

 

Continua la lettura di Fogli di via, sospensione di attività per alcuni locali e raid antiprostituzione su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/fogli-di-via-sospensione-di-attivita-per-alcuni-locali-e-raid-antiprostituzione/feed/ 0
Furto al centro commerciale: ladre mantovane, una è minorenne https://giornaledimantova.it/cronaca/furto-al-centro-commerciale-ladre-mantovane-una-e-minorenne/ https://giornaledimantova.it/cronaca/furto-al-centro-commerciale-ladre-mantovane-una-e-minorenne/#respond Mon, 19 Nov 2018 13:34:49 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12691 Furto al centro commerciale per due ragazzine mantovane, è finita con una denuncia. Furto al centro commerciale Nel pomeriggio di sabato 17 novembre, sono state denunciate due ragazze – di cui una minorenne – per aver rubato articoli di abbigliamento all’interno di un Centro Commerciale di Curtatone. Abiti e accessori Le giovani, entrambe mantovane,  si […]

Continua la lettura di Furto al centro commerciale: ladre mantovane, una è minorenne su Giornale di Mantova.

]]>
Furto al centro commerciale per due ragazzine mantovane, è finita con una denuncia.

Furto al centro commerciale

Nel pomeriggio di sabato 17 novembre, sono state denunciate due ragazze – di cui una minorenne – per aver rubato articoli di abbigliamento all’interno di un Centro Commerciale di Curtatone.

Abiti e accessori

Le giovani, entrambe mantovane,  si erano impossessate di due cappelli e due maglioni,  privandoli fraudolentemente di alcuni dei dispositivi antitaccheggio, ma non di tutti, tanto è vero che, al momento di oltrepassare le casse, si è azionato l’allarme sonoro. La merce, occultata all’interno dei loro zaini, è stata rinvenuta dagli Agenti di Polizia intervenuti sul posto e restituita ai titolari dell’esercizio commerciale.

LEGGI ANCHE: Incendio divora il ristorante “Il Conventino”

 

Continua la lettura di Furto al centro commerciale: ladre mantovane, una è minorenne su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/furto-al-centro-commerciale-ladre-mantovane-una-e-minorenne/feed/ 0
Giornata contro la violenza sulle donne: Questo non è amore, gli incontri nel Mantovano https://giornaledimantova.it/attualita/giornata-contro-la-violenza-sulle-donne-questo-non-e-amore-gli-incontri-nel-mantovano/ https://giornaledimantova.it/attualita/giornata-contro-la-violenza-sulle-donne-questo-non-e-amore-gli-incontri-nel-mantovano/#respond Mon, 19 Nov 2018 13:16:02 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12689 In occasione della prossima “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”, che ricorre il prossimo 25 novembre, la Questura di Mantova ha organizzato una serie di  incontri – sotto lo slogan “QUESTO NON E’ AMORE” – finalizzati alla prevenzione ed al contrasto della violenza sulle donne e alla “violenza in genere”. Giornata contro la violenza […]

Continua la lettura di Giornata contro la violenza sulle donne: Questo non è amore, gli incontri nel Mantovano su Giornale di Mantova.

]]>
In occasione della prossima “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”, che ricorre il prossimo 25 novembre, la Questura di Mantova ha organizzato una serie di  incontri – sotto lo slogan “QUESTO NON E’ AMORE” – finalizzati alla prevenzione ed al contrasto della violenza sulle donne e alla “violenza in genere”.

Giornata contro la violenza sulle donne

L’iniziativa consiste nell’allestimento di un Camper, ove una equipe composta da operatori specializzati della Polizia di Stato e da rappresentanti dei Centri Antiviolenza attivi nella nostra provincia sarà messa a disposizione della cittadinanza, secondo il seguente calendario.

MARTEDI 20 NOVEMBRE – PIAZZA SORDELLO – ORE 10/14

VENERDI 23 NOVEMBRE 2018 – PIAZZA MARCONI – ORE 10/14

DOMENICA 25 NOVEMBRE 2018 – PIAZZA SORDELLO – ORE 10/13

L’obiettivo del progetto è quello di diffondere informazioni sugli strumenti di tutela, facendo emergere situazioni di violenza e stalking che – come mostra l’esperienza –  troppo spesso vanno ad alimentare un “sommerso” che non si traduce in denuncia.

Conoscere le opzioni di difesa

Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione in cui la Polizia di Stato è impegnata, non solo attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma anche facendo “da sentinella” per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori.

Materiale divulgativo

Nel corso degli appuntamenti verrà messo a disposizione materiale divulgativo per le persone interessate, che avranno, altresì, la possibilità di vedere filmati sull’attività di intervento della Polizia di Stato in alcuni casi di violenza di genere.

LEGGI ANCHE: Ristorante in fiamme nell’Altro Mantovano

Continua la lettura di Giornata contro la violenza sulle donne: Questo non è amore, gli incontri nel Mantovano su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/giornata-contro-la-violenza-sulle-donne-questo-non-e-amore-gli-incontri-nel-mantovano/feed/ 0
Torna l’allarme legionella nell’hinterland milanese https://giornaledimantova.it/attualita/torna-lallarme-legionella-nellhinterland-milanese/ Mon, 19 Nov 2018 10:55:27 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12684 Insieme a Brescia, Bresso era stato il focolaio più problematico: torna l’allarme legionella nell’hinterland milanese, stavolta a Cinisello Balsamo. A Cinisello allarme legionella in due palestre Torna la preoccupazione per legionella. Questa volta l’allarme arriva da Cinisello Balsamo dove nel corso dei normali controlli all’interno delle strutture comunali, edifici scolastici e sedi pubbliche sono stati […]

Continua la lettura di Torna l’allarme legionella nell’hinterland milanese su Giornale di Mantova.

]]>
Insieme a Brescia, Bresso era stato il focolaio più problematico: torna l’allarme legionella nell’hinterland milanese, stavolta a Cinisello Balsamo.

A Cinisello allarme legionella in due palestre

Torna la preoccupazione per legionella. Questa volta l’allarme arriva da Cinisello Balsamo dove nel corso dei normali controlli all’interno delle strutture comunali, edifici scolastici e sedi pubbliche sono stati rilevati valori critici nelle docce di due palestre. A comunicarlo è stata la stessa amministrazione comunale che ha informato i cittadini con una nota diffusa nella giornata di ieri. ECCO COME SI MUOVERA’ L’EX ASL: CONTINUA

L’epidemia estiva

Nei mesi scorsi l’allarme legionella ha interessato un po’ tutte le province lombarde, compresa quella di Monza e Brianza dove sono state due le persone colpite dalla malattia e ricoverate in gravi condizioni all’ospedale di Desio.

Poi c’è stata la drammatica vicenda di Antonio Mandelli, 82 anni, storico e conosciutissimo titolare della Trattoria La Cava di Cernusco Lombardone, nel Meratese.

A cui si sommano i due pazienti ricoverati per polmonite da legionella a Monza: un 29enne bresciano e un 43enne proveniente dall’ospedale di Mantova.

Ma un caso di legionella si è registrato anche all’ospedale di Abbiategrasso, nel Milanese, anche se la situazione si è poi risolta positivamente. Ancor prima dell’emergenza regionale, epilogo ferale invece a fine agosto per un anziano milanese in vacanza in Trentino.

A Bresso si cerca ancora il “colpevole”

Non si sa ancora quali siano state le fonti di diffusione del terribile batterio della legionellosi, che ha causato il decesso di 5 persone e il contagio di altre 47a Bresso. La buona notizia è che dal 31 luglio non ci sono stati altri contagiati.

I casi a Brescia

A Brescia il caso delle torri di raffreddamento è stato tra quelli più eclatanti a fine estate. POTETE LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI SU BRESCIASETTEGIORNI, mentre qui trovate la LA MAPPA INTERATTIVA in cui si trovano le tre aziende da cui si sarebbe diffusa l’epidemia. 

Continua la lettura di Torna l’allarme legionella nell’hinterland milanese su Giornale di Mantova.

]]>
Investimento ciclistico: arriva l’elisoccorso https://giornaledimantova.it/cronaca/investimento-ciclistico-arriva-lelisoccorso/ https://giornaledimantova.it/cronaca/investimento-ciclistico-arriva-lelisoccorso/#respond Mon, 19 Nov 2018 10:42:36 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12682 Investimento ciclistico a Quistello, la missione di soccorso è ancora in corso. Investimento ciclistico E’ successo poco fa, nella mattina del 19 novembre, a Quistello. La missione di soccorso non è ancora terminata. Un investimento ciclistico si è registrato a Quistello, in viale Rainera. Le persone rimaste coinvolte sono due donne: una di 36 anni […]

Continua la lettura di Investimento ciclistico: arriva l’elisoccorso su Giornale di Mantova.

]]>
Investimento ciclistico a Quistello, la missione di soccorso è ancora in corso.

Investimento ciclistico

E’ successo poco fa, nella mattina del 19 novembre, a Quistello. La missione di soccorso non è ancora terminata. Un investimento ciclistico si è registrato a Quistello, in viale Rainera. Le persone rimaste coinvolte sono due donne: una di 36 anni e una di 48.

Elisoccorso

Sul luogo del sinistro, oltre ad ambulanza e automedica, è stato richiesto l’intervento dell’elisoccorso. Presenti anche i carabinieri del comando di Mantova. Le condizioni delle persone soccorse sono indicate attualmente come critiche.

LEGGI ANCHE: Incendio divora il ristorante “Conventino”

Continua la lettura di Investimento ciclistico: arriva l’elisoccorso su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/investimento-ciclistico-arriva-lelisoccorso/feed/ 0
Pronto Soccorso lombardi: da Regione 4 milioni euro per periodo invernale https://giornaledimantova.it/politica/pronto-soccorso-lombardi-da-regione-4-milioni-euro-per-periodo-invernale/ Mon, 19 Nov 2018 10:16:33 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12679 Pronto Soccorso lombardi: da Regione 4 milioni euro per ridurne il sovraffollamento nel periodo invernale, causato dalle condizioni climatiche e dalle possibili epidemie influenzali. Pronto Soccorso lombardi: ad ATS Val Padana quasi 300mila euro Regione Lombardia ha stanziato 4 milioni di euro per potenziare le attività dei Pronto Soccorso lombardi, per ridurne il sovraffollamento nel […]

Continua la lettura di Pronto Soccorso lombardi: da Regione 4 milioni euro per periodo invernale su Giornale di Mantova.

]]>
Pronto Soccorso lombardi: da Regione 4 milioni euro per ridurne il sovraffollamento nel periodo invernale, causato dalle condizioni climatiche e dalle possibili epidemie influenzali.

