Giornale di Mantova https://giornaledimantova.it Mon, 21 Jan 2019 11:08:27 +0000 it-IT hourly 1 Ponte via Oberdan a Sermide, trovato accordo https://giornaledimantova.it/attualita/ponte-via-oberdan-a-sermide-trovato-accordo/ https://giornaledimantova.it/attualita/ponte-via-oberdan-a-sermide-trovato-accordo/#respond Mon, 21 Jan 2019 11:06:01 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15149 Ponte via Oberdan a Sermide: c’è l’accordo. Ponte via Oberdan “È stato trovato l’accordo tecnico-economico con il Commissario prefettizio Francesco Palazzolo” comunica il Direttore del Consorzio Burana, l’Ing. Cinalberto Bertozzi: “I 160mila euro per la ricostruzione del ponte di competenza dell’Amministrazione Comunale per l’attraversamento del canale Pandaina verranno dalle casse della Città di Sermide, mentre i […]

Continua la lettura di Ponte via Oberdan a Sermide, trovato accordo su Giornale di Mantova.

]]>
Ponte via Oberdan a Sermide: c’è l’accordo.

Ponte via Oberdan

“È stato trovato l’accordo tecnico-economico con il Commissario prefettizio Francesco Palazzolo” comunica il Direttore del Consorzio Burana, l’Ing. Cinalberto Bertozzi: “I 160mila euro per la ricostruzione del ponte di competenza dell’Amministrazione Comunale per l’attraversamento del canale Pandaina verranno dalle casse della Città di Sermide, mentre i 60mila euro per le opere complementari all’esecuzione dell’intervento nell’alveo del canale saranno a carico del Consorzio, il quale si occuperà di tutte le fasi tecniche di progettazione e realizzazione delle opere. Abbiamo accelerato i tempi della concertazione tra Enti per minimizzare i disagi per la zona che è terra di eccellenze agricole importanti”.

La situazione a Sermide

 A Sermide la situazione è nota: a seguito del sopralluogo dei tecnici del Burana e del Comune sul canale che riscontravano la pericolosità del ponte in progressivo peggioramento ed al limite del collasso – con rischio di occlusione del canale ed è stata stabilita la totale chiusura al traffico a salvaguardia della pubblica incolumità nel dicembre scorso. L’Ing. Bertozzi aggiunge che: “A seguito di ulteriori crolli il Comune ha dovuto emettere un’ordinanza di chiusura totale del ponte il mese scorso. Ma proprio perché consapevoli dei disagi provocati dal blocco totale della circolazione per le aziende agricole e i residenti della zona, è prevista la realizzazione di un attraversamento alternativo provvisorio da realizzarsi entro questa primavera. Il ponte è tutelato dalla Sovrintendenza per i Beni culturali e ambientali e dunque sottoposto a vincoli architettonici che ne ritardano la realizzazione. In quanto responsabili della parte idraulica, come Consorzio provvederemo alla pulizia straordinaria dell’alveo del canale Pandaina a monte e a valle del ponte per liberarlo dai detriti. L’opera è importante per la viabilità ma il compito dell’Ente Consortile è garantire il libero deflusso delle acque per evitare allagamenti e a tutela delle aziende agricole della zona. La stagione irrigua è alle porte”.

LEGGI ANCHE: Omicidio Stefania Crotti, l’ex amante del marito confessa “Sono stata io”

Continua la lettura di Ponte via Oberdan a Sermide, trovato accordo su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/ponte-via-oberdan-a-sermide-trovato-accordo/feed/ 0
Storie del dormiveglia: arriva a Mantova il film sulla vita dei senzatetto https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/storie-del-dormiveglia-arriva-a-mantova-il-film-sulla-vita-dei-senzatetto/ https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/storie-del-dormiveglia-arriva-a-mantova-il-film-sulla-vita-dei-senzatetto/#respond Mon, 21 Jan 2019 10:48:08 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15141 Storie del dormiveglia di Luca Magi, il documentario che racconta la vita dei senzatetto di un centro di accoglienza notturna, continua il suo lungo tour nelle sale cinematografiche italiane anche nel 2019. Storie del dormiveglia al Mignon Il 23 gennaio 2019 tappa al Cinema Mignon di Mantova alle ore 21.00 alla presenza del regista Luca Magi. Alla serata parteciperanno anche l’Associazione Agape e Andrea Buratti, responsabile per l’Associazione Abramo […]

Continua la lettura di Storie del dormiveglia: arriva a Mantova il film sulla vita dei senzatetto su Giornale di Mantova.

]]>
Storie del dormiveglia di Luca Magi, il documentario che racconta la vita dei senzatetto di un centro di accoglienza notturna, continua il suo lungo tour nelle sale cinematografiche italiane anche nel 2019.

Storie del dormiveglia al Mignon

Il 23 gennaio 2019 tappa al Cinema Mignon di Mantova alle ore 21.00 alla presenza del regista Luca Magi. Alla serata parteciperanno anche l’Associazione Agape e Andrea Buratti, responsabile per l’Associazione Abramo Onlus (Caritas mantovana) del servizio di accoglienza per persone senza dimora EpimeleiaStorie del dormiveglia, passato con successo il 30 ottobre in selezione ufficiale al Festival du Film Italien de Villerupte, il 5 novembre, in concorso al Tirana International Film Festival, e il 10 novembre in concorso al Brasilia International Film Festival sta portando fuori dall’Italia lo sguardo discreto di chi da anni lavora nel mondo dell’assistenzialismo e della coperazione.

Il regista Luca Magi

Le notti dei senzatetto

Il doc, vincitore del premio come Miglior Film Italiano al 14° Biografilm Festival e della Mention Spéciale Interreligieux al 49° Visions du Réel International Film Festival, nasce dall’esperienza del regista come operatore presso il Rostom: una struttura d’accoglienza per persone senza fissa dimora, situata all’estrema periferia di Bologna. Dal buio, tra una sigaretta e l’altra, emergono i volti e le parole di chi resta nel dormitorio per una sola notte o di chi ne ha fatto la propria casa. Uomini e donne con un passato difficile, esiliati in un presente di perpetua attesa. Una galassia perduta a debita distanza dal passato e dal futuro. Il Rostom è un centro gestito da Piazza Grande e frequentato da uomini e donne con disagi sociali, economici o psichici, con problemi di salute, di dipendenza, ex-carcerati o persone con un vissuto complesso e spesso drammatico.

Il Rostom

La struttura deve il suo nome a un ospite storico del dormitorio, Rostom Mollah, di origine bengalese, morto sulla strada nell’inverno del 2013. Per il ruolo che ricoprono all’interno del centro, gli operatori sociali hanno un contatto diretto e intimo con molti ospiti. Per tanti di loro, soprattutto per quelli che vivono da più tempo nel dormitorio, gli operatori sopperiscono, almeno in parte, a quei legami familiari e di amicizia che hanno spesso perduto. “Ho avuto modo di conoscere e condividere aspetti intimi della vita di centinaia di persone ospitate nel centro – dice Luca Magi –  L’impatto con questa realtà è stato violento. I suoi ospiti sono perlopiù persone emarginate, disadattate e sole. Sono sempre rimasto molto colpito –   spiega il regista – da come dietro questa fragilità di uomini e donne, dietro la loro solitudine, si nascondesse una grandezza: un senso di rivolta, qualcosa di inutile e spesso distruttivo, ma al contempo capace, se visto da vicino come nel mio caso, di trasmettere l’essenza delle cose, di attraversare gli altri con qualcosa di pulsante, vitale e capace di emozionare.”

David

La voce narrante del film è quella di David, un inglese che da sette anni vaga per il mondo ed è approdato al Rostom esausto e desideroso di rimettersi in piedi e raccontarsi. Con un registratore a cassette tiene un diario vocale in cui registra le proprie impressioni, le riflessioni sulla vita, sui propri sogni e sugli incontri con gli altri ospiti del dormitorio. Storie del Dormiveglia, prodotto da Kiné in associazione con Piazza Grande e in collaborazione con Vezfilm eAntoniano Bologna, è stato riconosciuto di Interesse Culturale con Contributo Economico del MiBACT – Direzione Generale Cinema ed è stato realizzato con il sostegno di Regione Emilia-Romagna – Film Commission, ed è stato inoltre Finalista al Premio Solinas Documentario per il cinema. Scritto da Luca Magi e Michele Manzolini, con la fotografia di Luca Magi e Andrea Vaccari e il montaggio di Jaime Palomo Cousido, il film è prodotto da Claudio Giapponesi per Kiné.

LEGGI ANCHE: Casapound contro la cooperativa sociale Olinda

Continua la lettura di Storie del dormiveglia: arriva a Mantova il film sulla vita dei senzatetto su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/storie-del-dormiveglia-arriva-a-mantova-il-film-sulla-vita-dei-senzatetto/feed/ 0
Monete da 1 e 2 cent: stop al conio dei “ramini” https://giornaledimantova.it/attualita/monete-da-1-e-2-cent-stop-al-conio-dei-ramini/ Mon, 21 Jan 2019 10:40:00 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15146 Le monete da 1 e 2 cent saranno solo un ricordo: la Zecca di Stato dal 1° gennaio 2019 ha infatti smesso di coniarle. Stop alle monete da 1 e 2 centesimi Dal 1° gennaio 2019, la Zecca di Stato ha smesso di coniare le monete da 1 e 2 centesimi, e ora è arrivata […]

Continua la lettura di Monete da 1 e 2 cent: stop al conio dei “ramini” su Giornale di Mantova.

]]>
Le monete da 1 e 2 cent saranno solo un ricordo: la Zecca di Stato dal 1° gennaio 2019 ha infatti smesso di coniarle.

Stop alle monete da 1 e 2 centesimi

Dal 1° gennaio 2019, la Zecca di Stato ha smesso di coniare le monete da 1 e 2 centesimi, e ora è arrivata una norma che sancisce, per i negozianti, il diritto di arrotondare arrotondare per difetto ed eccesso al multiplo di 5 più vicinio, e quindi a non restituire il resto in monetine. Monetine che un po’ per volta andranno a sparire anche dai nostri portafogli. I cosiddetti “ramini” rimarranno comunque in circolazione fino al loro esaurimento: si calcola, infatti, che ce ne siano in circolazione ancora circa 7 miliardi.

Ma quali sono i vantaggi?

Le prime che guadagneranno dallo stop del conio sono le casse dello Stato. Produrre una monetina da un centesimo costa poco meno del suo valore (0,00906 euro), farne una da due invece è un po’ più caro: 0,01136 (poco più di un centesimo). Calcolando che nell’ultimo anno di produzione sono stati commissionati 260 milioni di pezzi da 1 centesimo e 150 milioni di pezzi da 2 centesimi, lo Stato ha previsto complessivamente un risparmio di quasi 20 milioni di euro.

Passando all’aspetto pratico, è indubbio che si tratta di monete non facilmente utilizzabili: spesso ce le ritroviamo a riempirci il portafoglio, ma nella maggioranza dei casi non vengono accettate neanche dalle macchinette per la sosta dell’auto o da quelle che distribuiscono merende, bibite e caffè.

Il confronto con gli altri Paesi

Come già detto, le monete in circolazione avranno comunque valore legale anche nel periodo di sospensione e dunque potranno essere usate ancora nei pagamenti. C’è da considerare però che l’Italia conia monete insieme ad altri Paesi europei e dunque potranno circolare sul territorio anche centesimi “esteri”.

Infatti, mentre l’emissione delle banconote è competenza della Banca Centrale Europea, quella del monete spetta ai singoli Paesi e ogni Stato può procedere per conto proprio. Come in Italia, anche in Irlanda (da ottobre 2015), nei Paesi Bassi (da settembre 2004) e in Belgio (dal 2014), gli esercizi sono già liberi di arrotondare i prezzi ai 5 centesimi più vicini, mentre in Finlandia la regola della correzione del prezzo è un obbligo già dall’introduzione dell’euro.

Continua la lettura di Monete da 1 e 2 cent: stop al conio dei “ramini” su Giornale di Mantova.

]]>
Casapound contro cooperativa Olinda: “Lucrate sul denaro pubblico con la scusa dell’accoglienza” https://giornaledimantova.it/politica/casapound-contro-cooperativa-olinda-lucrate-sul-denaro-pubblico-con-la-scusa-dellaccoglienza/ https://giornaledimantova.it/politica/casapound-contro-cooperativa-olinda-lucrate-sul-denaro-pubblico-con-la-scusa-dellaccoglienza/#respond Mon, 21 Jan 2019 10:23:33 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15138 “Coop Olinda: finito soldi, finito amore”. Questo il testo dello striscione affisso nella notte dai militanti di Casapound Italia davanti la sede della cooperativa Olinda, di Medole. Casapound affigge un cartellone contro la Cooperativa Olinda “Di recente – dichiara Ronni Bottazzi, responsabile provinciale di Casapound Italia Mantova – i dipendenti della cooperativa Olinda, attiva sul […]

Continua la lettura di Casapound contro cooperativa Olinda: “Lucrate sul denaro pubblico con la scusa dell’accoglienza” su Giornale di Mantova.

]]>
“Coop Olinda: finito soldi, finito amore”. Questo il testo dello striscione affisso nella notte dai militanti di Casapound Italia davanti la sede della cooperativa Olinda, di Medole.

Casapound affigge un cartellone contro la Cooperativa Olinda

“Di recente – dichiara Ronni Bottazzi, responsabile provinciale di Casapound Italia Mantova – i dipendenti della cooperativa Olinda, attiva sul territorio mantovano nel settore della cosiddetta “accoglienza“, hanno proclamato lo stato di emergenza per il mancato pagamento degli stipendi e l’annuncio di tagli al personale. È bastato un calo del numero di arrivi dei migranti e la riduzione dei fondi da parte del Governo per interrompere l’idillio della finta solidarietà, e far crollare il sistema di questo gigante dell’accoglienza che l’anno scorso fatturava circa 6 milioni di euro. Per l’ennesima volta i dubbi sulla natura di queste cooperative vengono tristemente confermati mostrandone il vero obiettivo, cioè quello di lucrare sul denaro pubblico, sfruttando chi lavora e chi viene accolto”.

LEGGI ANCHE: Casapound a Mantova: proporremo un candidato sindaco

“Come Casapound – conclude Bottazzi – crediamo che sia l’ora di dire basta al business dell’accoglienza e chiediamo che questi fondi vengano destinati alle fasce più deboli della popolazione italiana”.

La riposta della cooperativa Olinda

La cooperativa Olinda, contattata dalla nostra redazione nella mattinata odierna, ha rilasciato questa dichiarazione in merito:

“L’accoglienza di richiedenti protezione internazionale è sicuramente un argomento che si presta a strumentazioni superficiali che portano alla diffusione di informazioni scorrette. Esempio ne è la necessità di dover affiggere uno striscione in modo furtivo, quasi a sottolineare l’insussistenza di argomentazioni meritevoli di essere dichiarate apertamente. È sotto gli occhi di tutti che il fenomeno dell’accoglienza si sia trasformato nel corso del tempo e risulta riduttivo e troppo semplicistico fare dichiarazioni d’effetto. La cooperativa Olinda svolge dal 1999 un lavoro sociale, offrendo servizi alla persona, in collaborazione con gli Enti Pubblici e anche per questo si trova a doversi fronteggiare con i ritardi nei pagamenti da parte di quest’ultimi o con la mancanza di liquidità.”

LEGGI ANCHE: Morte Stefania Crotti, l’ex amante del marito confessa

Continua la lettura di Casapound contro cooperativa Olinda: “Lucrate sul denaro pubblico con la scusa dell’accoglienza” su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/politica/casapound-contro-cooperativa-olinda-lucrate-sul-denaro-pubblico-con-la-scusa-dellaccoglienza/feed/ 0
Tutti pazzi per la Luna Rossa FOTO https://giornaledimantova.it/attualita/tutti-pazzi-per-la-luna-rossa-foto/ Mon, 21 Jan 2019 09:48:41 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15135 Tutti pazzi per la luna rossa: i più mattinieri nella primissima mattinata di oggi, lunedì 21 gennaio 2019, hanno avuto la possibilità di ammirare uno spettacolo davvero straordinario che gli esperti hanno definito superluna. Anche nella Bassa sono stati in tanti ad ammirare la scena con il naso all’insù e qualcuno è riuscito anche a […]

Continua la lettura di Tutti pazzi per la Luna Rossa FOTO su Giornale di Mantova.

]]>
Tutti pazzi per la luna rossa: i più mattinieri nella primissima mattinata di oggi, lunedì 21 gennaio 2019, hanno avuto la possibilità di ammirare uno spettacolo davvero straordinario che gli esperti hanno definito superluna. Anche nella Bassa sono stati in tanti ad ammirare la scena con il naso all’insù e qualcuno è riuscito anche a realizzare delle splendide immagini che ha poi condiviso in rete permettendo a tutti (anche ai più pigri e a quelli meno disposti alla levataccia) di godere di questa esperienza.

Le immagini dalla Bassa

Ecco la luna rossa ripresa a Torre d’Isola (PV) in una foto di @paolo7021

A Mantova in una foto di davidesoresina: serate in cui la luna sembra un dipinto

Eccola invece ripresa a Lodi in una foto di lodiwinelover

 

Visualizza questo post su Instagram

 

This happens once every 20 years #superbloodwolfmoon #lodi

Un post condiviso da Pam Kriter (@lodiwinelover) in data:

Chiudiamo con Cremona e la foto di marcobobbyloffi

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#fullmoon #torrazzo #cremona #home

Un post condiviso da Marco Loffi (@marcobobbyloffi) in data:

La Luna Rossa

Ma perchè la Luna si è trasformata in una palla infuocata? Il nostro suggestivo satellite si è trovato nel punto più vicino al nostro pianeta (in termine astronomico si definisce perigeo). Proprio per questo motivo la Luna era estremamente visibile: era più grande rispetto al solito, più splendente e soprattutto si è tinta di rosso. Da un punto di vista “tecnico” la Luina, in fase di plenilunio e alla minima distanza dalla Terra (357.344 km), si è trovata nel cono d’ombra creato dal nostro pianeta, che si interpone tra il satellite e il Sole. L’allineamento Sole-Terra-Luna ha provocato quini  una eclissi lunare totale.

Continua la lettura di Tutti pazzi per la Luna Rossa FOTO su Giornale di Mantova.

]]>
Bovimac 2019: 9500 visitatori e plauso dell’assessore Rolfi https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/bovimac-2019-9500-visitatori-e-plauso-dellassessore-rolfi/ https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/bovimac-2019-9500-visitatori-e-plauso-dellassessore-rolfi/#respond Mon, 21 Jan 2019 09:03:50 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15132 Bovimac 2019 si conferma punto di riferimento del settore. Bovimac 2019 Ha chiuso ieri, 20 gennaio 2019, raggiungendo 9.500 visitatori, la tre-giorni di BOVIMAC, ventiseiesima edizione della fiera della zootecnia e della macchinazione agricola alla Millenaria di Gonzaga, che si conferma così un punto di riferimento per il settore. La terza e ultima giornata si è aperta con […]

Continua la lettura di Bovimac 2019: 9500 visitatori e plauso dell’assessore Rolfi su Giornale di Mantova.

]]>
Bovimac 2019 si conferma punto di riferimento del settore.

Bovimac 2019

Ha chiuso ieri, 20 gennaio 2019, raggiungendo 9.500 visitatori, la tre-giorni di BOVIMAC, ventiseiesima edizione della fiera della zootecnia e della macchinazione agricola alla Millenaria di Gonzaga, che si conferma così un punto di riferimento per il settore. La terza e ultima giornata si è aperta con la visita dell’Assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi, che ha rinnovato l’impegno della Regione nel sostenere questo evento.

