Elezioni 2019, a Schivenoglia Marco Bruschi si ritira dopo 35 anni. L’ex sindaco non viene eletto e dà l’addio alla vita amministrativa.

L’addio dopo 30 anni

Il Comune di Schivenoglia vede uno dei primi ritiri dopo le elezioni amministrative di domenica 26 maggio 2019. A dare l’addio alla vita amministrativa è Marco Bruschi, che ha ricoperto incarichi amministrativi di varia natura, nel piccolo paese del Destra Secchia, per quasi trent’anni. La prima esperienza risale infatti all’ormai lontano 1990, e a quella si sono succedute varie esperienze come sindaco e come consigliere di maggioranza o minoranza.

L’addio per motivi personali

Quello di Bruschi è un addio per motivi meramente personali, che non vanno a collidere con gli intenti e gli obiettivi della lista che l’aveva appoggiato alle elezioni appena passate. Nessuna polemica, dunque, ma semplicemente, forse, la voglia di ritirarsi a vita privata dopo aver speso quasi un trentennio, in vari modi e con varie cariche, al servizio del proprio paese. A vincere le elezioni 2019 a Schivenoglia, Katia Stolfinati, che si è così confermata nel ruolo di sindaco.

Leggi anche:  Autostrada Cremona-Mantova: al tavolo di ascolto della Regione ancora nessuna decisione presa

 

LEGGI ANCHE: Fiume Secchia: codice arancione per passaggio onda di piena