Pronto Soccorso lombardi: ad ATS Val Padana quasi 300mila euro

Regione Lombardia ha stanziato 4 milioni di euro per potenziare le attività dei Pronto Soccorso lombardi, per ridurne il sovraffollamento nel periodo invernale, causato dalle condizioni climatiche e dalle possibili epidemie influenzali.

Incremento posti letto

“Ancora una volta – ha commentato l’assessore regionale Giulio Gallera – Regione mette al primo posto le esigenze dei cittadini, investendo risorse importanti per migliorare l’offerta dei servizi. Dal 1 dicembre al 31 marzo 2019 tutte le strutture dotate di PS potranno utilizzare i 4 milioni di euro messi a disposizione da Regione Lombardia per ampliare il numero di posti letto a disposizione per la degenza. Potranno, inoltre, nel rispetto della normativa vigente in materia, incrementare il personale sanitario necessario per far fronte a un maggior carico di lavoro”.

Ridurre sovraffollamento

“Questo provvedimento – ha sottolineato Gallera – ci permetterà innanzitutto di ridurre i tempi di permanenza dell’utenza in attesa di ricovero. Permetterà inoltre di evitare che il personale dedicato all’emergenza-urgenza svolga un’attività assistenziale aggiuntiva e non specifica, che comporta un importante sovraccarico lavorativo ed eviterà che, a cascata, si producano ritardi nell’accoglienza e nella gestione dei nuovi arrivi in PS”.

I destinatari dei finanziamenti

“Un provvedimento – ha concluso l’assessore – che dimostra la grande attenzione della Regione per il problema del sovraffollamento dei Pronto Soccorso, che abbiamo cercato di affrontare in maniera sistematica, utilizzando strategie organizzative condivise tra ospedale e territorio. Il temporaneo ampliamento dei posti letto riguarderà infatti tutte le strutture pubbliche e private accreditate sede di PS e Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione (DEA), subacuti attraverso la messa a disposizione dei posti letto per subacuti. Riguarderà inoltre tutte le strutture accreditate, sia pubbliche che private, attraverso l’attivazione di convenzioni con strutture sanitarie e unità d’offerta sociosanitarie di RSA o cure intermedie che convertano temporaneamente parte dei posti accreditati in degenze”.

Ripartizione risorse

L’evidenza di sovraffollamento del PS dovrà essere documentata sulla base di una analisi dell’attività del periodo invernale 2017-18 da parte delle Ats, che dovranno autorizzare, sulla base delle evidenze, la possibilità di attivare posti letto aggiuntivi in modo proporzionale tra le strutture, anche in funzione del numero assoluto di accessi ai Pronto Soccorso. Per la realizzazione del provvedimento sono messi a disposizione complessivamente 4 milioni di euro, 500.000 euro per il 2018 e 3,5 milioni per il 2019, da ripartirsi tra le Ats in proporzione al numero degli accessi in Pronto Soccorso del 2017 negli ambiti territoriali di riferimento, secondo lo schema che segue:

– ATS Milano, accessi 1.413.594, risorse 1.440.452 euro;
– ATS Insubria, accessi 543.246, risorse 553.567 euro;
– ATS Montagna accessi 142.954, risorse 145.670 euro;
– ATS Brianza, accessi 403.389, risorse 411.053 euro;
– ATS Bergamo, accessi 413.347, risorse 421.200 euro;
– ATS Brescia, accessi 494.158, risorse 503.547 euro;
– ATS Val Padana, accessi 294.129, risorse 299.717 euro;
– ATS Pavia, accessi 220.599, risorse 224.790 euro.

Continua la lettura di Pronto Soccorso lombardi: da Regione 4 milioni euro per periodo invernale su Giornale di Mantova.

]]>
Euro Jackpot: con 2 euro vince 4 milioni nel Mantovano https://giornaledimantova.it/attualita/euro-jackpot-con-2-euro-vince-4-milioni-nel-mantovano/ https://giornaledimantova.it/attualita/euro-jackpot-con-2-euro-vince-4-milioni-nel-mantovano/#respond Mon, 19 Nov 2018 09:47:02 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12676 Precisamente 3 milioni e 800mila euro. Gioca 2 euro ne vince 4 milioni Diciamo subito che statisticamente c’è molta più probabilità di essere colpiti da un fulmine che di azzeccare la sestina vincente. Non solo, il Cnr in merito alla piaga del gioco d’azzardo ha diffuso diversi casi statistici maggiormente probabili rispetto alla vincita milionaria: […]

Continua la lettura di Euro Jackpot: con 2 euro vince 4 milioni nel Mantovano su Giornale di Mantova.

]]>
Precisamente 3 milioni e 800mila euro.

Gioca 2 euro ne vince 4 milioni

Diciamo subito che statisticamente c’è molta più probabilità di essere colpiti da un fulmine che di azzeccare la sestina vincente. Non solo, il Cnr in merito alla piaga del gioco d’azzardo ha diffuso diversi casi statistici maggiormente probabili rispetto alla vincita milionaria: c’è più probabilità che la Terra venga colpita da un’asteroide oppure di ricevere soldi da un Bancomat digitando delle cifre casuali.

A Marcaria accade l’improbabile

A Marcaria si è verificata una vincita milionaria con soli due euro, puntati sull’Euro Jackpot. Un “5+1” ha vinto tre milioni e 800mila euro. E’ successo alla tabaccheria in via Crispi. La titolare delle ricevitoria si augura che il vincitore anonimo sia una persona bisognosa e che destini alla beneficenza una parte della cospicua cifra.

LEGGI ANCHE Incendio al ristorante Conventino

Continua la lettura di Euro Jackpot: con 2 euro vince 4 milioni nel Mantovano su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/euro-jackpot-con-2-euro-vince-4-milioni-nel-mantovano/feed/ 0
Zucchero Sugar Fornaciari a Castel Goffredo https://giornaledimantova.it/attualita/zucchero-sugar-fornaciari-a-castel-goffredo/ https://giornaledimantova.it/attualita/zucchero-sugar-fornaciari-a-castel-goffredo/#respond Mon, 19 Nov 2018 09:13:47 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12670 Ieri, domenica 18 novembre, Zucchero Sugar Fornaciari a sorpresa era a Castel Goffredo, ospite dell’amico chitarrista Corrado Rustici, all’interno dell’evento organizzato da Mario Chiesa, dalla scuola musicale Pastorius e da For Freedom Music. Zucchero Sugar Fornaciari a Castel Goffredo Un sorpresa davvero unica: il più celebre soulman d’Italia, Zucchero Sugar Fornaciari, si è intrattenuto nel […]

Continua la lettura di Zucchero Sugar Fornaciari a Castel Goffredo su Giornale di Mantova.

]]>
Ieri, domenica 18 novembre, Zucchero Sugar Fornaciari a sorpresa era a Castel Goffredo, ospite dell’amico chitarrista Corrado Rustici, all’interno dell’evento organizzato da Mario Chiesa, dalla scuola musicale Pastorius e da For Freedom Music.

Zucchero Sugar Fornaciari a Castel Goffredo

Un sorpresa davvero unica: il più celebre soulman d’Italia, Zucchero Sugar Fornaciari, si è intrattenuto nel comune mantovano fino alle 17.30. Ospite d’eccellenza dell’evento organizzato da Mario Chiesa, dalla scuola musicale Pastorius e da For Freedom Music. 

Una carriera straordinaria

Protagonista assoluto della storia musicale italiana degli ultimi 40 anni, senza interruzioni. Si tratta di uno dei pochi artisti blues europei ad avere ancora successo a livello internazionale. Una cifra stilistica del tutto unica e riconoscibile: Adelio Fornaciari, questo il suo nome all’anagrafe, ha saputo fondere la musica soul e blues tipica del sud degli States con la musica leggera italiana. Strepitosi i suoi numeri: ha venduto oltre 60 milioni di dischi tra album e singoli. Il suo album Oro, incenso e birra è stato per lungo tempo il disco più venduto nella storia della musica leggera italiana.

 

Collaborazioni internazionali

Le collaborazioni internazionali che Fornaciari ha raccolto nella sua carriera sono di livello altissimo: Joe Cocker, The Blues Brothers, Dolores O’Riordan, Ray Charles, Sting, Bono, Brian May, Eric Clapton, Tom Jones, Bryan Adams, Mousse T., Sheryl Crow, Vanessa Carlton, Mark Knopfler, John Lee Hooker, Miles Davis, B.B. King, Stevie Ray Vaughan, Iggy Pop, Alejandro Sanz e 2Cellos. Ad ereditare il talento paterno e la musicalità è stata la figlia Irene Fornaciari che, a fortune alterne, sta costruendo la sua carriera di musicista e interprete.

LEGGI ANCHE: Terremoto in Romagna 4.0

Continua la lettura di Zucchero Sugar Fornaciari a Castel Goffredo su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/zucchero-sugar-fornaciari-a-castel-goffredo/feed/ 0
Terremoto in Romagna: magnitudo 4.0 avvertita anche nelle altre regioni https://giornaledimantova.it/attualita/terremoto-in-romagna-magnitudo-4-0-avvertita-anche-nelle-altre-regioni/ https://giornaledimantova.it/attualita/terremoto-in-romagna-magnitudo-4-0-avvertita-anche-nelle-altre-regioni/#respond Mon, 19 Nov 2018 08:25:16 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12667 Terremoto in Romagna: la forte scossa è stata avvertita anche dalle regioni circostanti. Terremoto in Romagna Una forte scossa di terremoto ha interessato la Romagna alle ore 13:48 con epicentro vicino a Rimini, precisamente a Santarcangelo di Romagna, INGV ha restituito per questo terremoto una magnitudo 4.0 e un ipocentro a 43km di profondità. Proprio la profondità elevata ha […]

Continua la lettura di Terremoto in Romagna: magnitudo 4.0 avvertita anche nelle altre regioni su Giornale di Mantova.

]]>
Terremoto in Romagna: la forte scossa è stata avvertita anche dalle regioni circostanti.

Terremoto in Romagna

Una forte scossa di terremoto ha interessato la Romagna alle ore 13:48 con epicentro vicino a Rimini, precisamente a Santarcangelo di Romagna, INGV ha restituito per questo terremoto una magnitudo 4.0 e un ipocentro a 43km di profondità. Proprio la profondità elevata ha favorito una propagazione areale piuttosto grande del sisma che è stato avvertito oltre che a San Marino, anche nel Veneto e nelle Marche.

Nessun danno

Allo stesso tempo l’elevata profondità ne ha attutito l’energia superficiale, motivo per il qualche il terremoto non ha provocato danni mentre avrebbe potuto crearne se l’ipocentro fosse stato a 5-10km di profondità. Solo un grande spavento per le popolazioni della zona epicentrale.