LEGGI ANCHE: Fabio Rolfi, cacciatori come operatori volontari

Convegni e workshop

“Ottimo il dato del pubblico, che premia un lavoro intenso sul programma della manifestazione. – commenta il presidente di Fiera Millenaria Giovanni Sala – Quest’anno, in particolare, alla parte espositiva, sempre ricca e curata grazie alla collaborazione di partner ed espositori, abbiamo affiancato contenuti particolarmente interessanti, grazie al programma dei convegni e dei workshop elaborato insieme alle associazioni agricole. Uno sforzo apprezzato anche dall’Assessore Rolfi”. “BOVIMAC è sempre un appuntamento molto importante per il settore. – aggiunge Stefano Raimondi, presidente di ACMA-Confcommercio Mantova, che ha curato l’esposizione delle macchine agricole – Abbiamo portato in fiera ancora più macchine e attrezzature e numerose novità assolute. Ormai da 23 anni partecipiamo a BOVIMAC, credendo nell’importanza di questo evento che, anche quest’anno, ci ha permesso di entrare in contatto con un pubblico numeroso non solo dal Mantovano, ma anche dalle province di Verona, Reggio Emilia, Modena, Parma, Piacenza…”

Finali della Mostra Bovina

Nella mattinata di ieri si sono svolte anche le finali della Mostra Bovina, partita ieri. Due i concorsi, quello provinciale e l’interprovinciale. Al primo posto della gara provinciale e di quella interprovinciale “C.M.E. Bradnick Betulla” dell’azienda agricola Errera Holsteins di Borgo Virgilio, seguita dai capi delle aziende Ferrarini Spa di Albinea – RE (2°) e Bacchiellino di Luzzara-RE (3°) nella gara interprovinciale, e dai capi delle aziende agricole Bertoletta di Zilocchi e Sant’Andrea di Zaghini nel concorso provinciale. Il premio “Errera” è andato alla Soc. Agr. Sacca Valenza Benedetto di Nicola e Cesare (Pegognaga). Miglior allevatore ed espositore della mostra: Az. Agr. Davide Errera.

“Anche quest’anno la Mostra Bovina promossa da A.R.A.L. ha registrato una qualità molto elevata dei capi in gara, a dimostrazione dell’impegno e della fiducia che i nostri allevatori stanno portando avanti nel campo della selezione genetica e del miglioramento della produttività. – dichiara Riccardo Gorzoni, direttore della sede mantovana di A.R.A.L. – In fiera abbiamo portato, poi, il progetto LIFE per la sostenibilità della filiera di Grana e Parmigiano: nel workshop del sabato pomeriggio abbiamo mostrato i risultati ottenuti in due anni con questo percorso. Infine, un ringraziamento particolare agli istituti agrari che hanno partecipato alla Gara di Giudizio collegata alla Mostra Bovina: la formazione delle nuove generazioni resta, infatti, un obiettivo primario”.

Il prossimo evento alla Fiera Millenaria di Gonzaga è Carpitaly, fiera internazionale delle attrezzature per la pesca alla carpa e al siluro (16-17 febbraio).

LEGGI ANCHE: L’ex amante del marito di Stefania Crotti: l’ho uccisa io

Continua la lettura di Bovimac 2019: 9500 visitatori e plauso dell’assessore Rolfi su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/bovimac-2019-9500-visitatori-e-plauso-dellassessore-rolfi/feed/ 0
Incidente ciclistico SIRENE DI NOTTE https://giornaledimantova.it/cronaca/incidente-ciclistico-sirene-di-notte/ https://giornaledimantova.it/cronaca/incidente-ciclistico-sirene-di-notte/#respond Mon, 21 Jan 2019 08:34:04 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15130 Incidente ciclistico alle prime luci dell’alba nella giornata odierna, il 21 gennaio 2019. Incidente ciclistico Alle prima luci dell’alba si è verificato un sinistro stradale: in via Taliercio, a Mantova. Un uomo di 33 anni è caduto dalla propria bicicletta, rovinando al suolo. Immediato l’intervento dei soccorritori, l’uomo è stato trasportato al Poma, le sue […]

Continua la lettura di Incidente ciclistico SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Incidente ciclistico alle prime luci dell’alba nella giornata odierna, il 21 gennaio 2019.

Incidente ciclistico

Alle prima luci dell’alba si è verificato un sinistro stradale: in via Taliercio, a Mantova. Un uomo di 33 anni è caduto dalla propria bicicletta, rovinando al suolo. Immediato l’intervento dei soccorritori, l’uomo è stato trasportato al Poma, le sue condizioni non risultano preoccupanti.

LEGGI ANCHE: L’ex amante del marito della Crotti confessa: “L’ho uccisa io”

 

Continua la lettura di Incidente ciclistico SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/incidente-ciclistico-sirene-di-notte/feed/ 0
Stefania Crotti: ex amante del marito confessa l’omicidio “Volevo solo chiarire, ma poi…” https://giornaledimantova.it/cronaca/stefania-crotti-ex-amante-del-marito-confessa-lomicidio-volevo-solo-chiarire-ma-poi/ https://giornaledimantova.it/cronaca/stefania-crotti-ex-amante-del-marito-confessa-lomicidio-volevo-solo-chiarire-ma-poi/#respond Sun, 20 Jan 2019 14:12:45 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15127 L’avrebbe colpita alla testa più volte, poi caricata in macchina e portata nelle campagne di Erbusco, nella Bassa, precisamente nel Bresciano, dove è stata trovata carbonizzata. Così Chiara Alessandri, 43enne originaria di Rho, da qualche anno trasferitasi nella Bergamasca, ha confessato di aver tolto la vita a Stefania Crotti, anche lei 43enne. Chiara confessa l’omicidio Riportano i […]

Continua la lettura di Stefania Crotti: ex amante del marito confessa l’omicidio “Volevo solo chiarire, ma poi…” su Giornale di Mantova.

]]>
L’avrebbe colpita alla testa più volte, poi caricata in macchina e portata nelle campagne di Erbusco, nella Bassa, precisamente nel Bresciano, dove è stata trovata carbonizzata. Così Chiara Alessandri, 43enne originaria di Rho, da qualche anno trasferitasi nella Bergamasca, ha confessato di aver tolto la vita a Stefania Crotti, anche lei 43enne.

Chiara confessa l’omicidio

Riportano i colleghi di Settegiorni: il colpo di scena sull’omicidio di Stefania Crotti. In lacrime Chiara Alessandri ha raccontato tutto agli inquirenti. “Ci eravamo viste per chiarirci – ha detto -. Poi abbiamo litigato”. Il movente del delitto è passionale. Chiara, infatti, ha avuto una relazione col marito della vittima, che poi ha scelto di tornare dalla moglie.

I primi dettagli

Le Forze dell’ordine, sotto il cadavere carbonizzato, hanno rinvenuto un martello e una pinza che sarebbero state utilizzate per consumare il delitto. L’auto della donna, come gli inquirenti hanno potuto vedere dalle telecamere di sorveglianza in zona, è arrivata sul posto intorno alle 18.30 di giovedì pomeriggio e si è fermata per cinque minuti.

“Ma non l’ho bruciata io”

Chiara Alessandri, difesa dall’avvocato Gianfranco Ceci, ha confessato ieri sera di essere la responsabile della morte della Crotti. L’interrogatorio si è tenuto ieri in Procura a Brescia. Le due si sarebbero incontrate per chiarire delle questioni in sospeso. La Alessandri ha poi voluto fornire una sua accurata spiegazione dell’incontro agli inquirenti, ma al momento non si conoscono ancora i particolari. Fatto sta che la situazione sarebbe poi degenerata e si è conclusa con il tragico epilogo. Presa dal panico si sarebbe poi sbarazzata del corpo portandolo a Erbusco. La donna, al momento, nega però di aver dato alle fiamme e carbonizzato il corpo di Stefania Crotti e su questo resta ancora mistero. Si attendono gli esiti di ulteriori esami e delle ulteriori indagini. La donna è in carcere, in stato di fermo e nei prossimi giorni (non si conosce ancora la data) verrà sentita dal Gip per l’interrogatorio di garanzia.

Continua la lettura di Stefania Crotti: ex amante del marito confessa l’omicidio “Volevo solo chiarire, ma poi…” su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/stefania-crotti-ex-amante-del-marito-confessa-lomicidio-volevo-solo-chiarire-ma-poi/feed/ 0
Allarme listeria: richiamati lotti di insalata mista capricciosa https://giornaledimantova.it/attualita/allarme-listeria-richiamati-lotti-di-insalata-mista-capricciosa/ Sun, 20 Jan 2019 13:18:33 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15124 Dopo le verdure surgelate, anche l’insalata. Un nuovo richiamo dal commercio per rischio di contaminazione da Listeria è stato infatti pubblicato sul sito del Ministero della Salute. Allarme listeria Si tratta di due lotti dell’ “Insalata mista Capricciosa” a marchio FIRST e commercializzata dall’azienda L’Alco Grandi Magazzini spa via Grandi n 20 Brescia ed il […]

Continua la lettura di Allarme listeria: richiamati lotti di insalata mista capricciosa su Giornale di Mantova.

]]>
Dopo le verdure surgelate, anche l’insalata. Un nuovo richiamo dal commercio per rischio di contaminazione da Listeria è stato infatti pubblicato sul sito del Ministero della Salute.

Allarme listeria

Si tratta di due lotti dell’ “Insalata mista Capricciosa” a marchio FIRST e commercializzata dall’azienda L’Alco Grandi Magazzini spa via Grandi n 20 Brescia ed il richiamo è in via “cautelativa” per la “possibile presenza” del batterio. Per questo, i cittadini sono invitati a non consumare il prodotto e riportarlo al punto vendita.

Insalata capricciosa

Il richiamo riguarda l’ “Insalata mista Capricciosa 150g’, lotti 15L6M255 e 16L6M255 con scadenza 22 e 23/01/2019 a marchio FIRST, prodotta da Facchini srl nell’azienda di Poncarale alla via Martiri Della Libertà n 23. In via cautelativa, il Ministero salute, raccomanda di non consumare l’insalata con i numeri di lotto segnalati. E’ l’ennesimo richiamo in Italia – dopo le verdure surgelate Freshona, i minestroni Findus e un lotto di mix di verdure surgelate a marchio Pinguin – a causa del focolaio europeo di listeriosi che dal 2015 ha causato 47 casi, di cui 9 fatali. In Italia, tuttavia, non c’è ad oggi una situazione di allarme poichè, come già assicurato dal ministro della Salute Giulia Grillo, nel nostro Paese ci sono “pochissime” partite di verdure surgelate a rischio.

Obbligo etichetta di origine

Ora, però, il pericolo di contaminazione si estende anche a prodotti non surgelati: per questo, chiede Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” , contro il pericolo listeria “occorre introdurre subito l’obbligo dell’etichetta d’origine, per tutelare i consumatori in una situazione che vede oggi due prodotti su tre venduti in Italia provenienti dall’estero, ma anche togliere il segreto sui flussi commerciali con l’indicazione pubblica delle aziende che importano prodotti per consentire interventi rapidi e mirati. La listeriosi, spiega sul suo sito l’Istituto superiore di sanità, è un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes, generalmente dovuta all’ingestione di cibo contaminato, e può assumere diverse forme cliniche, dalla gastroenterite acuta febbrile alla forma invasiva. Le donne in gravidanza di solito manifestano una sindrome simil-influenzale e le infezioni contratte in gravidanza possono comportare serie conseguenze sul feto. In adulti immuno-compromessi e anziani, la listeriosi può causare meningiti, encefaliti, gravi setticemie. Queste manifestazioni cliniche sono trattabili con antibiotici, ma la prognosi nei casi più gravi è spesso infausta.  L’incubazione media è di 3 settimane, ma può prolungarsi fino a 70 giorni.

 

Continua la lettura di Allarme listeria: richiamati lotti di insalata mista capricciosa su Giornale di Mantova.

]]>
Omicidio di Erbusco: fermata l’ex amante del marito di Stefania Crotti https://giornaledimantova.it/cronaca/omicidio-di-erbusco-fermata-lex-amante-del-marito-di-stefania-crotti/ https://giornaledimantova.it/cronaca/omicidio-di-erbusco-fermata-lex-amante-del-marito-di-stefania-crotti/#respond Sun, 20 Jan 2019 09:02:57 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15122 Ci sono ancora alcuni punti da chiarire nella storia che ha visto coinvolta Stefania Crotti, la donna trovata carbonizzata a Erbusco. Per il delitto della 42enne di Gorlago, nel bergamasco, è stata fermata Chiara Alessandri, di 43 anni, milanese di Rho da anni residente a Gorlago, l’ex amante del marito della vittima, Stefano del Bello, 44 anni. Omicidio di […]

Continua la lettura di Omicidio di Erbusco: fermata l’ex amante del marito di Stefania Crotti su Giornale di Mantova.

]]>
Ci sono ancora alcuni punti da chiarire nella storia che ha visto coinvolta Stefania Crotti, la donna trovata carbonizzata a Erbusco. Per il delitto della 42enne di Gorlago, nel bergamasco, è stata fermata Chiara Alessandri, di 43 anni, milanese di Rho da anni residente a Gorlago, l’ex amante del marito della vittima, Stefano del Bello, 44 anni.

Omicidio di Erbusco: fermata l’ex amante del marito di Stefania Crotti

Chiara Alessandri sembrerebbe essere entrata nella vita della coppia durante un momento di crisi. La donna, che viveva a Gorlago dove si era sposata e aveva cresciuto tre figli, era divorziata. Aveva conosciuto Stefano e avevano iniziato, per un certo periodo, una relazione che termina con la decisione dei coniugi di riprovarci.

Chiara Alessandri, l’ex amante di Stefano, marito di Stefania

Stefania lascia Martina, la piccola di soli 7 anni avuta con il marito.

LEGGI ANCHE: Gianluca Franceschina scomparso da più di un mese

Continua la lettura di Omicidio di Erbusco: fermata l’ex amante del marito di Stefania Crotti su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/omicidio-di-erbusco-fermata-lex-amante-del-marito-di-stefania-crotti/feed/ 0
Incidenti stradali e ancora troppe intossicazioni etiliche SIRENE DI NOTTE https://giornaledimantova.it/cronaca/incidenti-stradali-e-ancora-troppe-intossicazioni-etiliche-sirene-di-notte-2/ https://giornaledimantova.it/cronaca/incidenti-stradali-e-ancora-troppe-intossicazioni-etiliche-sirene-di-notte-2/#respond Sun, 20 Jan 2019 08:49:30 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15120 Incidenti stradali e intossicazioni etiliche nella Bassa. Cremona A Pozzaglio e Uniti, poco dopo la mezzanotte, una vettura ha centrato un ostacolo sulla strada statale 45 bis. Coinvolta una persona, sul posto la Polstrada e i Vigili del Fuoco. Lodi A Lodi un infortunio intorno alle cinque di notte. Una persona è stata soccorsa in […]

Continua la lettura di Incidenti stradali e ancora troppe intossicazioni etiliche SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Incidenti stradali e intossicazioni etiliche nella Bassa.

Cremona

A Pozzaglio e Uniti, poco dopo la mezzanotte, una vettura ha centrato un ostacolo sulla strada statale 45 bis. Coinvolta una persona, sul posto la Polstrada e i Vigili del Fuoco.

Lodi

A Lodi un infortunio intorno alle cinque di notte. Una persona è stata soccorsa in strada, precisamente in via Biancardi. Le ferite sarebbero di lieve entità per il 29enne, che è stato trasportato in ospedale.

Mantova

Incidente stradale intorno alle due di notte a Canneto sull’Oglio, strada Canneto-Fontanella, dove una vettura è finita fuori strada. Soccorsi una 19enne e un 28enne, trasportati in ospedale in condizioni moderatamente critiche. Intossicazione etilica per un 18enne soccorso per le strade di Mantova e trasportato al Poma.

Pavia

Altre due intossicazioni etiliche anche nel Pavese. A Vigevano malore per una 18enne, soccorsa in strada. A Valle Lomellina, in stazione, altro malore da abuso di alcolici per un 18enne, trasportato in ospedale.

LEGGI ANCHE: Arriva la neve e non sarà una spolverata

Continua la lettura di Incidenti stradali e ancora troppe intossicazioni etiliche SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/incidenti-stradali-e-ancora-troppe-intossicazioni-etiliche-sirene-di-notte-2/feed/ 0
Sfruttamento manodopera clandestina, arrestato cittadino cinese https://giornaledimantova.it/cronaca/sfruttamento-manodopera-clandestina-arrestato-cittadino-cinese/ https://giornaledimantova.it/cronaca/sfruttamento-manodopera-clandestina-arrestato-cittadino-cinese/#respond Sat, 19 Jan 2019 13:36:31 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15108 Sfruttamento manodopera clandestina, arrestato cittadino cinese di 38 anni. Nella sua azienda di Canneto sull’Oglio identificati cinque lavoratori di cui uno in nero. Sfruttamento manodopera clandestina, arrestato A Canneto sull’Oglio, i militari della Compagnia di Viadana, coordinati dal Capitano Gabriele Schiaffini, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del […]

Continua la lettura di Sfruttamento manodopera clandestina, arrestato cittadino cinese su Giornale di Mantova.

]]>
Sfruttamento manodopera clandestina, arrestato cittadino cinese di 38 anni. Nella sua azienda di Canneto sull’Oglio identificati cinque lavoratori di cui uno in nero.

Sfruttamento manodopera clandestina, arrestato

A Canneto sull’Oglio, i militari della Compagnia di Viadana, coordinati dal Capitano Gabriele Schiaffini, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS e al personale dell’azienda territoriale sanitaria Valpadana, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “Settore del confezionamento di abbigliamento” hanno arrestato per il reato di “sfruttamento della manodopera”, un 38enne cinese del luogo.

Lavoratore in nero

Gli operanti, a seguito di un controllo all’interno di un’azienda tessile gestita della persona arrestata, hanno identificato complessivamente 5 lavoratori di cui 1 in nero, privo di regolare contratto. I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno provveduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale ed hanno emesso sanzione amministrative per un ammontare di circa 5mila euro oltre al recupero contributivo in corso di quantificazione. Lo stabile, i macchinari e la merce per un valore complessivo di circa 90mila euro, sono stati sottoposti a sequestro preventivo e affidati al proprietario dell’immobile. L’arrestato dopo le formalità di rito è stato portato presso la Casa Circondariale di Mantova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il prefetto di Mantova, dottoressa Carolina Bellantoni, ha espresso il suo vivo apprezzamento al comandante provinciale dei carabinieri di Mantova, colonnello Fabio Federici, per la brillante operazione di servizio e per i positivi obiettivi conseguiti finalizzati a contrastare le situazioni lavorative irregolari nel campo del settore tessile, che portano troppo spesso a ledere la dignità degli stessi lavoratori, nell’ambito di una problematica che è da sempre, oggetto di particolare attenzione da parte della suddetta autorità.

LEGGI ANCHE: Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Sfruttamento manodopera clandestina, arrestato cittadino cinese su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/sfruttamento-manodopera-clandestina-arrestato-cittadino-cinese/feed/ 0
Omicidio Stefania Crotti, c’è una donna in stato di fermo https://giornaledimantova.it/cronaca/omicidio-di-erbusco-il-corpo-e-di-stefania-crotti-la-donna-scomparsa-a-bergamo/ Sat, 19 Jan 2019 11:51:19 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15104 AGGIORNAMENTO DELLE 18: Come riporta il nostro portale BresciaSettegiorni.it ci sarebbe una persona in stato di fermo per l’omicidio di Stefania Crotti. Si indaga su una donna e non è esclusa la pista passionale. CLICCA QUI PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI Omicidio di Erbusco: il corpo è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo. La quarantatreenne era […]

Continua la lettura di Omicidio Stefania Crotti, c’è una donna in stato di fermo su Giornale di Mantova.

]]>
AGGIORNAMENTO DELLE 18: Come riporta il nostro portale BresciaSettegiorni.it ci sarebbe una persona in stato di fermo per l’omicidio di Stefania Crotti. Si indaga su una donna e non è esclusa la pista passionale. CLICCA QUI PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Omicidio di Erbusco: il corpo è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo. La quarantatreenne era sparita giovedì pomeriggio.

