Carlo Cottarelli: l’eccellenza cremonese chiamata al Quirinale

Carlo Cottarelli

L’ufficializzazione arriva proprio dalla pagina fb di Carlo Cottarelli che conferma l’appuntamento di stamane, su convocazione di Sergio Mattarella, al Quirinale. Potrebbe toccare all’economista nato a Cremona di ricevere il mandato dal Presidente della Repubblica di formare il nuovo governo. Chi è Cottarelli e cosa sappiamo delle sue esperienze politiche e lavorative?

Formazione e professione

Cottarelli nasce a Cremona 62 anni fa ha ricoperto il ruolo, nel 2013 per il Governo Letta, di Commissario straordinario per la Revisione della spesa pubblica. Matteo Renzi lo ha riassegnato al Fondo Monetario Internazionale. Una carriera internazionale che, negli anni Ottanta, lo porta a lungo anche a Washington. Laureato in Scienze Economiche e Bancarie presso l’Università di Siena, immancabile un master in Economia presso la London School of Economics.

32 miliardi

Le sue analisi, che portarono a soprannominarlo Mr Spending Review, fruttarono un accurato dossier in cui indicava eventuali punti d’intervento possibili che avrebbero permesso risparmi quantificati in 32 miliardi, senza mai nascondere di aver incontrato l’ostruzionismo dei politici.

Leggi anche:  Parchi con giochi inclusivi per bambini diversamente abili: arriva un milione di euro

Campagna elettorale e dati reali

Per ciò che concerne la campagna elettorale recente l’economista ha sottolineato che mancassero le coperture economiche per la quasi totalità delle promesse previste dal contratto Lega-M5S. Prese anche le distanze quando Di Maio asserì di voler applicare il piano Cottarelli, puntualizzando mediante twitter:  “Di Maio ha appena detto durante il programma dell’Annunziata che un governo 5stelle applicherebbe il piano Cottarelli, anche se non tutto, in particolare non i tagli alla scuola. Nel mio piano non c’erano tagli alla scuola o in generale alla pubblica istruzione”.

In Italia

Terminato l’incarico a Washington all’Fmi ha assunto la carica di direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano. Ama confrontarsi con le future generazioni, nella sua Cremona ha parlato pochi giorni fa agli studenti delle superiori.

Cremona: report della notte