Amianto Viadana: il Movimento 5 Stelle chiede lumi all’amministrazione comunale per mezzo di un’interrogazione riguardo la presenza del materiale negli edifici pubblici.

Amianto Viadana: arriva la segnalazione dei cittadini

Al Movimento 5 Stelle di Viadana sono arrivate, nel corso degli ultimi tempi, diverse segnalazioni riguardo la possibile presenza di amianto in alcuni edifici pubblici. Segnalazioni che i consiglieri pentastellati, che in Comune a Viadana siedono nei banchi della minoranza, non hanno preso sottogamba. Tanto che ora il M5S viadanese ha presentato al sindaco Giovanni Cavatorta e all’amministrazione comunale un’interrogazione a risposta scritta per avere conferma della presenza dell’amianto in edifici pubblici del territorio.

Le parole del consigliere di minoranza

Autore dell’interrogazione è il consigliere di minoranza Monica Susy Foti, che spiega: “Chiediamo se l’amministrazione comunale, nell’ottica della tutela della salute dei cittadini, abbia effettuato un censimento puntuale degli edifici pubblici e quali iniziative abbia posto in atto per ottemperare a quanto stabilito dalla legge in merito allo smaltimento dell’eventuale amianto presente”. Un tema sul quale, insomma, il M5S ha intenzione di fare luce da subito chiedendo spiegazioni all’amministrazione comunale. Non è la prima volta che, a Viadana, il Movimento 5 Stelle si occupa di ambiente e salute.

Leggi anche:  Mantova centro: "No ai lavori in piazza Alberti, altre opere più urgenti"

La norma vigente

Lo Stato italiano, in attuazione di specifiche direttive CE, con la Legge n. 257 del 27 marzo 1992 ha dettato norme per la cessazione dell’impiego dell’amianto e per il suo smaltimento controllato; inoltre la normativa vigente prevede, tra l’altro, il censimento degli edifici nei quali sono presenti materiali o prodotti contenenti amianto libero o in matrice friabile, con priorità per gli edifici pubblici, per i locali aperti al pubblico o di utilizzazione collettiva.

 

LEGGI ANCHE: Punto nascite dell’ospedale Oglio Po, Forattini lancia la sfida: “Riaprire la questione”