Omicidio di Erbusco: il corpo è di Stefania Crotti

Sono bastate poche ore per venire a capo dell’omicidio avvenuto ieri pomeriggio in Franciacorta, a Erbusco. Il corpo rinvenuto carbonizzato al confine con Adro in via Lovera è quello di Stefania Crotti, 43enne della bergamasca scomparsa nel pomeriggio di giovedì. La donna, di Gorlago, era uscita dal lavoro a Cenate Sotto, intorno alle 15.30, e da quel momento non si erano avute più avuto sue notizie. Poi, questa mattina, la tragica scoperta.

LEGGI ANCHE: Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti

Le indagini

Le indagini dei carabinieri si erano da subito concentrate sulle donne scomparse nei dintorni e tra queste risultava esserci anche Stefania. Ieri sera erano stati interrotti i rilevamenti sul posto, ripresi stamattina, ma le operazioni sono andate avanti per tutta la notte. Nonostante il corpo completamente carbonizzato sono infatti bastate poche ore per l’identificazione.

LEGGI ANCHE: Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna

Le motivazioni e i colpevoli

Ancora non si conoscono le motivazioni alla base dell’omicidio. Le Forze dell’ordine stanno già seguendo piste ben determinate sul colpevole o sui presunti tali. Gli inquirenti stanno ascoltando il marito in caserma a Trescore.

Continua la lettura di Omicidio Stefania Crotti, c’è una donna in stato di fermo su Giornale di Mantova.

]]>
Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno per il contributo da 1500 euro https://giornaledimantova.it/attualita/bonus-famiglia-domande-fino-al-30-giugno-per-il-contributo-da-1500-euro/ Sat, 19 Jan 2019 15:11:38 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15113 Bonus famiglia: fino al 30 giugno possibile presentare le domande per il contributo da 1500 euro per i nuovi nati o adottati. Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno Le famiglie con Isee non superiore a 22.000 euro, residenza in Lombardia da cinque anni e in  condizione di ‘vulnerabilità’ e ‘fragilità’ (in cui la donna si […]

Continua la lettura di Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno per il contributo da 1500 euro su Giornale di Mantova.

]]>
Bonus famiglia: fino al 30 giugno possibile presentare le domande per il contributo da 1500 euro per i nuovi nati o adottati.

Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno

Le famiglie con Isee non superiore a 22.000 euro, residenza in Lombardia da cinque anni e in  condizione di ‘vulnerabilità’ e ‘fragilità’ (in cui la donna si trovi cioè in stato di gravidanza, oppure in caso di adozione) fino al 30 giugno possono presentare domanda per ottenere i 1.500 euro del ‘Bonus Famiglia 2019’.

Nel caso di gravidanze o adozioni gemellari, il contributo è moltiplicato per il numero dei figli. La misura è alternativa ad analoghe iniziative comunali e statali.

Come presentare la richiesta

Le domande, che è già possibile inoltrare, possono essere presentate esclusivamente online, sul sito www.bandi.servizirl.it.  È necessario registrarsi o autenticarsi al sito attraverso il Sistema pubblico di identità digitale (Spid) o la Carta nazionale/regionale dei servizi (Cns, Crs), allegando la scheda di avvenuto colloquio per la valutazione dello stato di vulnerabilità.

Risorse per i differenti territori

Le risorse sono già state assegnate alle Ats, in base al numero di donne residenti, in età compresa tra i 15 e 49 anni, e al numero di nascite risultanti dall’ultimo dato Istat disponibile, secondo questa ripartizione:

Bergamo: 615.903 euro;
Brianza: 650.717 euro;
Brescia: 638.750 euro;
Insubria: 755.189 euro;
Milano: 1.904.203 euro;
Montagna: 175.034 euro;
Pavia: 272.352 euro;
Val Padana: 394.010 euro.

La verifica dei requisiti

“Ricordo – precisa l’assessore Piani – che il compito di istruire le domande, verificare i requisiti e liquidare i contributi nei limiti del budget assegnato è stato affidato proprio alle Agenzia di tutela della salute(Ats), in collaborazione con la rete dei soggetti pubblici e privati (comuni, centri di aiuto alla vita, consultori accreditati e a contratto) presenti nei diversi territori”.

Continua la lettura di Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno per il contributo da 1500 euro su Giornale di Mantova.

]]>
Ridurre rischio allagamenti e migliorare qualità acque superficiali: la Provincia finanzia due interventi https://giornaledimantova.it/attualita/ridurre-rischio-allagamenti-e-migliorare-qualita-acque-superficiali-la-provincia-finanzia-due-interventi/ https://giornaledimantova.it/attualita/ridurre-rischio-allagamenti-e-migliorare-qualita-acque-superficiali-la-provincia-finanzia-due-interventi/#respond Sat, 19 Jan 2019 09:41:19 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15094 Ridurre rischio allagamenti e migliorare la qualità delle acque superficiali nell’alto e medio mantovano: la Provincia finanzia due interventi. Ridurre rischio allagamenti e migliorare qualità acque superficiali: la Provincia finanzia due interventi Progettazione e realizzazione di un collettore di collegamento tra il fosso Casino Pernestano e l’esistente vasca di laminazione e adeguamento scaricatori di piena […]

Continua la lettura di Ridurre rischio allagamenti e migliorare qualità acque superficiali: la Provincia finanzia due interventi su Giornale di Mantova.

]]>
Ridurre rischio allagamenti e migliorare la qualità delle acque superficiali nell’alto e medio mantovano: la Provincia finanzia due interventi.

Ridurre rischio allagamenti e migliorare qualità acque superficiali: la Provincia finanzia due interventi

Progettazione e realizzazione di un collettore di collegamento tra il fosso Casino Pernestano e l’esistente vasca di laminazione e adeguamento scaricatori di piena per la mitigazione dell’impatto sulle acque superficiali in località Casino Pernestano. Sono i due interventi promossi, coordinati e finanziati dalla Provincia di Mantova a Castiglione delle Stiviere per ridurre il rischio idraulico e migliorare la qualità delle acque superficiali nell’alto e medio mantovano.

Gli interventi

Il primo intervento, del valore complessivo di 880 mila euro, sarà realizzato dal Consorzio di Bonifica Garda Chiese e il secondo, il cui ammontare è di 339 mila euro sarà attuato dal gestore dei servizi idrici di Castiglione, A.q.A. s.r.l., per il tramite dell’Azienda speciale provinciale “Ufficio d’ambito di Mantova”. A tal fine l’amministrazione dell’ente di via principe Amedeo ha stipulato col Consorzio e con l’Azienda speciale un’apposita convenzione che prevede tempi e modalità dei lavori.

I due interventi, presentati giovedì 17 gennaio, in una conferenza stampa a Palazzo di Bagno, perseguono gli obiettivi stabiliti nel Contratto di Fiume Mincio e in uno specifico protocollo d’intesa riguardante il medio e alto mantovano, ai quali la Provincia ha aderito.

“Il protocollo d’intesa siglato nel 2015 dall’amministrazione provinciale con i Comuni dell’alto e medio mantovano, l’Azienda speciale ufficio d’ambito, Consorzio Garda Chiese e gestori del servizio idrico – ha spiegato il presidente Beniamino Morselli -, mira a migliorare la qualità delle acque superficiali e a ridurre il rischio idraulico dell’intera zona dopo gli allagamenti degli anni scorsi avvenuti in diversi comuni di quel territorio. Le azioni previste da questo protocollo sono parte integrante del piano d’azione del contratto di Fiume Mincio, sottoscritto nel 2016”.

Due interventi integrati tra loro

“Il primo – come ha spiegato l’ing. Sandro Bellini responsabile del Servizio Acque della Provincia – consisterà nella realizzazione di un nuovo collettore interrato, che consentirà di raccogliere nella esistente vasca di laminazione del Vaso Riale la totalità delle acque di piena del fosso Casino Pernestano, attualmente confluente direttamente nel Vaso Gozzolina, generate per la quasi totalità dallo sfioratore esistente a servizio della rete fognaria del Comune di Castiglione delle Stiviere, e nella manutenzione straordinaria dell’argine sud della vasca di laminazione danneggiata dalle nutrie e modifica del manufatto di scarico di fondo della stessa.

Il secondo consisterà nello spostamento dello scaricatore di piena esistente su menzionato, al fine di consentirne il recapito delle acque sfiorate nel nuovo collettore interrato realizzato dal Consorzio, previo aumento delle portate addotte al depuratore in tempo di pioggia e trattamento prima dello scarico della portata sfiorata mediante realizzazione di un sistema di grigliatura ad elevato grado di ritenzione.

“La Provincia – ha aggiunto Morselli – finanzierà entrambi gli interventi con risorse che la Regione le ha riconosciuto per le attività svolte in materia di rilascio delle concessioni di derivazioni d’acqua, e che possono essere utilizzate per finanziare tali tipologie di attività”.

Conclusione lavori

I due interventi dovranno concludersi entro aprile del prossimo anno.

Entro il prossimo 31 marzo Consorzio Garda Chiese e Aqa dovranno inviare alla Provincia il progetto esecutivo ed entro il 31 agosto entrambi avranno l’onere di concludere l’iter autorizzativo del progetto. Prima della fine di novembre dovrà avvenire la consegna lavori che saranno eseguiti nell’autunno inverno 2019 – 2020.

“Sono estremamente soddisfatto per l’impegno messo dalla Provincia nel portare a realizzazione i due progetti da cui trarrà beneficio non solo Castiglione delle Stiviere ma più in generale tutta l’area a sud del nostro comune” ha sottolineato il sindaco Enrico Volpi.

“Grazie alla Provincia per il lavoro di regia che ha messo in atto per arrivare a questo risultato” ha concluso il direttore di Tea Pietro Falsina.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Gianluigi Zani, direttore del consorzio di Bonifica Garda Chiese e Francesco Peri direttore dell’Azienda speciale Ufficio d’Ambito.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Ridurre rischio allagamenti e migliorare qualità acque superficiali: la Provincia finanzia due interventi su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/ridurre-rischio-allagamenti-e-migliorare-qualita-acque-superficiali-la-provincia-finanzia-due-interventi/feed/ 0
Al via la terza edizione di “Un’opera al mese” https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/al-via-la-terza-edizione-di-unopera-al-mese/ https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/al-via-la-terza-edizione-di-unopera-al-mese/#respond Sat, 19 Jan 2019 08:11:44 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15087 Un’opera la mese”: al via la terza edizione. Partenza il 25 gennaio 2019 a Palazzo Te con il professor Carlo Sisi, storico dell’arte e Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, che presenterà il dipinto contemporaneo di Federico Zandomeneghi “La Ballerina. La grande danseuse”. Un’opera al mese, al via la terza edizione Far conoscere al […]

Continua la lettura di Al via la terza edizione di “Un’opera al mese” su Giornale di Mantova.

]]>
Un’opera la mese”: al via la terza edizione. Partenza il 25 gennaio 2019 a Palazzo Te con il professor Carlo Sisi, storico dell’arte e Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, che presenterà il dipinto contemporaneo di Federico Zandomeneghi “La Ballerina. La grande danseuse”.

Un’opera al mese, al via la terza edizione

Far conoscere al pubblico il nostro patrimonio storico-artistico attraverso modi nuovi di fare cultura. Con questo spirito riprende per il terzo anno consecutivo la rassegna “Un’opera al mese”, ideata dal direttore dei Musei Civici Stefano Benetti, in collaborazione con Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani, e promossa dal Comune di Mantova.

 

“Giunge alla terza edizione la fortunata rassegna “Un’opera al mese” – ha sottolineato il sindaco Mattia Palazzi alla presentazione che si è tenuta venerdì 18 gennaio nell’aula consiliare del Comune di Mantova- dedicata alla valorizzazione delle opere d’arte dei nostri musei civici. Fortunata perché riassume in sé un concetto semplice ma profondo: oggi, essere cultura significa rivolgersi ad un pubblico vasto, anche se attento, informato e curioso. “Un’opera al mese” è un format innovativo, che presenta prestigiosi studiosi in grado di proporre una narrazione attorno ad una singola opera d’arte, coniugando rigore scientifico e approccio colloquiale, in modo che la bellezza custodita dalle nostre istituzioni divenga patrimonio comune e condiviso. Muovendo dalla premessa che i nostri musei intendono qualificarsi come spazi aperti alla società e al territorio di appartenenza, l’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’Associazione Amici di Palazzo Te, nell’intento di coinvolgere numerose realtà culturali della città. Quest’anno, in particolare, accadrà per la Galleria d’Arte Moderna della Fondazione Bam e per Palazzo d’Arco. Nel segno di una condivisione fondamentale per la vita della nostra comunità, nell’incontro quotidiano che le meraviglie di Mantova propongono”.

“E’ un’iniziativa che intende coniugare la qualità dell’offerta culturale – ha detto il direttore Benetti – con un nuovo modo di comunicare l’arte, allo scopo di rendere sempre più partecipe il pubblico di ogni età alla conoscenza del patrimonio storico-artistico conservato nei nostri musei”.

“Il progetto prevede di rendere affascinanti gli argomenti per un pubblico non esperto, con il rigoroso aggiornamento scientifico, di cui sono garanti gli specialisti che tengono le conferenze davanti alle singole opere – ha aggiunto il Presidente Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani e Federazione Italiana degli Amici dei Musei Italo Scaietta -. La rassegna risulta perfettamente aderente a quegli obiettivi di promozione, valorizzazione e divulgazione dei beni culturali mantovani che sono fondanti della nostra Associazione. È dunque con rinnovato compiacimento che collaboriamo alla nuova edizione di “Un’opera al mese”, un progetto che da subito gli Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani hanno pienamente sostenuto e in cui continuano a credere”.

Gli incontri potranno contare sui contributi scientifici di autorevoli specialisti del settore provenienti da prestigiose istituzioni museali e culturali italiane, il pubblico sarà condotto all’osservazione diretta di un’opera ed analizzare in modo approfondito tutti gli aspetti che la riguardano.

Dieci nuovi appuntamenti

Gli appuntamenti saranno dieci e si terranno dal 25 gennaio al 13 dicembre in un viaggio nell’arte che toccherà tutte le epoche, dall’antico al contemporaneo, passando attraverso il periodo rinascimentale, con dipinti, sculture e testimonianze archeologiche.

Il primo evento è in programma venerdì 25 gennaio alle 18.30, a Palazzo Te con il professor Carlo Sisi, storico dell’arte e Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, che presenterà il dipinto contemporaneo di Federico Zandomeneghi “La Ballerina. La grande danseuse”, 1900-1910 circa, appartenente alla Raccolta “Arnoldo Mondadori” di Palazzo Te. La presentazione è in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Firenze.

Saranno sotto i riflettori 10 opere, 8 provenienti dalle sale espositive e dai depositi dei Musei Civici di Palazzo te e Palazzo San Sebastiano, una dalla Galleria di Arte Moderna della Fondazione Bam e una di Palazzo D’Arco.

Interverranno undici autorevoli studiosi provenienti da prestigiose istituzioni italiane (Musei, Università, Accademie di Belle Arti).

Le istituzioni museali e culturali italiane che hanno collaborato all’iniziativa sono: Accademia di Belle Arti di Firenze, Accademia di Belle Arti di Foggia, Università degli Studi di Napoli Federico II, Università degli Studi del Molise, Università degli Studi del Salento, Università degli Studi di Verona, Museo Civico Archeologico di Bologna, Musei di Nervi, Fondazione e Museo di Palazzo D’Arco e Fondazione Banca Agricola Mantovana.

“Un’opera al mese Young edition”

Parallelamente è in programma anche “Un’opera al mese Young edition” rivolta al mondo della scuola, che vedrà coinvolto il Liceo d’Arte Giulio Romano di Mantova e Guidizzolo. Nei giorni successivi agli appuntamenti di “Un’opera al mese”, gli studenti del Liceo parteciperanno ad attività di studio e laboratoriali che forniranno chiavi di lettura per un approccio attivo e coinvolgente alle dinamiche che animano il museo e alle collezioni museali. In questa occasione, i ragazzi avranno la possibilità di esaminare l’opera scelta in maniera diretta, conoscendone aneddoti e retroscena, visitare i depositi dove sono custodite le raccolte d’arte e visionare materiali inediti.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIIZE

Continua la lettura di Al via la terza edizione di “Un’opera al mese” su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cultura-e-turismo/al-via-la-terza-edizione-di-unopera-al-mese/feed/ 0
Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali https://giornaledimantova.it/politica/autonomia-della-lombardia-una-mozione-in-tutti-i-consigli-comunali/ Sat, 19 Jan 2019 06:22:28 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15084 Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali per sostenere la Regione nella trattativa con il Governo. Si lavora per l’autonomia della Lombardia “Con questa mozione ci rivolgiamo direttamente ai Sindaci di tutta la Lombardia perché ritengo sia necessario e fondamentale che su un tema così importante come quello dell’autonomia tutti i Comuni […]

Continua la lettura di Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali su Giornale di Mantova.

]]>
Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali per sostenere la Regione nella trattativa con il Governo.

Si lavora per l’autonomia della Lombardia

“Con questa mozione ci rivolgiamo direttamente ai Sindaci di tutta la Lombardia perché ritengo sia necessario e fondamentale che su un tema così importante come quello dell’autonomia tutti i Comuni lombardi e i rispettivi Consigli comunali siano direttamente coinvolti e resi partecipi del percorso in atto per raggiungere l’obiettivo di ottenere maggiori competenze e risorse. Chiamando i Consigli comunali a votare e approvare questo documento, vogliamo dare un segnale forte al Governo e che parta direttamente dal basso,  in un momento in cui il percorso avviato con il referendum del 22 ottobre 2017 sta dando l’impressione di arenarsi. Il raggiungimento di maggiori forme di autonomia, una volta formalizzato, avrà risvolti storici per l’intero territorio e per tutti gli enti della nostra regione”.

E’ quanto ha sottolineato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi presentando nella mattinata di ieri, venerdì 18 gennaio 2019, a Palazzo Pirelli l’iniziativa che si propone di sollecitare e coinvolgere tutti i Comuni lombardi nell’approvazione di una mozione che chieda al Governo Conte di mantenere gli impegni presi sul tema dell’autonomia senza più ulteriori ritardi e senza tradire le richieste avanzate dalla grande maggioranza dei cittadini lombardi con il referendum del 22 ottobre 2017.

Il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi

LEGGI ANCHE  Autonomia a inizio 2019, nell’interesse di tutti | Il governatore risponde

“Lo scopo –ha aggiunto Fermi– è ovviamente quello di rafforzare anche grazie alla partecipazione, al sostegno e al coinvolgimento dei Comuni, l’azione di Regione Lombardia e del Presidente Attilio Fontana nell’ambito della trattativa con il Governo così da poter sottoscrivere davvero in tempi brevi l’intesa finale con lo Stato. In questi mesi il confronto con l’Amministrazione centrale ha fatto sì che venisse redatto un documento nel quale la nostra Regione ha elencato una serie di funzioni legislative e  amministrative, con le relative risorse finanziarie”.

“In questi ultimi mesi si è parlato sempre e molto di competenze, troppo poco però delle relative risorse finanziarie –ha sottolineato infine il Presidente Fermi che, richiamandosi anche agli appelli e alle sollecitazioni del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha rinnovato l’invito “a definire quanto prima e in modo certo l’entità delle risorse spettanti alla Lombardia per fare fronte alle competenze richieste e per dare così piena attuazione ai contenuti e allo spirito del referendum”.