Ma tanta paura e disservizi

Nella giornata odierna sono scattati i controlli nelle scuole e negli edifici pubblici. Il sisma è stato annunciato da un boato seguito da una scossa avvertita in tutta la Romagna e fino a Padova e Ancona e parte dell’appennino tosco-emiliano. Un terremoto che ha messo in allarme moltissimi residenti, alcuni dei quali usciti in strada per la paura, e intasato i centralini di vigili del fuoco e forze dell’ordine da persone che chiedevano informazioni. Fermi anche i treni sulla linea adriatica da Cesena a Riccione e tra Rimini e Cesenatico. Come da protocollo, i tecnici di Trenitalia hanno provveduto a controllare binari e infrastrutture per verificare l’assenza di danni.

LEGGI ANCHE: Incendio all’ex Conventino, la trattoria divorata dalle fiamme

Continua la lettura di Terremoto in Romagna: magnitudo 4.0 avvertita anche nelle altre regioni su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/terremoto-in-romagna-magnitudo-4-0-avvertita-anche-nelle-altre-regioni/feed/ 0
Neve: qualche fiocco in quota e stasera peggiora PREVISIONI METEO https://giornaledimantova.it/attualita/neve-qualche-fiocco-in-quota-e-stasera-peggiora-previsioni-meteo/ Mon, 19 Nov 2018 07:19:41 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12664 Esperti e appassionati meteo avevano annunciato l’arrivo del freddo e il gelo, puntualmente è arrivato! E la neve? In quota, sulle nostre montagne ha iniziato a scendere qualche fiocco come dimostra l’immagine della webcam del Meteo Val San Martino al Passo del Pertus. E in serata sono previsti peggioramenti  con abbassamento della “linea bianca”! Il fronte […]

Continua la lettura di Neve: qualche fiocco in quota e stasera peggiora PREVISIONI METEO su Giornale di Mantova.

]]>
Esperti e appassionati meteo avevano annunciato l’arrivo del freddo e il gelo, puntualmente è arrivato! E la neve? In quota, sulle nostre montagne ha iniziato a scendere qualche fiocco come dimostra l’immagine della webcam del Meteo Val San Martino al Passo del Pertus. E in serata sono previsti peggioramenti  con abbassamento della “linea bianca”!

Il fronte freddo e la neve

“La parte settentrionale del continente europeo è interessata da una vasta area di alta pressione, mentre una vasta depressione interessa tutto il settore meridionale, Italia compresa, ed è caratterizzata da aria molto fredda in quota” spiegano da Meteo Val San Martino. “Debole nevicata in corso al Laghetto Del Pertus come possiamo vedere dalle immagini di una delle nostre #webcam. Già un bel velo al suolo, speriamo sia di buon auspicio per il prossimo imminente inverno!”

Le temperature

“Temperature minime tutte negative o di poco sotto lo zero, come potete vedere nel riquadro. Massime diurne in deciso calo rispetto ai giorni scorsi. -3-3°C a Passo Di Valcava e, pensate, -6.8°C a Santa Caterina Valfurva, -6.7°C a Livigno e -6.2°C ai Piani di Bobbio! (dati da stazioni CML)”.

La giornata di oggi

Secondo Arpa tra oggi e domani tra oggi  e  domani, martedì un nucleo depressionario più attivo, freddo, inserito nel flusso principale si va ad approfondire ad est dell’arco alpino, determinando anche in Lombardia tempo più perturbato, con precipitazioni più diffuse e nevicate fino a quote collinari, a tratti possibili anche a quote inferiori. Tempo ancora instabile nei giorni successivi, ma con minore probabilità di precipitazioni.

Stato del cielo: molto nuvoloso o coperto sui rilievi Alpini e Prealpini, altrove nuvolosità irregolare in progressivo aumento nel corso della giornata. Coperto ovunque dalla sera.

Precipitazioni: dal mattino pioviggine sparsa su Alpi e Prealpi, nevischio oltre 800 metri. In serata precipitazioni più estese, con interessamento in particolare dei settori orientali e meridionali della regione; limite della neve in abbassamento a 400-500 metri.

Temperature:  minime e massime in lieve calo. In pianura minime intorno a 1 °C, massime intorno a 8 °C, lievemente più alte sui settori orientali.

Zero termico: attorno a 1000 metri, in lieve abbassamento in serata.

Venti: in pianura e sull’Appenino deboli da est, in intensificazione dal pomeriggio, moderati o temporaneamente forti in serata; in montagna da deboli a moderati meridionali.

Domani

Stato del cielo: molto nuvoloso o coperto ovunque in mattinata, poi schiarite a partire da ovest.

Precipitazioni: diffuse fino al mattino sui settori orientali e meridionali della regione, tra deboli e moderate; più occasionali sulla pianura occidentale. Neve oltre 400 metri, con possibile pioggia mista a neve anche a quote inferiori. precipitazioni in attenuazione dalla mattinata a partire da ovest.

Temperature: minime in lieve aumento, massime in lieve calo. Scarsa escursione termica diurna.

Zero termico: attorno a 1000 metri su Alpi e Prealpi, attorno a 600 metri sull’Appennino. In risalita dal pomeriggio.

Venti: da deboli a moderati; in pianura orientali, con maggiori rinforzi sulla pianura orientale e l’Oltrepò Pavese; in montagna da sudest.

Continua la lettura di Neve: qualche fiocco in quota e stasera peggiora PREVISIONI METEO su Giornale di Mantova.

]]>
Un’aggressione e diversi malori SIRENE DI NOTTE https://giornaledimantova.it/cronaca/unaggressione-e-diversi-malori-sirene-di-notte/ Mon, 19 Nov 2018 06:22:25 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12661 Aggressione e diversi malori: gli interventi degli operatori del 118 nella notte appena trascorsa. Cremona Notte tranquilla sul fronte dei soccorsi a Cremona e provincia. Da segnalare solo un intervento nelle prime ore della serata di domenica 18 novembre per un malore. Erano circa le 20.30 e a non sentirsi bene è stato un uomo […]

Continua la lettura di Un’aggressione e diversi malori SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Aggressione e diversi malori: gli interventi degli operatori del 118 nella notte appena trascorsa.

Cremona

Notte tranquilla sul fronte dei soccorsi a Cremona e provincia. Da segnalare solo un intervento nelle prime ore della serata di domenica 18 novembre per un malore. Erano circa le 20.30 e a non sentirsi bene è stato un uomo di 53 anni mentre si trovava lungo la SS343 a Casalmaggiore. Immediata la chiamata ai soccorsi: sul posto un’ambulanza e un’automedica. Per lui trasporto in ospedale in codice verde.

Lodi

Alle 2.30 a Lodi si è registrato un evento violento classificato come aggressione nei pressi del Rondò della Tangenziale. Vittime due giovani di 18 e 22 anni. Sul posto gli uomini della Questura e due ambulanza. Per i coinvolti trasporto in ospedale in codice verde.

Un uomo di 51 anni, invece, è stato soccorso dopo aver accusato un malore presso un impianto lavorativo situato lungo la SP23 a Massalengo. Fortunatamente nulla di grave, anche per lui trasporto in ospedale a Lodi in codice verde.

Mantova

Allarme per un malore anche in provincia di Mantova a Suzzara. Soccorso un uomo di 59 anni in viale dell’Artigianatato poco prima delle 23. Sul posto, in codice rosso, un’ambulanza e un’automedica. Dopo i primi accertamenti, il 59enne è stato portato in ospedale a Mantova in codice giallo.

Continua la lettura di Un’aggressione e diversi malori SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Come scegliere la ditta di traslochi che fa per noi https://giornaledimantova.it/casa/come-scegliere-la-ditta-di-traslochi-che-fa-per-noi/ Sun, 18 Nov 2018 14:11:04 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12658 Come scegliere la ditta di traslochi che fa per noi? Prima o poi nella vita di ciascuna persona arriva il fatidico momento del trasloco. Si dice addio alla vecchia casa, dove magari si è vissuto per un anno, oppure per trent’anni. E di conseguenza, in base anche alla vostra tendenza ad accumulare, ci saranno infinità […]

Continua la lettura di Come scegliere la ditta di traslochi che fa per noi su Giornale di Mantova.

]]>
Come scegliere la ditta di traslochi che fa per noi? Prima o poi nella vita di ciascuna persona arriva il fatidico momento del trasloco. Si dice addio alla vecchia casa, dove magari si è vissuto per un anno, oppure per trent’anni. E di conseguenza, in base anche alla vostra tendenza ad accumulare, ci saranno infinità di «cose» da spostare da un’abitazione all’altra. E allora le strade che si possono percorrere per affrontare questo punto saliente della nostra esistenza sono due. Si può fare tutto da soli, andando a noleggiare un camion o un furgone per il trasporto (se non lo si possiede). Cercando amici e parenti disponibili a darci una mano nella fase di smontaggio (e poi di rimontaggio di mobilia varia). E soprattutto qualcuno in grado di assisterci durante le fasi di scarico (lungo scale, cortili, ascensori), carico e di nuovo scarico del mezzo.

Come scegliere la ditta di traslochi che fa per noi

Non si tratta certo di un impegno da poco e al giorno d’oggi forse, visto lo scarso tempo di cui si ha a disposizione, è bene rivolgersi a chi il trasloco lo ha scelto come professione. Senza considerare il quantitativo di stress e fatica che andrebbero ad aggiungersi a quelli con cui quotidianamente conviviamo. La scelta di rivolgersi ad una ditta di traslochi è dunque sicuramente da favorire: però c’è ditta e ditta, bisogna dunque capire a quale team di professionisti affidarsi. Esistono alcuni consigli o spunti di riflessione che possono aiutare nella scelta della ditta di traslochi che fa per noi. In primis è bene mettere in chiaro l’importanza del tempo: non riducetevi all’ultimo, non ci deve essere bisogno di forzare la mano per una scelta.

Coordinate tempo…

Come scegliere la ditta di traslochi? E’ bene organizzarsi per tempo, prendendosi qualche settimana per cercare la ditta che più fa al nostro caso (sempre ovviamente se non se ne ha una di fiducia). I criteri sono piuttosto intuitivi e si tratta sostanzialmente di capire se domanda e offerta possono incontrarsi: quali servizi offre? Che cosa mi serve? Se per esempio non volete cimentarvi in imballaggi e scatoloni allora dovrete cercare un’impresa che li faccia al vostro posto.

