Europee 2019: Mantova in netta controtendenza anche rispetto agli altri comuni della sua provincia, niente trionfo leghista nella città virgiliana.

LEGGI ANCHE: Elezioni europee nel Mantovano, tutti i dati

Europee 2019

La città di Mantova si conferma “roccaforte del Pd”. Mentre in tutta Italia, provincia mantovana compresa, si è registrato il trionfo assoluto della Lega (e la debacle del M5S), a Mantova la ruota è girata diversamente. Il partito più votato dai mantovani è stato il Pd, con il 33,85%. Si è comunque registrata una crescita per la Lega, che ha portato a casa il 29,64%. A seguire, in caduta libera, il M5s, con il 10,56% dei voti.

LEGGI ANCHE: Elezioni 2019 Mantovano: per 4 comuni solo una formalità

Il commento del sindaco Palazzi

Il sindaco del Pd, Mattia Palazzi, ha commentato la situazione della “sua” città.

“La lega stravince e diventa primo partito, i 5 stelle straperdono e il PD ottiene un buon risultato, secondo partito, con il 22,8%. Insisto nel dire due cose: 1) se il PD non coinvolge amministratori e non rappresenta il nord non tornerà a vincere nel Paese. 2) chi ritiene che la lega parli ‘solo’ alla pancia della gente, a mio parere non ha capito granché e più lo si dice (da snob) più girerà male. Detto ciò nel comune di #mantova è andata diversamente, il primo partito è il PD con il 33,85%, cresce la Lega al 29,64%, Cinque Stelle al 10,56%. Dentro un vento nazionale mai così a destra, qui abbiamo ottenuto un risultato in controtendenza e di questo sono contento. Adesso, stop #maratonamentana e alle 7 in punto direzione Roma, per una giornata importante. Spero di riportare ai mantovani buone notizie sullo ‘storico’ obiettivo del sottopasso pedonale della Stazione, per mettere fine alle code da nord a sud della città. Incrociamo le dita, ce la metterò tutta!”.

LEGGI ANCHE: Travolta e uccisa 47enne