Una azione corale

LEGGI ANCHE Autonomia Lombardia il governatore Fontana: “Bene parole nuovo Ministro”

Oltre al Presidente Alessandro Fermi, erano presenti alla conferenza stampa di questa mattina a Palazzo Pirelli numerosi Sindaci, Consiglieri regionali e Parlamentari lombardi di Forza Italia, l’Assessore regionale ai Servizi sociali del Veneto Davide Bendinelli, il Capogruppo regionale di Forza Italia Gianluca Comazzi, il Presidente della Commissione speciale Autonomia Mauro Piazza, il Vice Presidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala e l’Assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

Mauro Piazza

“L’obiettivo principale di questa mozione -ha evidenziato il consigliere azzurro lecchese Mauro Piazza– è quello di rafforzare, dal basso, con la partecipazione e il coinvolgimento dei Comuni, il sostegno all’azione di Regione Lombardia nell’ambito della trattativa con il Governo per sottoscrivere in tempi brevi l’intesa finale con lo Stato affinché la nostra Regione possa gestire direttamente le materie richieste con le relative risorse. Regione Lombardia ha fatto la sua parte ora tocca al governo Conte fare altrettanto e su questo punto nelle prossime settimane non perderemo occasione per fare pressione e sollecitare continuamente il Governo ad agire senza più ulteriori tentennamenti e ripensamenti”.

Continua la lettura di Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali su Giornale di Mantova.

]]>
Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti https://giornaledimantova.it/cronaca/esce-dal-lavoro-e-scompare-si-cerca-stefania-crotti/ Sat, 19 Jan 2019 09:46:18 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15100 AGGIORNAMENTO DELLE 13: Si è giunti purtroppo ad un tragico epilogo della vicenda: Stefania Crotti è stata trovato morta carbonizzata nel Bresciano. QUI LA NOTIZIA COMPLETA LEGGI ANCHE: Il corpo carbonizzato nel Bresciano è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo Da ieri pomeriggio si sono perse le tracce di Stefania Crotti, 43 anni, bergamasca. […]

Continua la lettura di Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti su Giornale di Mantova.

]]>
AGGIORNAMENTO DELLE 13: Si è giunti purtroppo ad un tragico epilogo della vicenda: Stefania Crotti è stata trovato morta carbonizzata nel Bresciano. QUI LA NOTIZIA COMPLETA

LEGGI ANCHE: Il corpo carbonizzato nel Bresciano è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo

Da ieri pomeriggio si sono perse le tracce di Stefania Crotti, 43 anni, bergamasca.

Si cerca Stefania Crotti

Ieri, alle 15.30, è uscita dal lavoro a Cenate Sotto e da quel momento non si sono più avuto sue notizie. Sui social c’è massima condivisione per ritrovare la 43enne scomparsa e per cui è già stata presentata una denuncia ai carabinieri.

Chiunque avesse notizie o segnalazioni può contattare le Forze dell’ordine.

Continua la lettura di Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti su Giornale di Mantova.

]]>
Diversi malori e incidente stradale SIRENE DI NOTTE https://giornaledimantova.it/cronaca/diversi-malori-e-incidente-stradale-sirene-di-notte/ Sat, 19 Jan 2019 05:45:49 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15081 Diversi malori e incidente stradale: le operazioni di soccorso da parte degli operatori del 118 nella Bassa, durante la notte appena trascorsa. Cremona Notte tranquilla nel cremonese sul fronte dei soccorsi. L’unica segnalazione giunta dall’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza (AREU), riguarda un intervento a Gussola. Intorno alle 22.30 è stato soccorso un giovane di 29 anni […]

Continua la lettura di Diversi malori e incidente stradale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Diversi malori e incidente stradale: le operazioni di soccorso da parte degli operatori del 118 nella Bassa, durante la notte appena trascorsa.

Cremona

Notte tranquilla nel cremonese sul fronte dei soccorsi. L’unica segnalazione giunta dall’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza (AREU), riguarda un intervento a Gussola. Intorno alle 22.30 è stato soccorso un giovane di 29 anni che si trovava presso un impianto sportivo di via Giuseppe Mazzini. Sul posto si sono portati gli operatori del 118 con un’ambulanza che, valutate le condizioni del 29enne, ne hanno disposto il trasferimento presso l’ospedale Oglio Po in codice verde.

LEGGI ANCHE: Aggredisce a testate e morsi i Carabinieri, arrestata

Lodi

Anche nel Lodigiano è stato effettuato un unico intervento che ha riguardato un malore. Alle 21.55 un’ambulanza della Croce Rossa di Lodi si è portata in via Giuseppe Garibaldi a Tavazzano, nei pressi della ferrovia, dove una ragazza di 31 anni aveva accusato un malore. La giovane è stata caricata sull’ambulanza e trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Lodi in codice giallo.

LEGGI ANCHE: Esce di strada con l’auto, 36enne in ospedale

Mantova

Incidente stradale alle 22 a Carbonara di Po in provincia di Mantova. Un’auto condotta da un uomo di 36 anni per cause ancora da accertare, è finita fuori strada mentre percorreva via Cesare Battisti. L’uomo è stato soccorso da un’ambulanza e trasportato all’ospedale di Pieve di Coriano in codice verde. I rilievi sono stati eseguiti da Carabinieri di Gonzaga.

Intervento per un malore invece a Viadana pochi minuti dopo le 2.30. La richiesta d’aiuto è partita da via Grazzi Soncini. Un’ambulanza della Croce Verde cittadina ha soccorso una donna e l’ha trasportata in codice giallo all’ospedale di Casalmaggiore. Allertati anche i carabinieri per cause non meglio specificate.

LEGGI ANCHE: Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol

Continua la lettura di Diversi malori e incidente stradale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna https://giornaledimantova.it/cronaca/trovato-nel-bresciano-il-corpo-carbonizzato-di-una-donna/ Fri, 18 Jan 2019 20:53:04 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15078   Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna. A scoprirlo e ad allertare le Forze dell’ordine è stato un ciclista di passaggio. Al vaglio le denunce di scomparsa. Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna Macabro ritrovamento questo pomeriggio intorno alle 15 nelle campagne di Erbusco, in Franciacorta (Brescia). Qui, un […]

Continua la lettura di Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna su Giornale di Mantova.

]]>

 

Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna. A scoprirlo e ad allertare le Forze dell’ordine è stato un ciclista di passaggio. Al vaglio le denunce di scomparsa.

Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna

Macabro ritrovamento questo pomeriggio intorno alle 15 nelle campagne di Erbusco, in Franciacorta (Brescia). Qui, un ciclista di passaggio ha allertato i Carabinieri dopo aver notato la presenza di un corpo carbonizzato abbandonato nell’erba. Corpo che risulta essere irriconoscibile ma dal busto e dal bacino risulta essere quello di una donna.

A riportare la notizia sono i nostri colleghi di BresciaSettegiorni.it. Le indagini sono in corso e intanto la Procura di Brescia ha confermato potrebbe trattarsi di omicidio.

“Riteniamo si tratti di omicidio”, ha confermato la Procura di Brescia che sta ora vagliando tutte le denunce di scomparsa.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI E GUARDA GLI ALTRI VIDEO SU BRESCIASETTEGIORNI.IT

Continua la lettura di Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna su Giornale di Mantova.

]]>
Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO https://giornaledimantova.it/politica/vittorio-poma-upl-la-riforma-delrio-e-stata-una-scelta-scellerata-video/ https://giornaledimantova.it/politica/vittorio-poma-upl-la-riforma-delrio-e-stata-una-scelta-scellerata-video/#respond Fri, 18 Jan 2019 16:41:14 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15068 Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata”. Duro l’affondo del presidente dell’Unione delle Province lombarde, soprattutto in merito alla riforma del Titolo V della Costituzione. Vittorio Poma, Upl “Il ruolo dell’Unione delle Province lombarde in questi anni? Curare la depressione degli amministratori provinciali, sedare gli isterismi e somministrare lezioni di ottimismo”. […]

Continua la lettura di Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>

Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata”. Duro l’affondo del presidente dell’Unione delle Province lombarde, soprattutto in merito alla riforma del Titolo V della Costituzione.

Vittorio Poma, Upl

“Il ruolo dell’Unione delle Province lombarde in questi anni? Curare la depressione degli amministratori provinciali, sedare gli isterismi e somministrare lezioni di ottimismo”. Non ha usato mezzi termini il presidente dell’Upl in occasione dell’incontro che si è tenuto oggi, venerdì 18 gennaio nella sede del nostro gruppo editoriale Netweek insieme ad Anci Lombardia, per descrivere lo scenario generato dalla riforma Delrio. “La situazione che stanno vivendo numerosi amministratori provinciali è davvero drammatica – ha proseguito – E i presidenti delle province possono davvero a buon titolo essere definiti come dei capitani coraggiosi, o come degli irresponsabili”. E poi ha continuato l’affondo. “Questo per colpa di una legislazione scellerata, di riforme come la Delrio ma anche come tante altre leggi di accompagnamento. Mi vien da dire che tutte quelle scelte avevano un solo obiettivo: togliere risorse alle province”.

Continua la lettura di Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/politica/vittorio-poma-upl-la-riforma-delrio-e-stata-una-scelta-scellerata-video/feed/ 0
Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO https://giornaledimantova.it/politica/anci-lombardia-e-upl-in-visita-nella-sede-netweek-video/ https://giornaledimantova.it/politica/anci-lombardia-e-upl-in-visita-nella-sede-netweek-video/#respond Fri, 18 Jan 2019 16:26:16 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15062 Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek. L’incontro a Merate di oggi, venerdì 18 gennaio, è stata l’occasione per fare il punto sul ruolo della Casa dei Comuni e sulle prospettive dell’Unione delle Province lombarde. Anci Lombardia e Upl Un’occasione per confrontarsi sulle sfide del futuro, per mettere in rete strategie e tracciare […]

Continua la lettura di Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>

Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek. L’incontro a Merate di oggi, venerdì 18 gennaio, è stata l’occasione per fare il punto sul ruolo della Casa dei Comuni e sulle prospettive dell’Unione delle Province lombarde.

Anci Lombardia e Upl

Un’occasione per confrontarsi sulle sfide del futuro, per mettere in rete strategie e tracciare le linee guida di quanto fatto finora. L’incontro avvenuto oggi, venerdì 18 gennaio, nella sede del nostro gruppo editoriale Netweek nella sede di Merate tra Anci Lombardia e Upl – Unione delle Province lombarde – è stata un’opportunità per cononoscere da vicino il ruolo delle due istituzioni e mostrare le potenzialità offerte dal nostro Gruppo nell’ambito dell’editoria, sia cartacea che digital.

Le delegazioni presenti

In rappresentanza di Anci Lombardia c’erano il presidente Virginio Brivio, il segretario generale Rinaldo Redaelli, il vice segretario Egidio Longoni, il presidente del dipartimento Anci e assessore di Monza, Pierfranco Maffè, il presidente del dipartimento Anci e sindaco di Cologno Monzese, Dania PeregoOnelia Rivolta e Pietro Maria Sekules per AnciLab, Lauro Sangaletti responsabile relazioni esterne Anci, Laura Bello e Giorgio Oldrini dell’Ufficio comunicazione. Per Upl, invece, c’erano il presidente Vittorio Poma, il responsabile della segreteria Dario Rigamonti, il presidente della Provincia di Lecco, Claudio Usuelli e Stefano Donarinidell’Ufficio comunicazione. Ospiti il sindaco di Monza, Dario AlleviMarco Scaramellini sindaco di Sondrio e Vincenzo Magistrelli, primo cittadino di Pogliano Milanese.

La visita alla sede

Prima di entrare nel vivo della tavola rotonda che ha visto come protagonisti il presidente di Anci Lombardia, Virginio Brivio, il presidente di Upl, Vittorio Poma, i cui interventi sono stati mediati dal responsabile dell’area Monza del Gruppo Netweek, Maurizio Colombo e dal collega Stefano Giudici, responsabile del nostro settimanale “Settegiorni”, tutti i presenti hanno visitato gli spazi della sede di Merate. Poi il gruppo si è diretto nell’auditorium per iniziare il confronto sui temi all’ordine del giorno.

Virginio Brivio, Anci Lombardia

“Anci è un po’ un sindacato dei Comuni, una vera e propria Casa dei Comuni – ha introdotto Brivio – Ma non solo di quelli più grandi. Funzioniamo come un supporto in tutte le occasioni in cui, per esempio, bisogna attuare provvedimenti attuativi. Siamo degli interlocutori, in altre parole, tra Comuni, Governo nazionale e regionale”. Un ente in grado di “fare servizi” per i Comuni, quindi, anche gestionali, grazie alla collaborazione con la società AnciLab. “Oltre a quelle che sono le nostre prerogative – ha continuato – stiamo pensando a una terza via. Vogliamo investire sui progetti. Partiamo, come sindaci, dai problemi di tutti i giorni per dare delle risposte ai cittadini. In questo quadro è importante registrare il ruolo crescente degli amministratori di condominio, che si stanno gradualmente imponendo come interlocutori tra le istituzioni e i cittadini. Perché per ottenere risultati serve il contributo di tutti”.

Tutti gli approfondimenti sulla visita, le fotografie e le interviste ai protagonisti sui settimanali del gruppo Netweek in edicola da lunedì.

Continua la lettura di Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/politica/anci-lombardia-e-upl-in-visita-nella-sede-netweek-video/feed/ 0
Una grande novità per i vostri cuccioli https://giornaledimantova.it/casa/una-grande-novita-per-i-vostri-cuccioli/ Fri, 18 Jan 2019 16:25:33 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15071 Sabato 19 gennaio la catena leader in Italia nel pet care inaugurerà contemporaneamente 7 store in 5 regioni. Prevista una giornata non stop di festa in ogni location e una massiccia campagna pubblicitaria multicanale. Oltre 300 il totale dei punti vendita e oltre 1500 i dipendenti. Tre in Lombardia e gli altri quattro suddivisi tra […]

Continua la lettura di Una grande novità per i vostri cuccioli su Giornale di Mantova.

]]>
Sabato 19 gennaio la catena leader in Italia nel pet care inaugurerà contemporaneamente 7 store in 5 regioni.

Prevista una giornata non stop di festa in ogni location e una massiccia campagna pubblicitaria multicanale. Oltre 300 il totale dei punti vendita e oltre 1500 i dipendenti.

Tre in Lombardia e gli altri quattro suddivisi tra Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Marche.
Questi i nuovi sette punti vendita che verranno inaugurati contemporaneamente sabato 19 gennaio da Arcaplanet, l’insegna leader nel pet care in Italia che conta oltre 300 negozi.

Una lunga giornata di festa non stop, dedicata ai padroni e ai pet, in ognuna delle sette città in diversi punti d’Italia: Dalmine (BG), Castegnato e Lonato del Garda in provincia di Brescia, Cuneo, Villesse (GO), Montemurlo (PO) e Ascoli Piceno.

Si tratta di un’operazione curiosa e straordinaria che nel mondo della grande distribuzione specializzata rappresenta un unicum e porta la firma di Arcaplanet ormai da 3 anni. L’insegna infatti ha già proposto nei due anni precedenti multi inaugurazioni diffuse sul territorio italiano: nel 2017 erano stati 17 mentre l’anno scorso 9 i nuovi store inaugurati con successo contemporaneamente.

Quest’anno ad accompagnare l’iniziativa oltre al dispiegamento di forze del team di vendita, tutte le nuove risorse affiancate da quelle più esperte, è prevista una massiccia campagna pubblicitaria multicanale che comprende televisione (in tutte le reti nazionali con spot on air dal 17 al 26 gennaio), stampa (i principali quotidiani territoriali delle città coinvolte), programmatic digitale e palinsesto social, guerriglia marketing (con zaini luminosi, leafleting, palloni mongolfiere brandizzate) oltre alle affissioni in città.

L’operazione prevede oltre 4.400 i mq di superficie di vendita in più per l’insegna, 32 nuove risorse impiegate e ulteriori 14 casse.

Si tratta di grandi negozi di varie superfici (dai 350 agli 890 mq) che vantano spazi adatti per ospitare i servizi di ultima generazione dell’insegna: Pet Wash per la toelettatura dei pet, aree Agility e aree lavanderie per l’igiene e la pulizia degli accessori dell’amico peloso.

Tutti gli store sono riforniti con assortimenti completi per il food e il non food per gli animali da compagnia grazie a oltre 10.000 referenze in vendita in ciascuno, tra accessori e alimenti per cani, gatti, piccoli animali, roditori, pesci, anfibi e uccelli, un’ampia selezione trasversale di prodotti esclusivi e specializzati, dietetici e veterinari, di alimentazione biologica e vegetariana, cibo secco e umido, accessori dai tappetini igienici per cani alle lettiere per gatto, dai giochi ai guinzagli, ai “trasportini” ecc.

Sabato ci saranno omaggi per tutti, promozioni dedicate e tutte le novità pensate per l’alimentazione e il benessere degli animali da compagnia, in casa, all’aperto e in viaggio. Per tutti sarà possibile iscriversi all’interno del circuito “ArcaCard”, il programma fedeltà che oggi annovera oltre un milione di clienti attivi e permette una serie di vantaggi di scontistica a punti e servizi personalizzati. Per coloro che si presenteranno con il proprio animale, sarà poi possibile scattare foto e riceverne subito la stampa.

La giovane (poco più di vent’anni) e dinamica azienda ha visto in questi ultimi due anni una forte crescita dimensionale sia di punti vendita che di fatturato e di addetti, attraverso lo sviluppo e la continua innovazione di un layout del tutto simile a un supermercato dedicato solamente ai pet e agli ambienti da essi frequentati, con spazi moderni, personale competente e preparato e un grandissimo assortimento specializzato per tutti i tipi di animali domestici.

Arcaplanet è la catena italiana leader nella distribuzione di prodotti per animali domestici. In oltre vent’anni dalla sua costituzione, il Gruppo è cresciuto notevolmente espandendosi oltreconfine con 2 punti vendita in Svizzera e conta oggi dopo l’acquisizione di Fortesan, oltre 300 punti vendita diretti in 17 regioni italiane, una piattaforma di vendita online e oltre 1.500 dipendenti. Attualmente, il Gruppo conta oltre un milione di clienti attivi, rispondendo alle esigenze di tutti gli animali domestici, attraverso un’offerta innovativa di prodotti e servizi, inclusi i marchi privati Start, Expecial, Next, HiFish e Virtus. I punti vendita del Gruppo sono caratterizzati da molteplici format e dimensioni, da un minimo di 150 mq fino agli oltre 1.000 mq dei formati Large. Nel giugno 2016, i Fondi Permira hanno acquistato la maggioranza del capitale della società, divenendo l’azionista di riferimento.

INDIRIZZI NUOVI STORE

LOMBARDIA
DALMINE – Via Provinciale 37. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.00 dom 9.30-13.00 e 15.00-19.30
CASTEGNATO (BS) – Via Rita Levi Montalcini, 104. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.00
LONATO DEL GARDA (BS) – Via Battaglie. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.00

PIEMONTE
CUNEO: Via Margarita C/o CC Auchan. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.30

FRIULI VENEZIA GIULIA
VILLESSE (GO): Località Maranuz, 2 C/o CC Tiare Shopping. Orario di apertura: lun – ven 9.30-20.00; sab e dom 9.30-21.00

TOSCANA
MONTEMURLO (PO). Via Livorno, 51 C/o CC Coop. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.30, dom chiuso.

MARCHE
ASCOLI PICENO. Via Piceno Aprutina, 98. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.00; dom 9.00-13.00 e 15.00-20.00.

Continua la lettura di Una grande novità per i vostri cuccioli su Giornale di Mantova.

]]>
Maturità 2019: le novità, le materie e la data VIDEO https://giornaledimantova.it/economia/maturita-2019-le-novita-le-materie-e-la-data-video/ Fri, 18 Jan 2019 15:28:43 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15059   Maturità 2019, il Ministro Bussetti annuncia su Facebook le materie della seconda prova “Organizzeremo giornate nazionali per la simulazione degli scritti”. Più discipline Come si legge sul sito del MIUR, la prova quest’anno riguarderà più discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, fatta eccezione per quegli indirizzi in cui la disciplina caratterizzante è una sola. Una […]

Continua la lettura di Maturità 2019: le novità, le materie e la data VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>

 

Maturità 2019, il Ministro Bussetti annuncia su Facebook le materie della seconda prova “Organizzeremo giornate nazionali per la simulazione degli scritti”.