… e spazio

Attenzione anche alla geografia: è bene specificare sin da subito le coordinate dei vostri appartamenti. Una ditta di traslochi, seppure straordinaria, a 600 chilometri da casa vostra forse non è il massimo. E con il passaparola come la mettiamo? «Un amico mi ha detto che quella ditta è perfetta», «Un altro mi ha detto di sconsigliare di quell’altra». Può essere tutto vero, però, come spesso si dovrebbe fare, è bene sentire più campane e parlare di persona con la ditta interessata. Perché ciascuno di noi è diverso e ha esigenze differenti.

La questione mobili

Ma torniamo ai servizi: avete già deciso chi si occuperà dello smontaggio e del montaggio dei mobili? Se voi non ne volete sapere servirà dunque una ditta specializzata anche in questo servizio. E poi ci sono i casi particolari, perché ogni abitazione ha una sua specificità: e allora è bene diffidare di chi accetta il lavoro senza prima voler fare un sopralluogo e capire dove dovrà operare. Per esempio se serve una piattaforma aerea e io non ce l’ho? Meglio pensarci su. Naturalmente è decisivo affidarsi a chi propone una copertura assicurativa (perché qualcosa può andare storto anche ai migliori professionisti, magari per cause indipendenti dalla loro volontà). L’ultima domanda da porsi è «la ristrutturazione della mia nuova casa non è ancora finita, dove metto scatole e scatoloni?».

Il servizio di deposito

Esistono ditte di traslochi che offrono il servizio di deposito. Anche questo è un fattore importante nella scelta. Prima di prendere una decisione quindi è bene parlare, confrontarsi e ancora meglio, farsi fare un preventivo su carta, in modo da non incorrere in problematiche varie. Il periodo migliore per cambiare casa? Per il trasloco l’alta stagione sono i mesi estivi, quindi le tariffe potrebbero essere leggermente più alte. Magari pensateci anche negli altri mesi. Ecco come scegliere la ditta di traslochi.

Continua la lettura di Come scegliere la ditta di traslochi che fa per noi su Giornale di Mantova.

]]>
Manutenzione caldaie, controllo fumi e valvole https://giornaledimantova.it/casa/manutenzione-caldaie-controllo-fumi/ Sun, 18 Nov 2018 14:02:02 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12655 Manutenzione caldaie, tutto quello che c’è da sapere. Da una parte c’è quella ordinaria, dall’altra il controllo dei fumi. Sono i due interventi classici che riguardano la vostra caldaia domestica. Nel primo caso questa operazione garantisce la sicurezza dell’impianto ed è obbligatorio sostenere le manutenzione, come indica la legge italiana. A partire dal 2014 chi […]

Continua la lettura di Manutenzione caldaie, controllo fumi e valvole su Giornale di Mantova.

]]>
Manutenzione caldaie, tutto quello che c’è da sapere. Da una parte c’è quella ordinaria, dall’altra il controllo dei fumi. Sono i due interventi classici che riguardano la vostra caldaia domestica. Nel primo caso questa operazione garantisce la sicurezza dell’impianto ed è obbligatorio sostenere le manutenzione, come indica la legge italiana. A partire dal 2014 chi possiede un impianto di riscaldamento o di climatizzazione estiva sarà in possesso del libretto relativo all’impianto (chiamato «Libretto di impianto per la climatizzazione»). Su questo documento, una sorta di carta d’identità dell’impianto, i vari tecnici registreranno gli interventi effettuati, partendo dalla prima accensione per arrivare alla suddetta manutenzione caldaie ordinaria. Senza scordarsi di eventuali interventi straordinari. Ed è proprio su questo libretto che deve essere indicata di volta in volta la data del prossimo intervento. Questo vale per la manutenzione ordinaria mentre per il controllo dei fumi la legge predispone tempistiche precise.

Manutenzione caldaie e controllo fumi

I controlli in questione vanno dunque eseguiti una volta ogni due oppure quattro anni. Entrambi gli interventi devono essere sostenuti da un tecnico specializzato e abilitato. Si parla di biennio quando si tratta di impianti domestici con potenza superiore a 10kW (ma inferiore a 100kW), a combustibile liquido o solido. Si parla di quadriennio per gli impianti domestici con potenza superiore a 10kW (ma inferiore a 100kW) a gas metano o GPL. La manutenzione caldaie prevede dunque il controllo di ugelli gas, camera di combustione, ventilatori, elettrodi e guarnizioni. Si tratta delle parti della caldaia maggiormente sottoposto all’usura. Con il controllo dei fumi inoltre l’operatore predisposto ha anche l’obbligo di legge di controllare l’efficienza energetica dell’impianto. Attenzione poi se siete affittuari: i costi della manutenzione spettano a voi, ossia all’inquilino, così come il compito della conservazione del libretto dell’impianto.

Ecco come risparmiare

Detto praticamente di spese riguardanti la manutenzione ordinaria e il controllo dei fumi, è bene anche parlare di un modo per risparmiare qualche soldino quando si parla di riscaldamento. Per alleggerire la bolletta esistono dei semplici suggerimenti da seguire che genereranno beneficio.
Stare al freddo non va bene, ma nemmeno temperature troppo elevate sono positive per il nostro organismo: il consiglio per esempio è quello di mantenere una temperatura durante il giorno che oscilli fra i 19 e i 20 gradi, non di più. L’equazione «bambino in casa quindi alzo la temperatura» non è salutare: mantenetevi comunque sui gradi indicati in precedenza.

Le valvole termostatiche

Pensate che alzare la temperatura di un solo grado fa lievitare i consumi di circa il 7-8%. Inoltre sarà sicuramente utile accendere la caldaia un paio di ore della sveglia, lasciandola invece spenta durante la notte. Potrebbero anche tornare utili delle valvole termostatiche: vanno installate sui caloriferi e li rendono indipendenti uno dall’altro. In questo modo regolano in autonomia l’afflusso di acqua calda, in base ovviamente alla temperatura impostata. Sostanzialmente si può regolare al meglio la temperatura di ogni stanza, in base all’utilizzo. Si tratta di una soluzione obbligatoria per gli impianti termici di tipo centralizzato installati in edifici con un numero di unità abitative superiore a quattro.

Continua la lettura di Manutenzione caldaie, controllo fumi e valvole su Giornale di Mantova.

]]>
Proteggere i denti durante l’attività sportiva https://giornaledimantova.it/salute/proteggere-i-denti-attivita-sportiva/ Sun, 18 Nov 2018 13:54:55 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12652 Proteggere i denti durante l’attività sportiva è importantissimo. Lo sport è salutare a livello cardiovascolare, muscolare, posturale ma, può esporre il fisico ad una serie di rischi. La protezione dell’apparato stomatognatico (la bocca) è spesso trascurata dagli atleti, interessati più alla performance che alla prevenzione degli «effetti collaterali». Certamente le patologie traumatiche dento-maxillo-facciali devono essere […]

Continua la lettura di Proteggere i denti durante l’attività sportiva su Giornale di Mantova.

]]>
Proteggere i denti durante l’attività sportiva è importantissimo. Lo sport è salutare a livello cardiovascolare, muscolare, posturale ma, può esporre il fisico ad una serie di rischi. La protezione dell’apparato stomatognatico (la bocca) è spesso trascurata dagli atleti, interessati più alla performance che alla prevenzione degli «effetti collaterali». Certamente le patologie traumatiche dento-maxillo-facciali devono essere prevenute negli «sport di contatto», quali il basket, la pallamano, le arti marziali, il rugby e il football americano, il motociclismo, lo sci alpino, il pattinaggio, lo squash, il calcio e il ciclismo…

Proteggere i denti durante l’attività sportiva

Le caratteristiche di un efficace protettore orale sono la protettività specifica per ogni sport, l’ingombro minimo e la stabilità, la possibilità di garantire ottima fonazione e ventilazione, la caratterizzazione estetica, la valutazione personalizzata del rapporto cranio-mandibolare. In presenza di forti sollecitazioni psico-fisiche, come durante una competizione, è importante che l’occlusione dentale (cioè il contatto che si stabilisce fra le arcate dentarie) sia stabile e ben relazionato alla postura corporea, per evitare la comparsa di disturbi che possano alterare lo stato di salute e la prestazione dello sportivo. Importante quindi una visita specialistica, per valutare l’idoneità fisica.

Dispositivi paradenti semi-individuali preformati

Per proteggere i denti durante l’attività sportiva sono utili dispositivi paradenti semi-individuali preformati. Adattabili alla bocca dell’atleta, che rappresentano un buon compromesso fra costo e beneficio, ma è bene evitare soluzioni «fai da te». L’erosione dentale superficiale è legata al consumo di bibite acide, e all’esposizione ad ambienti acidi, come la piscina. Il pH raccomandato per l’acqua delle piscine varia fra 7.2 e 8.0. In alcuni casi sono stati rilevati pH molto bassi, fino a 2.7, il cui effetto sui tessuti duri del dente va a sommarsi alla diluizione dei fattori protettivi della saliva e agli effetti di una clorazione inadeguata delle acque.

Attività sportiva e controllo odontoiatrico

I Medici dello Sport rimarcano l’importanza di un’attenta visita e ispezione orale per rilevare segni di abrasione ed erosione che possano esporre a dolore acuto l’atleta che pratichi sport aerei o d’immersione. In particolare l’area erosa dello smalto, con esposizione di dentina sensibile, risulta particolarmente aggredibile dalla concentrazione di ossigeno nell’aria respirata dalle bombole da sub. Con il rischio di pulpite acuta e cronica che può disturbare l’esercizio in modo anche grave. Ma soprattutto rischia di «coprire» altri sintomi e segnali vitali (come la cefalea da ipercapnia) ben più pericolosi. Risulta pertanto evidente la correlazione tra attività sportiva e controllo odontoiatrico costante. Per prevenire o mitigare l’insorgere di disturbi legati all’attività sportiva in esame, ma anche per poter affrontare con serenità e rendimento la performance sportiva.

Continua la lettura di Proteggere i denti durante l’attività sportiva su Giornale di Mantova.

]]>
Come preparare i cani all’inverno https://giornaledimantova.it/salute/come-preparare-i-cani-allinverno/ Sun, 18 Nov 2018 13:46:08 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12649 Come preparare i cani all’inverno? Temperature in discesa, cielo grigio e vestiario che via via si fa sempre più pesante. Scocca l’ora di prepararsi per i giorni più freddi. Non siamo soltanto noi, il nostro corpo o la nostra casa a doverci organizzare per il periodo invernale. Anche i nostri animali devono arrivare pronti ai […]

Continua la lettura di Come preparare i cani all’inverno su Giornale di Mantova.