Più discipline

Come si legge sul sito del MIUR, la prova quest’anno riguarderà più discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, fatta eccezione per quegli indirizzi in cui la disciplina caratterizzante è una sola. Una novità possibile in base al decreto legislativo 62 del 2017 che ha riformato l’Esame.

Materie

In particolare, ci saranno Latino e Greco per il Liceo classico, Matematica e Fisica allo Scientifico, Scienze umane e Diritto ed Economia politica per il Liceo delle Scienze umane – opzione economico sociale, Discipline turistiche e aziendali e Inglese per l’Istituto tecnico per il turismo, Informatica e Sistemi e reti per l’Istituto tecnico indirizzo informatica, Scienze degli alimenti e Laboratorio di servizi enogastronomici per l’Istituto professionale per i servizi di enogastronomia. Questi alcuni esempi. L’elenco completo delle discipline oggetto della prova è disponibile da oggi sul sito del Ministero.

CLICCA QUI per scoprire le materie.

In largo anticipo

“Comunichiamo le materie con largo anticipo – sottolinea il Ministro nel video di annuncio pubblicato su Facebook, rivolgendosi agli studenti -. Come sapete da quest’anno ci sono delle novità. Per questo da ottobre abbiamo cominciato a fornire tutte le informazioni utili per le prove a voi e ai vostri docenti. Per sostenervi nella vostra preparazione organizzeremo delle simulazioni della prima e della seconda prova. Si svolgeranno nei mesi di febbraio, marzo e aprile”, ha annunciato Bussetti.

Calendario simulazioni

Le simulazioni nazionali si terranno secondo il seguente calendario:

Prima prova scritta: 19 febbraio e 26 marzo.
Seconda prova scritta: 28 febbraio e 2 aprile.

È la prima volta che il MIUR organizza simulazioni di questo tipo. La volontà è quella di sostenere il più possibile ragazzi e docenti nella preparazione del nuovo Esame. Con un’apposita circolare saranno fornite alle scuole tutte le indicazioni operative. Intanto il Ministero ha già pubblicato, nel mese di dicembre, alcuni esempi di traccia, sia per la prima che per le seconde prove. Per illustrare a studenti e docenti le nuove regole sono stati effettuati anche specifici incontri sul territorio. Lo stesso Ministro Bussetti si è confrontato con oltre 300 studenti a Milano. Nuovi momenti di incontro saranno organizzati con i ragazzi a febbraio e marzo.

Prova orale

Il decreto con le materie pubblicato oggi illustra anche le modalità di svolgimento del colloquio orale che sarà, come sempre, pluridisciplinare. La commissione partirà proponendo agli studenti di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi che saranno lo spunto per sviluppare il colloquio. I materiali di partenza saranno predisposti dalle stesse commissioni, nei giorni che precedono l’orale, tenendo conto del percorso didattico effettivamente svolto dagli studenti descritto nel documento che i Consigli di classe consegneranno come ogni anno in vista degli Esami. Il giorno della prova, per garantire la massima trasparenza e pari opportunità ai candidati, saranno gli stessi studenti a sorteggiare i materiali sulla base dei quali sarà condotto il colloquio. Durante l’orale i candidati esporranno anche le esperienze di alternanza scuola-lavoro svolte. Una parte del colloquio riguarderà, poi, le attività fatte nell’ambito di “Cittadinanza e costituzione”, sempre tenendo conto delle indicazioni fornite dal Consiglio di classe sui percorsi effettivamente svolti.

Sia la prima che la seconda prova scritta, da quest’anno, saranno corrette secondo griglie nazionali di valutazione che sono state diffuse nel mese di novembre. Nel decreto con le materie pubblicato oggi sono individuate anche le discipline affidate a commissari esterni.

Continua la lettura di Maturità 2019: le novità, le materie e la data VIDEO su Giornale di Mantova.

]]>
Chiuso ponte tra Marcaria e Gazzuolo per verifiche strutturali: ecco quando https://giornaledimantova.it/attualita/chiuso-ponte-tra-marcaria-e-gazzuolo-per-verifiche-strutturali-ecco-quando/ https://giornaledimantova.it/attualita/chiuso-ponte-tra-marcaria-e-gazzuolo-per-verifiche-strutturali-ecco-quando/#respond Fri, 18 Jan 2019 14:59:39 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15057 Chiusura ponte Chiusura della SP ex SS n. 420 “Sabbionetana”, in prossimità del ponte sul fiume Oglio nei territori dei Comuni di Marcaria e di Gazzuolo, dalle ore 8.30 alle ore 17 di domenica 20 gennaio 2019 per verifiche tecnico strutturali al manufatto. Il traffico sarà deviato  su SP 56 “Borgoforte-Marcaria”, su SP 78 “Ex Padana […]

Continua la lettura di Chiuso ponte tra Marcaria e Gazzuolo per verifiche strutturali: ecco quando su Giornale di Mantova.

]]>
Chiusura ponte

Chiusura della SP ex SS n. 420 “Sabbionetana”, in prossimità del ponte sul fiume Oglio nei territori dei Comuni di Marcaria e di Gazzuolo, dalle ore 8.30 alle ore 17 di domenica 20 gennaio 2019 per verifiche tecnico strutturali al manufatto. Il traffico sarà deviato  su SP 56 “Borgoforte-Marcaria”, su SP 78 “Ex Padana Inferiore” e su SP 58 “Gazzuolo-S. Martino dall’Argine”.

LEGGI ANCHE: Nutrie nel Mantovano: i dati delle catture del 2018

Stop della circolazione

Durante lo stop alla circolazione sul ponte, sarà temporaneamente sospesa l’Ordinanza Permanente di divieto di transito ai veicoli aventi una massa a pieno carico superiore a 7,5 tonnellate limitatamente alla SP n. 78 e SP 58.

LEGGI ANCHE: Arriva la neve e non sarà una spolverata

Continua la lettura di Chiuso ponte tra Marcaria e Gazzuolo per verifiche strutturali: ecco quando su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/chiuso-ponte-tra-marcaria-e-gazzuolo-per-verifiche-strutturali-ecco-quando/feed/ 0
Gardesana orientale: la probabile riapertura a Roverbella https://giornaledimantova.it/attualita/gardesana-orientale-la-probabile-riapertura-a-roverbella/ https://giornaledimantova.it/attualita/gardesana-orientale-la-probabile-riapertura-a-roverbella/#respond Fri, 18 Jan 2019 14:32:49 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15052 Riaprirà con ogni probabilità alle ore 12 di martedì 22 gennaio 2019 la SP ex SS n. 249 “Gardesana Orientale” in prossimità del sovrappasso autostradale nel territorio del Comune di Roverbella attualmente interrotta per lavori al cavalcavia. Gardesana orientale riapertura Gli interventi sono stati disposti ed eseguiti dalla società Autostrada del Brennero. Il traffico sino […]

Continua la lettura di Gardesana orientale: la probabile riapertura a Roverbella su Giornale di Mantova.

]]>
Riaprirà con ogni probabilità alle ore 12 di martedì 22 gennaio 2019 la SP ex SS n. 249 “Gardesana Orientale” in prossimità del sovrappasso autostradale nel territorio del Comune di Roverbella attualmente interrotta per lavori al cavalcavia.

Gardesana orientale riapertura

Gli interventi sono stati disposti ed eseguiti dalla società Autostrada del Brennero. Il traffico sino ad allora continuerà ad essere deviato sulla SP n. 25 “Mantova-Castelbelforte” in direzione di Mantova, sulla SP ex SS n. 236 Bis, sulla P ex SS n. 62/A “Tangenziale di Porto Mantovano” e sulla SP ex SS n. 62 “Della Cisa”.

LEGGI ANCHE: Arriva la neve e non sarà una spolverata

Continua la lettura di Gardesana orientale: la probabile riapertura a Roverbella su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/gardesana-orientale-la-probabile-riapertura-a-roverbella/feed/ 0
Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati https://giornaledimantova.it/cronaca/rimborsopoli-in-lombardia-arriva-la-sentenza-di-primo-grado-52-condannati/ Fri, 18 Jan 2019 14:25:59 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15054 E’ stata emessa questa mattina, 18 gennaio, la sentenza di primo grado per il processo sulle cosiddette spese pazze in Regione  Lombardia che aveva ben 57 imputati. La sentenza Il Tribunale di Milano ha condannato in primo grado 52 dei 57 ex assessori ed ex consiglieri regionali  accusati di peculato. Fra i condannati anche volti molto […]

Continua la lettura di Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati su Giornale di Mantova.

]]>
E’ stata emessa questa mattina, 18 gennaio, la sentenza di primo grado per il processo sulle cosiddette spese pazze in Regione  Lombardia che aveva ben 57 imputati.

La sentenza

Il Tribunale di Milano ha condannato in primo grado 52 dei 57 ex assessori ed ex consiglieri regionali  accusati di peculato. Fra i condannati anche volti molto noti della politica come Renzo Bossi, per lui il giudice ha disposto una pena di  2 anni e 6 mesi, e Nicole Minetti, 1 anno e 8 mesi, stessa condanna inflitta a Massimiliano Romeo, ex assessore a Monza e attuale capogruppo della Lega in Senato (la pena è sospesa ed è stata decisa la non menzione).

Le pene sono andate da un anno e 5 mesi fino a 4 anni e 8 mesi.

Assolti o prescritti 5 ex consiglieri: Davide Boni (prescrizione per l’accusa di truffa) e assolti Romano Colozzi, Daniel Luca Ferrazzi, Carlo Maccari, Massimo Ponzoni.

Condannati i 7 bresciani coinvolti: Gianmarco Quadrini dell’Udc e Pierluigi Toscani ex vicesindaco leghista di Rovato, Monica Rizzi e Alessandro Marelli della Lega, Margherita Peroni, vicina alla politica di Palazzolo, Forza Italia, Vanni Ligasacchi, Forza Italia, e Enio Moretti di Chiari.

Rimborsopoli

Lo scandalo delle spese pazze in Regione era scoppiato nel 2012; secondo i pm gli ex assessori e gli  ex consiglieri regionali avrebbero speso illecitamente 3 milioni di euro, facendoli figurare come spese di rappresentanza e chiedendo, e ottenendo, il relativo rimborso spese. Nelle spese contestate ad alcuni imputati c’erano gratta e vinci e fuochi d’artificio.

Rifiutata l’istanza di rinvio

Uno degli avvocati della difesa aveva chiesto al giudice Gaetano la Rocca l’istanza di rinvio per via di una norma in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che avrebbe consentito di derubricare il reato passando dal peculato a quello di indebita percezione di erogazioni o fondi pubblici, meno grave.

La richiesta non è stata valutata proprio perché la legge ancora non è valida.

 

 

Continua la lettura di Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati su Giornale di Mantova.

]]>
Nutrie nel Mantovano: crescono le catture nel 2018 https://giornaledimantova.it/attualita/nutrie-nel-mantovano-crescono-le-catture-nel-2018/ https://giornaledimantova.it/attualita/nutrie-nel-mantovano-crescono-le-catture-nel-2018/#respond Fri, 18 Jan 2019 14:04:16 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15048 Aumenta ancora il numero di nutrie catturate e smaltite nei comuni del mantovano: nel 2018 sono state 41.497: di queste circa l’80% viene catturato con le gabbie che si conferma il sistema più efficace per il contenimento della specie. Nutrie nel Mantovano I dati sono stati illustrati questa mattina, 18 gennaio 2019, a Palazzo di […]

Continua la lettura di Nutrie nel Mantovano: crescono le catture nel 2018 su Giornale di Mantova.

]]>
Aumenta ancora il numero di nutrie catturate e smaltite nei comuni del mantovano: nel 2018 sono state 41.497: di queste circa l’80% viene catturato con le gabbie che si conferma il sistema più efficace per il contenimento della specie.

Nutrie nel Mantovano

I dati sono stati illustrati questa mattina, 18 gennaio 2019, a Palazzo di Bagno nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il presidente della Provincia Beniamino Morselli e il consigliere delegato alla vigilanza ittico venatoria Matteo Biancardi. “I risultati sono incoraggianti e significativi e dimostrano la sensibilità delle amministrazioni locali verso un problema di grande rilievo per il nostro territorio – ha spiegato il presidente Morselli -. I danni provocati dalle nutrie all’agricoltura e agli argini sono sotto gli occhi di tutti. Siamo ancora lontani dal poter attuare il piano complessivo per l’eradicazione della specie nel nostro territorio ma passi importanti sono stati fatti. Proprio in questi giorni Regione Lombardia ci ha riconosciuto una seconda trance di contributi”.

Stato del piano regionale e provinciale

In vacanza del nuovo Piano Regionale, Regione Lombardia ha approvato con DGR 165/2018 il Programma annuale 2018 del Piano Regionale 2018/2020 prevedendo che le Province adeguino il proprio piano alle nuove Linee Guida Regionali. Fra le novità, i finanziamenti saranno distribuiti alle Province in relazione al numero di capi abbattuti e smaltiti e questo correttivo ha permesso di raddoppiare il finanziamento alla Provincia di Mantova.

Adeguamento nuove linee

La Provincia ha adottato con Decreto Presidenziale del 02/07/2018, alcune modifiche al Piano in adeguamento alle nuove Linee Guida Regionali:

  • definizione della vigenza del piano 2018 / 2020,
  • precisazioni in merito alle modalità di intervento,
  • precisazioni in merito alle competenze di Provincia e dei Comuni nella gestione degli operatori volontari,
  • aggiornamento e dettaglio del budget di spesa previsto per eradicare la nutria in Provincia di Mantova. 

LEGGI ANCHE: Le nutrie? è solo colpa nostra

Continua la lettura di Nutrie nel Mantovano: crescono le catture nel 2018 su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/nutrie-nel-mantovano-crescono-le-catture-nel-2018/feed/ 0
Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol https://giornaledimantova.it/cronaca/arrestato-ricercato-su-mandato-di-cattura-internazionale-dellinterpol/ https://giornaledimantova.it/cronaca/arrestato-ricercato-su-mandato-di-cattura-internazionale-dellinterpol/#respond Fri, 18 Jan 2019 12:24:05 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15045 Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol: si tratta di un cittadino serbo di 39 anni condannato in patria per reati legati allo spaccio di stupefacenti. Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale Nella mattinata di ieri, giovedì 17 gennaio 2019, la Squadra Mobile della Questura di Mantova, unitamente a personale del Commissariato di […]

Continua la lettura di Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol su Giornale di Mantova.

]]>
Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol: si tratta di un cittadino serbo di 39 anni condannato in patria per reati legati allo spaccio di stupefacenti.

Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale

Nella mattinata di ieri, giovedì 17 gennaio 2019, la Squadra Mobile della Questura di Mantova, unitamente a personale del Commissariato di Carpi, ha dato esecuzione ad un mandato di arresto internazionale diffuso dall’Interpol a carico del cittadino serbo A.D., classe 1980, condannato in patria ad una pena detentiva di anni 3 di reclusione per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Sarà estradato

L’uomo è stato rintracciato nel territorio del Comune di Poggio Rusco e condotto presso la locale Casa Circondariale, in attesa della definizione delle procedure estradizionali e del suo trasferimento a Belgrado.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/arrestato-ricercato-su-mandato-di-cattura-internazionale-dellinterpol/feed/ 0
Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” PREVISIONI METEO https://giornaledimantova.it/attualita/gli-esperti-confermano-la-prossima-settimana-nevica-e-non-sara-una-spolverata-previsioni-meteo/ Fri, 18 Jan 2019 12:02:00 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15042 Gli esperti lo confermano. Settimana prossima nevica in Lombardia e non sarà “una semplice spolverata”. Le nostre interviste a Flavio Galbiati (Centro Epson Meteo) e all’esperto lecchese Christian Brambilla. Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica Viste le ultime previsioni apparse online, anche un po’ allarmistiche, abbiamo deciso di fare chiarezza interpellando due esperti meteo, […]

Continua la lettura di Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” PREVISIONI METEO su Giornale di Mantova.

]]>
Gli esperti lo confermano. Settimana prossima nevica in Lombardia e non sarà “una semplice spolverata”. Le nostre interviste a Flavio Galbiati (Centro Epson Meteo) e all’esperto lecchese Christian Brambilla.

Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica

Viste le ultime previsioni apparse online, anche un po’ allarmistiche, abbiamo deciso di fare chiarezza interpellando due esperti meteo, per fare il punto su quello che accadrà nei prossimi giorni in Lombardia.

“Cerchiamo sempre di essere cauti – ci ha spiegato Flavio Galbiati, del Cnetro Epson Meteo – ma per settimana prossima si conferma effettivamente l’arrivo di una perturbazione che porterà neve anche in Pianura al NordNon sarà una spolverata, ma qualcosa di più consistente“.

“I primi effetti li stiamo già sentendo in queste ore, in cui tutti noi abbiamo avvertito un repentino abbassamento delle temperature” – ci ha detto Galbiati.

La situazione andrà via via peggiorando nei prossimi giorni, fino a mercoledì, quando le precipitazioni a carattere nevoso coinvolgeranno gran parte della Lombardia.

Dall’inizio dell’inverno 70% di piogge in meno

“Una situazione più chiara, anche per parlare di eventuali centimetri di neve, si potrà avere non prima di lunedì – ha voluto precisare Galbiati. “Quel che è certo è che i dati statistici del Centro Epson Meteo ci raccontano che la prima parte dell’inverno è stata caratterizzata da temperature sopra la media di un grado e da un 70% in meno di precipitazioni“.

Al posto della pioggia, al Nord, hanno fatto capolino per diversi giorni i venti di “Foehn”. Aria secca, spesso tiepida, che ha sicuramente aiutato a spazzare via l’inquinamento ma non ha favorito la salute, in particolare dei bambini.

Una fine di gennaio movimentata

“Concludendo possiamo affermare che dopo un inizio 2019 mite e anomalo, la fine di gennaio sarà decisamente più movimentata e caratterizzata da un freddo più intenso e pungente” – ha concluso Galbiati.

Sempre sulle previsioni in queste ore abbiamo sentito anche l’esperto lecchese Christian Brambilla che ci ha riferito che:

“Prevedere neve con cinque giorni d’anticipo non ha alcun senso. Parlare addirittura di centimetri ancora meno. Al minimo domenica mattina sarà possibile avere un’idea più chiara di ciò che accadrà giovedì 24 gennaio, non prima”.

Continua la lettura di Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” PREVISIONI METEO su Giornale di Mantova.

]]>
Furto al centro commerciale, arrestato pluripregiudicato https://giornaledimantova.it/cronaca/furto-al-centro-commerciale-arrestato-pluripregiudicato/ https://giornaledimantova.it/cronaca/furto-al-centro-commerciale-arrestato-pluripregiudicato/#respond Fri, 18 Jan 2019 11:23:55 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15036 Furto al centro commerciale “La Favorita”, arrestato un 30enne pluripregiudicato. Furto al centro commerciale, arrestato Nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 17 gennaio 2019, gli Agenti della Squadra Volante, nel parcheggio del Centro Commerciale “La Favorita” di Mantova, hanno individuato il cittadino marocchino A.I. di 30 anni, già noto agli operatori per i propri trascorsi […]

Continua la lettura di Furto al centro commerciale, arrestato pluripregiudicato su Giornale di Mantova.

]]>
Furto al centro commerciale “La Favorita”, arrestato un 30enne pluripregiudicato.

Furto al centro commerciale, arrestato

Nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 17 gennaio 2019, gli Agenti della Squadra Volante, nel parcheggio del Centro Commerciale “La Favorita” di Mantova, hanno individuato il cittadino marocchino A.I. di 30 anni, già noto agli operatori per i propri trascorsi criminali, che si aggirava in modo sospetto tra le vetture in sosta.

Il controllo della sacca

Al momento del controllo dei documenti da parte dell’equipaggio della Volante lo straniero ha cominciato ad agitarsi e a non mostrarsi collaborativo, comportamento che ha allertato immediatamente il Personale della Polizia di Stato che ha proceduto alla verifica del contenuto di una borsa che aveva a tracolla. All’interno della sacca sono stati trovati alcuni capi di abbigliamento in merito ai quali il cittadino marocchino non è riuscito a dare una spiegazione plausibile sulla provenienza.

I vestiti rubati

Gli Agenti intervenuti hanno immediatamente accertato che i vestiti contenuti nella tracolla erano stati rubati poco prima da un negozio di abbigliamento situato all’interno del Centro Commerciale. La titolare dell’esercizio, avvertita dagli Agenti, ha riconosciuto l’uomo che poco prima era entrato nel negozio, uscendone subito dopo senza avere acquistato nulla.

Avviso orale

Dopo tutti i rilievi del caso il cittadino marocchino è stato arrestato per furto aggravato. Dalle verifiche effettuate presso la Banca Dati, si è potuto anche accertare che lo stesso era gravato da diverse denunce per lo stesso tipo di reato, nonché per altri tipi di violazioni commesse negli anni precedenti.

A suo carico, Il Questore di Mantova ha deciso di emettere la Misura di Prevenzione dell’AVVISO ORALE. Adesso la sua posizione sul territorio nazionale è al vaglio dell’Ufficio Immigrazione della Questura.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Furto al centro commerciale, arrestato pluripregiudicato su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/furto-al-centro-commerciale-arrestato-pluripregiudicato/feed/ 0
L’On. Lara Magoni in visita a Mantova e Sabbioneta https://giornaledimantova.it/attualita/lon-lara-magoni-in-visita-a-mantova-e-sabbioneta/ https://giornaledimantova.it/attualita/lon-lara-magoni-in-visita-a-mantova-e-sabbioneta/#respond Fri, 18 Jan 2019 10:42:50 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15032 L’On. Lara Magoni in visita a Mantova e Sabbioneta: “Valorizzare i piccoli borghi per far crescere il turismo Mantovano”. L’On. Lara Magoni in visita a Mantova e Sabbioneta Visita istituzionale in terra mantovana per l’assessore regionale al Turismo, marketing territoriale e Moda Lara Magoni che, dopo una prima tappa all’Ufficio territoriale di Mantova, ha fatto visita al teatro Bibiena. Il […]

Continua la lettura di L’On. Lara Magoni in visita a Mantova e Sabbioneta su Giornale di Mantova.

]]>
L’On. Lara Magoni in visita a Mantova e Sabbioneta: “Valorizzare i piccoli borghi per far crescere il turismo Mantovano”.

L’On. Lara Magoni in visita a Mantova e Sabbioneta

Visita istituzionale in terra mantovana per l’assessore regionale al Turismo, marketing territoriale e Moda Lara Magoni che, dopo una prima tappa all’Ufficio territoriale di Mantova, ha fatto visita al teatro Bibiena. Il tour è proseguito nel pomeriggio, con il sopralluogo a Sabbioneta che, proprio insieme al capoluogo virgiliano, è
patrimonio mondiale Unesco.

Incontro con operatori settore

A Mantova l’assessore Magoni ha incontrato stakeholder ed operatori virgiliani del settore turistico e ricettivo. Un momento importante – condiviso con il vice sindaco di Mantova, Giovanni Buvoli, amministratori locali, tra i quali il primo cittadino di Borgo Virgilio, Alessandro Beduschi, e dirigenti delle associazioni territoriali, come il presidente della Camera di Commercio di Mantova-Cremona-Pavia, Carlo Zanetti – per fare il punto sui progetti di valorizzazione di territori particolarmente vocati al turismo.

Il bando viaggio #inLombardia

“Mantova da un punto di vista turistico sta ottenendo risultati importanti – ha esordito l’assessore regionale – ma per essere ancora più vincente ed attrattiva è necessario valorizzare tutto il territorio e i tanti piccoli borghi che arricchiscono il Mantovano, vere e proprie perle artistiche, storiche e culturali, proprio come la splendida Sabbioneta. In tal senso, proprio di recente Regione Lombardia ha approvato il bando ‘Viaggio #inLombardia’, una misura nata per promuovere e sostenere i borghi e, in generale, gli enti locali lombardi, al fine di valorizzare il potenziale di attrattività turistica della regione, sviluppare prodotti turistici esperienziali e rafforzare i flussi di visitatori sul territorio. La dotazione finanziaria complessiva è di 880 mila euro ed è differenziata in due linee: linea borghi con 400 mila euro destinati a comuni lombardi con totale residenti inferiore o pari a 15.000 abitanti; linea aggregazioni con 480 mila euro destinati a partenariati composti da almeno 2 enti locali lombardi. Le domande potranno essere presentate a partire dal prossimo 4 febbraio sino al 25 febbraio 2019. Dai borghi di montagna ai laghi, dalle colline sino alle città d’arte, la Lombardia ha un enorme potenziale di attrattività turistica che
può e deve essere ulteriormente esaltato. Mantova e il suo territorio ne sono un esempio lampante”.

Tra le azioni finanziabili dal bando, orientate a strutturare l’offerta turistica in logica esperienziale, vi sono: attività  di comunicazione; azioni b2b come partecipazione a fiere e workshop; declinazione di itinerari tematici esperienziali.

Turismo in costante crescita

I dati sui flussi turistici della provincia di Mantova degli ultimi 5 anni mostrano un andamento positivo. Nel 2017 gli arrivi sono stati pari a 308.991, cresciuti del +36,1% rispetto all’anno 2013, mentre le presenze sono state pari a 626.264 (18,9% in più rispetto al 2013), con una permanenza media di 2,03 giorni. I flussi turistici di Regione Lombardia aggiornati al 2017 vedono 16.557.963 di arrivi e 39.386.439 di presenze con una permanenza
media di 2,38 giorni: questo significa che sul territorio mantovano c’è ancora molto da lavorare per attrarre sempre più visitatori. Particolare attenzione anche ai flussi turistici internazionali: a far la parte del leone a Mantova i visitatori tedeschi (23.716), francesi (7.770) e svizzeri (4.976).

“E’ necessario crescere e diventare sempre più attrattivi a livello internazionale – ha spiegato Lara Magoni -; ecco perché nei mesi scorsi abbiamo lanciato l’iniziativa ‘Next Stop?#inLombardia’, bus itinerante che ha viaggiato per oltre 10 mila chilometri in tutta l’Europa per promuovere la nostra Regione come destinazione turistica. Ora il mio impegno è rivolto a dare concretezza al ‘Programma di promozione turistica 2019’, che individua e programma le azioni di promozione turistica sui mercati nazionali ed internazionali favorisce la partecipazione di tutti gli operatori della filiera e in stretto raccordo con i soggetti istituzionali partner”.

Un Programma con una dotazione finanziaria complessiva di Euro 1.979.650,00 e che prevede la realizzazione di iniziative come educational tour e workshop, eventi e progetti speciali, attività editoriali e di co-marketing, iniziative di comunicazione. “Un progetto importante che potrà essere vincente solo con la collaborazione di tutti i territori e i
rappresentanti delle istituzioni, degli enti locali e delle associazioni di categoria. L’unione fa la forza e grazie anche a
Mantova e alle sue bellezze sono sicura che potremo raggiungere l’obiettivo prefissato: far diventare la Lombardia prima meta turistica in Italia”, ha concluso l’assessore Magoni.

Visita a Sabbioneta

Successivamente l’assessore Magoni ha visitato Sabbioneta, dove in compagnia delle autorità locali ha potuto apprezzare le bellezze del Palazzo Ducale, del Teatro All’Antico e di Palazzo Giardino con la galleria degli Antichi.

“Ritengo che i borghi più belli possano fare sistema per promuovere una propria identità accanto a quella di Mantova: sono veri e propri gioielli preziosi ed emozionanti. Regione Lombardia farà la sua parte ma perché abbiano la visibilità che meritano occorre un lavoro di squadra a livello locale che può portare alla riconoscibilità anche internazionale”.

LEGGI ANCHE: Piazza Alberti restyling, Palazzi sulle polemiche: “Non arretro di un millimetro sulla filosofia del progetto”

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di L’On. Lara Magoni in visita a Mantova e Sabbioneta su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/lon-lara-magoni-in-visita-a-mantova-e-sabbioneta/feed/ 0
Ladri scatenati a Remedello: tre furti in un solo giorno https://giornaledimantova.it/cronaca/ladri-scatenati-a-remedello-tre-furti-in-un-solo-giorno/ Fri, 18 Jan 2019 09:58:33 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15039 Ladri scatenati a Remedello: tre furti in un solo giorno. Tre furti in un solo giorno Da Remedello Sopra a Remedello Sotto, passando per campi, fossati e vie secondarie in una giornata d’inverno avvolta dal manto della nebbia. Non un percorso escursionistico, bensì quello seguito da una banda di ladri che martedì scorso ha messo […]

Continua la lettura di Ladri scatenati a Remedello: tre furti in un solo giorno su Giornale di Mantova.

]]>
Ladri scatenati a Remedello: tre furti in un solo giorno.

Tre furti in un solo giorno

Da Remedello Sopra a Remedello Sotto, passando per campi, fossati e vie secondarie in una giornata d’inverno avvolta dal manto della nebbia. Non un percorso escursionistico, bensì quello seguito da una banda di ladri che martedì scorso ha messo a soqquadro almeno tre case del paese.  Nel pomeriggio erano in via Longinotti, una zona residenziale, fuori dal centro, generalmente poco trafficata e confinante con i campi. Qui indispettiti dal «magro» bottino hanno rovistato e buttato ovunque il contenuto di cassetti e armadi.

L’articolo completo in edicola con MontichiariWeek e GardaWeek.

 

Continua la lettura di Ladri scatenati a Remedello: tre furti in un solo giorno su Giornale di Mantova.

]]>
773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua https://giornaledimantova.it/attualita/773-milioni-di-e-mail-violate-controlla-se-ce-anche-la-tua/ Fri, 18 Jan 2019 09:53:48 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15029 La mail che avete è intasata da spam? Vi propongono creme miracolose oppure un fantomatico principe africano vi offre possibilità di ereditare somme da capogiro? O ancora ricevete avvisi di sicurezza per un problema con la carta di credito VISA anche se non ne possedete una? Molto probabilmente il vostro indirizzo mail è stato violato […]

Continua la lettura di 773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua su Giornale di Mantova.

]]>
La mail che avete è intasata da spam? Vi propongono creme miracolose oppure un fantomatico principe africano vi offre possibilità di ereditare somme da capogiro? O ancora ricevete avvisi di sicurezza per un problema con la carta di credito VISA anche se non ne possedete una? Molto probabilmente il vostro indirizzo mail è stato violato e i vostri dati non sono più al sicuro.

773 milioni di mail violate

Ultimo allarme a livello mondiale è accaduto pochi giorni fa: un archivio di 87GB contenente 773 milioni di indirizzi e-mail e 22 milioni di password è stato condiviso pubblicamente su Mega, un sito di file hosting. Un vero disastro per la privacy che potrebbe coinvolgere ciascun utente di internet.

Scoprire se l’indirizzo e-mail è stato violato

Per scoprire se il proprio indirizzo di posta elettronica è tra quelli violate è semplice bisogna visitare il sito https://haveibeenpwned.com/ e inserire l’indirizzo interessato. Se comparirà una schermata verde il vostro indirizzo email sarà al sicuro, mentre se lo sfondo sarà rosso significa che l’indirizzo e-mail è presente in qualche database. In questo caso la soluzione migliore è quella di cambiare la password con una più sicura, facendovi aiutare sa un password manager o selezionandone una sufficientemente complessa.

Continua la lettura di 773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua su Giornale di Mantova.

]]>
Caporalato in laboratorio tessile: scoperti 11 lavoratori in nero, 7 sono clandestini VIDEO e FOTO https://giornaledimantova.it/cronaca/caporalato-in-laboratorio-tessile-scoperti-11-lavoratori-in-nero-7-sono-clandestini-video-e-foto/ https://giornaledimantova.it/cronaca/caporalato-in-laboratorio-tessile-scoperti-11-lavoratori-in-nero-7-sono-clandestini-video-e-foto/#respond Fri, 18 Jan 2019 09:31:49 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15021   Caporalato in laboratorio tessile: scoperti 11 lavoratori in nero di cui 7 clandestini. Accertate evasioni fiscali per oltre 100mila euro. La Guardi di Finanza sequestra tre immobili e numerosi macchinari. Caporalato in laboratorio tessile La Guardia di Finanza di Castiglione delle Stiviere, unitamente a militari del Gruppo di Mantova, ha eseguito un intervento presso […]

Continua la lettura di Caporalato in laboratorio tessile: scoperti 11 lavoratori in nero, 7 sono clandestini VIDEO e FOTO su Giornale di Mantova.

]]>

 

Caporalato in laboratorio tessile: scoperti 11 lavoratori in nero di cui 7 clandestini. Accertate evasioni fiscali per oltre 100mila euro. La Guardi di Finanza sequestra tre immobili e numerosi macchinari.

Caporalato in laboratorio tessile

La Guardia di Finanza di Castiglione delle Stiviere, unitamente a militari del Gruppo di Mantova, ha eseguito un intervento presso un esteso compendio aziendale situato in Volta Mantovana (MN) per effettuare controlli fiscali e sul lavoro “nero” nei confronti di tre laboratori di cucitura e confezionamento gestiti da soggetti di etnia cinese. Nel corso dell’attività ispettiva, iniziata in tarda serata e conclusasi nella notte, sono stati identificati 30 soggetti tutti di nazionalità cinese, rilevati 11 lavoratori in nero di cui 7 risultati “clandestini”.

Nascosti in intercapedini

I tre titolari dei laboratori, al momento irreperibili, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Mantova per il reato di sfruttamento di manodopera clandestina con il conseguente sequestro degli immobili e dei macchinari utilizzati. I clandestini, datisi subito alla fuga alla vista dei finanzieri, sono stati trovati e fermati in intercapedini di compensato create appositamente come nascondigli per cercare di sfuggire ai controlli delle Forze dell’Ordine. Per gli stessi, segnalati alla locale Questura, è stata avviata e conclusa la procedura di espulsione dal territorio nazionale.

Cattive condizioni igieniche

L’edificio in cui hanno fatto accesso i finanzieri è risultato totalmente privo di vie di areazione, con finestre oscurate ma che, a dimostrazione dell’attività lavorativa in corso nonostante la tarda ora, comunque permettevano il filtrare della luce e di rumori dei macchinari. Al suo interno sono stati rinvenuti numerosi banchi di lavoro in serie, circondati da cumuli di materiale, fili elettrici volanti, cucine di fortuna e frigoriferi/congelatori colmi di prodotti alimentari. Nei locali aziendali sono state ricavate abusivamente numerose stanze da letto, con a disposizione servizi igienici dotati di una sola doccia, anch’essi in cattivo stato di manutenzione e pulizia, utilizzati anche da bambini presenti all’atto dell’intervento.

Attività sospesa

Verranno irrogate sanzioni amministrative per circa 120.000 euro e, a seguito della segnalazione delle violazioni all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Mantova, la sospensione dell’attività delle imprese ispezionate. Contestualmente, le Fiamme Gialle hanno anche avviato mirati controlli fiscali, in quanto le tre aziende non risultano aver versato alcun tipo di imposta, al momento quantificate in oltre 100 mila euro.

L’attività svolta dalla Guardia di Finanza per contrastare l’economia sommersa nella forma dello sfruttamento della manodopera irregolare o “in nero” – che consente alle aziende utilizzatrici di ottenere una illecita riduzione del costo del lavoro, ponendo così in essere una concorrenza sleale nei confronti delle altre società operanti nello stesso settore – è diretta ad arginare la diffusione dell’illegalità, a prevenire e reprimere eventuali fenomeni di caporalato e a tutelare le imprese che operano nella piena osservanza delle leggi.

LEGGI ANCHE: Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Caporalato in laboratorio tessile: scoperti 11 lavoratori in nero, 7 sono clandestini VIDEO e FOTO su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/caporalato-in-laboratorio-tessile-scoperti-11-lavoratori-in-nero-7-sono-clandestini-video-e-foto/feed/ 0
Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni https://giornaledimantova.it/attualita/lotta-allevasione-fiscale-il-disimpegno-dei-comuni/ Fri, 18 Jan 2019 07:04:48 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15018 Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni. A lanciare l’allarme è stata la Uil di Milano e Lombardia. Lotta all’evasione fiscale, calano i Comuni impegnati Il dato è preoccupante, a segnalarlo è la Uil con un comunicato stampa che fa il punto sulla compartecipazione dei Comuni al contrasto all’evasione fiscale e contributiva. Nel 2017 in […]

Continua la lettura di Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni su Giornale di Mantova.

]]>
Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni. A lanciare l’allarme è stata la Uil di Milano e Lombardia.

Lotta all’evasione fiscale, calano i Comuni impegnati

Il dato è preoccupante, a segnalarlo è la Uil con un comunicato stampa che fa il punto sulla compartecipazione dei Comuni al contrasto all’evasione fiscale e contributiva. Nel 2017 in Lombardia sono stati recuperati quasi 5 milioni di euro, per la precisione 4.949 milioni con una diminuzione di circa 256mila euro rispetto al 2016, quindi il 4,9% in meno. Il dato emerge da un’elaborazione dei dati del Ministero dell’Interno, a cura del Servizio politiche territoriali della Uil.

Risale a una norma del 2010, la possibilità per i Comuni italiani di compartecipare al contrasto all’evasione fiscale e ai quali viene riconosciuto il 100% di quanto recuperato dei tributi nazionali (Irpef, Iva, Ires, ecc…). Milano è la Città Metropolitana italiana che nel 2017 ha avuto il risultato migliore a livello nazionale con 1 milione e 309 mila euro circa recuperati; dato però in calo rispetto al 2016 di 439 mila euro. Sempre restando nei Comuni della Città Metropolitana di Milano, spicca il risultato ottenuto dal Comune di Baranzate che ha recuperato 271 mila euro.

Così nelle città  capoluogo di provincia

In Lombardia, sono stati 101 i Comuni (il 6.6%) ad aver attivato accertamenti per il contrasto all’evasione fiscale. Per quanto riguarda le città capoluogo di provincia, questa è la situazione del 2017: Bergamo 505.448 euro (+ 127 mila euro rispetto al 2016), Brescia 96.616 euro ( – 24.386), Como 1.992 euro ( – 413 euro), Cremona 108.073 euro ( + 56.308 euro), Lodi 100 euro ( – 250 euro), Mantova 8.947 euro ( – 9.142 euro), Milano 1.308.977 euro ( – 439.089 euro), Monza 0 ( – 44.774 euro), Pavia 6.670 euro (+ 2399 euro), Sondrio 0 ( – 725 euro), Varese 0 (0).