]]>
Come preparare i cani all’inverno? Temperature in discesa, cielo grigio e vestiario che via via si fa sempre più pesante. Scocca l’ora di prepararsi per i giorni più freddi. Non siamo soltanto noi, il nostro corpo o la nostra casa a doverci organizzare per il periodo invernale. Anche i nostri animali devono arrivare pronti ai giorni in cui la colonnina di mercurio segnerà temperature vicine allo zero. In particolare ecco dunque qualche consiglio utile per i cani, amici a quattro zampe che meritano tutte le nostre attenzioni. Partiamo dunque dal pelo: evitate la tosatura ma privilegiate invece l’acquisto di prodotti specifici per nutrire il pelo, per mantenerlo sano e luminoso. E poi c’è lo stripping: si tratta di una procedura che deve essere seguita da persone esperte, consiste nel togliere il pelo morto dell’animale per favorirne la ricrescita e il naturale ricambio. Insomma, l’importanza della toelettatura.

Come preparare i cani all’inverno

Un ampio capitolo di preparazione all’inverno riguarda poi l’alimentazione: cibi ricchi di Omega 3 e 6 sono da preferire, a cui magari è possibile aggiungere degli integratori (seguendo però i consigli del veterinario). In generale per far fronte all’inverno è bene aumentare l’apporto di calorie ma anche in questo caso è bene seguire le indicazioni del proprio veterinario, a conoscenza di ciascun caso. Attenzione poi all’acqua: da evitare se troppo fredda, quindi controllatela spesso, sopratutto se la ciotola è posizionata all’esterno. Molto importante è ovviamente il movimento, e questo vale per tutte le stagioni: nel periodo invernale, quando il freddo è particolarmente pungente e la neve, potrebbe accadere che durante dopo il tradizionale «giretto» il vostro amico a quattro zampe rientri con il pelo ghiacciato. Con un phon, tenuto a debita distanza, andrete sicuramente incontro al cane, evitandogli di prendere troppo freddo.

Dal vestiario alla cuccia

E ancora, come non considerare il vestiario? Scegliere il cappottino giusto è fondamentale, tanto meglio se lavabile e impermeabile. Poi c’è la cuccia: assicuratevi che sia ben isolata dal pavimento, in modo tale che il freddo dal terreno «passi» meno facilmente. Più in generale durante l’inverno è bene avere un occhio di riguardo per i propri animali, per la loro cuccia e per il loro comportamento. Teneteli al caldo, fornitegli un giaciglio adeguato: il freddo, che spesso crea problemi agli uomini, fa lo stesso anche con i cani.

Continua la lettura di Come preparare i cani all’inverno su Giornale di Mantova.

]]>
Consigli per la corretta alimentazione dei cani https://giornaledimantova.it/cucina/consigli-per-la-corretta-alimentazione-dei-cani/ Sun, 18 Nov 2018 13:41:05 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12646 Consigli per la corretta alimentazione dei cani? Eccoli, ma attenzione, perché non è facile stilare la dieta perfetta per il vostro cane. Oggi è possibile scegliere fra un’infinità di prodotti, un’ampia offerta che svaria dalla A alla Z. E poi non esiste una regola univoca, ma tutto deve essere declinato in base al peso, alla […]

Continua la lettura di Consigli per la corretta alimentazione dei cani su Giornale di Mantova.

]]>
Consigli per la corretta alimentazione dei cani? Eccoli, ma attenzione, perché non è facile stilare la dieta perfetta per il vostro cane. Oggi è possibile scegliere fra un’infinità di prodotti, un’ampia offerta che svaria dalla A alla Z. E poi non esiste una regola univoca, ma tutto deve essere declinato in base al peso, alla taglia, alla razza e allo stato di salute del quadrupede. Insomma c’è tutto e di più per i nostri amici a quattro zampe, resta però da comprendere quale possa essere la loro nutrizione corretta.

Consigli per la corretta alimentazione dei cani

Più semplice invece è osservare delle indicazioni che ci permettano di evitare problemi o abitudini errate. Per esempio potrebbe essere opportuno controllare i valori nutrizionali riportati sull’etichetta delle crocchette, sempre più diffuse. Da preferire sono i prodotti che usano «carne» anziché «farina di carne». Se l’alimentazione invece è casalinga una buona idea è seguire l’idea che almeno il 50% sia composto da carne e il 50% da verdura e carboidrati. E poi ci sono gli alimenti: no ai cibi troppo salati, no a quelli troppo unti, no a quelli con una quantità eccessiva di zucchero.

Non fatevi condizionare dal marketing

Insomma, è bene fare il possibile per salvaguardare il proprio amico canino, curandone in particolare l’alimentazione. Fate attenzione infine a non farvi condizionare dal marketing e soprattutto non affidatevi al caso.

Continua la lettura di Consigli per la corretta alimentazione dei cani su Giornale di Mantova.

]]>
Schiacciato dal trinciaerba: un 60enne perde tragicamente la vita https://giornaledimantova.it/cronaca/schiacciato-dal-trinciaerba-un-60enne-perde-tragicamente-la-vita/ https://giornaledimantova.it/cronaca/schiacciato-dal-trinciaerba-un-60enne-perde-tragicamente-la-vita/#respond Sun, 18 Nov 2018 13:39:14 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12641 Schiacciato dal trinciaerba: morte tragica a Cogozzo per un imprenditore agricolo 60enne. Schiacciato dal trinciaerba E’ morto tragicamente un imprenditore agricolo di Cogozzo, frazione di Viadana, nella giornata di ieri – sabato 17 novembre. La tragedia si è verificata nel tardo pomeriggio, mentre l’uomo stava lavorando nei campi. Moreno Padova, 60 anni, era uscito di […]

Continua la lettura di Schiacciato dal trinciaerba: un 60enne perde tragicamente la vita su Giornale di Mantova.

]]>
Schiacciato dal trinciaerba: morte tragica a Cogozzo per un imprenditore agricolo 60enne.

Schiacciato dal trinciaerba

E’ morto tragicamente un imprenditore agricolo di Cogozzo, frazione di Viadana, nella giornata di ieri – sabato 17 novembre. La tragedia si è verificata nel tardo pomeriggio, mentre l’uomo stava lavorando nei campi. Moreno Padova, 60 anni, era uscito di casa intorno alle 16 per tagliare l’erba in un campo, avvalendosi di un trattorino dotato di un cestello idraulico.

Il dramma

Non è ancora chiara la dinamica dell’anomalia che ha scatenato l’investimento dell’uomo, che non ha avuto scampo ed è rimasto falciato. Il fratello di Moreno ha lanciato l’allarme non vedendolo rientrare a casa. L’uomo viveva con la madre, anch’essa allarmata per l’assenza prolungata del figlio. Gli operatori del 118 sono intervenuti intorno alle 21,45, purtroppo non c’è stato più nulla da fare. Il corpo è stato recuperato dopo la mezzanotte.

LEGGI ANCHE: Minaccia di buttarsi dal campanile di Casalmaggiore 

Continua la lettura di Schiacciato dal trinciaerba: un 60enne perde tragicamente la vita su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/schiacciato-dal-trinciaerba-un-60enne-perde-tragicamente-la-vita/feed/ 0
Piatti di Natale, ecco la tradizione irlandese https://giornaledimantova.it/cucina/piatti-di-natale-tradizione-irlandese/ Sun, 18 Nov 2018 13:23:17 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12642 I piatti di Natale sono il pezzo forte della festa più attesa dell’anno. E in ogni Paese del mondo è possibile scoprire modi diversi di celebrarlo. In Irlanda, sono numerose le tradizioni con cui si celebra. Dalle antiche alle più recenti fino ad alcune davvero ‘folli’, le usanze dell’Isola di Smeraldo sono per lo più di origine […]

Continua la lettura di Piatti di Natale, ecco la tradizione irlandese su Giornale di Mantova.

]]>
I piatti di Natale sono il pezzo forte della festa più attesa dell’anno. E in ogni Paese del mondo è possibile scoprire modi diversi di celebrarlo. In Irlanda, sono numerose le tradizioni con cui si celebra. Dalle antiche alle più recenti fino ad alcune davvero ‘folli’, le usanze dell’Isola di Smeraldo sono per lo più di origine celtica o provenienti dal retaggio cristiano. Il 6 gennaio si celebra, ad esempio, il cosiddetto “Natale delle Donne”, come viene chiamato il giorno dell’Epifania, durante il quale le Irlandesi escono a divertirsi in gruppo, lasciando compagni, mariti e figli a casa.

Piatti di Natale, le usanze “Irish”

Ma quali sono le altre tradizioni che rendono le feste natalizie davvero ‘Irish’? Al primo posto c’è sicuramente il cibo. Gli Irlandesi, noti per essere delle buone forchette, iniziano i preparativi culinari di piatti e dolci tipici almeno un mese prima di Natale. La portata d’eccellenza, spesso mangiata a Cork nel Sud del paese, è la carne di manzo speziato. O in alternativa il tacchino arrosto, ma c’è anche chi preferisce gustare il tipico prosciutto al forno. Per soddisfare tutti i palati durante il pranzo di Natale, il vero segreto è scegliere con cura il taglio di carne, che deve essere rigorosamente ‘Irish’, derivata da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese, pascolando in piena libertà per circa 10 mesi all’anno e alimentandosi per oltre l’80% di erba fresca.

Dal pudding al whiskey

Non solo, ma la migliore carne irlandese è frutto di una filosofia di allevamento rispettosa del benessere animale e dei ritmi di crescita naturali della vegetazione. Sono questi infatti gli elementi che conferiscono quel tipico gusto deciso che la rende un prodotto pregiato ed estremamente versatile in cucina. Se si vuole seguire la tradizione dell’Isola di Smeraldo, per completare il pranzo di Natale non può mancare il Christmas pudding. Ossia il tipico dolce natalizio servito con burro, salsa al brandy o rum che allieta la convivialità sulle tavole degli irlandesi. Tra i protagonisti della più antica tradizione culinaria nel periodo natalizio, non bisogna inoltre dimenticare il whiskey irlandese caldo. Questa bevanda, preparata con whiskey, limone, chiodi di garofano e un pizzico di zucchero di canna, è protagonista delle rigide giornate dicembrine. Il whiskey caldo dona una piacevole sensazione di calore, ravvivata dal profumo speziato dei chiodi di garofano.

Continua la lettura di Piatti di Natale, ecco la tradizione irlandese su Giornale di Mantova.

]]>
Classe E 4Matic All-Terrain, la nuova dimensione dell’off-road https://giornaledimantova.it/motori/classe-e-4matic-all-terrain-off-road/ Sun, 18 Nov 2018 13:07:21 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12638 Classe E 4MATIC All-Terrain è perfettamente a proprio agio in qualsiasi situazione: dai percorsi off-road, alla guida di tutti i giorni. Il centro di sviluppo di Sindelfingen ha realizzato la sorprendente Mercedes Classe E 4Matic All-Terrain, prodotta in un unico esemplare per definire una nuova dimensione dell’off-road. Grazie agli assi a portale, dispone di un’altezza […]

Continua la lettura di Classe E 4Matic All-Terrain, la nuova dimensione dell’off-road su Giornale di Mantova.