Questa invece la situazione nelle singole province nel 2017:

Bergamo 25 Comuni su 242 (il 10.6%), 4 in meno rispetto al 2016, hanno attivato le procedure per un totale di 1.286.322 euro recuperati (+ 78% rispetto al 2016)

Brescia 29 Comuni su 205 (14.1%), 1 in più rispetto al 2016, per un totale di 862.957 euro recuperati (- 27.3%)

Como 5 Comuni su 151 (3.3%), 3 in meno del 2016, recuperati 15.027 euro ( + 117.5%)

Cremona 5 Comuni su 115 (4.3%), 3 in meno del 2016, recuperati 160.568 euro (- 11.5%)

Lecco 1 Comune su 88 (1.1%), 3 in meno del 2016, recuperati 286 euro (- 85.6%)

Lodi 1 Comune su 61 (1.6%), uguale a 2016, recuperati 100 euro (- 71.4%)

Monza Brianza 3 Comuni su 55 (5.5%), 3 in meno del 2016, recuperati 36.117 euro ( – 66.2%)

Milano 18 Comuni su 134 (13.4%), 3 in meno del 2016, recuperati 2.462.011 euro ( – 10%)

Mantova 4 Comuni su 68 (5.9%), 4 in meno del 2016, recuperati 63.687 euro ( – 57.9%)

Pavia 6 Comuni su 188 (3.2%), 2 in più del 2016, recuperati 61.489 euro, (- 45.7%)

Sondrio 0 Comuni, 4 in meno del 2016, recuperato 0

Varese 4 Comuni su 139 (2.9%), 1 in più del 2016, recuperati 932 euro (+ 286.7%)

“La situazione in Lombardia è a macchia di leopardo, anche se si nota purtroppo, rispetto agli anni scorsi, una costante diminuzione del numero dei Comuni che compartecipano al contrasto all’evasione fiscale e di conseguenza diminuiscono le cifre recuperate – commenta Danilo Margaritella, segretario generale della Uil Milano Lombardia – la situazione è deludente, a parte qualche eccezione, perché i Comuni potrebbero fare molto nella lotta all’evasione fiscale e con i proventi diminuire ad esempio le tasse locali e ampliare i servizi ai cittadini, ma anche per una questione di equità e giustizia sociale. Certo non aiuta il condono che il Governo vuole varare e che vanificherebbe di fatto tutti gli sforzi di questi anni, anche dei Comuni, contro l’evasione e l’elusione fiscale”.

Continua la lettura di Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni su Giornale di Mantova.

]]>
Esce di strada con l’auto, una 24enne in ospedale SIRENE DI NOTTE https://giornaledimantova.it/cronaca/esce-di-strada-con-lauto-una-24enne-in-ospedale-sirene-di-notte/ Fri, 18 Jan 2019 05:34:36 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15015 Esce di strada con l’auto: una ragazza di 24 anni è stata soccorsa e trasportata in ospedale. E’ successo a Robecco d’Oglio intorno alle 20.30 di ieri sera. Esce di strada con l’auto Un ragazza di 24 anni si è resa protagonista di un incidente stradale a Robecco d’Oglio. Erano esattamente le 20.14 di ieri […]

Continua la lettura di Esce di strada con l’auto, una 24enne in ospedale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Esce di strada con l’auto: una ragazza di 24 anni è stata soccorsa e trasportata in ospedale. E’ successo a Robecco d’Oglio intorno alle 20.30 di ieri sera.

Esce di strada con l’auto

Un ragazza di 24 anni si è resa protagonista di un incidente stradale a Robecco d’Oglio. Erano esattamente le 20.14 di ieri sera e, per cause ancora da accertare, mentre percorreva con la sua auto la strada Provinciale 66 ha perso il controllo del mezzo che è uscito di strada. Immediata la chiamata ai soccorsi, sul posto in codice rosso, si sono portate un’ambulanza e un’automedica oltre a un mezzo dei vigili del Fuoco. La giovane dopo essere stata estratta dalle lamiere è stata trasportata in codice giallo presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cremona. Le sue condizioni sono giudicate mediamente critiche. Rilievi a cura dei carabinieri di Cremona.

Fuori strada a Salvirola

Incidente fotocopia due ore dopo a Salvirola lungo la Strada Provinciale 23. Questa volta ad uscire di strada è stato un giovane di 19 anni, soccorso dagli operatori del 118 e trasportato in ambulanza all’ospedale di Crema. Anche per lui condizioni di media criticità.

LEGGI ANCHE: Spaccio di droga, italiano sorpreso con un vero “tesoretto”

Interventi nel Mantovano

Notte tranquilla invece nel Mantovano, da segnalare un intervento per un malore a Gonzaga in località Palidano. Soccorso un uomo di 83 anni che ha accusato un malore un piazza Sordello. Gli operatori del 118 sono stati allertati in codice rosso. Fortunatamente una volta giunti sul posto si sono resi conto che la situazione era meno grave del previsto. L’anziano è stato infatti portato in ospedale a Suzzara in codice verde.

LEGGI ANCHE: Sassi dal cavalcavia, centrata un’auto sulle strade dell’Alto Mantovano

Continua la lettura di Esce di strada con l’auto, una 24enne in ospedale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Mantova.

]]>
Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo https://giornaledimantova.it/motori/nuova-mini-60-years-edition/ Thu, 17 Jan 2019 23:07:53 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15012 Arriva la nuova Mini 60 Years Edition. Un modello originale che si reinventa costantemente – radicato saldamente nella tradizione ma sempre aperto al cambiamento: questo è Mini, a 60 anni dal lancio della piccola auto britannica che ha reso popolare in tutto il mondo alcune sue proprietà, come il Go-Kart Feeling e l’uso creativo dello spazio. Per celebrare […]

Continua la lettura di Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo su Giornale di Mantova.

]]>
Arriva la nuova Mini 60 Years Edition. Un modello originale che si reinventa costantemente – radicato saldamente nella tradizione ma sempre aperto al cambiamento: questo è Mini, a 60 anni dal lancio della piccola auto britannica che ha reso popolare in tutto il mondo alcune sue proprietà, come il Go-Kart Feeling e l’uso creativo dello spazio. Per celebrare questo anniversario, Mini presenta un modello dal design caratteristico, che ne evidenzia sia le origini britanniche che il dinamismo.

Nuova Mini 60 Years Edition

Con dettagli di design ed equipaggiamento esclusivi e di alta qualità, la Mini 60 Years Edition diventa ambasciatrice dello spirito sportivo del brand. Una peculiarità che non viene mai a mancare, nemmeno nel traffico cittadino. L’edizione speciale sarà disponibile a partire da marzo 2019 per i modelli Mini 3 Porte e Mini 5 Porte, ciascuno con quattro motorizzazioni. La sportività è parte integrante del DNA Mini. Ancora prima del lancio della Mini classica nell’estate del 1959, apparve chiaro che le caratteristiche di design della nuova auto non solo ne avrebbero caratterizzato gli interni, ma definito anche una modalità di guida dinamica e agile.

Il background sportivo del marchio

La Mini 60 Years Edition rievoca il background sportivo del marchio, grazie anche alla livrea del classico colore delle vetture da corsa britanniche. La livrea della British Racing Green IV ne testimonia invece il carattere e le origini. Sono disponibili come alternative anche le finiture Midnight Black, Moonwalk Grey, e Melting Silver metallizzate e Mini Yours Lapisluxury Blue non metallizzato. Il colore scelto è poi abbinato a una finitura in Pepper White o Black per il tetto e le calotte degli specchietti esterni. Completano il look distintivo le Bonnet Stripes dedicate all’anniversario e i cerchi in lega leggera da 17 pollici esclusivi nella versione 60 Years Spoke a 2 toni.

Il logo “60 Years”

Il logo “60 Years” è posizionato non solo sulla fascia del cofano a sinistra, ma anche sui portellini laterali degli indicatori di direzione e sui battitacco del guidatore e del passeggero anteriore. All’interno, il logo è presente anche nelle finiture specifiche del modello, sui poggiatesta anteriori e sul volante. Il design creato per celebrare l’anniversario è utilizzato anche nella proiezione del logo a LED, visibile quando viene aperta la portiera del guidatore. L’equipaggiamento di serie include un volante sportivo in pelle e sedili con finitura in pelle Mini Yours Leather Lounge 60 Years, nell’esclusivo Dark Maroon.

Continua la lettura di Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo su Giornale di Mantova.

]]>
Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit https://giornaledimantova.it/motori/concept-nissan-ims-salone-detroit/ Thu, 17 Jan 2019 22:58:11 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15009 Al Salone dell’Automobile di Detroit 2019, il concept Nissan IMs si è presentato. Si tratta di una “berlina sportiva di lusso”, con piattaforma e sistema propulsivo sviluppati nell’ambito della Nissan Intelligent Mobility. Le proporzioni rivoluzionarie della concept car IMs, più simili a quelle di una berlina che di un crossover, definiscono un segmento a parte. […]

Continua la lettura di Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit su Giornale di Mantova.

]]>
Al Salone dell’Automobile di Detroit 2019, il concept Nissan IMs si è presentato. Si tratta di una “berlina sportiva di lusso”, con piattaforma e sistema propulsivo sviluppati nell’ambito della Nissan Intelligent Mobility. Le proporzioni rivoluzionarie della concept car IMs, più simili a quelle di una berlina che di un crossover, definiscono un segmento a parte. L’identità 100% elettrica è il tratto distintivo dell’auto e la batteria, collocata sotto la scocca, determina una maggiore altezza dell’abitacolo. Interni spaziosi grazie ad un passo maggiorato e una configurazione “2+1+2” dei posti a sedere. Sedili anteriori orientabili e una fila posteriore modulare, con divanetto a tre posti che si può trasformare in un comodo “Premier Seat” centrale, abbattendo i due sedili laterali che si trasformano in ampi braccioli.

Un design nel segno della Nissan Intelligent Mobility

Il design esterno e interno di IMs è frutto delle innovative tecnologie di guida elettrica e autonoma sviluppate dalla Nissan Intelligent Mobility, la roadmap strategica che definisce il modo in cui i veicoli vengono guidati, alimentati e integrati nella società. IMs è un esercizio di dualismo e contrasto. In modalità di guida autonoma consente al guidatore di procedere senza dover toccare alcun comando, mentre in modalità manuale offre tutte le emozioni e le prestazioni sportive che solo un veicolo elettrico di categoria superiore può offrire. IMs dispone inoltre delle tecnologie più avanzate in termini di sicurezza e sistemi virtuali di connettività. Il tutto inserito in un contesto che rende omaggio al design giapponese, sospeso tra modernità e tradizione.

Concept Nissan IMs, il futuro è qui

Icona della Nissan Intelligent Mobility, IMs ne rappresenta a pieno i tre pilatri (Intelligent Driving, Intelligent Power, Intelligent Integration). E prosegue il percorso verso la creazione di una società mobile sostenibile fondata su veicoli elettrici, guida autonoma e connettività. La vettura è mossa da due motori elettrici, uno anteriore e uno posteriore, alimentati da una batteria da 115 kWh a ricarica rapida che eroga 489 CV (360 kW) di potenza e 800 Nm (590 lb-ft) di coppia, capace di competere con le berline sportive attualmente in commercio. Con un’autonomia stimata di 622 km con una sola carica, IMs garantisce percorrenze al pari di vetture mosse da motori a benzina. Il propulsore adotta un sistema a trazione integrale ad alte prestazioni. Questo offre una distribuzione ottimale dei pesi fra anteriore e posteriore, per una spinta eccezionale e un’ottima tenuta di strada.

Continua la lettura di Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit su Giornale di Mantova.

]]>
Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? https://giornaledimantova.it/casa/mulching-o-taglio-tradizionale/ Thu, 17 Jan 2019 22:44:35 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15006 Mulching o taglio tradizionale? Sono sempre più numerosi gli appassionati che chiedono informazioni sul mulching. La risposta degli esperti più disinteressati non può che limitarsi a illustrare le caratteristiche tecniche di questo taglio e a far meditare il cliente sull’opportunità di attuarlo. E’ vero, infatti, che il mulching, polverizzando letteralmente l’erba tra le lame del […]

Continua la lettura di Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? su Giornale di Mantova.

]]>
Mulching o taglio tradizionale? Sono sempre più numerosi gli appassionati che chiedono informazioni sul mulching. La risposta degli esperti più disinteressati non può che limitarsi a illustrare le caratteristiche tecniche di questo taglio e a far meditare il cliente sull’opportunità di attuarlo. E’ vero, infatti, che il mulching, polverizzando letteralmente l’erba tra le lame del rasaerba, non richiede la raccolta eliminando l’incombenza del conferimento in discarica, ma è anche vero che, per ottenere risultati ottimali, occorre effettuare tagli con maggior frequenza rispetto a quelli tradizionali.

Mulching o taglio tradizionale?

Quindi, in primo luogo occorre chiedersi: «Ma io quante volte sono disposto a tagliare il prato nel tempo libero?». Si sappia che, scegliendo un rasaerba a mulching, si dovrà provvedere all’operazione nei periodi di forte crescita come la primavera almeno un paio di volte a settimana. Viceversa, una macchina a raccolta tradizionale richiede meno impegno. Sempre per orientare la clientela alle scelte migliori, è bene sottolineare che, secondo alcuni studi, è meno costoso del taglio tradizionale.

E il rasaerba tradizionale?

Detto questo, esistono ancora dei buoni motivi per acquistare oggi un rasaerba tradizionale? La risposta è affermativa. In primo luogo si sappia che il taglio a raccolta permette di mantenere il prato più pulito eliminando, per esempio, anche l’accumulo di pollini di graminacee spesso causa di allergie. Inoltre, gli scarti verdi potranno essere riutilizzati per la produzione di biogas e compost. E per la formazione del feltro? Le conclusioni in merito alla formazione di feltro sul suolo dicono che mulching non ha colpe. Il feltro, infatti, si forma solo in seguito a una cattiva organizzazione dei tagli e non per causa dell’erba polverizzata.

Continua la lettura di Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? su Giornale di Mantova.

]]>
Impianto anti-intrusione con e senza fili https://giornaledimantova.it/casa/impianto-anti-intrusione-con-e-senza-fili/ Thu, 17 Jan 2019 22:37:56 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15003 Come scegliere l’ impianto anti-intrusione più adatto alla propria abitazione? Occorre tenere presente alcune indicazioni. Relativamente agli impianti con cavo, sappiate che, affinché tutti gli elementi siano operativi, devono essere collegati a una rete di cavi incassati nel muro. Poiché i componenti sono collegati tra loro, qualora il ladro tagliasse repentinamente i fili il sistema […]

Continua la lettura di Impianto anti-intrusione con e senza fili su Giornale di Mantova.

]]>
Come scegliere l’ impianto anti-intrusione più adatto alla propria abitazione? Occorre tenere presente alcune indicazioni. Relativamente agli impianti con cavo, sappiate che, affinché tutti gli elementi siano operativi, devono essere collegati a una rete di cavi incassati nel muro. Poiché i componenti sono collegati tra loro, qualora il ladro tagliasse repentinamente i fili il sistema entrerebbe subito in azione facendo squillare la sirena. Lo svantaggio più pesante degli impianti con cavo è quello dei costi. Servono opere murarie, infatti, per collegare alla sirena i diversi sensori.

Impianto anti-intrusione: radio

L’impianto radio è senz’altro meno costoso di quello a cavo. I diversi elementi che lo compongono comunicano tra loro attraverso un segnale che sfrutta le onde elettromagnetiche. L’alimentazione dei dispositivi è assicurata da batterie a lunga durata: l’allarme resterà dunque attivo anche qualora mancasse la corrente. Le interferenze radio, purtroppo, talvolta possono impedire al sistema di funzionare. A ogni modo, oggi q è una tecnologia ormai evoluta: i malfunzionamenti, pertanto, sono sempre più rari.

Impianto anti-intrusione: misto e integrato

Ecco poi l’impianto misto che prevede una parte di sistema con cablaggio e un’altra con collegamento radio. Centrale d’allarme e sirene sono collegati all’alimentazione, mentre i sensori sono collegati via radio. Si tratta di un sistema molto utilizzato laddove si amplia un sistema di impianto anti-intrusione già esistente. Infine un cenno all’impianto integrato: è il metodo più completo per difendere la casa. Abbina protezione attiva e passiva proteggendo anche dai ladri più evoluti. Nell’impianto integrato la serratura della porta blindata è collegata alla centralina. In caso di scasso scatta la sirena.

Continua la lettura di Impianto anti-intrusione con e senza fili su Giornale di Mantova.

]]>
Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! https://giornaledimantova.it/cucina/cocktail-da-leggenda-messico/ Thu, 17 Jan 2019 22:22:17 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=15000 Dove c’è festa, c’è sempre un ottimo cocktail… da leggenda. Protagonista assoluto è il cocktail tanto che oggi non c’è evento di richiamo senza… un efficiente cocktail bar. Ecco perché, mossi dalla curiosità, siamo andati alla scoperta delle origini di questa gustosa bevanda e soprattutto del suo curioso nome. Alla base di tutto pare ci […]

Continua la lettura di Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! su Giornale di Mantova.

]]>
Dove c’è festa, c’è sempre un ottimo cocktail… da leggenda. Protagonista assoluto è il cocktail tanto che oggi non c’è evento di richiamo senza… un efficiente cocktail bar. Ecco perché, mossi dalla curiosità, siamo andati alla scoperta delle origini di questa gustosa bevanda e soprattutto del suo curioso nome. Alla base di tutto pare ci sia una leggenda. Si racconta che nella zona di Campeche, località sul golfo del Messico, un giovane di origini Maya avesse problemi a conquistare una ragazza, figlia di un potente dignitario.

Quando il cocktail è da leggenda

Disperato cercò di risolvere il suo problema affidandosi all’esperienza di un valente sacerdote. Questi preparò un filtro propiziatore dell’amicizia da offrire agli irriducibili genitori della ragazza. Questi, entusiasti, dopo aver bevuto il filtro concessero al ragazzo la mano della loro figlia. La ragazza si chiamava Cochtil: ecco spiegata, secondo la leggenda l’etimologia della parola cocktail. Come ogni leggenda, anche questa avrebbe un fondo di verità: secondo le narrazioni di marinai inglesi, infatti, nella regione di Campeche, gli antichi Maya si attiravano il favore degli dei offrendo loro delle misture nate dalla miscelazione di bevande alcoliche e mescolate con l’ausilio di un lungo cucchiaio, denominato “coda di gallo” nome che, tradotto in inglese, suona proprio così: «Cocktail».

Continua la lettura di Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! su Giornale di Mantova.

]]>
Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? https://giornaledimantova.it/cucina/nutrizionista-dietologo-dietista/ Thu, 17 Jan 2019 22:11:08 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14997 Nutrizionista, dietologo o dietista, chi scegliere? Diete fai-da-te o esperti da pagare profumatamente? Il dilemma si pone, ma è sempre meglio tener presente che affidarsi ad esperti è di solito la scelta migliore. Per chi vuol perdere peso o raggiungere il proprio peso-forma ci sono alcune dritte da seguire, prima fra tutte l’importanza delle figure […]

Continua la lettura di Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? su Giornale di Mantova.

]]>
Nutrizionista, dietologo o dietista, chi scegliere? Diete fai-da-te o esperti da pagare profumatamente? Il dilemma si pone, ma è sempre meglio tener presente che affidarsi ad esperti è di solito la scelta migliore. Per chi vuol perdere peso o raggiungere il proprio peso-forma ci sono alcune dritte da seguire, prima fra tutte l’importanza delle figure professionali di ciascun settore.

Nutrizionista, dietologo o dietista?

Il nutrizionista è un biologo regolarmente iscritto all’albo, specializzato in nutrizione umana che può stilare diete per soggetti senza patologie, ma non può effettuare diagnosi o prescrivere farmaci. Il suo compito principale è quello di educare a un’alimentazione sana e programmare menù per asili, scuole, ristoranti, mense. Esperto di educazione e informazione alimentare, è in grado di analizzare i bisogni degli individui per calcolare una dieta corretta in base alle attività svolte. Per diventarlo occorre la laurea in Scienze biologiche o in Farmacia; in più è consigliata una specializzazione in Scienza dell’alimentazione.

Il nutrizionista in Italia

In Italia un titolo ancora oggetto di discussione. Attualmente esso è associato al laureato che può svolgere la professione. In Italia si distinguono tre principali categorie professionali che si occupano di alimentazione: dietologo, dietista o nutrizionista a seconda dell’albo professionale cui sono iscritti e al luogo di lavoro in cui svolgono le loro mansioni.

Continua la lettura di Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? su Giornale di Mantova.