]]>
Classe E 4MATIC All-Terrain è perfettamente a proprio agio in qualsiasi situazione: dai percorsi off-road, alla guida di tutti i giorni. Il centro di sviluppo di Sindelfingen ha realizzato la sorprendente Mercedes Classe E 4Matic All-Terrain, prodotta in un unico esemplare per definire una nuova dimensione dell’off-road. Grazie agli assi a portale, dispone di un’altezza libera dal suolo di oltre 400 mm, e in questo modo soddisfa i criteri che le permettono di arrivare là dove altri veicoli a trazione integrale cedono il passo. La storia della nascita di questo veicolo è dimostrazione tangibile della creatività degli ingegneri della Stella.

Un team di lavoro unico

La Classe E 4Matic All-Terrain è frutto dell’ingegno di Jürgen Eberle. Da entusiasta off-road, il progettista ha osservato gli assi a portale della G 500 4×4 e si è chiesto se fosse possibile installare qualcosa di simile su una Classe E dotata di un moderno asse multilink. Grazie al supporto di molti appassionati collaboratori, ha presentato una vettura All-Terrain 4×4 su grandi ruote. Sono stati coinvolti circa 20 colleghi di aree differenti. A partire da progettazione e engineering, fino ad officina e testing. Gli ampi profili aerodinamici dei passaruota, ad esempio, sono stati creati con l’ausilio di una stampante 3D del dipartimento di prototipazione rapida, e un progettista si è occupato di definire il design avvolgente del veicolo.

Classe E 4Matic All-Terrain, tutto per l’off-road

Da vettura lussuosa e versatile a deciso arrampicatore off-road. Già dal look è evidente come la Classe E 4Matic All-Terrain possa arrivare praticamente dappertutto. Con 420 mm, dispone di più del doppio dell’altezza libera dal suolo rispetto al modello di produzione (160 mm). La capacità di guado, vale a dire la massima profondità dell’acqua che è in grado di attraversare, di 500 mm, è più vicina a quella dell’iconica off-road Classe G (600 mm) di quanto lo sia al livello standard All-Terrain (280 mm). In questo modo, la Classe E 4Matic All-Terrain soddisfa i criteri geometrici che le permettono di arrivare là dove altri veicoli a trazione integrale non possono.

Una vettura che significa innovazione

Queste impressionanti caratteristiche off-road sono state raggiunte grazie ai cosiddetti assi a portale. A differenza degli assi convenzionali, le ruote non si trovano all’altezza del centro dell’asse. Ma molto più in basso, sulle teste dell’asse, e questo grazie alla trasmissione a portale. Sulla Classe E 4Matic All-Terrain gli assi a portale sono stati integrati nelle moderne sospensioni multilink del veicolo. Sono stati creati nuovi punti di montaggio per le sospensioni. Con l’impiego di un telaio ausiliario sull’asse anteriore, e modificando opportunamente il supporto dell’asse posteriore. Una cinematica modificata degli assi funge, poi, da collegamento alla trasmissione a portale. I giunti inferiori delle sospensioni sono stati ottenuti lavorando enormi blocchi di acciaio pieno.

Continua la lettura di Classe E 4Matic All-Terrain, la nuova dimensione dell’off-road su Giornale di Mantova.

]]>
La nuova BMW X5 porta le curve di Monza nel Sahara https://giornaledimantova.it/motori/la-nuova-bmw-x5-porta-monza-sahara/ Sun, 18 Nov 2018 12:52:30 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12635 La nuova BMW X5 porta le curve del circuito di Monza nel deserto del Sahara. Per il lancio della nuova vettura BMW Italia ha realizzato un’impresa senza paragoni. Lo storico tracciato brianzolo ha preso forma a Merzouga, in una delle zone più desertiche del Marocco. Monza, provincia del Sahara Un tracciato di 5.793 metri che si staglia tra le […]

Continua la lettura di La nuova BMW X5 porta le curve di Monza nel Sahara su Giornale di Mantova.

]]>
La nuova BMW X5 porta le curve del circuito di Monza nel deserto del Sahara. Per il lancio della nuova vettura BMW Italia ha realizzato un’impresa senza paragoni. Lo storico tracciato brianzolo ha preso forma a Merzouga, in una delle zone più desertiche del Marocco.

Monza, provincia del Sahara

Un tracciato di 5.793 metri che si staglia tra le sabbie e le rocce del Sahara. Ogni curva, ogni rettilineo, ogni chicane è ricostruita fedelmente in scala 1:1, sia nei raggi di curvatura che nelle distanze. Per due settimane, oltre 50 persone tra ingegneri, geometri, tecnici, operai e piloti hanno lavorato e contribuito alla realizzazione dell’impresa. Sono stati necessari 4 giorni di studio e di preparazione con topografi, ingegneri e architetti, con 8 postazioni per la progettazione e la simulazione topografica. Per 9 giorni, 4 ruspe e 4 camion hanno scavato 24 metri cubi alla volta per preparare il terreno e rimuovere la sabbia in eccesso; mentre 2 grader e 2 compattatori hanno steso e compattato la pista. Oltre 3500 metri cubi di terra sono stati spostati per dar vita alla pista off-road.

Il deserto accoglie la nuova BMW X5

Un’opera monumentale che culmina in un’impresa senza precedenti: la nuova BMW X5, dopo aver attraversato l’Europa in una viaggio a tappe, ha raggiunto il circuito di “Monza, Sahara” nell’impervio deserto marocchino dove, tra dune di sabbia e rocce, ha sfidato uno dei terreni più ostili del pianeta e affrontato Lesmo, Ascari e Parabolica, dando prova delle sue capacità di guida in fuoristrada, grazie al nuovo pacchetto xOffroad, che fa il suo debutto proprio su questo modello. A darle in benvenuto in Marocco è stata la nuova BMW R 1250 GS, la moto da enduro per eccellenza di BMW Motorrad appena rinnovata con il nuovo motore boxer, che le ha fatto da apripista in questa impresa.

Sports Activity Vehicle

Dalla BMW X5 ha avuto origine la famiglia BMW X e oggi, alla sua quarta generazione, questo modello si impone come mai ha fatto prima, sia in termini estetici sia per la sua modernità. La nuova BMW X5 stupisce per la ricchezza di innovazioni e rappresenta l’incarnazione più convincente fino ad oggi del modello familiare di Sports Activity Vehicle (SAV): la capacità di avventurarsi in fuoristrada unita al piacere di una guida dinamica nel farlo. Come i suoi predecessori, la BMW X5 sarà costruita nello stabilimento di Spartanburg negli Stati Uniti. Il lancio sul mercato italiano sarà il 24 e 25 novembre.

Novità assoluta è il pacchetto xOffroad

Novità assoluta per il modello è la possibilità per i clienti di scegliere il pacchetto xOffroad. Un pulsante specifico offre al pilota la scelta tra quattro modalità di guida #offroad (xSand, xRocks, xGravel, xSnow), che determinano automaticamente le impostazioni ideali di altezza del veicolo, del sistema xDrive, la risposta di accelerazione e controllo della trasmissione, e gli input correttivi del sistema DSC quando occorre prepararsi a guidare sulla sabbia, sulle rocce, sulla ghiaia e sulla neve.

Continua la lettura di La nuova BMW X5 porta le curve di Monza nel Sahara su Giornale di Mantova.

]]>
Sale sul campanile e minaccia il suicidio https://giornaledimantova.it/cronaca/sale-sul-campanile-e-minaccia-il-suicidio/ Sun, 18 Nov 2018 12:31:06 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12632 Sal sul campanile della chiesa di Roncadello minacciando di buttarsi. Sale sul campanile della chiesa di Roncadello Panico a Roncadello: un 31enne è salito sul campanile della chiesa cittadina e ha minacciato di buttarsi. E’ successo stamane, domenica 18 novembre; il protagonista è un giovane di Reggio Emilia. Salvato Grazie all’intervento dei vigili del fuoco di […]

Continua la lettura di Sale sul campanile e minaccia il suicidio su Giornale di Mantova.

]]>
Sal sul campanile della chiesa di Roncadello minacciando di buttarsi.

Sale sul campanile della chiesa di Roncadello

Panico a Roncadello: un 31enne è salito sul campanile della chiesa cittadina e ha minacciato di buttarsi. E’ successo stamane, domenica 18 novembre; il protagonista è un giovane di Reggio Emilia.

Salvato

Grazie all’intervento dei vigili del fuoco di Viadana ha desistito dal suo proposito ed è stato portato all’ospedale Oglio Po. Pare che alla base del gesto ci siano questioni di natura familiare. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della Compagnia di Casalmaggiore, i vigili del fuoco di Cremona e la Padana Soccorso con l’auto medica.

Attivato un negoziatore

Era già stato attivato un negoziatore, nel caso il giovane avesse fatto ostruzionismo, in modo da aprire un dialogo con l’aspirante suicida. Fortunatamente non è servito.

LEGGI ANCHE: Malore in centro, denunciati i pusher della 19enne

Continua la lettura di Sale sul campanile e minaccia il suicidio su Giornale di Mantova.

]]>
Incendio al ristorante “San Giuseppe” https://giornaledimantova.it/cronaca/incendio-al-ristorante-il-conventino/ https://giornaledimantova.it/cronaca/incendio-al-ristorante-il-conventino/#respond Sun, 18 Nov 2018 11:15:16 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12629 Un incendio in corso sta divorando il ristorante “Il Conventino” a Castel D’Ario. Incendio al ristorante Stamane un incendio sta divorando il ristorante “Il Conventino” sito a Susano di Castel D’Ario, in via Roma. I vigili del fuoco stanno tentando di sedare le fiamme, le operazioni sono rese difficile dal vento. Ancora sconosciute le cause […]

Continua la lettura di Incendio al ristorante “San Giuseppe” su Giornale di Mantova.

]]>
Un incendio in corso sta divorando il ristorante “Il Conventino” a Castel D’Ario.

Incendio al ristorante

Stamane un incendio sta divorando il ristorante “Il Conventino” sito a Susano di Castel D’Ario, in via Roma. I vigili del fuoco stanno tentando di sedare le fiamme, le operazioni sono rese difficile dal vento. Ancora sconosciute le cause del rogo.