]]>
Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione https://giornaledimantova.it/salute/massaggio-olistico-olii-profumi/ Thu, 17 Jan 2019 22:01:56 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14994 Tutti i segreti del massaggio olistico spiegati anche ai neofiti. Come si può pensare di interagire con gli organi interni e con il benessere fisico di una persona toccando la sola epidermide? Chiunque con un minimo di sensibilità ne ha consapevolezza: la nostra pelle è ben connessa con tutto il resto di quanto le sta […]

Continua la lettura di Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione su Giornale di Mantova.

]]>
Tutti i segreti del massaggio olistico spiegati anche ai neofiti. Come si può pensare di interagire con gli organi interni e con il benessere fisico di una persona toccando la sola epidermide? Chiunque con un minimo di sensibilità ne ha consapevolezza: la nostra pelle è ben connessa con tutto il resto di quanto le sta sotto e gli sfoghi cutanei più gravi ne sono testimonianza.
Spesso, infatti, basta sfiorare la pelle in superficie per «sentire» fastidio in profondità o prurito altrove. Non è suggestione, ma quello che gli esperti di tecniche olistiche sfruttano a scopo terapeutico. Insomma, toccando una persona è possibile stabilire un contatto con la sua mente e comunicare per intero con il suo corpo.

Che cos’è il massaggio olistico

Cosa si intende però per olismo? L’olismo in medicina rappresenta uno stato di salute «globale», l’unione di mente, corpo, ambiente e società. La ricerca della salute è orientata alla persona e non alla malattia, alla causa e non al sintomo, al riequilibrio invece che alla cura, stimolando il naturale processo di auto-guarigione. Per massaggio olistico si intende un massaggio delicato finalizzato a portare sollievo e stimolare il naturale processo riequilibrante dei «meridiani energetici», i noti canali della medicina orientale. Su cosa si lavora dunque? Soprattutto sullo stress emotivo e sulla tensione muscolare, con particolare attenzione al rapporto tra mente e corpo. Vediamo alcuni dei concetti già universalmente riconosciuti: nelle spalle e nel torace si accumula la rabbia, mentre nei reni e nelle parti basse si cela la paura.

Come si effettua?

Ma come si effettua il massaggio olistico? L’approccio del massaggiatore è personalizzato. Di norma, si parte con un trattamento generalizzato su tutto il corpo. Successivamente si sciolgono le tensioni, utilizzando delle specifiche manovre servendosi anche di alcuni olii. A volte viene usata l’argilla. Da tempi immemorabili, poi, le piante utili per la salute dell’uomo usano il codice invisibile del profumo. Molti sostengono che il profumo e gli effluvi floreali abbiano potere curativo: l’aromaterapia nasce in Francia nel 1998, a Gravèson en Provence, un piccolo paese situato presso Avignone. Chiunque sia stato in quelle zone sa che la specialità sono le fragranze meravigliose, gli aromi naturali emessi dai diffusori presenti anche in musei olfattivi e della profumazione. La tradizione della profumeria e la cura con gli oli essenziali provenienti da piante aromatiche caratterizza profondamente la Provenza in particolare e un po’ tutto il sud della Francia da secoli.

E poi c’è l’aromacologia

C’è poi la branca forse più curiosa e intrigante, ovvero l’aromacologia: è un termine ispirato alla riscoperta delle conoscenze aromatiche delle più antiche civiltà. Alcuni importanti ricercatori scientifici di Francia, Italia e Giappone hanno proposto di studiare gli effetti a livello psichico dell’uso olfattivo degli oli essenziali. Non si tratta di un tentativo campato per aria: ci sono studi neurofisiologici delle diverse essenze, capaci di sollecitare aree cerebrali e produrre sostanze ormonali. D’altronde è assodato che certi profumi (quello del thé ad esempio) rilassano mentre altri (la benzina) possono eccitare ed atri ancora (il bruciato) allarmano. Al di là di tutto nel massaggio aroma-terapico si utilizza una combinazione di olii vegetali e di olii essenziali puri e naturali. L’utilizzo di oli vegetali di base agevola la manualità nel massaggio facilitando la penetrazione degli oli essenziali e quindi la loro efficacia. Di sicuro, un’esperienza da provare!

Continua la lettura di Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione su Giornale di Mantova.

]]>
Fibre e cereali, i benefici per la salute https://giornaledimantova.it/salute/fibre-e-cereali-i-benefici-per-la-salute/ Thu, 17 Jan 2019 21:55:23 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14991 Fibre e cereali sono importanti. Riso, avena e orzo integrali: possiamo mangiarne a iosa perché aiutano a perdere peso. Stando a quanto dimostrato scientificamente da una ricerca pubblicata dall’American journal of clinical nutrition, questi alimenti aiutano nella cosiddetta «regolazione del peso». Il test è stato effettuato su un paniere di ottanta persone, sia uomini che […]

Continua la lettura di Fibre e cereali, i benefici per la salute su Giornale di Mantova.

]]>
Fibre e cereali sono importanti. Riso, avena e orzo integrali: possiamo mangiarne a iosa perché aiutano a perdere peso. Stando a quanto dimostrato scientificamente da una ricerca pubblicata dall’American journal of clinical nutrition, questi alimenti aiutano nella cosiddetta «regolazione del peso». Il test è stato effettuato su un paniere di ottanta persone, sia uomini che donne. Nell’età considerata più critica per i cambiamenti morfologici del proprio corpo ovvero la fascia 40-65 anni.

Fibre e cereali

Ebbene, tenuti sotto controllo alimentare (somministrazione di stessi pasti in identiche quantità) i «pazienti» nutriti con cereali integrali consumavano 100 calorie al giorno in più rispetto agli altri. La ragione medica è tecnicamente «l’aumento del metabolismo a riposo». In sostanza, mangiando riso, orzo e avena con continuità il corpo dei 40-65enni brucia più energia anche quando non è in movimento o non fa attività fisica.

Un vero… «toccasana»

Un vero… «toccasana» per i pigri che si guardano la pancia pensando a come smaltire? Dipende, perché i medici raccomandano comunque di associare questa dieta a base di cereali integrali con movimento e tonicità. Uniti a un alto consumo di acqua naturale (sempre consigliati i canonici due litri al giorno). Fra l’altro, stando alle dichiarazioni dei pazienti studiati durante la sperimentazione, pare che la fame e il senso di pienezza non subiscano differenze sensibili tra questo tipo di dieta e uno tradizionale. Le calorie in eccesso perse erano più o meno equivalenti a quelle di una camminata di trenta minuti a passo medio. Niente male!

Continua la lettura di Fibre e cereali, i benefici per la salute su Giornale di Mantova.

]]>
Piazza Alberti restyling, Palazzi sulle polemiche: “Non arretro di un millimetro sulla filosofia del progetto” https://giornaledimantova.it/attualita/piazza-alberti-restyling-palazzi-sulle-polemiche-non-arretro-di-un-millimetro-sulla-filosofia-del-progetto/ https://giornaledimantova.it/attualita/piazza-alberti-restyling-palazzi-sulle-polemiche-non-arretro-di-un-millimetro-sulla-filosofia-del-progetto/#respond Thu, 17 Jan 2019 16:12:30 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14988 Piazza Alberti: il sindaco Palazzi risponde alle polemiche sul nuovo look di Piazza Leon Battista Alberti. Piazza Alberti Le polemiche sul progetto inerenti in lavori in previsione per Piazza Leon Battista Alberti, si sono fatte sentire. A partire dalla voce contraria del prorettore del Politecnico mantovano Federico Bucci che ha parlato di correttezza del progetto, qualificandolo come […]

Continua la lettura di Piazza Alberti restyling, Palazzi sulle polemiche: “Non arretro di un millimetro sulla filosofia del progetto” su Giornale di Mantova.

]]>
Piazza Alberti: il sindaco Palazzi risponde alle polemiche sul nuovo look di Piazza Leon Battista Alberti.

Piazza Alberti

Le polemiche sul progetto inerenti in lavori in previsione per Piazza Leon Battista Alberti, si sono fatte sentire. A partire dalla voce contraria del prorettore del Politecnico mantovano Federico Bucci che ha parlato di correttezza del progetto, qualificandolo come tecnicamente ineccepibile, ma privo di cultura nel rapporto con la storia.

LEGGI ANCHE: Ecco come sarà Piazza Alberti

La risposta di Palazzi

“Ogni cambiamento genera resistenza, è normale e comprensibile. Soprattutto in una città per tanti anni immobile, che negli ultimi tre anni ha visto quasi 300 cantieri, grandi e piccoli. Ma siamo stati eletti per rimettere in moto #mantovaed è quello che stiamo facendo. Due giorni fa abbiamo presentato lo studio di fattibilità per riqualificare Piazza Leon Battista Alberti, dopo aver dichiarato pubblicamente, oltre un anno fa, questa intenzione. Dallo studio di fattibilità alprogetto esecutivo alcuni particolari possono cambiare, nel confronto con la sovrintendenza, la diocesi, gli operatori della piazza. Come sempre abbiamo fatto, per tutti gli interventi. Ma sulla filosofia di fondo non arretro di un millimetro: le Piazze, in pieno centro storico, sono per le persone, il mercato, le attività culturali e commerciali. Non per le auto. Abbiamo il dovere di ridare senso, qualità e identità allo spazio urbano. La città tutta ci guadagnerà e, come già successo in passato, nessuno vorrà tornare indietro.”

Ha commentato sui propri social il primo cittadino di Mantova.

LEGGI ANCHE: Sassi dal cavalcavia: centrata una Mercedes nel Mantovano

 

Continua la lettura di Piazza Alberti restyling, Palazzi sulle polemiche: “Non arretro di un millimetro sulla filosofia del progetto” su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/piazza-alberti-restyling-palazzi-sulle-polemiche-non-arretro-di-un-millimetro-sulla-filosofia-del-progetto/feed/ 0
Ponte di Sermide: stop ai divieti vigenti https://giornaledimantova.it/attualita/ponte-di-sermide-stop-ai-divieti-vigenti/ https://giornaledimantova.it/attualita/ponte-di-sermide-stop-ai-divieti-vigenti/#respond Thu, 17 Jan 2019 15:26:08 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14986 Revoca del limite massimo di velocità ai 50 chilometri all’ora e stop al divieto di transito sul ponte sul Po tra Sermide e Castelnovo Bariano a tutti i veicoli aventi una massa superiore a 44 tonnellate. Ponte di Sermide Lo dispongono due ordinanze emesse dalle Province di Mantova e Rovigo dopo gli esiti delle verifiche tecnico-strutturali […]

Continua la lettura di Ponte di Sermide: stop ai divieti vigenti su Giornale di Mantova.

]]>
Revoca del limite massimo di velocità ai 50 chilometri all’ora e stop al divieto di transito sul ponte sul Po tra Sermide e Castelnovo Bariano a tutti i veicoli aventi una massa superiore a 44 tonnellate.

Ponte di Sermide

Lo dispongono due ordinanze emesse dalle Province di Mantova e Rovigo dopo gli esiti delle verifiche tecnico-strutturali del manufatto stesso. A scopo prudenziale e cautelativo, il 18 ottobre dello scorso anno i due enti avevano introdotto il limite dei 50 all’ora e vietata la circolazione ai mezzi pesanti sul ponte che mette in collegamento le due sponde del fiume in attesa delle verifiche tecniche.

Si torna alle modalità consuete

Effettuate le prove di carico da parte della Provincia di Mantova da cui è risultato che il manufatto è staticamente certificato per i carichi da normativa NTC 2018 e che pertanto non sussistono più le condizioni per mantenere in essere quanto istituito con la precedente ordinanza, dalle ore 12 di mercoledì 16 gennaio si è ritornati alle consuete modalità di circolazione.

LEGGI ANCHE: Mercedes centrata da un sasso lanciato

Continua la lettura di Ponte di Sermide: stop ai divieti vigenti su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/attualita/ponte-di-sermide-stop-ai-divieti-vigenti/feed/ 0
Decreto sicurezza e immigrazione: convegno a Mantova https://giornaledimantova.it/politica/decreto-sicurezza-e-immigrazione-convegno-a-mantova/ https://giornaledimantova.it/politica/decreto-sicurezza-e-immigrazione-convegno-a-mantova/#respond Thu, 17 Jan 2019 14:21:08 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14982 Fari puntati sul decreto sicurezza e immigrati venerdì 18 gennaio alle 16 nella Sala degli Stemmi di Palazzo Soardi a Mantova (via Frattini 60). Decreto sicurezza Il convegno servirà per capire l’effetto sull’accoglienza dopo l’entrata in vigore, il 27 novembre scorso, del decreto. Arci Mantova, nell’ambito del progetto Sprar “Enea” di Mantova, e col patrocinio […]

Continua la lettura di Decreto sicurezza e immigrazione: convegno a Mantova su Giornale di Mantova.

]]>
Fari puntati sul decreto sicurezza e immigrati venerdì 18 gennaio alle 16 nella Sala degli Stemmi di Palazzo Soardi a Mantova (via Frattini 60).

Decreto sicurezza

Il convegno servirà per capire l’effetto sull’accoglienza dopo l’entrata in vigore, il 27 novembre scorso, del decreto. Arci Mantova, nell’ambito del progetto Sprar “Enea” di Mantova, e col patrocinio del Comune di Mantova, organizza l’evento che è gratuito e indirizzato ad operatori, amministratori e cittadini che vogliano approfondire la normativa.

Domande e risposte

Ad aprire i lavori sarà l’assessore al Welfare del Comune di Mantova e presidente del Consorzio Progetto Solidarietà Andrea Caprini. Il Consorzio è l’ente capofila del progetto Sprar di Mantova, a cui aderiscono, oltre al Comune capoluogo, anche i Comune di Curtatone, San Giorgio, Medole, Guidizzolo, Asola, Castel Goffredo e Castiglione delle Stiviere per un totale di 57 posti. Quali sono i cambiamenti introdotti dal decreto sull’accoglienza dei migranti, quali le novità riguardanti le tutele del diritto d’asilo? Come saranno i rapporti tra comunità e servizi d’accoglienza? Risponderanno a queste e ad altre domande Filippo Miraglia, coordinatore dell’area politiche per l’immigrazione di Arci nazionale, Daniela Di Capua, direttrice del Servizio Centrale di coordinamento del Sistema Sprar e Virginio Brivio, sindaco di Lecco e Presidente di Anci Lombardia. Brivio è uno dei sindaci che ha deciso di “sospendere” o non applicare in toto il decreto Salvini.

Richiesta di modifica

Il Comune di Mantova, lo scorso novembre, ha approvato in consiglio comunale una mozione per chiedere al Governo di modificare il decreto, che rischia di avere pesanti ricadute sul welfare degli enti locali.

LEGGI ANCHE: Sassi dal cavalcavia nel Mantovano

Continua la lettura di Decreto sicurezza e immigrazione: convegno a Mantova su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/politica/decreto-sicurezza-e-immigrazione-convegno-a-mantova/feed/ 0
Sassi dal cavalcavia: centrata un’auto sulle strade dell’Alto Mantovano https://giornaledimantova.it/cronaca/sassi-dal-cavalcavia-centrata-unauto-sulle-strade-dellalto-mantovano/ https://giornaledimantova.it/cronaca/sassi-dal-cavalcavia-centrata-unauto-sulle-strade-dellalto-mantovano/#respond Thu, 17 Jan 2019 10:52:46 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14980 Nella giornata di ieri, 16 gennaio 2019, colpita una Mercedes tra Medole e Castel Goffredo. Sassi dal cavalcavia Uno dei peggiori esempi di sadica inciviltà: la terribile “usanza” di gettare sassi dai cavalcavia, tristemente in voga negli anni Novanta, sembra essere ritornata di moda. Nel tardo pomeriggio di ieri, 16 gennaio 2019, la Mercedes di […]

Continua la lettura di Sassi dal cavalcavia: centrata un’auto sulle strade dell’Alto Mantovano su Giornale di Mantova.

]]>
Nella giornata di ieri, 16 gennaio 2019, colpita una Mercedes tra Medole e Castel Goffredo.

Sassi dal cavalcavia

Uno dei peggiori esempi di sadica inciviltà: la terribile “usanza” di gettare sassi dai cavalcavia, tristemente in voga negli anni Novanta, sembra essere ritornata di moda. Nel tardo pomeriggio di ieri, 16 gennaio 2019, la Mercedes di una donna è stata colpita tra Medole e Castel Goffredo.

Evitato il dramma

Il sasso ha colpito il fanale della vettura, la donna è riuscita a tenere il controllo della vettura nonostante lo spavento e il botto improvviso. Fortunatamente non andava a velocità sostenuta. Ha successivamente accostato e chiamato i familiari: la pietra è stata rinvenuta nel cofano.

Indagini

I carabinieri di Guidizzolo indagheranno sulla vicenda.

Episodio analogo

Nella serata di sabato 24 novembre 2018, un sasso dal cavalcavia ha colpito un’auto che stava viaggiando sull’autostrada A21 Torino-Piacenza. E’ successo nel tratto compreso tra i caselli di Casteggio e Broni-Stradella. Fortunatamente ne sono usciti illesi i due occupanti della vettura, una coppia di Bressana Bottarone, anche se lo spavento per loro è stato davvero grande. I due, a bordo della vettura, stavano percorrendo l’autostrada quando all’altezza di un cavalcavia nella zona di Redavalle hanno sentito un rumore fortissimo provenire dal tetto della vettura.

LEGGI ANCHE: Lavori a Guidizzolo

Continua la lettura di Sassi dal cavalcavia: centrata un’auto sulle strade dell’Alto Mantovano su Giornale di Mantova.

]]>
https://giornaledimantova.it/cronaca/sassi-dal-cavalcavia-centrata-unauto-sulle-strade-dellalto-mantovano/feed/ 0
Chiara Ferragni: 5700 euro per un caffé con lei, ma prima di giudicare… https://giornaledimantova.it/attualita/chiara-ferragni-5700-euro-per-un-caffe-con-lei-ma-prima-di-giudicare/ Thu, 17 Jan 2019 10:04:28 +0000 https://giornaledimantova.it/?p=14977 Chiara Ferragni: un caffé con lei costa oltre 5mila euro, ma prima di far partire la macchina del fango va chiarito che fine faranno i soldi. Chiara Ferragni: quanto guadagna l’influencer cremonese Chiara Ferragni e il caffè Nuove polemiche sull’influencer e imprenditrice digitale più famosa del mondo e di origine cremonese? Si spera che stavolta, […]

Continua la lettura di Chiara Ferragni: 5700 euro per un caffé con lei, ma prima di giudicare… su Giornale di Mantova.

]]>
Chiara Ferragni: un caffé con lei costa oltre 5mila euro, ma prima di far partire la macchina del fango va chiarito che fine faranno i soldi.

Chiara Ferragni: quanto guadagna l’influencer cremonese

Chiara Ferragni e il caffè

Nuove polemiche sull’influencer e imprenditrice digitale più famosa del mondo e di origine cremonese? Si spera che stavolta, i numerosi “criticoni”, abbiano subito chiaro lo scopo dell’evento. Un fan della bionda lombarda ha speso ben 5.700 euro per prendere un caffè con lei.

Chiara Ferragni allibita: Fedez digerisce rumorosamente durante la sua diretta

Charity Stars

Si tratta di un’iniziativa creata dal sito Charity Stars e il ricavato, come deciso dalla Ferragni stessa, sarà devoluto a White Mathilda, un’associazione che gestisce diversi sportelli antiviolenza e che collabora con le istituzioni e gli enti locali nel tentativo di vincere la battaglia contro le violenze di genere e aiutare le donne vittime di maltrattamenti, discriminazioni e bullismo.

LEGGI ANCHE: Il docufilm della Ferragni, toccasana per la Bassa e la Lombardia

Il vincitore

Pare che per questo caffè siano arrivate oltre 100 offerte, il vincitore incontrerà Chiara durante la fashion week e avrà modo di fare una chiacchierata con lei.

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni, l’inquietante profezia di Aranzulla

Continua la lettura di Chiara Ferragni: 5700 euro per un caffé con lei, ma prima di giudicare… su Giornale di Mantova.

]]>