LEGGI ANCHE: Moto contro auto: arriva l’elisoccorso

Continua la lettura di Incendio al ristorante “San Giuseppe” su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/incendio-al-ristorante-il-conventino/feed/ 0
Scherzi a Parte: la burla della polemica sui monti lombardi https://giornaledimantova.it/attualita/scherzi-a-parte-la-burla-della-polemica-sui-monti-lombardi/ https://giornaledimantova.it/attualita/scherzi-a-parte-la-burla-della-polemica-sui-monti-lombardi/#respond Sun, 18 Nov 2018 11:02:50 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12626 Scherzi a Parte ha scelto la Valtellina come luogo per lo scherzo a Jonathan Kashanian. Al Fly Emotion Per chi segue i reality, Jonathan Kashanian è un personaggi molto noto, ha vinto il Grande Fratello e ha partecipato all’Isola dei Famosi. Ora è un influencer molto seguito sui social la popolare trasmissione Mediaset lo ha scelto come vittima […]

Continua la lettura di Scherzi a Parte: la burla della polemica sui monti lombardi su Giornale di Mantova.

]]>
Scherzi a Parte ha scelto la Valtellina come luogo per lo scherzo a Jonathan Kashanian.

Al Fly Emotion

Per chi segue i reality, Jonathan Kashanian è un personaggi molto noto, ha vinto il Grande Fratello e ha partecipato all’Isola dei Famosi. Ora è un influencer molto seguito sui social la popolare trasmissione Mediaset lo ha scelto come vittima di una burla avvenuta ad Albaredo per San Marco al Fly Emotion, fra i monti lombardi della Valtellina.

La vittima, ignara di tutto, è stata lanciata in compagnia di un complice. Al momento dell’arrivo però, al posto di fermarsi, Jonathan e l’attore sono tornati indietro rimanendo bloccati, appesi a molti metri d’altezza. Per vedere lo scherzo CLICCA QUI.

Cos’è Fly Emotion

Fly Emotion è un’attrazione presente da molti anni in Valtellina. Nonostante l’aspetto molto emozionante ed adrenalinico, è un’attività adatta a tutti dai più piccoli ai più grandi: non è richiesto alcuno sforzo fisico, occorre solo godersi il volo ed ammirare il paesaggio. Caratteristica importante del Fly Emotion è che ti permette di volare su due tratte differenti, una di andata e una di ritorno.

La rezione del vip

Il celebre influencer ha vissuto malissimo questa esperienza, raccontando di aver avuto – nei giorni successivi – dolori articolari. Senza contare il terrore durante quell’ora appeso nel vuoto.

LEGGI ANCHE: Scontro auto-moto arriva l’elisoccorso

Continua la lettura di Scherzi a Parte: la burla della polemica sui monti lombardi su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/scherzi-a-parte-la-burla-della-polemica-sui-monti-lombardi/feed/ 0
“Eat Original, scegli l’origine”: oggi a Mantova puoi tutelare il tuo territorio https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/eat-original-scegli-lorigine-oggi-a-mantova-puoi-tutelare-il-tuo-territorio/ https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/eat-original-scegli-lorigine-oggi-a-mantova-puoi-tutelare-il-tuo-territorio/#respond Sun, 18 Nov 2018 09:45:00 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12623 Oggi, domenica 18 novembre, appuntamento con il mercato di Campagna Amica in piazza Broletto con Mantova Capitale del Gusto (dalle 10 alle 19). “eat Original” Tutti i cittadini potranno firmare la petizione “Eat Original, scegli l’origine”, la campagna sostenuta – fra gli altri – da Coldiretti, Campagna Amica, Slow Food e dal principale sindacato agricolo […]

Continua la lettura di “Eat Original, scegli l’origine”: oggi a Mantova puoi tutelare il tuo territorio su Giornale di Mantova.

]]>
Oggi, domenica 18 novembre, appuntamento con il mercato di Campagna Amica in piazza Broletto con Mantova Capitale del Gusto (dalle 10 alle 19).

“eat Original”

Tutti i cittadini potranno firmare la petizione “Eat Original, scegli l’origine”, la campagna sostenuta – fra gli altri – da Coldiretti, Campagna Amica, Slow Food e dal principale sindacato agricolo francese (Fnsea) per una vera e propria iniziativa dei cittadini europei al fine di proporre un nuovo atto legislativo della Commissione europea in tema di dichiarazione obbligatoria di origine. Un vero e proprio patto antifrode che i cittadini e i consumatori europei chiedono all’Europa, a tutela della salute e dell’etichettatura di origine del cibo.

Focus zafferano

Campagna Amica Mantova organizzerà un Agritutorial sullo zafferano. Il produttore Marco Tebaldi parlerà della sua azienda, di come si coltiva lo zafferano, delle sue proprietà e del perché sia considerata così pregiata, oltre a utilizzi e proprietà della pianta. Le aziende partecipanti. Dieci le aziende che parteciperanno: Sara Cauzzi (miele e derivati), Ibisco (Lambrusco mantovano, pasta fresca, mostarde e confetture), Luca Alberini (salumi e carne suina), Società Agricola Bignotti (ortofrutta fresca e prodotti trasformati), Lucia Magnani (confetture, mostarde, pesti di frutta e verdura), Corte Fattori (farine, mostarde, conserve), Silvano Parolini (zucche e patate), Stefano Trivini (miele d’acacia e millefiori), Granitaly Aliment (pasta, olio, vino), Luca Tebaldi (zafferano, erbe aromatiche, fagioli, mostarde di verdura, topinambur).

LEGGI ANCHE: Scontro auto moto: arriva l’elisoccorso

Continua la lettura di “Eat Original, scegli l’origine”: oggi a Mantova puoi tutelare il tuo territorio su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/eat-original-scegli-lorigine-oggi-a-mantova-puoi-tutelare-il-tuo-territorio/feed/ 0
Scontro auto moto, coinvolto un 19enne: arriva l’elisoccorso https://giornaledimantova.it/cronaca/scontro-auto-moto-coinvolto-un-19enne-arriva-lelisoccorso/ https://giornaledimantova.it/cronaca/scontro-auto-moto-coinvolto-un-19enne-arriva-lelisoccorso/#respond Sun, 18 Nov 2018 09:35:49 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12621 Scontro auto moto a Roncoferraro: la missione di soccorso risulta ancora in corso. Scontro auto moto Stamane, sulla ss 482, poco dopo le nove del mattino, si è verificato un incidente stradale che ha visto coinvolte un’auto e una moto. La missione di soccorso è ancora in atto, interessata anche la Polstrada di Mantova già […]

Continua la lettura di Scontro auto moto, coinvolto un 19enne: arriva l’elisoccorso su Giornale di Mantova.

]]>
Scontro auto moto a Roncoferraro: la missione di soccorso risulta ancora in corso.

Scontro auto moto

Stamane, sulla ss 482, poco dopo le nove del mattino, si è verificato un incidente stradale che ha visto coinvolte un’auto e una moto. La missione di soccorso è ancora in atto, interessata anche la Polstrada di Mantova già accorsa sul luogo. E’ stato richiesto l’intervento dell’elisoccorso. Due le persone rimaste coinvolte nello schianto: un 19enne e un 57enne. Le condizioni di entrambi sembrerebbero critiche.

LEGGI ANCHE: Cremona-Mantova: salta l’autostrada

Continua la lettura di Scontro auto moto, coinvolto un 19enne: arriva l’elisoccorso su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/scontro-auto-moto-coinvolto-un-19enne-arriva-lelisoccorso/feed/ 0
Incidenti stradali, aggressioni e intossicazioni etiliche SIRENE DI NOTTE https://giornaledimantova.it/cronaca/incidenti-stradali-aggressioni-e-intossicazioni-etiliche-sirene-di-notte/ https://giornaledimantova.it/cronaca/incidenti-stradali-aggressioni-e-intossicazioni-etiliche-sirene-di-notte/#respond Sun, 18 Nov 2018 09:10:14 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12619 Notte di sirene spiegate nella Bassa, ecco gli eventi salienti nelle varie provincie. CREMONA Incidente stradale poco dopo la mezzanotte a Cicognolo, coinvolta una 23enne. La giovane è stata trasportata in condizioni non gravi al Maggiore di Cremona. Intorno alle quattro di notte una rissa a Cremona in piazza Cadorna, fortunatamente senza gravi conseguenze. Pochi minuti dopo un’aggressione in via […]

Continua la lettura di Incidenti stradali, aggressioni e intossicazioni etiliche SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Notte di sirene spiegate nella Bassa, ecco gli eventi salienti nelle varie provincie.

CREMONA

Incidente stradale poco dopo la mezzanotte a Cicognolo, coinvolta una 23enne. La giovane è stata trasportata in condizioni non gravi al Maggiore di Cremona. Intorno alle quattro di notte una rissa a Cremona in piazza Cadorna, fortunatamente senza gravi conseguenze. Pochi minuti dopo un’aggressione in via Cadore: una 20enne è stata trasportata in ospedale, non è in pericolo di vita.

LODI

Alle tre di notte, a Codogno, un’auto con un 35enne a bordo è finita fuori strada. Trasportato all’ospedale di Codogno non si trova in pericolo di vita. A Lodi, sulla sp 235, un 59enne è finito fuori strada. Anche in questo senza gravi conseguenze.

MANTOVA

Intossicazione etilica a Borgo Virgilio per una 18enne, che è finita in condizioni mediamente critiche all’Ospedale di Mantova. Altraintossicazione etilica per una 28enne a Mantova che è stata trasportata poi in codice verde al Poma.

PAVIA

Raffica di intossicazioni etiliche talmente gravi da necessitare l’intervento dell’ambulanza nella notte Pavese. Un codice giallo a Pavia in via Ugo Foscolo e un trasporto ospedaliero per un 19enne soccorso in Piazzale Ponte Ticino. Altra intossicazione etilica segnalata in stazione intorno alle cinque di notte. Due aggressioni notturne mandano in ospedale un 29enne e un 23enne.

Continua la lettura di Incidenti stradali, aggressioni e intossicazioni etiliche SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/incidenti-stradali-aggressioni-e-intossicazioni-etiliche-sirene-di-notte/feed/ 0
Cremona-Mantova: l’autostrada non si farà https://giornaledimantova.it/attualita/cremona-mantova-lautostrada-non-si-fara/ Sat, 17 Nov 2018 16:13:41 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12613 L’autostrada Cremona-Mantova non si farà: l’annuncio del presidente di Infrastrutture Lombarde, Giualino Capetti. Cremona-Mantova, l’autostrada non si farà Addio alla Cremona-Mantova. Ad annunciarlo è Giuliano Capetti, presidente di Infrastrutture Lombarde, ossia il braccio economico e operativo della Regione in tema di viabilità. “Si va verso la revoca del contratto perchè nonostante il sì ministeriale del […]

Continua la lettura di Cremona-Mantova: l’autostrada non si farà su Giornale di Mantova.

]]>
L’autostrada Cremona-Mantova non si farà: l’annuncio del presidente di Infrastrutture Lombarde, Giualino Capetti.

Cremona-Mantova, l’autostrada non si farà

Addio alla Cremona-Mantova. Ad annunciarlo è Giuliano Capetti, presidente di Infrastrutture Lombarde, ossia il braccio economico e operativo della Regione in tema di viabilità.

“Si va verso la revoca del contratto perchè nonostante il sì ministeriale del 2011, non è mai stata risolta la sostenibilità finanziaria dell’opera” ha detto Capetti. La Regione ha già stanziato per l’opera 108 milioni di euro ma, secondo il piano finanziario dell’opera, ne servirebbero almeno 488, una somma impossibile da trovare E se anche si reperissero queste risorse, l’introito del pedaggio non giustificherebbe l’investimento”.

Le reazioni

Antonella Forattini (Consigliere Regionale PD) fa sapere:

“Si chiude in modo paradossale una vicenda ai limiti dell’incredibile che tiene bloccati da più di vent’anni gli investimenti per la riqualificazione del sistema viario e ferroviario. Fin da principio era evidente che l’autostrada Mantova-Cremona era un’opera inutile e abbiamo sempre manifestato dubbi sulla sua sostenibilità economica. Ora che Infrastrutture Lombarde ha decretato ufficialmente la morte dell’opera, chiediamo all’Assessore Regionale Terzi se ne fosse al corrente e come intende agire ora la Regione, vista la necessità di coinvolgere attivamente i territori per capire come procedere e in che modo finanziare le opere accessorie che erano previste con l’autostrada Mantova-Cremona. Non c’è, di certo, bisogno di aprire un tavolo per individuare le priorità, perdendo così altro tempo prezioso: sono già chiare e sono state già consegnate al Presidente Fontana da parte degli amministratori locali durante la sua visita a Mantova in occasione dell’assemblea di Confindustria.

I 108 milioni di euro che la Regione aveva destinato all’autostrada, vanno impiegati per riqualificare il tratto stradale tra Mantova e Cremona, così da migliorare una volta per tutte questa arteria e avvicinare Mantova a Milano, nonché alla stessa Cremona. Non si deve, però, investire solo sulle infrastrutture viarie, ma anche sugli altri sistemi di mobilità: nel piano di RFI è già previsto il raddoppio della linea ferroviaria Mantova-Cremona e l’abbattimento dei passaggi a livello nel tratto da Piadena, interventi assolutamente da realizzare; inoltre, si deve intervenire sulla navigabilità del Po da Cremona a Mantova per potenziare il trasporto fluviale puntando sull’intermodalità ferro-acqua”.

Così invece, Andrea Fiasconaro, consigliere regionale M5S Lombardia:

“Dopo le dichiarazioni del Presidente di Infrastrutture Lombarde non c’è più tempo da perdere. Già martedì prossimo in consiglio regionale presenterò una richiesta urgente all’Assessore al Bilancio per spostare i 108 milioni regionali dall’autostrada alle altre opere fondamentali per la provincia di Mantova: le priorità sono tante, i documenti che le individuano ci sono, mancano solo i progetti definitivi e i soldi. Oltre alla richiesta che presenterò martedì, sto già preparando, per i primi di dicembre, un emendamento al bilancio 2019, per spostare formalmente i soldi e sbloccarli dalla morsa ultra decennale dell’autostrada. Abbiamo il dovere di approvare questi documenti, in caso contrario le parole del Presidente di ILPSA rimarranno chiacchiere inutili di cui francamente il nostro territorio non ha bisogno.

Si apre, insomma, un 2019 ricco di risorse per il mantovano: i 108 milioni della Cremona/Mantova; gli oltre 300, recentemente confermati dalla Camera, per il raddoppio della ferrovia Mantova/Piadena, con previsione di sovrappassi per il superamento di tutti i passaggi a livello; il rinnovo della concessione di A22, anticipato qualche giorno fa dal Ministro Toninelli. La sfida, dunque, sarà fare massa critica per cogliere tutte queste opportunità. Per quanto riguarda il Movimento siamo pronti a fare la nostra parte. Confido nelle capacità della consigliera Cappellari, indicata ieri dall’On. Baroni come affidataria di un tavolo per concordare le priorità, di saper cogliere e portare a termine questa prova”.

Coldiretti Mantova, condividiamo posizione Regione

“La notizia che l’autostrada Mantova-Cremona non si farà non può che essere colta positivamente da Coldiretti Mantova, che da sempre si schiera per la tutela degli agricoltori suolo e la protezione del suolo. Molto meglio concentrarsi su altre necessità infrastrutturali, sulla base delle reali esigenze del territorio, delle rappresentanze economiche e istituzionali e nel rispetto comunque di una risorsa come l’agricoltura, che ha nel terreno il proprio fondamento produttivo”.

Così il presidente di Coldiretti Mantova, Paolo Carra, commenta le parole di Giuliano Capetti, presidente di Infrastrutture Lombardia e riportate dalla stampa locale, nel corso dell’evento “Idee Mantova-Oltrepò” organizzato dall’on. Anna Lisa Baroni. Secondo quanto affermato dal presidente Capetti, infatti, l’autostrada Mantova-Cremona non sarebbe più un’opera prioritaria.

“Ringraziamo l’on. Anna Lisa Baroni – prosegue Coldiretti Mantova – per aver organizzato un evento in grado di elevare il dibattito su porzioni significative della nostra provincia, che meritano attenzione. Siamo consapevoli che il territorio necessiti di adeguamenti infrastrutturali e per questo Coldiretti si dichiara disponibile al dialogo, consapevole però dell’importanza del suolo come risorsa”.

Continua la lettura di Cremona-Mantova: l’autostrada non si farà su Giornale di Mantova.

]]>
Maxi operazione di controllo: 81 persone identificate https://giornaledimantova.it/cronaca/maxi-operazione-di-controllo-81-persone-identificate/ https://giornaledimantova.it/cronaca/maxi-operazione-di-controllo-81-persone-identificate/#respond Sat, 17 Nov 2018 14:14:12 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12599 Maxi operazione di controllo: 81 persone identificate, eseguiti tre ordini per la carcerazione e 4 denunce. Maxi operazione di controllo Nel corso della serata del 16 Novembre, è stato effettuato un massiccio servizio di intensificazione di controlli da parte dell’Arma dei Carabinieri, per l’espletamento di servizi ad alto impatto di contrasto allo sfruttamento della prostituzione, […]

Continua la lettura di Maxi operazione di controllo: 81 persone identificate su Giornale di Mantova.

]]>
Maxi operazione di controllo: 81 persone identificate, eseguiti tre ordini per la carcerazione e 4 denunce.

Maxi operazione di controllo

Nel corso della serata del 16 Novembre, è stato effettuato un massiccio servizio di intensificazione di controlli da parte dell’Arma dei Carabinieri, per l’espletamento di servizi ad alto impatto di contrasto allo sfruttamento della prostituzione, con l’identificazione delle medesime effettuata presso le stazioni ferroviarie di Mantova e Porto Mantovano già al loro arrivo nel territorio, ai reati predatori, allo spaccio stupefacenti, rispetto del codice della strada e vigilanza delle aree maggiormente a rischio, attuato sul Centro Storico ed Hinterland, nonché nei Comuni della “Grande Mantova” e del Gonzaghese.

I risultati

L’operazione nel complesso ha portato i seguenti risultati:
• n.29 militari impiegati;
• n. 10 mezzi impiegati;
• n. 6 posti di controllo effettuati;
• n. 48 persone identificate;
• n. 8 prostitute identificate;
• n. 33 mezzi controllati;
• n. 3 aree sensibili e parchi controllati
• n. 3 esercizi pubblici controllati;
• n. 1 Night Club ispezionato;
• n. 2 contravvenzioni C.D.S;
• n. 1 contravvenzione per il contrasto alla prostituzione, nei pressi di un’area di servizio;
• n. 4 Sanzioni Amministrative
• n. 3 persone arrestate su Ordine di Carcerazione;
una italiana, S.S. classe 69, per spaccio di sostanze stupefacenti; un italiano, L.B. classe 82, per guida in stato di ebbrezza; un brasiliano, S.P.S. classe 84, per furto in abitazione aggravato.
• n. 4 persone denunciate;
un italiano, classe 72 di Borgo Virgilio, per lesione personale aggravata; due italiani (uomo e donna), entrambi classe 49, per minaccia e molestia; un cinese classe 87 per violazione delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ed antincendio.

Il Prefetto di Mantova, Dottor Sandro Lombardi, ha espresso il suo vivo apprezzamento al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, Colonnello Fabio Federici, per la brillante operazione di servizio e per i positivi obiettivi conseguiti.

LEGGI ANCHE: Il commerciante si distrae lui gli ruba 350 euro dalla cassa

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Maxi operazione di controllo: 81 persone identificate su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/maxi-operazione-di-controllo-81-persone-identificate/feed/ 0
Il commerciante si distrae lui gli ruba 350 euro dalla cassa https://giornaledimantova.it/cronaca/il-commerciante-si-distrae-lui-gli-ruba-350-euro-dalla-cassa/ https://giornaledimantova.it/cronaca/il-commerciante-si-distrae-lui-gli-ruba-350-euro-dalla-cassa/#respond Sat, 17 Nov 2018 14:06:53 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=12596 Ruba 350 euro dalla cassa: denunciato un 19enne marocchino. Ruba 350 euro dalla cassa: denunciato A Gazoldo degli Ippoliti, i militari della locale Stazione Carabinieri, hanno denunciato per il reato di “furto aggravato”, un 19enne marocchino del posto. Il giovane, ha asportato dal registratore di cassa di un esercizio commerciale sito nel centro cittadino, la […]

Continua la lettura di Il commerciante si distrae lui gli ruba 350 euro dalla cassa su Giornale di Mantova.

]]>
Ruba 350 euro dalla cassa: denunciato un 19enne marocchino.

Ruba 350 euro dalla cassa: denunciato

A Gazoldo degli Ippoliti, i militari della locale Stazione Carabinieri, hanno denunciato per il reato di “furto aggravato”, un 19enne marocchino del posto. Il giovane, ha asportato dal registratore di cassa di un esercizio commerciale sito nel centro cittadino, la somma contante di 350 euro approfittando della momentanea assenza del titolare.
Nella circostanza, l’uomo è stato riconosciuto dalle immagini del sistema di videosorveglianza.

LEGGI ANCHE: Controllo straordinario del territorio: emessi due fogli di via 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Il commerciante si distrae lui gli ruba 350 euro dalla cassa su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/il-commerciante-si-distrae-lui-gli-ruba-350-euro-dalla-cassa/feed/ 0